Quattro scintille per una

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
14%
2 - mi piace pochino
1
14%
3 - si lascia leggere
2
29%
4 - è bello
2
29%
5 - mi piace tantissimo
1
14%
 
Voti totali: 7

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 48
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Quattro scintille per una

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 12/08/2019, 11:59

Patrizia entrò nel trilocale dopo sei ore in ufficio e una nel traffico; Giacomo era lungo disteso sul sofà, i capelli scarmigliati, il viso congestionato.
“Che cosa ti succede?”
“Non lo so, di preciso. Credo di avere un po’ di influenza. Niente febbre, per ora, ma ho dolori dappertutto, dalla testa alle gambe, e una forte spossatezza.”
“Proprio adesso! Come facciamo per la cena di stasera? Hai per caso già chiamato Cristiano per rimandare?”
“L’ho chiamato per spiegargli la situazione.” La voce, molle e impastata, smussava le asperità di un pensiero spigoloso. “Non me la sono sentita di rimandare e meno che mai di annullare. È da un mese e mezzo che vuole presentarci la sua nuova, misteriosa ragazza: non mi andava di far saltare il suo programma.”
“E allora?”
Giacomo parve riflettere, come per vagliare le parole prima di proferirle.
“Conosci Cristiano quasi quanto me e non credo sarebbe imbarazzante trascorrere un paio d’ore con lui e con una ragazza che avrà la nostra età.” Fece una pausa, dopodiché, enfatico e capzioso, calò l’asso: “Non potresti andare tu?”
Nonostante l’influsso della debilitazione assestata, Giacomo aggrappò i suoi occhi appuntiti a quelli della fidanzata per perquisirne i recessi.
“La prospettiva non mi entusiasma, ma, obiettivamente, non vedo alternative valide. Il tuo amico è poi abbastanza tendente al permaloso.”
“Infatti. Non mi sbaglio quando dico che lo conosci quasi quanto me. Non puoi rovinare proprio tu questa amicizia che dura da vent’anni. Dai, Patry” sottolineò mellifluo. “Sacrificati e vai alla cena per entrambi.”
“Aggiudicato” disse Patrizia, all’improvviso dolce in volto, mentre si apprestava a portarsi in camera. “Ti accontento.”
I lunghi capelli ondulati radunati in una coda sulla nuca, il trucco pastello sulla pelle diafana, sbucò dopo venti minuti nel minuscolo soggiorno con indosso un tubino pervinca che verticalizzava un corpo già slanciato a sufficienza.
Si chinò sulla fronte di Giacomo, sempre fuori combattimento tra i cuscini, per soffiargli un bacio a distanza di sicurezza.
“Ciao, bacillo. Sbrigo l’impaccio e torno, va bene? E poi non dire che non ti vengo incontro. Mi dispiace proprio che tu non possa esserci. Ci messaggiamo?”
Sfilò davanti al sofà per attraversare in diagonale il soggiorno e Giacomo non perse l’occasione per passare al radar la mise, curatissima e sensuale, che gli veniva esibita con composta civetteria.
“Sempre se riuscirò a vedere le lettere della tastiera.”
Alle diciannove e trenta di un venerdì di falso malessere, Giacomo rimase solo con il cellulare nella mano destra, una scia di essenze agrumate nelle narici e le frasi della sua fidanzata che rimbombavano tra le pareti fonoassorbenti della sua mente in fibrillazione.

