Sonno profondo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
4
22%
3 - si lascia leggere
6
33%
4 - è bello
5
28%
5 - mi piace tantissimo
3
17%
 
Voti totali: 18

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
10° dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Sonno profondo

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi » 02/07/2019, 18:57

Quel giorno qualcosa non andava. Me ne accorsi subito, non appena aprii gli occhi.
La sveglia sul comodino segnava le undici. Sarei dovuto essere a lavoro da almeno tre ore e avrei dovuto preparare la colazione per Katy ed Annie.
Scesi dal letto, circondato dal buio della stanza. Nessuna luce filtrava dalle finestre, nonostante la mattinata fosse quasi al termine ed il sole dovesse essere ormai alto nel cielo.
Pensai a Linda, mia moglie. Se n’era andata a lavoro senza nemmeno degnarsi di svegliarmi; un fatto che definii molto strano dal momento che ogni mattina il suo bacio del buongiorno decretava la fine dei miei sogni.
Nemmeno Katy ed Annie, le mie due figlie, si erano preoccupate del mio sonno profondo.
Scesi le scale senza darmi troppa pena per il ritardo sul lavoro; poco male, avrei telefonato e mi sarei giustificato in qualche modo.
In cucina trovai i resti della colazione, e a giudicare dall’odore di bruciato che si espandeva per la stanza, pensai in cuor mio, che le due bimbe, nonostante l’impegno, non fossero ancora pronte per partecipare a Master Chef.
D’improvviso mi balzò all’occhio un biglietto scarabocchiato con una penna rossa.
Riconobbi la grafia di Katy, che con mano incerta mi aveva lasciato un messaggio. Pensai che fosse un gesto molto carino da parte sua e lo lessi ad alta voce rompendo il silenzio tombale della casa.
«Ciao papà. Io e Annie ci siamo arrangiate con le uova e i pancake. Abbiamo provato a svegliarti, ma è stato praticamente impossibile. Mamma ti dice sempre di non mangiare troppo pesante prima di andare a letto. Sembravi quasi morto!»
Sembravi quasi morto. Tre parole che iniziarono a rimbombare negli immensi corridoi della mia testa, come una campana nell’ora di preghiera.
Pensai che la prossima cosa da fare sarebbe stato chiamare il mio capo e tranquillizzarlo sul fatto che fossi ancora vivo. Mi immaginai davanti al suo muso inferocito, mentre giustificavo la mia assenza con qualche assurda storia. Scomodare un’invasione aliena sarebbe stato eccessivo; probabilmente l’idea della cena messicana mal digerita sarebbe stata più verosimile.
Avevo bisogno del mio cellulare e così presi a salire le scale; di solito lasciavo il telefono sul comodino della camera da letto, in modo che fosse ben visibile e non lo dimenticassi prima di uscire di casa.
Spalancai la porta della stanza che da anni condividevo con mia moglie; l’oscurità mi avvolse e mi lanciò il suo invito ad entrare.
Una sensazione di terrore irrazionale invase il mio corpo, scuotendolo da testa a piedi.
Con la mano destra cercai l’interruttore sulla parete; avrei acceso la luce ed ogni paura si sarebbe dissolta. Ed invece così non fu.
Non appena riuscii ad accendere il lampadario, l’abbagliante luce alogena della camera rischiarò ai miei occhi la vista di qualcosa di inquietante ed inatteso.
Una sagoma scura se ne stava rannicchiata sotto le coperte, proprio sul lato del materasso che avevo occupato fino a pochi minuti prima.
L’ignota presenza sembrò non accorgersi di me né tanto meno sembrò infastidita dal bagliore che proveniva dal lampadario.
Iniziai ad avvicinarmi, più turbato che mai, mentre la tensione irrigidiva ogni nervo e muscolo del mio corpo.
Sembravi quasi morto. Ripensai a quelle parole e ancora la mia mente fu scossa come da un oscuro presagio.
Trovatomi a pochi passi dal mio ospite, scostai leggermente le coperte per scoprirne il volto, mentre le mie mani tremavano all’impazzata in preda a spasmi incontrollabili.
Nella stanza il silenzio regnava sovrano, interrotto soltanto dal battere dei miei denti, che stringevo con forza per scaricare la tensione.
Davanti ai miei occhi si aprì un’immagine sconvolgente: un volto pallidissimo, dal colorito grigiastro e con due enormi occhi sbarrati mi fissò da sotto le coperte che avevo leggermente spostato.
Lo sguardo spento non lasciava trapelare alcun segno di vita.
Quell’uomo doveva essere deceduto da diverse ore.
Cercando maggiori risposte agli interrogativi che iniziavano ad accalcarsi nella mia mente, liberai l’intera sagoma dal fagotto delle lenzuola.
Fu soltanto allora che i dubbi divennero certezze e le certezze si trasformarono in vivido orrore.
Cercai di gridare senza però riuscirvi.
Il cadavere che occupava il mio letto era una persona che conoscevo fin troppo bene.
Ero proprio io.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 232
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 02/07/2019, 20:26

