Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Area dedicata alle interviste con gli autori che sono diventati famosi o che hanno capito come uscire dall'ombra. In questa sezione ci si potrà dare appuntamento per discuterne con loro.
Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 18/04/2019, 7:57

Nel farvi gli Auguri per una serena Pasqua, volevo presentarvi un autore che, dopo un periodo
di assenza, è ritornato su BA. Non poteva restare a lungo lontano da noi. :lol:
Le sue osservazioni sono sempre puntuali, a volte pungenti.

Vi presento Luzant-Draper (Antonio)

La prima domanda è quella a cui nessuno si può sottrarre.

Per chi scrivi? Perché?

Il destinatario dei miei scritti cambia di volta in volta. A seconda della storia, del tono e del genere, penso a qualcuno d’importante, uno dei miei amici o un conoscente, e lo scelgo. Il racconto o il romanzo, di conseguenza, vengono “tarati” su quella persona, in modo tale da non perdere mai né il focus né il mordente sul destinatario. Non esistono storie che possano accontentare tutti, perciò chi scelgo, in sostanza, diventa campione di un particolare pubblico o umore.
Generalmente, scrivo per catturare l’attenzione dell’uomo o della donna curiosi, che amano leggere e vogliono sprofondare in una storia come fossero dentro le sabbie mobili. E riguardo al “perché”, scrivo soprattutto per conoscere gli effetti della mia immaginazione su quella degli altri, e viceversa. Si tratta di un rapporto simbiotico fondamentale, per me.


Le tue storie e l'arte pittorica. Raccontaci che liaison c'è tra le due parti?

Il rapporto fra storie e pittura ha occupato una parte importante della mia vita. Fu un esperimento, all’epoca, ed è stato importante perché mi ha permesso di dare una forma, una struttura e un’identità più precisa a quello che faccio. Ogni dipinto ha o può avere una storia e tempo fa volevo tirarle fuori, adattandole a mie idee o armonizzandole al mio stile, e tutto questo mi ha permesso di ragionare in modo obliquo, pian piano, portandomi letterariamente “lontano” dagli scrittori che nel tempo mi hanno fatto da modelli, H.P. Lovecraft, J.G. Ballard e James Ellroy in primis.
L’altro motivo che lega i miei scritti all’arte, invece, ha natura pragmatica. Penso per immagini, quindi partire dalla visione – per poi procedere al contrario – fa parte del mio metodo di scrittura.


Pseudonimo questo sconosciuto, tu perché li usi?

Spesso su internet sono necessari, con la funzione di nomi-utente, ma non c’è una ragione più profonda di questa. Solitamente non ho problemi a usare il mio vero nome e cognome quando pubblico; se poi dovessi o volessi “proteggermi” in una particolare fase, magari un momento di sperimentazione fuori dalle regole, probabilmente lo userei sì, in funzione letteraria.

Domandazza: tra la Garisenda e Asinelli, cosa o chi butteresti giù? Perché?

Vista la leggenda metropolitana che circola attorno alla torre più alta, direi sicuramente Asinelli. Aumenterebbe il numero di laureati e sarebbe un ottimo antidoto all’abbandono universitario.

Come sopravvivi all'ombra delle due torri?

La verità è che non sono sopravvissuto. Mi spiego meglio. Mi sono laureato a marzo dell’anno scorso, e questo solo dopo aver dovuto abbandonare la casa in cui mi trovavo per sopraggiunte impellenze del padrone dell’immobile – che lo ha venduto. Quindi ho continuato a preparare la mia tesi da casa, a Foggia, dove vivevo prima di partire per l’università. Nell’anno successivo e a tutt’oggi, cercando lavoro, ritornare a Bologna per me è stato impossibile – come lo è oggi per moltissime matricole, se non tutte. Non ci sono stanze, quelle che ci sono versano in condizioni indescrivibili e costano un occhio della testa. Perciò ho dovuto rinunciare. Per fortuna, l’attesa e i sacrifici hanno ampiamente ripagato tutto e alla fine del mese mi trasferirò a Roma per iniziare il mio nuovo lavoro. Mi chiedo perciò come sarà vivere all’ombra del cupolone. Forse ‘na crema?

Domandazza: se tu fossi una pellicola, intendo, film, fumetto, documentario, quale saresti? Perché?

