La danza dei feticci

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
22%
2 - mi piace pochino
3
33%
3 - si lascia leggere
1
11%
4 - è bello
2
22%
5 - mi piace tantissimo
1
11%
 
Voti totali: 9

GiacomoJack
Foglio bianco
Messaggi: 1
Iscritto il: 13/11/2015, 14:06

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

La danza dei feticci

Messaggio da leggere da GiacomoJack » 12/07/2019, 11:41

Corpi avvinghiati, membra gigantesche intrecciate, un tempo si potevano sentire grida, ora solo rantoli e sospiri. Non si può discernere l'offensore dal difensore, ogni attacco sembra una difesa, un vano tentativo di spingere l'avversario a desistere per evitare il prossimo colpo, il prossimo morso. Nessuna delle due creature sembra possedere in quel corpo tanto possente quanto fragile la volontà di persistere, eppure la strenua lotta continua; evidentemente spossati i due Colossi continuano a danzare questo brutale ballo di San Vito. Una danza eterna, nessuno dei due sa quando tutto è cominciato ne tanto meno perché, allora per quale motivo proseguono questo scontro pregno di sofferenza e disperazione?

L'umanità è sempre stata una abile creatrice di feticci, e si è servita di essi per i più vari scopi. Il giorno che furono creati i Colossi il mondo intero gioiva, una sensazione di leggerezza invadeva gli spiriti, come quando l'anima viene liberata da un peso enorme e soffocante che si era appollaiato su di essa per molto tempo. In effetti gli uomini si erano tolti un peso, uno dei più primordiali, uno dei più radicati nel loro animo. Quei due giganti erano pronti a sobbarcarsi il destino dell'umanità, erano pronti a combattere e sacrificarsi per i loro creatori in una umida grotta per sempre, lasciando l'uomo libero dalla violenza.

Il sollievo iniziale si tramutò presto in sconforto. Capita spesso di rendersi conto troppo tardi che a volte il peso che grava sul nostro cuore è quello che ci da equilibrio, che ci impedisce di volare ma ci salva dal cadere. I primi uomini che cominciarono a volare vennero chiamati angeli, ma più il tempo scorreva più il numero degli angeli che spiccava il volo aumentava, affollando il cielo, oscurandolo. Il malessere di coloro ancora ancorati al terreno come vermi, incapaci di trovare in loro lo stimolo per elevarsi, rese la Terra un luogo infimo e melmoso. La situazione degenerò ulteriormente quando gli angeli iniziarono a cadere, luminosi come stelle cadenti che non offrono nessun desiderio precipitavano rovinosamente sul suolo fangoso. E gli angeli caduti portarono caos e distruzione, una distruzione che andava oltre il mero istinto di violenza, ma che affondava le sue radici nella pura e semplice malvagità.

Con il Mondo che stava navigando in acque putride diretto verso il baratro, l'ultimo disperato tentativo degli uomini fu quello di un ritorno alle origini. Era necessario riprendersi ciò che avevano scaricato sulla schiena curva dei Colossi, volevano indietro la loro parte animale, la loro ferocia; se non fosse stato troppo tardi forse tutto sarebbe tornato come prima. Ma una volta arrivati nella grotta scoprirono con sgomento che le due creature non erano più li, che la loro animalesca lotta li aveva spinti sempre più giù, verso le profondità della Terra, ormai irraggiungibili da occhi mortali. Così mentre i due feticci si straziano nelle profondità come due enormi cervi, la superficie è ormai diventata un crogiolo di malignità, dove angeli con ali spezzate passeggiano su tappeti di vermi e ridono, cercando un nuovo modo per volare ancora.

L'uomo è in parte animale e in parte dio. Entrambe le parti sono indispensabili per l'animo umano; senza la divinità siamo bestie, senza l'animale siamo demoni.

15510582403fd901440184681219.jpg
[/size]

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 207
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 13/07/2019, 15:55

Ho sempre un po’ di difficoltà nel valutare questo tipo di racconto a tema metafisico bene/male, luce/tenebra, angeli/demoni, almeno per quanto riguarda la valenza filosofica.
Dal punto di vista narrativo è ben scritto e contiene delle immagini molto efficaci, ho solo un dubbio riguardo all’uso del termine feticci riferito ai colossi in lotta fra loro.
Ti segnalo un “né” e un “dà” senza accento.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 16/07/2019, 8:55

La scrittura è potente, vivave, fluida. Nonostante tutto ciò, questi racconti non sono "nelle mie corde".
Mi piacerebbe leggere altro, per gustarne meglio la tua scrittura. Un abile- Un'abile creatrice.
Immagine

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 16/07/2019, 12:43

Il racconto mi è piaciuto, pur essendo complesso e intrecciato come la lotta dei due giganti. La lettura infatti non è immediata ma mi ha catturata. Anche l’immagine suscita emozioni e trovo che in questo caso sia stato un bene metterla alla fine per lasciare la possibilità al lettore di crearsi una propria immagine.

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 60
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
10° dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 16/07/2019, 17:05

Ma il racconto dov'è? Dove la storia, dove i personaggi?
Ho trovato soltanto una voce narrante, al tempo passato, e l'autore, al tempo presente.
Il finale "L'uomo è in parte animale e in parte dio. Entrambe le parti sono indispensabili per l'animo umano; senza la divinità siamo bestie, senza l'animale siamo demoni", è, a mio modo di vedere, quasi umoristico.
Sottolineo il quasi. Siamo uomini, animali, divinità, demoni o bestie?