Il tema non è inedito, però qui è trattato con gusto e un crescendo di tensione, oltre che con un sottile humor: si passa dal quotidiano all’horror in maniera fluida e credibile.
Il racconto della gara precedente non mi aveva convinto del tutto, come ti avevo scritto a suo tempo, in questo invece non trovo punti deboli, un buon lavoro.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *****
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 05/07/2019, 17:28

la storia parte ottimamente, ma va a spegnersi in maniera progressiva. peccato, perché sebbene l'argomento sia stato usato spesso, la prima parte l'ho travata davvero originale.
da quando trova il biglietto in poi, invece, scade, fino ad arrivare al finale scontatissimo.
in ogni caso lo considero un buon lavoro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 188
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 05/07/2019, 18:20

Come già detto da altri il tema trattato non è una novità, ma questo non toglie al racconto niente. La stesura del testo è corretta e scorrevole, senza refusi (a parte uno, quando dice "a lavoro" invece che al lavoro) ma è una sciocchezza che non sarebbe neppure da segnalare. Il mio parere, pertanto, è sicuramente positivo.

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 83
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 05/07/2019, 19:17

Trovo il testo scorrevole ma non particolarmente coinvolgente; soprattutto perché il finale viene anticipato a metà racconto e si intuisce abbastanza presto dove si andrà a parare. Quello che ho apprezzato di più è l’immagine dell’uomo sotto le coperte e il dialogo interno del protagonista.

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi » 05/07/2019, 23:14

Davvero molto buono e scritto molto bene. Sono d'accordo con Fausto però, verso il finale va a spegnersi. Gli ultimi due periodi sembrano scritti da un'altra mano. Comunque il resto è davvero ottimo. Complimenti!

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 9
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

Commento

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 09/07/2019, 10:21

Scritto benissimo si scivola dal quotidiano all'horror senza neanche accorgersene, mi ricorda quasi un racconto di Stephen King. Forse l'unica pecca è quell' "ero proprio io" che a mio avviso suona un po' male ma nel complesso un testo interessante.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 173
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 09/07/2019, 10:57

Il testo è scritto in modo ottimo dal punto di vista formale. Non ha cali di ritmo, è solido e preciso e ha pochissimi refusi. Non brilla però per originalità, anche se non concordo sul finale. Non credo sia tanto quello il problema, quanto il trattamento del topos nel suo complesso. Il morto che parla è un archetipo piuttosto comune, anche se ultimamente meno che in passato. Dal racconto, trama a parte, evince comunque una certa padronanza dello strumento-scrittura. Sono curioso di leggere altro, in futuro, se non altro per capire un po' di più il tuo modo di scrivere. Un consiglio: non è detto che un determinato tema, magari trito, non possa essere ri-affrontato in modo originale. Pensa in modo obliquo, perché se queste sono le premesse, sono abbastanza sicuro non ti sarà difficile trovare un punto d'ombra di un argomento x che potrai descrivere in modo innovativo.

