Morte d'uno stronzo

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

Il sondaggio termina il oggi, 17:29

1 - non mi piace affatto
2
17%
2 - mi piace pochino
3
25%
3 - si lascia leggere
4
33%
4 - è bello
1
8%
5 - mi piace tantissimo
2
17%
 
Voti totali: 12

FilippoDiLella
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 27/11/2016, 11:24

Morte d'uno stronzo

Messaggio da leggere da FilippoDiLella » 06/04/2019, 17:29

Sono morto.
Sono morto una mattina di giugno sotto qualche goccia di pioggia leggera e sulla poca, poca luce delle sei.
Sono morto a incalcolabili chilometri da casa.
Sono morto in una guerra stupida voluta da chi ha più soldi, potere e ambizioni di quante io ne abbia mai possedute o di quante ne avrei mai volute; sono morto in nome della mia terra, dicono, dicono che sono morto per il mio popolo, faranno di me un esempio, un martire, forse una statua in qualche piazza imboscata chissà dove.
Manca solo lo sfottò d'essere morto per la libertà...la libertà non è prendere un fucile e sparare per primi...poi dicono...fanno, pianificano...intanto io sto qui, steso, pacifico e sorrido sangue dopo tanta strage.
Il mio reggimento è stato annientato da un raid notturno delle milizie di resistenza, hanno attaccato nelle ore più buie della notte, hanno aspettato un cielo nuvoloso affinché nessun astro li tradisse con la sua luce indiscreta e spietata, hanno pianificato con la freddezza d'un lupo, sapevano dove colpire e come.
Non c'era scampo da nessuna parte, solo proiettili, solo fuoco, solo morte.
Combattevano per la libertà?
Combattevano per il loro dio dalle sei teste di scimmia?
Che importa per cosa combattessero, combattono o combatteranno, io sono morto e si muore con la testa piena di domande stupide, piena della consapevolezza inutile della stupidità del tempo.
Mi manca mia madre, mia moglie, mi manca perfino il sorriso cattivo del barista quando saldo il conto e mi mancano le mattine fresche di quando ero bimbo, un bicchiere di chinotto col ghiaccio, il volo leggiadro ed etereo d'una libellula verde.
Che cos'è la libertà?
Dove sono andate a finire tutte le cicale e il loro canto?
Voglio tornare vergine, forse riuscirei a capire che cosa cazzo è la "bellezza" di cui tutti si riempiono la bocca a sproposito, vorrei vivere da stupido, vorrei vivere.
Che importa? Mi aspetta una bara e dei funerali di stato, mi aspetta una medaglia, mi aspetta un'eternità fatta di nulla.

Sono morto in un mattino di giugno sotto una pioggia leggera con in mano un fucile e un ricciolo di sole, sono morto dopo una vita del cazzo.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 262
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 06/04/2019, 20:33

mah, l'idea è abbastanza abusata, quindi non è una storia di nuovo genere.
ci sono delle belle frasi, significative e illuminanti, in grado di mostrare la scena, quindi ciò è positivo.
però lo trovo molto retorico, scusami.
non avertene, è solo la mia impressione.
un appunto: dopo i tre puntini... va uno spazio. per il resto non ci sono errori.
alla prossima
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 06/04/2019, 20:48

Racconto che si legge velocemente, effettivamente anche per me sembra che siano state usate diverse frasi un po troppo retoriche. Certo per chi muore in guerra non ha importanza se si è dalla parte giusta o dalla parte sbagliata, si muore e basta. E per la maggioranza dei morti in battaglia non ci sono funerali di stato o medaglie, come sembra essere certo di ricevere, in questo caso, il protagonista del racconto.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

FilippoDiLella
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 27/11/2016, 11:24

Re: Morte d'uno stronzo

Messaggio da leggere da FilippoDiLella » 07/04/2019, 0:19

Anzitutto, un caloroso grazie per le impressioni, le critiche e i riscontri che ho ricevuto fin'ora e che riceverò (se ce ne saranno altri) da parte di tutti coloro che hanno speso del tempo (o lo spenderanno) in questo mio modesto scritto.
In secondo luogo, spero vivamente di migliorare il contenuto e la forma proprio attraverso il confronto con autori più esperti e le loro opere; auguro a tutti una buona scrittura e un'ottima lettura.
Un caloroso saluto!

