Il dubbio

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

son

1 - non mi piace affatto
2
13%
2 - mi piace pochino
7
47%
3 - si lascia leggere
2
13%
4 - è bello
2
13%
5 - mi piace tantissimo
2
13%
 
Voti totali: 15

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Il dubbio

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 23/04/2019, 8:49

IL DUBBIO

Mi svegliai con una fredda brezza che mi penetrava le ossa. Lentamente cominciai ad aprire gli occhi. Mi resi subito conto di non essere nel luogo in cui mi ero addormentato la sera prima, anche perché non ero nel mio comodo letto ma in un fottutissimo bosco. Uno strano odore mi inebriava le narici, notai infatti del fumo provenire da dietro un albero. Mi avvicinai. C'era un uomo, se cosi lo si può chiamare, alto non più di un metro e sessanta, capelli biondi, sporchi, legati in un codino e pelle chiara ma scurita dalla terra e dal sudiciume. L'odore proveniva dalla lunga pipa che questa sottospecie di gnomo stava allegramente fumando. Si voltò e disse: “eilà buongiorno....allora andiamo?”. Rimasi qualche secondo immobile, a fissarlo con una faccia sconvolta per poi sussurrare: “d...dove?” “a casa mia” rispose sorridendo. In quel momento ripresi improvvisamente coscienza di ciò che mi stava succedendo e rivolsi tutte le mie ansie al piccolo uomo “cosa? Aspetta oh ma dove sono? Come sono arrivato qui? E tu chi diavolo sei?” lui sorrise nuovamente e rispose “benvenuto nell'Alto Bosco io mi chiamo Si e ne sono il custode, riguardo a come sei arrivato qui non lo so proprio ma da casa mia ti sarà sicuramente più facile ritrovare la strada”. Valutai per qualche secondo la proposta di Si ed effettivamente quella di seguirlo sembrava l'opzione migliore, così ci incamminammo. Fino ad allora la mia attenzione era stata completamente catturata dalle strane fattezze di Si e non mi ero minimamente accorto della stravaganza degli alberi e della vegetazione che mi circondavano. Ogni pianta o albero presente nel bosco, infatti, era come contorto su sé stesso come se fosse stato preda di un dolore lancinante “Mai visto un bosco del genere...qui le piante sono davvero strane” dissi con la voce che ancora mi tremava. Si sospirò “si…ogni tanto succedono cose strane da queste parti…” disse abbassando lo sguardo con un fare quasi colpevole. “c…cose strane?” il mio battito cardiaco stava aumentando, Si fece un lungo tiro carico di frustrazione dalla sua pipa “due volte all' anno in questa foresta si manifesta un essere terrificante ed il mio compito è quello di proteggere il bosco….vedi, quest’essere è fatto di puro terrore e le rare volte che è riuscito ad entrare nell' Alto Bosco gli ha provocato così tanta sofferenza che persino le piante e gli alberi hanno cercato di mettersi in salvo, è questa la ragione delle loro forme contorte”. Il cuore mi cominciò a battere all' impazzata, Si era chiaramente un pazzo, una persona deviata portata alla follia dalla solitudine del bosco. Avrei voluto scappare ma era troppo tardi senza rendermene conto eravamo arrivati alla casa di Si. Non facemmo in tempo ad entrare che Si mi afferrò per un braccio scaraventandomi per terra, poi afferrò una pala...lo vidi solo caricare il colpo poi svenni privo di sensi. Mi svegliai legato su una tavola, ero stordito e non riuscivo a mettere a fuoco, riuscivo a intravedere Si che armeggiava con delle boccette di vetro. Appena si accorse del mio risveglio si avvicinò “eilà” borbottò con tono serio, tentai di gridare qualcosa ma mi accorsi di essere imbavagliato, “vedi a me dispiace ma si dà il caso che l'essere di cui ti parlavo sia tu...o meglio ora si trova dentro di te...è quindi mio dovere ucciderti...mi spiace...” il terrore mi pervase, "lo sapevo cazzo è matto, matto da legare" pensai in preda alla paura più atroce. Si indossò dei guanti e prese una boccetta contenente un liquido di colore verde, ne versò una goccia sul mio braccio destro, pochi secondi e fui avvolto da un dolore insostenibile, come se qualcosa stesse torturando separatamente ogni millimetro del mio corpo. I sensi cominciarono ad affievolirsi, fu in quel momento che me ne resi conto...stavo morendo...e tra tutto ciò a cui avrei potuto pensare durante i miei ultimi secondi di vita mi sorse un unico, ultimo dubbio...come stavo morendo? Come l'ennesima vittima di un assassino psicopatico? O come l'ennesimo ottimo lavoro di Si, il custode dell'Alto Bosco?

