La Contessa

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
50%
4 - è bello
2
50%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 4

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 172
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

La Contessa

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 14/06/2019, 22:02

– Ted Byron, signore – disse il poliziotto al tenente Corby.
– Ti farò causa per avermi trascinato qui con la forza – disse Ted.
– Sul mio tavolo c’è la tua licenza da ciarlatano – replicò il tenente a denti stretti.
– Mentalista, prego! – sottolineò Ted, togliendosi il cappotto.
– Devi aiutarmi, il capitano mi sta addosso.
Nel salotto damascato, oltre a loro due, c’erano tre uomini e una donna. La signora era seduta su un divano a tre posti insieme a un uomo. Gli altri occupavano due poltrone.
– Io sono il conte Collins – disse l’uomo di mezza età con l’elegante completo blu. – Sono il marito di Cecilia. Anzi, lo ero.
– Io mi chiamo Brian Sullivan e sono un amico di famiglia. Non so perché sia stato convocato.
– Io sono Arthur Zais, il medico personale della contessa – disse il terzo. – Dora, questa mattina, mi ha chiamato subito appena ha scoperto il corpo.
– Lei è la governante? – chiese Ted, rivolgendosi alla donna.
– Sì, signore – rispose lei, tirando su col naso. – La contessa aveva gli occhi sbarrati quando sono andata a svegliarla.
– Che cosa è successo ieri sera? – chiese Ted al tenente.
– I signori sono stati qui fino a tardi – rispose Corby. – Poi il marito si è ritirato.
– Camere separate? – chiese Ted al conte.
– Da diversi anni – rispose lui, sfilando una sigaretta da un pacchetto.
– Il signor Brian si è trattenuto per qualche altro minuto, poi è andato via – aggiunse il tenente.
– Brian, lei è molto giovane. Ventiquattro? Ventisei? – chiese Ted.
– Ho venticinque anni, ma questo che importanza ha?
– Lei era l’amante della contessa! – disse Ted, fissando il conte, che continuò a tentare di accendersi la sigaretta.
– Come si permette? – gridò Brian, inviperito.
– E le dirò di più: il marito lo sapeva.
– Come può fare simili affermazioni! – protestò il conte.
– Quando ho accusato Brian, lei non si è scomposto. Questo significa che era al corrente della relazione e che non le importava. Come è avvenuto il decesso?
– Infarto – disse il medico.
– L’infarto può anche essere provocato – disse il tenente. – La contessa aveva l’abitudine di prendere una tisana forte.
– Quando ho constatato il decesso di Cecilia, le ho fatto un prelievo, poiché non era ancora subentrato il rigor mortis. Ho mandato la fiala al Centro Analisi della polizia.
– Lei potrebbe averla sostituita – replicò il tenente.
– Sono al servizio di questa famiglia fin da quando c’era il vecchio Conte. Non farei mai una cosa simile. E poi, perché l’avrei fatto?
– Dammi altre informazioni, Corby.
– Il vecchio adottò la bambina quarant'anni fa, dopo la perdita della moglie. Disse che l’aveva fatto perché era veramente sua figlia.
– Che vita conduceva?
– Molto ritirata.
– Vita ritirata, ma nonostante tutto… Dora, lei quanti anni ha?
– Ne ho sessanta, perché questa domanda? Mi assunse il signor Conte quando avevo diciotto anni perché la moglie non stava bene.
– Togli Dora dai sospettati di omicidio, Corby.
– Perché? Lei poteva benissimo somministrare una tisana “rinforzata” alla contessa.
– Nessuna madre uccide la figlia.
A quelle parole, Dora scoppiò a piangere.
– Come fai a dirlo? – disse il tenente, allibito.
– La moglie è malata e il vecchio Conte ha in casa una ragazza di vent'anni. Lei resta incinta e lui riconosce la bambina: un classico.
– Si vergogni per aver osato gettare una simile ombra su Cecilia – disse il medico – e su questa donna che ha servito onorabilmente la famiglia per decenni.
Prima che Ted potesse replicare, arrivò un poliziotto che consegnò un documento al tenente.
– Forse non è stato un omicidio – disse lui, leggendo il foglio. – Il sangue non conteneva sostanze letali.
– Potremmo fare un’autopsia – disse Ted, osservando Arthur, seduto molto vicino a Dora.
– Non servirebbe a niente – disse il dottore – ma fate pure.
In quel mentre il cellulare del tenente squillò.
Dopo aver riattaccato, Corby disse: – Non immagini cosa mi hanno comunicato dall'obitorio.
– Il cadavere non c’è più?
– Mi farai ammattire: tu come fai a saperlo?
– Te lo spiego dopo. Hai notato che il dottore è molto protettivo nei confronti di Dora? Le tiene addirittura la mano.
– E allora? È un dottore.
– Nessuno si rivolge a una contessa chiamandola per nome: solo lui l’ha fatto. È il comportamento di un padre, direi! Anche lui andava a letto con Dora, e quando restò incinta, fu facile convincere il vecchio Conte che il padre era lui. In questo modo hanno assicurato un futuro alla bimba.
A quelle parole il dottore abbassò la testa.
– È tutto vero, ma ormai non ha più importanza. La nostra Cecilia ci ha lasciato – disse l’uomo, stringendo a sé la governante.
– Va bene, questo esclude dai sospettati anche il dottore – disse Corby. – Ora vuoi dirmi se è stato il marito oppure l’amante?
– Prima – disse Ted, indicando un quadro, – vorrei che il conte aprisse la cassaforte che sta là sotto.
– Come fa a saperlo? – disse l’uomo, avviandosi verso la parete indicata da Ted.
– Questo lo sapevo anch'io – disse il Tenente. – Si vede che il quadro è scostato dal muro.
– Il conte aprì la cassaforte, che si rivelò essere vuota.
– Come vede, non c’è niente. Non la usiamo più.
– Ora ti dirò chi è stato e dove puoi trovare la contessa – disse Ted al tenente, con un sorrisetto malizioso.
– Hai capito anche chi ha sottratto il corpo? Non posso crederci!
– Il colpevole è… il signor Brian! Perquisitelo e gli troverete un biglietto aereo o un biglietto ferroviario. Se pensava di partire in aereo, troverete la signora contessa all'aeroporto. Altrimenti, sarà alla stazione.
Il Tenente era sbalordito. Brian si alzò lentamente dalla poltrona su cui era seduto, poi fece un balzo improvviso verso l’uscita. Ted gli fece lo sgambetto e lui ruzzolò sul pavimento. La perquisizione rivelò un biglietto aereo per Bali. Il volo partiva dopo tre ore.
– Come hai fatto, malefico individuo – disse il tenente.
– Il marito afferma che la cassaforte è sempre stata vuota, ma tutti sanno che non è normale che in una casa signorile come questa non ci siano contanti o gioielli. Insieme all'amante della moglie organizza un piano per sbarazzarsi di lei. Non la vuole uccidere, solo spedirla fuori dalle scatole insieme al suo amante. Li riempie di soldi, dopo aver vuotato la cassaforte, e si assicura la complicità di Dora e del dottore. Loro devono testimoniare che la contessa è davvero deceduta. Nessun problema, dato che sono i genitori.
– Quindi… – balbettò Corby.
– Ti serve un furgone: sono colpevoli tutti e quattro.
Ted si rimise il cappotto e fece per allontanarsi, ma prima aggiunse, prendendo il tenente per un braccio e fissandolo negli occhi: – Domattina vengo a prendere la mia licenza da “ciarlatano”, d’accordo?
Ultima modifica di Daniele Missiroli il 15/06/2019, 14:39, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 172
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La Contessa