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 40
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 07/04/2019, 10:53

E' il secondo racconto in questa gara che leggo sulle critiche alla guerra, evidentemente va di moda :lol:
Sicuramente qui ci sono un po' di retorica, di frasi fatte, di luoghi comuni antibellici... e tuttavia la rabbia del protagonista/voce narrante che traspare è vibrante, è tangibile, è vera, così come lo è il rimpianto di quel mondo che ha lasciato a casa propria e che, ahilui, non potrà rivedere. E' una prosa "di pancia", un amaro sfogo che sgorga dal cuore più che una narrazione, e forse proprio per questo mi piace.
Immagine

Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 157
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 07/04/2019, 19:24

Più che un racconto un’invettiva accorata contro la guerra.
Concordo con altri che hanno già commentato, c’è un po’ di retorica, ma d’altra parte il tema si presta all’enfasi e ai luoghi comuni.
L’ultimissima frase cozza (anagramma facile facile ;-)) con la parte in cui parli delle cose che ti mancano, in fondo la vita non era proprio male…
Scritto bene e con linguaggio adeguato, nient’altro da segnalare riguardo alla forma.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 07/04/2019, 22:59

Racconto di rapida lettura, diretto, senza fronzoli. Tratta un tema triste: la guerra con tutte le sue atrocità. Sì, probabilmente contiene frasi e pensieri già ampiamente utilizzati per argomenti come questo ma, penso che sarebbe stato difficile trovarne altri. C'è poco da dire e da aggiungere dinnazi ad una morte così, voluta da altri... Ecco, avrei evitato, nel titolo, la parola stronzo. Mi pare che il poveretto, almeno da parte dell'autore di questa narrazione, avrebbe avuto tutto il diritto di non essere definito tale: povero morto, invece, mi vien da dire.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 18/04/2019, 9:03

Se l'autore voleva catturare l'attenzione con il titolo, credo ci sia un piccolo malinteso. Qui i racconti vengono letti tutti, o quasi. Proprio da lì, io non l'avrei letto. L'argomento è la guerra. Problema delicato, e ampiamente discusso. Le riflessioni si perdono nella notte dei tempi. Il racconto scorre bene.
Immagine

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 23/04/2019, 15:47

Diverse considerazioni e riflessioni, in parte condivisibili e in parte no ma comunque sempre molto confuse, tenute insieme da un filo sottile che nel finale diventa sottilissimo.
La confusione ideologica è un tratto distintivo dei racconti moraleggianti che fin qui ho letto.
Pochi appunti formali. Dopo i puntini di sospensione ci vuole uno uno spazio. Le milizie sono della resistenza. Consiglio moderazione nell'uso degli aggettivi.

A presto

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 27
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/04/2019, 22:12

Ciao, mi piace lo stile incalzante, poetico, arrabbiato del tuo racconto. Trovo che sei riuscito a narrare dei pensieri che possono verosimilmente passare per la testa di un uomo che perde la vita e che in questa perdita non riesce a trovare un senso. Il linguaggio rispecchia questi sentimenti e quindi penso sia adeguato e studiato per esprimerli al meglio.

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi » 02/05/2019, 20:53

Un buon racconto che ha il sapore di una dura riflessione sulla cruda realtà di ogni guerra. Lo scritto è incalzante e quasi rabbioso, e questo è il maggior punto di forza dell'opera. Il tema piuttosto abusato e alcune frasi cariche di retorica mi fanno storcere un po il naso, ma nel complesso la mia valutazione è buona.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 142
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 17/05/2019, 14:11

La guerra, come qualsiasi altra manifestazione concreta ed estrema delle potenzialità devastanti dell'umanità, è soggetta alla retorica e purtroppo qui ce n'è tanta. L'impostazione stessa del racconto, basata sul topos del "morto che parla" è trita, come l'argomento, ma a prescindere dalla forma (l'invettiva) e dall'organizzazione della storia, che scorre molto bene (a parte gli errori già segnalati da Antonio Ciola e Fausto Scatoli), il punto è un altro. In questo "morte d'uno stronzo", nonostante i difetti, ci ho visto personalità e se tale personalità traspare anche quando i contro sono più dei pro, penso sia un'ottima cosa.