A rileggerti.
Immagine
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 238
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 16/07/2019, 9:00

Come già fatto presente da altri autori, l'argomento è trito e ritrito. Certo il racconto è scritto molto bene e la padronanza nell'esporlo mi ha fatto capire che hai una buona scrittura. Magari rivederlo sotto un altro punto di vista, potrebbe potenziarlo e non farlo decadere nel solito finale. Voto 3 per la scrittura.
Ultima modifica di Isabella Galeotti il 17/07/2019, 17:20, modificato 1 volta in totale.
Immagine

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 17/07/2019, 14:43

Un racconto discreto, ben scritto, a parte che con quel "Sembravi morto" ti sei giocato da subito il finale. Insomma, dato che tutto il racconto è giocato su quest'unico espediente (piuttosto abusato), anticipare la comprensione del finale è come un autogol.

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 05/08/2019, 18:23

Stilisticamente mi piace. Ammetto di non aver capito il finale fino alla fine e questo ha influito sicuramente sul mio voto. L'unica cosa che devo dire però è che finito così, senza un prima o un perché, alla fin fine mi lascia un po' delusa. Potrebbe essere un incipit?

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 89
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 10/08/2019, 0:18

Il racconto è coinvolgente e si legge volentieri. Anche per me, già dal testo del bigliettino, lasciato dalle figlie, impossibilitate a svegliarlo in quanto "sembrava quasi morto" ho capito come sarebbe finito il racconto e non c'è stata nessuna sorpresa finale. Forse in qualche modo si poteva lasciare più vago l'argomento per ottenere l'effetto sorpresa. Comunque il racconto mi è piaciuto molto.

Gianluigi Redaelli
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 03/10/2011, 17:57

Commento

Messaggio da leggere da Gianluigi Redaelli » 10/09/2019, 20:48

interessante il tema, anche se col procedere dello scritto già si intuisce il finale, oltretutto anche intuibile dal titolo che avrebbe dovuto essere più enigmatico. Comunque ben scritto e non prolisso. Mi è piaciuto

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

(edizione 2016, 11,89 MB)

Autori partecipanti: Giuseppe Bauleo, Cristina Giuntini, Giorgio Leone, Ida Dainese, Anna Rita Foschini, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Daniela Rossi, Lodovico, Marco Bertoli, Alberto Tivoli, Sandra Ludovici, Cristina Biolcati, Marina Paolucci,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (11,89 MB) - scaricato 152 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 42

La Gara 42 - Elogio della follia

(novembre 2013, 30 pagine, 763,20 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Anto pigy, Pessimo autore, Eddie1969, Scrittore97, Alessandro D, Eliseo Palumbo, Luciallievi, Verity Hunt, Kaipirissima, Desiree Ferrarese,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (763,20 KB) - scaricato 179 volte.
oppure in formato EPUB (390,15 KB) (vedi anteprima) - scaricato 165 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 64

La Gara 64 - L'amore e le sue sfumature

(maggio/giugno 2017, 45 pagine, 924,70 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Lodovico, Ser Stefano, Alberto Tivoli, Mirtalastrega, Fabrizio Bonati, Mastronxo, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Skyla74, Angelo Manarola, Patrizia Chini, David Cintolesi, Manuel Crispo,
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (924,70 KB) - scaricato 69 volte.
oppure in formato EPUB (826,28 KB) (vedi anteprima) - scaricato 46 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (257,26 KB scaricato 42 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (155,92 KB scaricato 238 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Se io fossi... scriverei!

Se io fossi... scriverei!

Antologia di opere ispirate dai nostri autori preferiti

Ognuno di noi ha un proprio autore preferito.
Cosa scrivereste se voi foste loro?
O se loro entrassero in voi?
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, Angela Di Salvo, Cinzia Colantoni, Daniela Rossi, Amelia Baldaro, Umberto Pasqui, Michela Giudici, Adriano Carrieri, Alma Trucillo, Diego Cocco, Laura Chiabudini, Enrico Arlandini, Franca Cini, Mauro Sighicelli, Flora Lalli, Anna Rita Foschini, Fabrizio Roscini, Maria Rosaria Spirito, Sandra Ludovici, Mauro Cancian, Agata Alleruzzo, Giorgio Leone, Cristina Giuntini, Sashenka, Gloria Dafne Fedi, Rosanna Fontana, Marina Paolucci.
Vedi ANTEPRIMA (174,98 KB scaricato 154 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.