Camicia sui pettorali scolpiti, cravatta ancora annodata sul collo vasto, Cristiano si mostrò sulla soglia del suo appartamento borghese con l’assistenza del suo sorriso a trentadue denti da venditore provetto.
I riverberi di un dopobarba inglese aleggiavano sul viso rasato di fresco, il cui incarnato olivastro era esaltato da un’abbronzatura artificiale. Il novembre litoraneo transitava mite tra i pontili in letargo e gli intonaci scrostati delle case vacanza, ma il sole tramontava precoce oltre i promontori.
Udito il campanello, la misteriosa Noemi si scostò dai fornelli per imboccare l’esiguo corridoio che immetteva in cucina.
Al cospetto di un unico cavaliere, le due dame fecero conoscenza.
Mediterranea, prorompente, materna, l’una; nordeuropea, solenne, austera, l’altra.
Convenevoli di prammatica per una diffidenza istantanea che si sfoderò tangibile nella sua immanenza: una sospettosità ostile, dettata da quella competizione onnivora che è congenita in date nature femminili.
Si accomodarono a tavola e sbocconcellarono gli antipasti di mare caldo in un silenzio imbarazzante in via di condensazione che Cristiano tentò di diluire quando fu servito il risotto al nero di seppia.
“E insomma, il nostro Giacomo si è ammalato” disse, riproponendo con sciocca leggerezza l’argomento con cui, archiviate le presentazioni, aveva inaugurato la conversazione. Versò un bicchiere di Vermentino a Noemi e stappò quindi una renana di Cerasuolo per Patrizia.
“È stata una cosa repentina” articolò quest’ultima, portando la coppa alle labbra esili. “Stamattina non aveva niente, ripeto. È probabile che sia una forma virale: debolezza, dolori articolari, malessere generale. Vedrai che con un paio di giorni di paracetamolo e fermenti lattici tornerà in salute.”
Noemi, che fino a quel momento si era prestata a un’osservazione analitica e muta dell’ospite, demolì la trincea dietro alla quale si era barricata.
“Ma tu sei un medico o un’infermiera?”
“Niente di tutto questo. Ma ho maturato una buona cultura fai-da-te. Sai, basta documentarsi. Volere è potere.”
“Vedi” rincarò Cristiano pungolando la sua fidanzata. “Basta documentarsi, perché volere è potere. E, aggiungo io, bisogna non fermarsi mai.”
“Tu, Noemi” domandò Patrizia, incassato quel plauso trasversale. “Di che cosa ti occupi?”
“Lei al momento lavora come estetista in un salone di bellezza per conto di un’agenzia interinale, ma è una parrucchiera esperta e ha grandi capacità organizzative. Se i miei progetti professionali attraccano al porto giusto, nel giro di cinque, sei mesi sarà la mia segretaria.”
Conclusa l’irruzione, spedita e meccanica, nello spazio dialettico di una Noemi insofferente e fremente, Cristiano inchiodò Patrizia agli effetti delle proprie parole, che continuavano a circolare a mezz’aria.
Luce di velluto nello sguardo, testa inclinata di lato, con la voce sintonizzata sulle tonalità gravi, bisbigliò: “Potrebbe diventare la mia segretaria. Perché a me servirà una segretaria. Potrebbe...”.
La conversazione continuò a vertere su una Noemi presente ma non partecipe, esclusa sia da Cristiano sia da Patrizia, consacrati alla tempura che albergava nei piatti di portata.
“Mi assento un attimo” disse la mora tutta curve con un filo di fiato che nessuno avvertì.
Nell’attimo in cui tre scintille distinte si congiungevano in una simultanea evoluzione, i tacchi a spillo di Noemi martoriavano incuranti il parquet e Cristiano guardò Patrizia, le sorrise, le rabboccò la coppa.
Uno sguardo e un sorriso nel controluce del Cerasuolo che non imbarazzarono la giovane impiegata dal normotipo scandivano, con le pupille cerulee sui sei pollici LED del suo telefonino.
MI DISPIACE CHE NON CI SEI, MANCHI COME L’OSSIGENO. MANCHI SOLO E SEMPRE TU, SCAPPEREI SUBITO PER TE.
Giacomo uscì dalla cabina doccia, riscosso dal suono del messaggio. Ne lesse il contenuto, mentre con un asciugamano si tamponava i capelli umidi.
TI VOGLIO. FINIRÀ QUESTA CENA. FINIRÀ QUEST’ULTIMO, LUNGO PERIODO, PUOI CREDERMI. TI VOGLIO, E TU LO SAI.
Ma l’ottimistico proposito di Giacomo, affidato alla refrattaria tecnologia 3.0, si sarebbe realizzato solo nella sua metà più abbordabile: sarebbe finita la cena ma per l’ultimo, lungo periodo si sarebbe dovuto aspettare.
Con la stessa asepsi con cui poche ore prima si erano strette le mani, le ragazze si congedarono con un gelido bacio sulle guance e una brusca e repentina voltata di spalle.
“Alla prossima occasione, magari in quattro” disse Cristiano, ostentando il candido lucore di canini e incisivi.
Chiuse la porta impiallacciata e si preparò all’incendio che aveva preventivato. Ma dalla sua fidanzata, marginalizzata nel corso della serata, non si sarebbero propagati né fuoco né fiamme. Per Cristiano c’era un pericolo maggiore al varco: una scintilla.