Questa è facile. Sarei Heat di Michael Mann. Quel film contiene un corpus concettuale che ho sempre condiviso, e che fa parte della mia identità. Il costante attrito fra Bene e Male, e le infinite sfumature di grigio fra uno e l’altro; il determinismo psicologico dei personaggi, la possibilità o non possibilità di riscatto personale, di redenzione, l’inflessibilità recondita del nostro carattere e la lotta che consegue fra il mondo – che ci rema contro – i nostri difetti, le nostre forze e i nostri nemici.
Sono sempre stato convinto che nessuno cambia mai davvero, al massimo si adatta e combatte, ma i risultati, nonostante le migliaia di variabili in gioco, possono essere soltanto due ogni volta.
O vinci, e solo dopo aver sacrificato tutto, o sacrificando tutto soccombi.
La vita è una vittoria di Pirro infinita, ma il suo fascino sta nel brivido della sfida.


Le tue letture, sono dei classici oppure contemporanei, e tra loro c'è qualche tuo preferito?

Dipende dal mio umore, soprattutto se decido di comprare un testo per leggerlo o per farci “ingegneria inversa”. L’ultimo libro che ho comprato, e l’unico di F.S. Fitzgerald che non avevo ancora letto, è stato Tenera è la Notte. Un classico, quindi, per puro piacere, ma i romanzi che ho invece comprato con in mente l’idea di “studiarli”, per capire meglio come funzioni la creazione di una storia valida, che funzioni, sono innumerevoli. Su questo Stephen King, nel bene e nel male, è sempre stato un punto di partenza – per quanto lo apprezzi più come creatore di storie che scrittore nel senso specifico del termine. In ogni caso ho uno scrittore preferito, sì. E’ lento proprio come me, ha prodotto classici e il suo ultimo libro è del 2014. Parlo di James Ellroy, l’autore che mi ha insegnato a essere parsimonioso quando scrivo, perché tre parole annoiano, ma una uccide.

Siamo in libreria, quella vera, fatta di profumo di carta e colori strabilianti, fatta di silenzio e parole non ancora scritte. Che sensazioni hai quando entri. Vai direttamente al punto che ti interessa, oppure bighelloni in giro per assaporare meglio quel momento? Oppure rimani freddamente appollaiato davanti al tuo pc e compri e_book e libri da quella postazione?

Perdo tantissimo tempo nelle librerie, quando ne ho, ma i libri sono spesso un pretesto. Sono abituato a entrare, chiedere subito al commesso l’autore o titolo che mi interessa e comprarlo.
Il resto del tempo, ad acquisto effettuato, lo passo in giro per gli scaffali. Quand’ero a Bologna trascorrevo anche un paio d’ore al giorno al Libraccio in via Oberdan, e l’odore me lo ricordo ancora, nonostante il tempo trascorso, e non solo quello della carta, ma delle persone, il profumo dei clienti o delle commesse, la musica. Io, come molti altri, ho bisogno di materialità, di vedere e toccare, e in un mondo sempre più liquido “attaccarsi” alla carta rappresenta una sorta di mio personale salvagente. Ovviamente non ho niente contro gli e-book, sia chiaro, ma se devo prendere fra le mani la fatica di un autore, credo sia doveroso alzarmi e camminare fino al negozio.


Domandazza: se tu fossi un venditore di pseudonimi, come ti proporresti al pubblico?

Come venditore di storie. Dietro un nome, anche finto, devono esserci carne, sangue e memorie.
Mi proporrei di creare da zero queste persone, o personaggi, quindi, e soprattutto sarei curioso di vederli in azione mentre “vestono” l’autore che hanno sotto la pelle. Dipenderà poi dai singoli autori cosa farne di quelle nuove identità. E sdoppiarsi non è mai facile.


Par finîr bän la nòstra conversaziån, la classica domanda. Se ti dicessero: "Antonio, hai solo 5 minuti prima che arrivi la fine del mondo" . Cosa porteresti con te?

Una bottiglia di Johnnie Walker etichetta nera. L’apocalisse preferisco berla che guardarla.

Grazie per la tua disponibilià e simpatia.

Isabella :smt006 e...Buona Pasqua.
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8829
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 18/04/2019, 8:19

Una bottiglia di Johnnie Walker etichetta nera. L’apocalisse preferisco berla che guardarla.
Io un Vecchia romagna, etichetta nera, sono d'accordo :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 18/04/2019, 9:05

Una bella banda di ubriaconi...a quanto leggo ahahahah.;-) dovrò organizzarmi e fare domande su superalcolici... :smt030 :smt043
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Draper » 18/04/2019, 11:16

Massimo Baglione ha scritto:
18/04/2019, 8:19
Io un Vecchia romagna, etichetta nera, sono d'accordo :-)
Ho assaggiato tanti amari, ma il Vecchia Romagna mi manca! :D
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Draper » 18/04/2019, 11:17

Isabella Galeotti ha scritto:
18/04/2019, 9:05
Una bella banda di ubriaconi...a quanto leggo ahahahah.;-) dovrò organizzarmi e fare domande su superalcolici... :smt030 :smt043
Ti ringrazio ancora per la bellissima intervista, Isabella. Un brindisi anche a te :)
Immagine

Avatar utente
Angelo Manarola
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 28/11/2011, 17:15
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+5)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Angelo Manarola » 18/04/2019, 11:21

"...se devo prendere fra le mani la fatica di un autore, credo sia doveroso alzarmi e camminare fino al negozio."