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 23/04/2019, 16:09

Trama evanescente, finale debole; un racconto poco emozionante e autentico.
Le domande del protagonista in punto di morte, per esempio, il dubbio del titolo, sono incredibili. Nel senso che chi potrebbe credere alla loro sincerità dato che vengono formulate nel momento finale della propria esistenza?
Dal punto di vista formale:
i discorsi diretti, meglio tra caporali che tra virgolette, distinguili mettendoli sempre a capo. E l'iniziale sempre maiuscola.
Prima del ma avversativo va sempre una virgola.
I puntini di sospensione sono sempre tre, legati alla parola iniziale e distanziati dal quella successiva. Vanno adoperati con moderazione e soprattutto nel discorso diretto.
Altrimenti esistono altri segni grafici per la sospensione. Il punto e virgola, i due punti, il punto.
Dopo il disse che segue il discorso diretto ci va una virgola.
E così via.
Ecco, il più grande difetto di questo racconto è la pochissima cura per la punteggiatura, che cancella anche il buono che pure c'è.
Il consiglio, leggere molto e revisionare il testo.
Ultima modifica di Namio Intile il 24/04/2019, 13:54, modificato 1 volta in totale.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 23/04/2019, 16:49

Il racconto è un poco pasticciato, soprattutto dalla punteggiatura molte volte errata (come è già stato fatto notare...). Il contenuto non sarebbe neppure tanto male anche se, concordo con chi mi ha preceduto nei commenti, è poco credibile e veritiero il finale.

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

commento

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 23/04/2019, 17:49

Ringrazio per i commenti, finalmente un sito in cui gli utenti commentano in modo costruttivo. In realtà questo è un vecchio racconto di anni fa, avevo caricato uno dei miei ultimi, sicuramente migliore dal punto di vista della forma ma, a causa della sua lunghezza (7 pagine), nessuno aveva lasciato commenti. Ho dunque fatto un tentativo con questo, sapete se ci sono sezioni nel sito per racconti più lunghi?

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 170
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 23/04/2019, 21:20

Innanzitutto benvenuto, vedo che sei nuovo su questo sito. Sui problemi di forma e di trama del racconto concordo con chi mi ha preceduto nei commenti. Credo che questo tipo di storie abbiano bisogno di un respiro più ampio, altrimenti il rischio è quello di renderle poco strutturate, con conclusioni che diventano un po' troppo "tirate via" e poco convincenti. La capacità narrativa si intuisce, quindi modestamente ti consiglio una bella revisione, sono certo che potresti ottenere uno sviluppo e una caratterizzazione migliore dei personaggi. I racconti più lunghi li puoi pubblicare come opere nella tua pagina autore. Avevo cominciato a leggere il tuo brano precedente, La buca, ma poi l'hai cancellato. Effettivamente era un po' lungo per gli standard di queste gare, che privilegiano i racconti intorno alle 5.000 battute. Apprezzo il tuo modo di valutare le critiche costruttive e ti auguro una proficua attività su Bravi Autori.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

commento

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 23/04/2019, 22:06

Sono assolutamente consapevole di essere un principiante, di conseguenza ogni critica è ben accetta. Comunque ho tentato di pubblicare "La buca" come opera ma senza successo, ritenterò. Grazie mille.

edit: per chi volesse sono riuscito a pubblicarlo.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8830
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 24/04/2019, 6:02

L.Grisolia ha scritto:
23/04/2019, 17:49
... sapete se ci sono sezioni nel sito per racconti più lunghi?
Certo, nel sito principale ci sono le opere pubblicate dagli autori!
Trovi il pulsante "Pubblica opera" un po' dappertutto, anche nel tuo profilo di autore.
Buon lavoro!
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 24/04/2019, 22:54

Il racconto in partenza sembra anche promettere bene e si legge volentieri, poi effettivamente il finale è un po' debole. Ero convinto che quello strano nome, SI, portasse nel finale a qualche gioco di parole (tipo nessuno con Polifemo).
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 25/04/2019, 18:06

non posso che allinearmi ai commenti precedenti, purtroppo.
vi sono parecchi refusi, mancano le maiuscole a inizio dialogo, ecc.
la storia mi ha incuriosito, ma poi si è dissolta nel nulla, lasciandomi a pesare cosa intendessi comunicare.
è vero che un racconto non deve per forza dire qualcosa, però in questo caso lo si aspetta.
e si rimane delusi, purtoppo.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 25/04/2019, 21:19

Il problema più grande qui è la punteggiatura, ma chi mi ha preceduto ha già detto tutto quello che c'era da dire.
Personalmente sono rimasto un po' deluso dalla conclusione: nel corso del breve racconto c'è una certa crescita della tensione, ma poi si "sgonfia" proprio nel momento in cui dovrebbe esplodere e la chiusura è abbastanza debole nonostante ci fossero tutte le basi per chiudere in bellezza.
Immagine

Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il dubbio

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 26/04/2019, 17:09

Sono una delle ultime a recensire questo racconto e concordo con i giudizi di chi mi ha preceduto. Credo che con una bella revisione il brano potrebbe migliorare. Mi piacerebbe leggere nel finale la motivazione del nome Si, magari svelare nel finale qualche trucchetto.
Immagine

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/04/2019, 21:20

Ciao, mi sono divertita a leggere il tuo racconto. Mi è piaciuta l'immagine degli alberi torti per il dolore e trovo in generale tutto il racconto ironico e spiritoso. Mi piace anche il fatto che non si capisca veramente se si tratta di un'allucinazione del protagonista o se egli sperimenta davvero quanto da te scritto.
Secondo me il punto debole è la punteggiatura e la struttura dei dialoghi, che curerei maggiormente. Inoltre il continuo ripetere del nome Si è ridondante, potresti magari sostituirli con "il nano", o con altri sinonimi.

