Caccia al cervo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
3
23%
2 - mi piace pochino
3
23%
3 - si lascia leggere
5
38%
4 - è bello
1
8%
5 - mi piace tantissimo
1
8%
 
Voti totali: 13

Esposito Okami
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 27/03/2019, 5:18

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Caccia al cervo

Messaggio da leggere da Esposito Okami » 10/09/2019, 19:12

La natura selvaggia circondava il cacciatore. Era completamente solo, in mezzo ad alberi e rocce. I sensi tesi al massimo a catturare ogni minimo rumore e a cogliere la presenza di una preda.
Con la coda dell’occhio, colse il movimento di un animale. Si voltò, era un cervo. Un grosso cervo maschio che esibiva un grande palco di corna. La creatura fissò il cacciatore per qualche secondo, con aria interrogativa, poi il suo istinto dovette fargli capire che non era un amico, perché subito si diede alla fuga.
Il cacciatore partì all’inseguimento. Poiché imbracciava il fucile da caccia, correre con quell’arnese su un terreno scosceso non era facile e per un attimo temette di aver perduto per sempre la preda. La ritrovò poco più giù, a valle, ad abbeverarsi a un piccolo laghetto.
Puntò subito il fucile, deciso a colpirlo alle spalle, ma fu a quel punto che notò l’avvicinarsi di altre due creature, una cerva e un piccolo cerbiatto. Si avvicinarono al cervo maschio, lei lo annusò, poi si chinò anche lei sull’acqua per bere.
Il cacciatore aveva il dito fermo sul grilletto, pronto a sparare. Puntava al grande animale con le corna. Un colpo e l’avrebbe fatto sicuramente secco, almeno se rimaneva fermo lì. Poi vide che anche il piccolo cerbiatto si era avvicinato all’esemplare maschio, annusandolo in un modo che sembrava tenero.
<Mangerò verdure per oggi> si disse e abbassò l’arma.

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 72
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 10/09/2019, 19:29

Uhm... testo molto, molto scarno. Qualche descrizione in più, qualche stato d'animo del protagonista, qualche riflessione per rimpolpare la narrazione nuda e cruda non avrebbe guastato affatto, anzi. Del resto, se uno si limita a descrivere qualche fatterello senza un minimo di abbellimento non è più scrittura, è fotografia.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
10° dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi » 10/09/2019, 20:15

Il racconto non abbonda di descrizioni o dettagli, va dritto al punto in poche battute. La narrazione è ridotta all'essenziale. Qualche "lungaggine" in più avrebbe certamente impreziosito il testo.
Il finale è piuttosto prevedibile ma si risolleva grazie alla battuta, quasi di spirito, del cacciatore. Nonostante non ci sia una grossa cura, il racconto riesce comunque a trasmettere un'emozione, e questo credo sia la cosa importante.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 232
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 10/09/2019, 21:26

Sono d’accordo con Marco, è difficile empatizzare con il cacciatore, non c’è una parola che descriva i suoi sentimenti, le emozioni sono suggerite solo dal cerbiatto e dalla riunione della famigliola di animali.
Pensa a De Niro che inquadra il cervo e poi spara in aria, senza aver visto il film quella scena rimane solo un bel quadretto, come questo racconto.
La battuta finale è simpatica ma non basta.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 188
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 10/09/2019, 22:02

Racconto scarso di contenuti. Se non quello di un procuratore di morte che ha un attimo di esitazione dinnanzi a una famiglia riunita. Quello è stato il motivo che gli ha impedito di premere il grilletto e uccidere il povero cervo al quale dava la caccia. Il finale poi, quando il criminale pensa che per quel giorno avrebbe dovuto accontentarsi di mangiare verdure, fa intendere quando fosse avvezzo a premere, invece, il grilletto. Detesto i cacciatori quindi un racconto così non può certo piacermi.

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 75
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 11/09/2019, 1:21

Il giorno stesso nel quale vedrò oggi un cacciatore nel reale bisogno, leggi necessità, di nutrirsi delle prede della sua caccia vedrò questo tipo di attività, che mi rifiuto di definire sport, con un altro occhio.
Detto questo, capisco molto bene le sensazioni che muovono il cacciatore, peraltro in parte descritte nel racconto.
Trofei di corna e fame a parte, spezzo una lancia a favore dell'attività venatoria.
Vi sono casi nei quali l'intervento dei cacciatori si rende oggi ancora necessario ai fini della selezione.
Credo che i cacciatori ricoprano un ruolo importante specie in quegli ambienti dove i predatori sono stati eliminati. Una caccia selettiva evita malattie ed enormi sofferenze agli stessi animali.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8864
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 11/09/2019, 5:47