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 14/06/2019, 22:03

Omaggio a Bruno Heller, creatore di Patrick Jane. :D

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 170
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » ieri, 12:40

Bel racconto, lo stile ricorda un po’ Sherlock Holmes, oltre al Patrick Jane che hai citato, Ted Byron ha le potenzialità del personaggio seriale.
Ha un buon ritmo e i caratteri, nonostante la brevità, sono ben disegnati, soprattutto Ted e il tenente, fra i quali emerge un rapporto conflittuale ma anche amichevole.
Un appunto: visto che usi tempi al passato consiglierei di scrivere “Il volo partiva dopo tre ore” e non “fra tre ore”
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 172
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La Contessa

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » ieri, 14:41

Grazie Roberto, e grazie anche del suggerimento (già corretto). :)

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » ieri, 23:01

Avevo provato a leggerlo ieri, velocemente, ma non ero riuscito a capire nulla, sicuramente per mia incapacità. Essendo il racconto tutto basato sul dialogo, se non si legge attentamente, non si riesce, dopo un po,' a capire chi sta parlando. Inoltre anche la trama e alquanto intrigata e rende la vicenda piuttosto complicata. Ho riletto tutto oggi con più calma e devo dire che alla fine la storia c'è ed è buona, ma, secondo me, avrebbe bisogno di un maggiore sviluppo. Al momento mi sembra leggibile ma troppo concentrata.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 470 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 147 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 44

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 184 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 63

La Gara 63 - Treni e stazioni

(marzo/aprile 2017, 30 pagine, 932,81 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone, Mirtalastrega, Daniele Missiroli, Fabrizio Bonati, Angela Catalini, Manuel Crispo, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (932,81 KB) - scaricato 54 volte.
oppure in formato EPUB (762,33 KB) (vedi anteprima) - scaricato 32 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (614,19 KB scaricato 729 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 426 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (288,78 KB scaricato 137 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.