Come il fuoco di un falò

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
15%
3 - si lascia leggere
4
31%
4 - è bello
7
54%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 13

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Come il fuoco di un falò

Messaggio da leggere da Stefyp » 28/07/2019, 18:12

Lucienne guardò la sua immagine riflessa allo specchio. Era sempre andata fiera dei sui capelli, lunghi fin quasi al fondo schiena, ricci, non proprio rossi piuttosto color fuoco: «come la fiamma di un falò» le diceva sempre sua madre.
Non riusciva a rinunciarvi. Erano il suo punto di forza e le permettevano, tra l'altro, di nascondere le sue orecchie troppo grandi.
«È ora» sospirò «non posso più aspettare.» Aveva tergiversato a lungo, ma non poteva più permettersi di pagare le multe salate che riceveva di continuo. Suo marito l'aveva avvertita: «se non te li tagli tu, lo faccio io questa notte. Siamo in bancarotta ormai, un'altra multa e siamo rovinati.»
«Fatti forza, ci si fa l'abitudine, all'inizio ti senti strano, poi passa. Anzi magari ti piaci di più» questo le diceva la gente per convincerla.
Tutte storie. Lei non voleva farci l'abitudine, lei non si sarebbe mai piaciuta senza i suoi capelli.
«Ma è la legge, non può farci nulla» le ripeteva suo marito fino allo sfinimento.
Inutile continuare a chiedersi il perché di questa nuova legge. Non c'era un perché. Era solo l'ennesimo capriccio di chi li governava. Non c'era nessun motivo e non avevano neanche finto di trovarne uno.
Giornali e talk show si erano dati da fare per tentare di dare una spiegazione: avevano invitato ospiti illustri, giuristi, costituzionalisti, politici di alto rango. Ma niente da fare il motivo non saltava fuori. A saltar fuori di continuo invece erano le multe, gli arresti, i licenziamenti di chi non si assoggettava.
C'erano state centinaia di proteste e manifestazioni, tutte represse con decisione.
I titolari delle catene di coiffeurs più prestigiose avevano protestato, picchiando i pugni su parecchi tavoli e facendo appello alla loro fama e al "Lei non sa chi ho pettinato io". Ma niente da fare.
Modelle e indossatrici di fama mondiale avevano sfilato vestite solo dei loro lunghi capelli per protestare contro quell'imposizione. Ma niente da fare.
Attori di cinema e teatro disperati avevano smesso di recitare: «come si fa a recitare una scena d'amore credibile se davanti hai una collega con la testa pelata» urlavano a chiunque li voleva volesse ascoltare.
Attrici di cinema e teatro disperate avevano smesso di recitare: «come puoi recitare una scena d'amore credibile se davanti hai un collega che scoppia a ridere appena ti guarda» urlavano a chiunque le volesse ascoltare. Ma niente da fare, non li aveva ascoltati nessuno.
Le bambine guardavano la loro collezione di nastri, nastrini, forcine e mollette e scoppiavano a piangere disperate, mentre psicologi e luminari dell'età evolutiva discutevano sull'opportunità o meno di rasare anche le bambole.
Al convegno: "Una barbie dai capelli fluenti, valido aiuto per la crescita armonica delle nostre fanciulle?" gli stessi luminari, in disaccordo tra loro, si erano accapigliati per ore (accapigliarsi non è da considerarsi un verbo appropriato N.d.R.).
I negozi di parrucchieri avevano tentato il colpaccio triplicando i prezzi delle rasature, con il risultato che il colpaccio l'avevano fatto i rivenditori di rasoi elettrici.
Una nota industria di cosmetici aveva messo sul mercato una crema che aveva del miracoloso: con due o tre applicazioni i capelli non sarebbero più ricresciuti. Qualcosa vendette, ma per altre parti del corpo. Nessuno osò mettersela in testa. Chissà, magari il governo un giorno ci avrebbe ripensato…
Lucienne era giunta alla consapevolezza di essere sola in quella sua disperazione. Il marito non voleva e non poteva comprenderla. Affetto da un'alopecia precoce dall'età di 18 anni, pareva esaltato da questa nuova prospettiva. Finalmente non si sarebbe più dovuto preoccupare della sua testa pelata, anzi! Dispensava consigli su come proteggersi dai raggi solari, regalava cappelli e pacche sulle spalle: «viviti questa tua nuova vita da uomo pelato e cogli tutte le opportunità che ne verranno» diceva agli amici.
Con un sospiro Lucienne prese il rasoio con una mano e infilò l'altra tra i capelli. Erano morbidi, vellutati, profumati.
Un raggio di sole penetrò in quel momento dalla finestra incendiando il suo capo in mille colori. «Come la fiamma di un falò…» le parve quasi di sentire la voce di sua madre.
Buttò allora il rasoio in un angolo della stanza. «Stupida, stupida, stupida» urlò a se stessa. «Perché non mi sono decisa prima!»
Prese un borsone, vi gettò qualcosa alla rinfusa e cercò le chiavi dell'auto. Era ora di fare quello che aveva in animo di fare da quando era iniziata quella storia.
Se c'era un modo per uscire da quella assurda situazione era quello di unirsi a loro. Avrebbe passato la sua vita in clandestinità e combattuto con loro fino alla morte, se necessario.
Sapeva bene dove trovarli. L'avevano avvicinata un giorno per strada mentre piangeva con l'ennesima multa tra le mani e le avevano passato un biglietto di nascosto «Vieni con noi» avevano bisbigliato «raggiungici. Abbiamo bisogno anche di te. Firmato F.L.C. Fronte Liberazione Capelli.»