L'unico consiglio che mi sento di darti, da autore ad autore, per evitare di cascare nelle trappole del pietismo, della retorica o di scelte inflazionate, è pensare come una persona. Se vuoi che il lettore si immedesimi in ciò che fai, tu devi immedesimarti in quello che scrivi.

La guerra è brutta. Ok. La guerra è stupida. Benissimo. In guerra non ci sono né vincitori né vinti. Vero. Ma il dramma della guerra non è questo, come il dramma di una violenza sessuale non termina nella violenza in sé. Siamo uomini, siamo persone, devi pensare alla guerra come a un dramma prima di tutto legato alla tua dimensione di essere vivente. Non scegli cosa mangiare, puoi non ricevere alcun tipo di posta, il tempo, persino la nebbia, sono tuoi nemici (oltre a quelli che aspettano di ucciderti). Hai mai pensato a come e dove si lava un soldato al fronte? Dove fa i suoi bisogni? Alla sua sessualità? Queste sono urgenze con cui bisogna fare i conti tutti i giorni, senza contare che la tua vita dipende da un attrezzo - un'arma - che se hai pulito male o per qualche motivo decide d'incepparsi, ti condanna senz'appello.

Perciò il mio consiglio, per la prossima volta, è questo: pensa come una persona. Che tu voglia raccontare di violenza, di guerra, di paternità, pensa agli stimoli, ai caratteri e alle conseguenze di ciascuna azione. E' un lavoraccio, ma va fatto.

A rileggerti.
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 66

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 38 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 26 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 33

La Gara 33 - Dica 33!

(settembre/ottobre 2012, 55 pagine, 711,52 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, , Ser Stefano, Monica Porta may bee, Nathan, Skyla74, Licetti, Roberta Michelini, Cordelia, Tuarag, Mastronxo, Paride Bastuello, Isabella Galeotti, Angela Di Salvo, Lorella15, Recenso,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (711,52 KB) - scaricato 136 volte.
oppure in formato EPUB (856,50 KB) (vedi anteprima) - scaricato 200 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 54

La Gara 54 - Sotto il cielo d'agosto

(agosto/settembre 2015, 24 pagine, 1,66 MB)

Autori partecipanti: Laura Chi, Annamaria Vernuccio, Alberto Tivoli, Angelo Manarola, Ida Dainese, Skyla74, Patrizia Chini, Eliseo Palumbo,
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (1,66 MB) - scaricato 102 volte.
oppure in formato EPUB (259,51 KB) (vedi anteprima) - scaricato 158 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Dieci

Dieci

antologia di opere ispirate dal numero dieci, in omaggio al decimo compleanno dell'associazione culturale BraviAutori.it

Non amiamo l'auto-celebrazione, tuttavia ci è piaciuto festeggiare il nostro decimo compleanno invitando gli autori a partecipare alla composizione di un'antologia di opere di genere libero che avessero come traccia il numero 10. Ventidue autori hanno accettato l'invito e ciò che ci hanno regalato è stato confezionato in queste pagine.
Con la presente antologia abbiamo voluto ringraziare tutti i collaboratori, gli autori e i visitatori che hanno contribuito a rendere BraviAutori.it ciò che è oggi, e che continuerà a essere finché potrà.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuseppe Gallato.

Contiene opere di: Ferruccio Frontini, Giuseppe Gallato, Mirta D, Salvatore Stefanelli, Gabriella Pison, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Francesca Gabriel, Francesca Santucci, Enrico Teodorani, Gabriele Ludovici, Martina Del Negro, Alessandro Borghesi, Cristina Giuntini, Umberto Pasqui, Marezia Ori, Fausto Scatoli, Arcangelo Galante, Giorgio Leone, Fabio Maltese, Selene Barblan, Marco Bertoli.
Vedi ANTEPRIMA (184,15 KB scaricato 52 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Intellinfinito (un passo avanti)

Intellinfinito (un passo avanti)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Questo libro è il seguito di "Un passo indietro". Come il primo, è autoconclusivo.
"Esistevano davvero, gli dèi. Ma non erano dèi. Non lo erano stati per un'oscura volontà divina, ma lo erano semplicemente diventati mediante un'accanita volontà terrena di sopravvivenza".
L'Evoluzione umana (e non) come non l'avete mai immaginata.
Un romanzo postumano e transumano che vi mostrerà un futuro che forse non tarderà a divenire.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (206,96 KB scaricato 53 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (257,26 KB scaricato 39 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.