Intervista a Fabrizio Bonati

Area dedicata alle interviste con gli autori che sono diventati famosi o che hanno capito come uscire dall'ombra. In questa sezione ci si potrà dare appuntamento per discuterne con loro.
Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 253
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 04/04/2019, 7:56

Ciao al gruppo di lettori del forum.
Per questo giovedì ho incontrato, virtualmente, un gareggiatore con la G maiuscola, in tutti i sensi. Vi presento Fabrizio Bonati.

Ciao Fabrizio, ti ringrazio per la gentilezza e cordialità.

Ciao Isabella, grazie a te per l’ospitalità .

La prima domanda si ripete in quasi tutte le interviste.
Per chi scrivi? Perché?

Eh, per chi scrivo... per me, principalmente. Ho iniziato a pensare di scrivere un libro parecchi anni fa, avevo in mente questa storia, ma non trovavo mai la voglia, la concentrazione giusta, il motivo giusto. Poi ci sono stati un po’ di stravolgimenti nella mia vita, non ultimo quello di avere avuto la diagnosi definitiva di Sclerosi multipla, altre vicissitudini, e complice anche il trasloco, mi trovavo ad avere del tempo per scrivere. Allora ho iniziato. E sebbene passino anni tra un libro e l’altro, non ho mai smesso. Scrivere è un modo per estraniarsi dalla realtà, è liberatorio. Quando scrivo sono quasi in una bolla zen. Alle volte trovo un concorso letterario che mi ispira, di solito per racconti brevi, allora butto giù un raccontino, e lo mando. Il tutto in poco più di un'ora...

Ho letto che hai già pubblicato qualche libro. Le domande che seguono sono inerenti proprio a questo.
 
- Ci puoi svelare, come stendi il tuo incipit? Le prime righe sono fondamentali. Quando lo
componi pensi più all'editore, oppure al futuro lettore?

Di solito non penso a nessuno. Funziona così: mi viene in mente una situazione, la butto sulla carta e la cristallizzo, e da lì inizio a scrivere il prima e il dopo.
Sono molto anarchico, non faccio scalette ne schede. Vado a ruota libera. Quando poi rileggo, dopo la prima stesura, integro, sistemo eventualmente date, età delle persone, nomi. Penso al finale, lo rileggo e lo cambio fino a che non mi soddisfa. Allora poi mi focalizzo sull’incipit, e penso se potrebbe piacere a un potenziale lettore. Magari cerco un beta reader, anche se non è facile. 
All’editore... no, non penso a lui. Sarà per quello che molti di loro non mi considerano! :-)


- Ora la scelta della copertina. Ti affidi a una font, oppure hai altre fonti d'ispirazione?

Per il primo libro, non avevo una idea che fosse una. Mi presentai dall’editore (si doveva andare da lui per editare) senza uno straccio di idea. Trovò lui l’immagine che poi divenne la copertina. Dopo... ho scoperto Pixabay! Cerco immagini che possano essere attinenti alla storia, ed essendo libere da copyright, uso quella che mi va di più. Per l’ultimo libro che ho pubblicato, l’editore molto democraticamente ha deciso di sua iniziativa, senza consultarmi, perché le copertine devono rispecchiare la linea della collana di cui fanno parte. Fortunatamente mi piaceva... In generale però le immagini per le copertine sono una sofferenza, per me. Quando nella gare Letterarie di BA era obbligatorio inserire una immagine, ogni volta era una pena! Cionostante, nell'ultima gara cui ho partcipato, l'immagine l'ho messa comunque.
 
- Per terminare, cosa ne pensi del Self Publishing?
 