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 237
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 29/07/2019, 8:45

Racconto simpatico e molto creativo. D'apprima pensavo ad una storia d'amore, poi, mano a mano che leggevo, ho notato un abbinamento molto strano: il taglio di capelli al pari delle multe. L'idea mi è piaciuta molto. La sequanza del racconto scorre bene. Ho trovato anche una frase molto carina " picchiando i pugni su parecchi tavoli e facendo appello alla loro fama e al "Lei non sa chi ho pettinato io" Un paio di cosette, se mi permetti, c'è una frase ripetuta due volte, immagino la fretta di pubblicarlo, poi legge si ripete troppo. Comunque a me è piaciuto. voto 4
Immagine

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 29/07/2019, 15:38

Dal punto di vista tecnico non ho molto da segnalarti, a parte questo refuso: "urlavano a chiunque li voleva volesse ascoltare."
E quel N.d.R. tra parentesi che al massimo avrebbe potuto essere un N.d.A., ma che avresti fatto meglio comunque a evitare, a mio parere, perché sega l'effetto comico, anziché rafforzarlo.
Il racconto, per come lo vedo io, è un tentativo di allegoria sulla povertà di senso della società odierna, costretta a subire un diritto positivo che ha perso ogni contatto con il diritto naturale. E quindi impossibile non solo da prevedere, ma pure da spiegare ai suoi destinatari.
Tentativo di allegoria, dicevo, perché l'intero racconto ha una vena umoristica tale da disperdere il messaggio che di sicuro l'autore si era prefisso. Vena umoristica, e non ironica; la differenza si sente.

A rileggerti

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Come il fuoco di un falò

Messaggio da leggere da Stefyp » 29/07/2019, 16:30

Grazie a Isabella e Namio per i vostri commenti, dei quali terrò conto per il futuro. Questa cosa della vena umoristica e non ironica mi è molto piaciuta, non ci avevo mai pensato. Grazie ancora

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 30/07/2019, 17:57

Tema un po' spiazzante e per questo... buona idea! Per quanto riguarda la forma, come ti hanno fatto notare c'è qualche ripetizione che si può evitare ("legge", "ma niente da fare") ma per il resto è scritto bene.
Il tono umoristico è godibile, ci leggo un'allegoria delle tante piccole e grandi cose che accettiamo di perdere, più o meno inconsapevolmente, a causa dei chiari di luna del sistema...
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Come il fuoco di un falò

Messaggio da leggere da Stefyp » 30/07/2019, 18:05

Grazie Gabriele per le parole gentili che mi hai dedicato. Rispetto alle ripetizioni (ma niente da fare, per es.) a volte sono volute, mi piace metterle, giocare con loro. E infatti spesso mi sento dire: troppe ripetizioni! Ma io ci casco lo stesso...

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 81
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 31/07/2019, 15:13

Il racconto è di lettura scorrevole ed è scritto secondo me bene; apprezzo l’ironia e anche l’idea è carina. Avrei forse dato più spazio all’”organizzazione “ che accoglierà la protagonista, anche se volendo mantenere breve il racconto forse risulta difficile.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 188
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 01/08/2019, 0:54

BELLO! E' originale e simpatico questo racconto. E sì, come ci si deve adeguare a ordini superiori, per assurdi che siano, triste, ma vero. E meno male che per ogni "ordine", più o meno assurdo, c'è chi dissente, come Lucienne che ha trovato sul suo cammino il gruppo dei F.L.C. Vero, come già segnalato, che si sono alcune ripetizioni di vocaboli e qualche imperfezione, ma va beh! Ciò non toglie nulla alla storia, che resta piacevole e originale.