Ignoro (essere ignorante è la cosa in cui riesco a dare il meglio di me :-D ) se la citazione è di Luzant oppure se appartiene a qualcun altro, però, cavolo, mi ha colpito. :-)
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Draper » 18/04/2019, 12:07

Angelo Manarola ha scritto:
18/04/2019, 11:21
"...se devo prendere fra le mani la fatica di un autore, credo sia doveroso alzarmi e camminare fino al negozio."

Ignoro (essere ignorante è la cosa in cui riesco a dare il meglio di me :-D ) se la citazione è di Luzant oppure se appartiene a qualcun altro, però, cavolo, mi ha colpito. :-)
Non è una citazione, caro Angelo, è quello che penso. Per questo credo che, al netto delle occasioni in cui l'ebook sia un acquisto obbligato perché unica versione disponibile di un certo testo, andare in libreria per me rappresenti una sorta di micro-pellegrinaggio laico.
Immagine

Avatar utente
Angelo Manarola
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 28/11/2011, 17:15
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+5)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Angelo Manarola » 18/04/2019, 12:23

"...andare in libreria per me rappresenta una sorta di micro-pellegrinaggio laico".

:smt023

Adesso basta citazioni però, sennò un eventuale mio prossimo libro non potrebbe che avere come titolo:
"Luzant Draper, un uomo, una leggenda" :lol: :lol: :lol: :lol:
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8829
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 18/04/2019, 12:57

Draper ha scritto:
18/04/2019, 11:16
Ho assaggiato tanti amari, ma il Vecchia Romagna mi manca! :D
è un brandy! :shock:
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Draper » 18/04/2019, 13:11

Massimo Baglione ha scritto:
18/04/2019, 12:57
è un brandy! :shock:
Lo so, ma alla fine nei ristoranti lo "vendono", per così dire, come fosse un amaro post-pranzo.
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8829
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 18/04/2019, 13:22

Azz!
Protesta, fatti valere! :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 170
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 18/04/2019, 20:07

Isabella Galeotti ha scritto:
18/04/2019, 7:57

L’altro motivo che lega i miei scritti all’arte, invece, ha natura pragmatica. Penso per immagini, quindi partire dalla visione – per poi procedere al contrario – fa parte del mio metodo di scrittura.
Questo conferma l'impressione che ho avuto leggendo i tuoi racconti, che tu sia capace di creare immagini letterarie molto forti e definite, quasi filmiche.
Considerando poi chi citi fra le tue influenze... Ballard, Ellroy e Lovecraft, ognuno a suo modo, tre grandi visionari.
Buona Pasqua a te, Isabella e tutti gli utenti di BA!
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Draper » 18/04/2019, 22:45

Roberto Bonfanti ha scritto:
18/04/2019, 20:07
Questo conferma l'impressione che ho avuto leggendo i tuoi racconti, che tu sia capace di creare immagini letterarie molto forti e definite, quasi filmiche.
Considerando poi chi citi fra le tue influenze... Ballard, Ellroy e Lovecraft, ognuno a suo modo, tre grandi visionari.
Buona Pasqua a te, Isabella e tutti gli utenti di BA!
Grazie a te Roberto per essere passato e Buona Pasqua :D
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Luzant Draper (Antonio)

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 19/04/2019, 10:07

Angelo Manarola ha scritto:
18/04/2019, 11:21
"...se devo prendere fra le mani la fatica di un autore, credo sia doveroso alzarmi e camminare fino al negozio."

Ignoro (essere ignorante è la cosa in cui riesco a dare il meglio di me :-D ) se la citazione è di Luzant oppure se appartiene a qualcun altro, però, cavolo, mi ha colpito. :-)
Di tutte le interviste che ho fatto questa frase ha colpito anche me. :shock:

Colgo l'occasione per augurare a tutto il gruppo una serena Pasqua.
Immagine

Rispondi

Torna a “Interviste e dibattiti con gli autori”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (614,19 KB scaricato 729 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 426 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (288,78 KB scaricato 137 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 470 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 147 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 44

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 184 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 63

La Gara 63 - Treni e stazioni

(marzo/aprile 2017, 30 pagine, 932,81 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone, Mirtalastrega, Daniele Missiroli, Fabrizio Bonati, Angela Catalini, Manuel Crispo, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (932,81 KB) - scaricato 54 volte.
oppure in formato EPUB (762,33 KB) (vedi anteprima) - scaricato 32 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.