Teseo Tesei ha scritto:
11/09/2019, 1:21
Il giorno stesso nel quale vedrò oggi un cacciatore nel reale bisogno, leggi necessità, di nutrirsi delle prede della sua caccia vedrò questo tipo di attività, che mi rifiuto di definire sport, con un altro occhio.
Sono anch'io contro la caccia sportiva.
Tuttavia, tralasciando l'opportunità o meno di provare a essere vegetariani (non vegani, per carità!), non me la sento di condannare chi caccia per mangiare, anche se vive in una società ricca e benestante, perché non vedo differenza tra un animale ucciso da un proiettile e uno ucciso in allevamento.
Anzi, quello ucciso dal proiettile, per lo meno ha avuto una vita normale e naturale, e una morte forse persino più rapida e indolore. E magari verrà anche rispettato di più il cibo che avrà da offrire.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 75
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Re: Caccia al cervo

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 11/09/2019, 11:00

La caccia, intesa come quella oggi praticata in Italia, è indubbiamente utile sia per l’uomo che per gli stessi animali.
A mio vedere non è corretto definire sport un’attività che con il diporto, il divertimento, lo svago ed il diletto poco o nulla dovrebbe aver a che fare.
Ritengo più corretto chiamarla per quello che in effetti è, ovvero una attività.
L’attività venatoria in Italia, perlomeno dove vivo io, negli anni è stata regolamentata e segue a mio vedere un corretto percorso.
Divenendo sempre più impegno, sacrificio ed aiuto rispettoso verso lo stesso mondo animale.
Ovviamente vi è cacciatore e cacciatore e non tutti sono mossi dallo stesso spirito.
Sgarrare costa comunque molto caro.

Personalmente uccidere un animale selvatico senza averne effettiva necessità, sia questa il nutrimento o difesa lo trovo sbagliato. Lo stesso vale per la pesca. Tuttavia non condanno certamente chi si occupa di queste attività in modo serio e leale, specie perché a volte uccidere degli animali selvatici diventa necessario per ragioni che esulano dalla volontà individuale.
Naturalmente trovare animali selvatici decapitati o spellati e lasciati a marcire per il solo gusto di acquisire un “trofeo”, per non dire molto altro che a volte si vede, lo condanno eccome. In genere chi compie certi atti è estraneo alla grande famiglia dei cacciatori o dei pescatori regolamentati. Sebbene qualche eccezione la si trova sempre.

Concordo sul fatto che per la maggior parte dei casi il cacciatore o il pescatore ed i suoi familiari hanno maggiore rispetto della selvaggina o il pescato che tanti consumatori di carne da supermercato.

Quanto alla morte più rapida ed indolore, dipende.
Dipende dalla capacità ed abilità del tiratore che peraltro se non capace neppure viene abilitato alla caccia regolamentata.
Però ad essere sinceri, nonostante tutti gli sforzi per evitarlo, quante bestie si trascinano per chilometri ferite a morte prima di spirare, o cadono dai pendii fracassandosi e morendo per le lesioni provocate dalla caduta prima di offrire la loro carne al cacciatore. Chiunque abbia mai cacciato può testimoniarlo.
In questi casi, notoriamente la carne contiene un eccesso di adrenalina e altri neurotrasmettitori legati alla paura della bestia rendendola oltretutto poco gradevole al palato.
Il cacciatore dunque non deve far soffrire la sua preda sia per questioni etiche che pratiche.
Anche in questi casi quando sgarra, e capita, paga un conto caro e salato.

Credo che queste attività comportino un necessario ed indispensabile percorso di formazione e di acquisizione di cultura venatoria. Alla fine del quale l’uomo o la donna che decide di cacciare deve rendersi conto di essere un elemento importante della catena che unisce l’uomo all’animale, dove il rispetto per gli stessi animali è un passaggio indispensabile ed obbligato.
Per questo il solo termine “sport” associato alla caccia deve provocare un attorcigliamento di budella sia al cacciatore che naturalmente alla preda.
Naturalmente questo è il mio personale POA (punto di osservazione ed ascolto), non sono contro la caccia ma ritengo che etica e rispetto oltre alla effettiva necessità siano condizioni indispensabili per questa attività, dove comunque un essere vivente viene ucciso.
Lo stesso a mio avviso vale per la catena che unisce l’animale dall’allevamento, al mattatoio, al consumatore dove etica e rispetto ed effettiva necessità debbono parimenti coincidere.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 72
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 11/09/2019, 11:38