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 17/07/2019, 14:58

Ho trovato il racconto scritto bene ma un po' tortuoso per i miei gusti. L'argomento è complesso e non si capisce bene, almeno io non ho capito bene perché volessero, gli uomini, riprendersi la loro parte animale, la loro ferocia... Mah! Trovo che il mondo, così come è, sia già zeppo di ferocia, purtroppo, senza doverne aggiungere ancora.

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 12/08/2019, 0:30

Sicuramente il testo è scritto bene, con immagini efficaci e ben descritte ma non mi ha coinvolto molto. Non esiste una trama a sostenerlo e le argomentazioni para-filosofiche non sono sufficienti a rendere il racconto più coinvolgente.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia dedicata agli animali

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per la seconda antologia di BraviAutori.it. I ricavati saranno interamente devoluti al sostentamento di una comunità felina abbandonata sita nei pressi del Nucleo industriale di Longarone, Belluno, a poche centinaia di metri dalla diga del Vajont.
A cura di Massimo Baglione e Alessandro Napolitano.

Contiene opere di: Paolo Maccallini, Gianluca Gendusa, Pia Barletta, Angela Di Salvo, Miriam Mastrovito, Alessandro Napolitano, Valentina Margio, Gilbert Paraschiva, Enrico Arlandini, Elena Piccinini, Stefano di Stasio, Eugenio De Medio, Celeste Borrelli, Luisa Catapano, Anna Maria Folchini Stabile, Giovanni Minio, Gemma Cenedese, Antonio Giordano, Rodolfo Vettorello, Cosimo Vitiello, Damiano Giuseppe Pepe, Patrizia Birtolo, Pietro Rainero, Roberto Stradiotti, Anna Giraldo, Maria Rizzi, Vittorio Scatizza, Paolo Frattini, Matteo Mancini, Piergiorgio Annicchiarico, Fabrizio Siclari, Emanuela Cinà, Laura Maria Rocchetti.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,10 MB scaricato 610 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
BReVI AUTORI - volume 3

BReVI AUTORI - volume 3

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, SmilingRedSkeleton, Francesco Gallina, Laura Traverso, Umberto Pasqui, Patrizia Benetti, Luca Valmont, Alessandra Leonardi, Mirta D, Pasquale Aversano, Gabriella Pison, Alessio Del Debbio, Alberto Tivoli, Angela Catalini, Marco Vecchi, Roberta Eman, Michele Botton, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Marco Bertoli, Fausto Scatoli, Massimo Tivoli, Laura Usai, Valentina Sfriso, Athos Ceppi, Francesca Santucci, Angela Di Salvo, Antonio Mattera, Daniela Zampolli, Annamaria Vernuccio, Giuseppe Patti, Dario Sbroggiò, Angelo Bindi, Giovanni Teresi, Marika Addolorata Carolla, Sonia Barsanti, Francesco Foddis, Debora Aprile, Alessandro Faustini, Martina Del Negro, Anita Veln, Alessandro Beriachetto, Vittorio Del Ponte.
Vedi ANTEPRIMA (215,03 KB scaricato 89 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Idra Loop

Idra Loop

la strana verità di una fotografia che non dovrebbe esistere

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In una tranquilla cittadina del Nord Italia, gli abitanti rivedono se stessi da giovani. Il CICAP vuole vederci chiaro e ingaggia un reporter specializzato in miti e misteri. Però anch'egli viene suo malgrado coinvolto in qualcosa di altrettanto assurdo, infatti appare dal nulla una misteriosa fotografia Polaroid che lo ritrae in una circostanza mai esistita.
Cosa lega questi due misteri?
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (156,02 KB scaricato 132 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 12

La Gara 12 - Dopo mezzanotte

(marzo 2010, 38 pagine, 588,25 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Carlocelenza, CMT, Dafank, Dino, Gigliola, Manuela, Marcello, Michele, Sphinx, Stefy71, VecchiaZiaPatty,
A cura di GiuseppeN.
Scarica questo testo in formato PDF (588,25 KB) - scaricato 426 volte.
oppure in formato EPUB (374,34 KB) (vedi anteprima) - scaricato 188 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 39

La Gara 39 - Le nostre scelte generano molti mondi

(giugno 2013, 40 pagine, 630,19 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Robygian, Filippo Puddu, Rovignon, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Monica Porta may bee,
A cura di Nunzio Campanelli.
Scarica questo testo in formato PDF (630,19 KB) - scaricato 203 volte.
oppure in formato EPUB (551,18 KB) (vedi anteprima) - scaricato 186 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Gara di primavera 2019

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

(primavera 2019, 49 pagine, 541,48 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Daniele Missiroli, Draper, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, L.Grisolia, Namio Intile, N.B. Panigale, Marco Daniele, Roberto Bonfanti, Selene Barblan, Tiziana Emanuele,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (541,48 KB) - scaricato 19 volte.
oppure in formato EPUB (354,13 KB) (vedi anteprima) - scaricato 9 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.