Sono un patito del "fai da te"! A casa mia faccio tutto io, quello che riesco. Ah, no, ti riferivi al mondo dell'editoria... Io ho pubblicato in self il mio secondo libro, ma l'ho fatto perchè era una storia molto particolare, una sorta di autobiografia, e non pensavo potesse interessare a qualcuno. Tant'è che l'ho pubblicato solo in e-book, e dopo sei anni ancora non mi ha portato a casa neanche una pizza! In generale non sono contrario per principio, meglio il self che pagare per pubblicare, però per come sono fatto, non va bene. Io sono negato per la promozione, ma proprio N E G A T O, quindi avrei bisogno di un vero e proprio ufficio stampa, cosa che in self o con i piccoli editori, anche ammesso che non siano degli "scappati di casa", non esiste. Diciamo così: per il prossimo romanzo, che sto prendendo estremamente con calma, se non sarà con un editore medio-grande, lo pubblicherò in self, al massimo lo prenderanno pochi amici, ma non mi sarò fatto il sangue amaro.
Che poi, diciamocelo: un piccolo editore ti pubblica, se va bene fa l'editing, ma non è così scontato, ti da BEN due copie gratis, se ne vuoi altre te le da scontate (grazie), ma le devi pagare prima, e "non prendermene solo dieci, se no mi mangio il guadagno". E poi non ha distribuzione, e le persone vanno in libreria e si sentono dire che non esiste. Ha senso? A quel punto vado in self, e pace.


Domandazza. Quante zampe ci sono nella tua vita?

Dodici, ho una bassotta nana, una gatta e un altro bassotto. Ti danno tanto, molto di più di tanti umani...
Beh poi nello stesso cortile c'è un altro bassotto, e due American Staffordshire Terrier, ma quelli non li gestisco io direttamente, anche se ovviamente non perdo occasione per giocarci, soprattutto con gli Amstaff.

 
Nella nostra vita incrociamo le anime di molte persone. Ne hai catturata qualcuna e intrappolata tra le tue righe?

Questa è una domanda ambivalente: la risposta più corretta è si, ma in realtà una sola persona, che è già mancata, ha un riferimento chiaro ed evidente , nell'ultimo mio libro pubblicato. Un signore che veniva a fumarsi una sigaretta con me, quando andavo a fare manutenzione all'ascensore di casa sua (nella vita, per mangiare faccio l'ascensorista), convinto che tutti gli ascensoristi, o quantomeno tutti quelli che erano passati da li, fossero dei tabagisti. Io però non fumo...
 La risposta che darebbero alcune persone di mia conoscenza, invece, è che io racconto solo cose che ho vissuto in prima persona. Spiego: all'uscita del mio primo libro, io tutto orgoglioso rompo le palle a T U T T I. Dopo avere notato certi atteggiamenti strani, scopro che un coppia di "amici", con cui io e mia moglie eravamo molto affiatati, si erano convinti che la storia fosse autobiografica, e quindi  io vagheggiavo di "farmi" la signora in questione. Non pago, l'avevo pure messo nero su bianco e pubblicato, cosicchè la mia pseudo-infatuazione andasse per il mondo. Talmente convinti da dirmelo in faccia, solo dopo averlo spammato per bene a tutta la cerchia di quelli che credevo amici, che se la sono bevuta.


Domandazza. Nella tua città hai un luogo d'ispirazione, un angolo di raccoglimento?

Si e no. Vado molto a raptus, quando mi viene in mente una traccia, dovunque sono recupero della carta e la scrivo. Se proprio non trovo la carta, scrivo una bozza di e-mail sul cellulare, ma non è la stessa cosa. Il luogo deputato per eccellenza allo scrivere è il mio ufficio, dove vedo una parete grigia in melamminico, e poco altro. 

Qual è il tuo momento migliore di scrittura, e perché.

Sarò ripetitivo, ma do il meglio di me in ufficio, nella pausa pranzo. Ma non perchè sia il mio ufficio in quanto tale, piuttosto perchè sono da solo, non c'è praticamernte niente e nessuno che mi distrae, quindi produco in maniera proficua. Alcune volte ho provato a scrivere la sera, ma i rumori dei bambini che guardano la TV, il cane o il gatto che vogliono uscire, il camino da caricare, la stanchezza della giornata, troppe cose che giocano contro. 

Ora qualche domanda come lettore.
 
Come scegli un libro? Dall'autore, dalla copertina dall'incipit ecc.

Dall'autore senza dubbio. Ci sono autori, cito per esempio John Grisham, di cui ho letto tutto almeno due volte, tranne un libro che non ho proprio comprato, perchè non mi ispirava. Altrimenti cerco su Amazon qualche titolo a buon prezzo,  nel genere Thriller, legal thriller, poliziesco, avventura, noir o horror, leggo la trama, e decido se scaricarlo o no. E si, negli anni mi sono "dato" molto all'e-book, nonostante il profumo della carta sia sempre un plus.
 