Teseo Tesei ha scritto:
11/09/2019, 1:21
Trofei di corna e fame a parte, spezzo una lancia a favore dell'attività venatoria.
Vi sono casi nei quali l'intervento dei cacciatori si rende oggi ancora necessario ai fini della selezione.
Credo che i cacciatori ricoprano un ruolo importante specie in quegli ambienti dove i predatori sono stati eliminati. Una caccia selettiva evita malattie ed enormi sofferenze agli stessi animali.
Non a caso ci sono zone dell'Italia dove l'eliminazione dei lupi ha portato al dilagare dei cinghiali, che sono se possibile ancora più pericolosi, fosse solo per il fatto che si fanno meno problemi ad avventurarsi nelle città (chiedete ai baresi per esempio).
Andare ad ammazzare un cervo solo per avere il palco di corna da esibire sul camino o un elefante o un rinoceronte solo per togliergli il corno che magari si ritiene afrodisiaco è una barbarie, e non sarebbe male se si estinguesse così come si sono estinti i sacrifici umani aztechi o i roghi cristiani. Stessa cosa per pratiche come la caccia alla volpe o, allargando il campo ad attività non venatorie, la corrida che sopravvivono semplicemente come status symbol o tradizioni centenarie alle quali non si riesce proprio a rinunciare. Andare ad ammazzare animali per mangiarne la carne... beh... moralmente parlando potrebbe essere già "migliore", ma viviamo in una società post-industriale che ha superato da svariato tempo la fase da raccoglitori-cacciatori (per quanto stiano dilagando ultimamente comportamenti che mi fanno temere una regressione a livelli australopitechici, con tutto il rispetto per Lucy e compagni) e quindi lo trovo comunque un "lusso superfluo". Nessuno oggi si sognerebbe di andare a procacciarsi la frutta o i cereali in natura perché esiste l'agricoltura, similmente abbiamo inventato l'allevamento e dovremmo sfruttare quello, ovviamente entro determinate norme e limiti (comunque è un'attività che pesa tantissimo sul nostro pianeta in termini di terreni adibiti all'allevamento, acqua per gli animali ed emissioni di scorregge metanose delle mucche nell'atmosfera :lol: ).
L'unico caso di caccia che giustificherei appieno è quello per il controllo delle popolazioni selvatiche, anche se lì ci sarebbe da fare notare che si vanno a correggere problemi e squilibri spesso causati dall'uomo stesso in primis.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 11/09/2019, 15:32

Un racconto troppo stringato per permettere giudizi. Tuttavia sei riuscito a conferire al testo un andamento crescente interrotto dalla battuta finale con effetto anticlimax. Peccato che proprio di battuta si tratti: "<Mangerò verdure per oggi> si disse e abbassò l’arma."
L'ironia a volte funziona, altre volte, come adesso, no.
Inoltre, con l'unico discorso diretto presente nel racconto spieghi il presente e il futuro, invece di lasciare al lettore il compito di farsi da sé un'idea.
Avrei preferito una conclusione del genere: "Prese la mira, inquadrò la testa del cerbiatto, poi spostò la canna verso il cielo e tirò il grilletto."
In questo modo il moto ascendente sarebbe stato interrotto soltanto nell'ultimo periodo, dalla canna dell'arma rivolta verso il cielo.
Ognuno ne avrebbe tratto le proprie conclusioni.

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 89
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 11/09/2019, 15:42

Racconto scritto in modo essenziale (che spesso è un pregio) ma in questo caso il testo diventa una semplice descrizione di un avvenimento senza nessun coinvolgimento emotivo. Viene leggermente salvato dalla battuta finale che è comunque prevedibile.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 238
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 11/09/2019, 17:12

Racconto molto scarno, ma con all'interno un argomento di vivace discussione. Caccia sì, caccia no. Non mi sognorei mai di prendere in mano un fucile e addentrarmi nei boschi per sparare a qualche animale. Putroppo sono entrata, mio malgrado, in molte trattorie e ristoranti dove appesi alle pareti c'erano in bella mostra palchi di corna. Per il brano l'ho trovato privo di qualsiasi emozione, se non che alla fine il cacciatore si ravvede.
Immagine

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 83
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 13/09/2019, 12:05

Non mi dispiace; trovo poetica la descrizione di questo incontro tra il cervo, maestoso, e il suo inseguitore. Mi si è formata chiara nella mente l’immagine, o meglio una sequenza di immagini, come in un documentario e sono riuscita ad immedesimarmi (non nel cacciatore in quanto tale, ma nella persona che si trova di fronte ad un simile spettacolo e che si lascia intenerire nonostante le iniziali intenzioni). Lo troverei “bello” con un finale un po’ meno brusco (non diverso, ma con uno stile in linea con quanto precede), ma è il mio gusto personale. Da considerare anche positivo il fatto che abbia saputo stimolare un “dibattito” nei lettori :)

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 14/09/2019, 18:18

Mi è sembrato un po' riduttivo che il racconto si sia concluso con un: "mangerò verdure..." Un pochino di emozione o trasporto in più l'avrei gradito. Anche qualche descrizione dell'ambiente o dei sentimenti di tutti i protagonisti, animali compresi.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 56

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

(novembre 2015, 25 pagine, 794,03 KB)

Autori partecipanti: Carlocelenza, Skyla74, Alberto Tivoli, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Eliseo Palumbo, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (794,03 KB) - scaricato 261 volte.
oppure in formato EPUB (324,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 163 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (a colori)

(edizione 2013, 8,06 MB)

Autori partecipanti: Angela Di Salvo, Cmt, Jessica Rabbit, LiaTom, Lodovico, Mastronxo, Monica Porta may bee, Morgana Bart, Paride Bastuello, Polly Russel, Recenso, Sphinx,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (8,06 MB) - scaricato 665 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 37

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 352 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 192 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 450 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 129 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (257,26 KB scaricato 42 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.