“Come sta il mio convalescente?”
Patrizia coagulò la sua energia briosa nel bacio casto che lambì la fredda fronte del suo uomo.
“Meglio.” Giacomo si rizzò dal sofà e abbassò il volume del tv. “Non ho più la febbre e anche la spossatezza è diminuita. Com’è andata la cena?”
“Direi benino. Ho conosciuto Noemi, quindi esiste. Non è niente di che. Ha detto quattro parole in croce; non sa collegare soggetto e predicato ed è molto appariscente. Sì, anche troppo. Scusa se non ti ho messaggiato, ma, sai, non è educato isolarsi a casa altrui. Vedrai che domani ti chiama Cristiano. E adesso è un problema se mi infilo sotto le coperte? Sono stanca morta.”
E sotto le coperte si infilarono tutti e quattro, con, al proprio fianco, la parte che ognuno di essi aveva recitato in una beffa dove attori improvvisati e spettatori di ruolo si compenetravano.
La beffa di una cena e dell’ultimo, lungo periodo.
Giacomo e Cristiano erano stati amici per la pelle per decenni e il loro legame a doppio filo non si era sfaldato neppure quando aveva fatto il suo ingresso Patrizia, colta fanciulla dall’aria distaccata, blindata nelle sue letture.
Corteggiata da entrambi gli uomini, dopo mesi di altalene motivazionali, aveva premiato Giacomo, nonostante Cristiano continuasse a esercitare su di lei un ascendente talvolta irresistibile.
Un pomeriggio d’estate era però capitato l’irreparabile. Galeotto era stato un libro sfogliato all’unisono. Sensazioni e speculazioni condivise davanti a un caffè innocuo; poi il tuffo nel passato in cui Patrizia era per Cristiano un’intelligenza delicata e un animo sensibile e Cristiano era per Patrizia uno spirito pratico con aperture culturali. Infine erano stati la musica d’atmosfera e un automatismo della carne.
Giacomo, sollecitato da alcuni atteggiamenti equivoci, aveva intanto abilitato le sue azioni di monitoraggio ragionato – osservare movimenti, confrontare indizi, congetturare sui riscontri oggettivi – ma non ricavò alcuna prova di tradimento. Invischiato nel pantano fuorviante della gelosia, non ammetteva la sua incapacità di discernere i pericoli astratti da quelli concreti.
In simultanea, nella vita di Cristiano stava materializzandosi Noemi. Attratto dalle sue forme giunoniche, aveva iniziato a flirtare con lei. La sua specularità tanto fisica quanto psichica rispetto a Patrizia – da cui era intenzionato a prendere gradualmente le distanze – gli avrebbe consentito di girare pagina. Prima di decidere di non tenere più i piedi su due staffe e di immergersi a capofitto nella storia con Noemi, aveva estromesso Giacomo dagli aggiornamenti sulla sua vita sentimentale “alla luce del sole”, per escludere che potessero rimbalzare su Patrizia.
Ma a Giacomo, complice la sua esperienza sul campo, non era sfuggita la trasformazione dell’un tempo amico fidato; per accertarne le cause scatenanti, aveva così intrapreso un’oscura indagine compulsiva. Che, in meno di due settimane frenetiche, lo aveva condotto a destinazione. Lusingare, turbare e conquistare cuore, lato A e lato B della ragazza di cui aveva scoperto l’identità era stata opera semplice.
L’obiettivo di Giacomo non era costruirsi una relazione parallela o sostitutiva a quella con Patrizia, ma pareggiare il bilancio dei torti di cui credeva di essere stato vittima.
‘Bisogna agevolare la nemesi’ pensava lui.
E tutto questo mentre Noemi si destreggiava tra due possibili storie serie in nuce.
‘Prima o poi mi deciderò’ pensava lei.