Ultima domadazza: se tu fossi un lago, come saresti?

Direi placido e tranquillo, ma con il suo mistero. Tipo il Lago di Lockness. 

Per terminare la classica delle mie domande.
Se ti dicessero: "Fabrizio hai solo 5 minuti per scappare da qui " oltre i propri cari, cosa porteresti per sempre con te?
 
Nei propri cari includo anche i cani e il gatto, e comunque mi porterei un paio di libri, direi i miei preferiti in assoluto. "Il momento di uccidere" di Grisham e " L'ombra dello Scorpione " di S.King.
 
Grazie Fabrizio per la disponibilità e la cura nelle risposte.

Grazie ancora a te.
 
Ciao Isabella.
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8897
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 04/04/2019, 8:19

...no, non penso a lui. Sarà per quello che molti di loro non mi considerano!
ahahaha bellissima! :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 04/04/2019, 13:41

Neh si? 🤣🤣🤣🤣

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 05/04/2019, 14:29

Trovare il tempo per scrivere è sempre arduo... peraltro sembra una congiunzione astrale, quando arrivano le buone idee si moltiplicano gli impegni :)
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 253
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 05/04/2019, 18:28

Gabriele Ludovici ha scritto:
05/04/2019, 14:29
Trovare il tempo per scrivere è sempre arduo... peraltro sembra una congiunzione astrale, quando arrivano le buone idee si moltiplicano gli impegni :)
Forse, perchè più abbiamo impegni e ci dobbiamo organizzare e più il nostro cervello elabora, e le idee arrivano a pioggia? A volte siamo noi le nostre storie.. :shock:
Immagine

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 05/04/2019, 20:38

:( :(
Gabriele Ludovici ha scritto:
05/04/2019, 14:29
Trovare il tempo per scrivere è sempre arduo... peraltro sembra una congiunzione astrale, quando arrivano le buone idee si moltiplicano gli impegni :)
Decisamente... :?

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 05/04/2019, 20:40

:roll:
Isabella Galeotti ha scritto:
05/04/2019, 18:28
Forse, perchè più abbiamo impegni e ci dobbiamo organizzare e più il nostro cervello elabora, e le idee arrivano a pioggia? A volte siamo noi le nostre storie.. :shock:
Può essere, in effetti le migliori idee mi vengono quando sono particolarmente sotto tiro... :cry:

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 05/04/2019, 21:59

Vero, capita anche a me, quando la mente è sotto pressione mi vengono le idee migliori, poi me ne dimentico :lol: Ciao Fabrizio, bella intervista.

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 07/04/2019, 21:39

Ciao Roberto, grazie!

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 221
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 09/04/2019, 0:25

Anche a me è piaciuta la tua intervista, ciao Fabrizio

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Fabrizio Bonati

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 09/04/2019, 8:37

Ciao Laura, grazie!

Rispondi

Torna a “Interviste e dibattiti con gli autori”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

(agosto/settembre 2011, 85 pagine, 1,87 MB)

Autori partecipanti: Marco Marulli, Silvia Marulli, Licetti, Tania Maffei, Polissena e Sabina, Lucia Manna, Erania Pinnera, Nathan, Ritavaleria, Cordelia, Daniela Piccoli, Elisar, Alessandro, Conrad, Morgana Bart, Aleeee76, Skyla74, Mastronxo, Angela Di Salvo, Nevestella, Giosep, Parolina, Skyla74.
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,87 MB) - scaricato 611 volte.
oppure in formato EPUB (655,20 KB) (vedi anteprima) - scaricato 180 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 47 - Virus

La Gara 47 - Virus

(luglio 2014, 39 pagine, 542,17 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Carlocelenza, Ser Stefano, Angelo Manarola, Nunzio Campanelli, Mastronxo, Anto Pigy, Annamaria Vernuccio, Matteo Bottaro, Maddalena Cafaro, Eliseo Palumbo.
a cura di Patrizia Chini (con la supervisione di Lodovico).
Scarica questo testo in formato PDF (542,17 KB) - scaricato 160 volte.
oppure in formato EPUB (704,54 KB) (vedi anteprima) - scaricato 239 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P., Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol.
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 425 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 180 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (382,46 KB scaricato 164 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 203 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 229 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.