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 13/08/2019, 22:57

Racconto originale, simpatico e con una buona idea alla base. Una allegoria di come spesso chi governa ha bisogno di un nemico ben preciso su cui scaricare tutte le tensioni e problematiche che pesano sulla vita della gente comune; che siano gli ebrei, o i comunisti o (aggiornando i tempi) gli immigrati. Magari è una proposta che avrebbe incontrato il favore dei "benpensanti" negli anni '60, al tempo dei capelloni.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 230
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 29/08/2019, 19:45

Interessante l’idea, l’assurdo obbligo di rasare a zero i capelli che appare all’improvviso, senza motivo e senza giustificazione da parte del governo, suggerisce il primo passo di una dittatura distopica.
Verso la fine il racconto scivola in una direzione più prevedibile: la protagonista che si unisce alla resistenza è quasi un clichè, speravo in una deriva più surreale, date le premesse. Non è una critica ma solo la mia opinione.
Buono lo stile, la storia fa sorridere e pensare, sulle ripetizioni hai già detto la tua e non mi sento di criticarle. Niente male.

Gianluigi Redaelli
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 03/10/2011, 17:57

Re: Come il fuoco di un falò

Messaggio da leggere da Gianluigi Redaelli » 09/09/2019, 17:41

Ottimo, mi è piaciuto l'argomento, l'idea della legge liberticida che anche un governo come il nostro, quello ormai caduto, chissà, avrebbe potuto partorire.

Gianluigi Redaelli
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 03/10/2011, 17:57

Commento

Messaggio da leggere da Gianluigi Redaelli » 10/09/2019, 22:37

Mi piace molto l'idea fantascientifica, ma forse non troppo, della legge liberticida. Il personaggio femminile è ben delineato e alla fine il fatto che decida per il meglio, per la lotta è molto apprezzabile. Ottimo

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Giudizio Ardito

Giudizio Ardito - A.D. - Apocalypse Day

(maggio 2010, 88 pagine, 1017,02 KB)

Autori partecipanti: Lucia Manna, Mr. Nicotina, Vit, Ser Stefano, Mario, Magasulla, Augusto Manghisi, Massimo Baglione, Diego Bortolozzo, GiuseppeN, Seigi, Vecchia Zia Patty, Stefy71, CMT, Mastronxo, Manuela, Arditoeufemismo, Carlocelenza,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (1017,02 KB) - scaricato 702 volte.
oppure in formato EPUB (702,41 KB) (vedi anteprima) - scaricato 174 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 40

La Gara 40 - La musica è letteratura

(agosto 2013, 50 pagine, 1,14 MB)

Autori partecipanti: 2013Federica, Angelo Manarola, Nunzio Campanelli, Lodovico, LeggEri, Anto Pigy, Mastronxo, Desiree Ferrarese, Rovignon, Polly Russell, Lorella15, Monica Porta may bee, Nozomi, Freecora, Kaipirissima, Filippo19,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,14 MB) - scaricato 161 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 105 volte..
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 168 volte) -
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (257,26 KB scaricato 42 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Luna 69-19

Luna 69-19

antologia di opere ispirate al concetto di "Luna" e dedicata al 50° anniversario della storica missione dell'Apollo 11

Il 20 luglio 1969 è la data che segna per sempre il momento in cui il primo essere umano ha posato per la prima volta i piedi sul suolo lunare. Quel giorno una parte di voi era d'avanti ai televisori in trepidante attesa del touch-down del lander, altri erano troppo piccoli per ricordarselo e altri ancora non erano neppure nati, tuttavia ne siamo stati tutti coinvolti in molteplici maniere.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Andrea Coco, Andrea Messina, Angelo Ciola, Cristina Giuntini, Daniele Missiroli, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Franco Argento, F. T. Leo, Gabriele Laghi, Gabriele Ludovici, Gabriella Pison, Iunio Marcello Clementi, Laura Traverso, Marco Bertoli, Marco Daniele, Maria Emma Allamandri, Massimo Tessitori, Namio Intile, Pasquale Aversano, Pasquale Buonarotti, Pietro Rainero, Roberta Venturini, Roberto Paradiso, Saji Connor, Selene Barblan, Umberto Pasqui, Valentino Poppi, Vittorio Serra, Furio Bomben.
Vedi ANTEPRIMA (637,22 KB scaricato 39 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.