Nel breve termine si era andato allestendo un perfetto incrocio clandestino tra coppie ufficiali, in cui ognuno reggeva il moccolo a se stesso, sospettando, pur in assenza di conferme, del doppiogiochismo altrui.
Cristiano aveva maturato il proposito di organizzare un evento “scansa-equivoci”, che avrebbe dovuto disperdere i veleni che si erano a poco a poco addensati nell’habitat di quei rapporti interpersonali. Ma l’accettazione dell’invito sarebbe stata per Giacomo una Caporetto in potenza.
Noemi – oggetto della seconda fase di una manipolazione mentale sotto mentite spoglie – ignorava intanto la doppia vita del suo spasimante.
Giacomo, favorito dalla riservatezza della sua occupazione che ne proteggeva la privacy, inibendo la pubblicazione di foto su internet e la creazione di profili social, non poteva permettere a una stupida cena di eludere i suoi bizantinismi strategici. La situazione aveva cominciato a scottare e le improvvide ricadute sulla storia con Patrizia erano molto probabili. Aveva imbastito suo malgrado un piano di salvataggio: un impianto di meschine giustificazioni da accampare a spese di Noemi, un colpo di teatro con un’uscita di scena e, dulcis in fundo, il ripristino dello statu quo.
Ma poi, tanto per lui quanto per gli altri protagonisti della farsa, era scattato l’ultimatum che bandiva i piedi su due staffe.
Le scintille ardevano fulgenti e ognuno avrebbe dovuto stabilire se alimentarle o soffocarle.
Giacomo sarebbe stato disposto a gettare alle ortiche una fedina d’oro bianco, un trilocale condiviso e gli scampoli corrotti di un’amicizia decennale?
Cristiano, esclusi gli scampoli, sarebbe stato disposto a ricalcolare le proporzioni del suo progetto professionale, a rinunciare alla vistosa prorompenza che ingaggiava il suo testosterone e a smantellare l’arredamento personalizzato da Noemi?
Noemi, escluso l’arredamento, sarebbe stata disposta ad assoggettarsi ancora alla precarietà del suo lavoro presso questo o quel salone di bellezza, ad adattarsi a una nuova quotidianità sregolata, con frequenti notti di solitudine?
Patrizia, al di là della scomparsa delle notti di solitudine, sarebbe stata disposta a tollerare il viso abbronzato e il candido lucore di canini e incisivi di un trentenne capace di vendere e di vendersi?
Le risposte erano custodite dal fioco bagliore di quelle scintille, diverse per dimensione e vigore, ma identiche per origini: il desiderio di una vita alternativa – straripante e gaudiosa nell’onnipotenza teorica delle volontà umane.
Una vita che accogliesse e appagasse i bramosi aneliti di un sentimento impetuoso e incalzante, confuso con una felicità in realtà molto, troppo distante.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8878
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Quattro scintille per una

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 12/08/2019, 12:37

Stefano, avevi messo questo racconto nella sezione generale delle Gare, non in quella della Gare d'estate.
Ho aggiunto anche il sondaggio.
Vedi istruzioni delle Gare.
Buon lavoro! :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 48
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Quattro scintille per una

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 12/08/2019, 12:57

Hai ragione, Massimo. Mi scuso per il disagio e ti ringrazio per aver rimediato al mio errore. Sei sempre gentilissimo... Un saluto.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8878
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Quattro scintille per una

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 12/08/2019, 20:07

Figurati, grazie a te per la partecipazione! :smt023
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 62
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 17/08/2019, 11:58

Che trésca, che intrigo che mal di testa nel seguire questo tifone di pensieri, sentimenti, calcoli di convenienze condite da una leggera spruzzata di quel nobile sentimento definito col sostantivo maschile: amore. E' una buona descrizione, peraltro ben scritta, pur in tutto quel turbinio molto chiara del caos di emozioni che possono coinvolgere chiunque si avvicini a quel nobile sentimento in modo superficiale.
Amore è anzitutto Fede e fedeltà.

Tutto il resto è un tifone caotico, ben descritto in questo racconto.

Quattro scintille per una: Ma quell'una non è Amore. :-D
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 18/08/2019, 16:16

Nonostante sia un filinoooo maschilista, lo trovo carino. Ho letto altri tuoi racconti e anche questo è scritto in maniera sublime. È un po lungo, ma per spiegare i vari retroscena i ripensamenti e le riflessioni, si deve allungare a dismisura il racconto. Io lo scrivo 4 stelline.
Immagine

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 19/08/2019, 18:29

Aiuto, ho provato a leggerlo più volte ma ogni volta mi sono perso in questo intrigo amoroso. Tutto scritto in modo accurato e condito da ironici commenti ma, alla fine, non trovo che il racconto abbia molta sostanza, a parte il riferimento a Paolo e Francesca e al libro galeotto.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 66

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 41 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 31 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 54

La Gara 54 - Sotto il cielo d'agosto

(agosto/settembre 2015, 24 pagine, 1,66 MB)

Autori partecipanti: Laura Chi, Annamaria Vernuccio, Alberto Tivoli, Angelo Manarola, Ida Dainese, Skyla74, Patrizia Chini, Eliseo Palumbo,
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (1,66 MB) - scaricato 103 volte.
oppure in formato EPUB (259,51 KB) (vedi anteprima) - scaricato 163 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 69

La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

(marzo 2018, 31 pagine, 956,10 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Angela Catalini, Daniele Missiroli, Alberto Tivoli, Roberto Bonfanti, MicolFusca, David Cintolesi, Fabrizio Bonati, Enrico Gallerati,
a cura di Lorenzo Iero.
Scarica questo testo in formato PDF (956,10 KB) - scaricato 36 volte.
oppure in formato EPUB (569,16 KB) (vedi anteprima) - scaricato 29 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 126 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 33 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,14 MB scaricato 280 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.