Teseo Tesei
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 30/05/2019, 9:39

OK, uno scontro brutale tra due opposti terminato con la sopraffazione ad opera del più basso sul più alto.
Questione di altezza fisica probabilmente, non di levatura morale.
Il colpo di scena vero è racchiuso nel titolo.
Il dubbio.
Un dubbio che difficilmente può avvolgere una vittima, un dubbio che richiede implicitamente il riconoscimento da parte della stessa vittima di qualche sua colpa o mancanza precedente.
Tutto sommato mi piace proprio per quella insinuazione di dubbio finale che induce ad una sottile riflessione il lettore.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine

Luca Latini
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 20/05/2019, 17:58

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Re: Il dubbio

Messaggio da leggere da Luca Latini » 30/05/2019, 11:36

Buona la forma e anche il significato mi è piaciuto. Per quanto riguarda la punteggiatura non mi trovo d'accordo con chi mi ha preceduto; ogni scrittore può inserirla a seconda di quello che è il flusso di pensiero dei personaggi che stanno parlando o del narratore che sta esponendo l'enunciato, ma non esiste una punteggiatura standard nella scrittura creativa (altrimenti sarebbe solo un testo argomentativo e Joyce avrebbe fatto un altro mestiere): quindi (mia personalissima opinione) non ho trovato la tua punteggiatura impropria al contesto. Un bel lavoro!

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 96
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 03/06/2019, 16:25

Anzitutto da rivedere la punteggiatura, soprattutto per quanto riguarda i dialoghi: va bene il flusso di coscienza, ma bisogna quantomeno uniformare.
Per il resto, le buone premesse vengono un po' affossate dal finale scontato. Perché Si crede che il protagonista sia l'essere malvagio che cercava?

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 08/06/2019, 17:27

Sul racconto in questione è stato scritto tutto quello che a mio giudizio era opportuno mettere in rilievo. Cercherò pertanto di mantenermi sulle generali per non scivolare su inutili sottolineature.
Una revisione tecnico-stilistica è imprescindibile: senza di essa, anche le idee più folgoranti e gli intrecci meglio costruiti si dissolvono rapidamente.
Ammetto un mio limite (uno dei tanti): al secondo errore (o lessicale o di punteggiatura) scorto tra le righe di un testo qualsiasi, abbandono la lettura e mi dedico ad altro.
E temo che tale limite sia molto diffuso, specie tra i cosiddetti “lettori forti”.
Non so se mi spiego…
P.S. Esprimerò il voto dopo attenta rilettura.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 39

La Gara 39 - Le nostre scelte generano molti mondi

(giugno 2013, 40 pagine, 630,19 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Robygian, Filippo Puddu, Rovignon, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Monica Porta may bee,
A cura di Nunzio Campanelli.
Scarica questo testo in formato PDF (630,19 KB) - scaricato 199 volte.
oppure in formato EPUB (551,18 KB) (vedi anteprima) - scaricato 182 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 23

La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

(agosto/settembre 2011, 85 pagine, 1,87 MB)

Autori partecipanti: Marco Marulli, Silvia Marulli, Licetti, Tania Maffei, Polissena e Sabina, Lucia Manna, Erania Pinnera, Nathan, Ritavaleria, Cordelia, Daniela Piccoli, Elisar, Alessandro, Conrad, Morgana Bart, Aleeee76, Skyla74, Mastronxo, Angela Di Salvo, Nevestella, Giosep, Parolina, Skyla74,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,87 MB) - scaricato 609 volte.
oppure in formato EPUB (655,20 KB) (vedi anteprima) - scaricato 177 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018 - (a colori)

(edizione 2018, 6,77 MB)

Autori partecipanti: Angela Catalini, Laura Traverso, Liliana Tuozzo, Marco Bertoli, Lodovico, Giorgio Leone, Giovanni Teresi, Sandra Ludovici, Pietro Sanzeri, Serena Barsottelli, Ida Dainese, Nunzio Campanelli, Lucafan,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,77 MB) - scaricato 77 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 426 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 225 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Un passo indietro

Un passo indietro

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il titolo di questo libro vuole sintetizzare ciò che spesso la Natura è costretta a fare quando utilizza il suo strumento primario: la Selezione naturale. Non sempre, infatti, "evoluzione" è sinonimo di "passo avanti", talvolta occorre rendersi conto che fare un passettino indietro consentirà in futuro di ottenere migliori risultati. Un passo indietro, in sostanza, per compierne uno più grande in avanti.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,09 MB scaricato 395 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.