La foresta di Nightshade

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
19%
3 - si lascia leggere
7
44%
4 - è bello
4
25%
5 - mi piace tantissimo
2
13%
 
Voti totali: 16

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

La foresta di Nightshade

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi » 02/04/2019, 20:11

Avrei dovuto dar retta ai consigli di quegli uomini. Ero troppo curioso e cocciuto per ascoltare il parere di quelle persone e a ripensarci ora quello fu un gravissimo errore, forse il più grave della mia vita.
Mi trasferii a Nightshade Hill all’incirca un anno fa e adorai fin da subito la mia nuova sistemazione: una stupenda capanna in legno, dotata di ogni tipo di comfort e distante dal frastuono delle grandi città. Da molti anni sognavo di stabilirmi in un luogo tranquillo, dove poter far pace con me stesso e ritrovare la serenità perduta tempo addietro. Appena la vidi capii che quel luogo avrebbe fatto al caso mio; l’enorme bosco situato a pochi metri dal capanno avrebbe fatto da cornice perfetta alle mie ore di meditazione. Fu proprio con quel bosco che non feci i conti.
Non appena mi sistemai nella mia nuova abitazione, ricevetti una visita inaspettata: un piccolo gruppo di anziani vissuti in quel paese da una vita intera, che oltre ad un caloroso benvenuto, mi dispensarono anche alcuni avvertimenti in cui colsi una nota di sincera apprensione. In un primo momento non riuscii a comprendere il motivo di un così grande interesse per la mia incolumità; piano piano però le loro parole mi misero di fronte a realtà inquietanti. Rimasi colpito dal tono perentorio con cui mi vietarono categoricamente di avvicinarmi al bosco poco distante dalla mia abitazione. Fui messo al corrente delle leggende che da secoli si narravano riguardo la foresta di Nightshade, meglio nota come “la foresta delle illusioni”. Ascoltai rapito per ore i loro racconti fantastici, e al termine di quella discussione quasi surreale, mosso dal banale istinto della curiosità presi una decisione: malgrado gli ammonimenti di quegli uomini dovevo spingermi tra quegli alberi infestati da secoli di storie e paure.
In un’afosa giornata d’agosto imboccai il vialetto fuori casa e in pochi passi mi gettai alle spalle le parole dette soltanto pochi giorni prima da quegli uomini anziani, e iniziai la mia escursione tra fronde e radici di magnifiche piante secolari, che trasudavano suggestioni antiche, e che mi diedero il loro benvenuto in quella foresta maledetta. Con me portai soltanto uno zaino con poche provviste e uno specchietto da viaggio, appartenuto alla mia defunta moglie e che consideravo il mio talismano; se le storie raccontatemi fossero state vere avrei certamente avuto bisogno di un portafortuna.
Dopo un paio d’ore di cammino cominciai a nutrire le prime serie preoccupazioni: nonostante avessi ormai percorso diversi chilometri in quell’intrico di vegetazione, il bosco sembrava presentarsi sempre allo stesso modo, con gli stessi alberi, le stesse pietre e gli stessi segni a terra sul percorso, quasi che la foresta mutasse ad ogni mio passo, per rendersi sempre uguale e trascinarmi verso la disperazione. Ripensai alle parole di qualche giorno addietro pronunciate dai miei anziani ospiti: quel luogo era anche chiamato “la foresta che cambia”. Vagabondando in quel luogo sempre uguale colsi il senso di quel nome.
Non passò molto tempo che iniziai a notare delle inquietanti presenze nascoste fra la vegetazione: degli occhi mi scrutarono con sguardi fugaci tra le fronde dei bassi cespugli. Mi dissi che doveva sicuramente trattarsi di animali selvatici, ma le storie che mi furono narrate giorni prima misero in dubbio anche quella certezza. Le mie sicurezze vacillarono nuovamente quando vidi apparire tra gli alberi le maestose corna di un grosso cervo: poteva trattarsi di uno dei tre guardiani della foresta di cui parlavano le antiche leggende. A lui si unì subito un lungo serpente, le cui squame brillarono di mille colori accecanti. Il viscido rettile strisciò tra i miei piedi per poi puntare in direzione del grosso cervo, che ancora mi fissava con sguardo inquisitorio.
Qualcosa nella mia mente mi spinse a seguire quella bizzarra coppia di animali, che sembrava condurmi in anfratti non ancora esplorati di quel bosco, per nulla intimoriti dalla mia presenza.
Mi condussero fino ad antiche mura di pietra, infestate da muschi e rampicanti. Timidi raggi solari filtrarono tra la fitta cortina di fogliame sopra la mia testa illuminando i resti di quello che un tempo fu il monastero del bosco. Riconobbi quel luogo all’istante; la descrizione fornitami dal gruppo di anziani corrispondeva perfettamente con le rovine davanti i miei occhi. Da quei ruderi apparì la conferma a tutte le suggestioni e misteri che si addensavano su quel luogo leggendario: la sacerdotessa del bosco, vestita nel suo abito bianco con il viso velato a nascondere due splendidi occhi celesti come il cielo d’estate. Insieme alla donna fece la sua comparsa una piccola volpe dal pelo fulvo e una lunga e fluente coda. Il cervo, il serpente e la volpe, i tre guardiani del bosco di Nightshade, come narravano da tempo immemore i vecchi abitanti del paese. I tre animali accerchiarono la donna ed iniziarono a dissolversi lentamente, come spettri in una storia di fantasmi. La sacerdotessa iniziò la sua trasformazione e in un attimo mi si presentò sotto la sua forma più inquietante: grossa corna di cervo troneggiavano sul suo capo velato, mentre una lunga coda volpina fendeva l’aria con decisione. Spalancò la sua bocca e vidi due lunghe zanne di serpente sporgere dietro la trasparenza del suo velo bianco. Mi fissò non più con dolci occhi azzurri, bensì attraverso il rosso sguardo di un rettile pronto all’attacco. Le sue fauci si spalancarono a dismisura e nella mia mente udii il suo richiamo irresistibile, lo stesso che aveva attirato centinaia di esploratori che mai più avevano fatto ritorno. Riuscii a mantenere la calma, nonostante la tentazione di quella donna fosse fortissima: sarei diventato la sua preda o me la sarei cavata in qualche modo. Poi all’improvviso un nome sfiorò i miei pensieri: i vecchi non avevano forse chiamato quel luogo anche“la foresta delle illusioni”? Voltai le spalle all’essere che bramava la mia vita, ed estrassi dallo zaino lo specchio da viaggio di mia moglie. Sentii lo scalpiccio concitato dei passi furenti della donna dietro di me. Si avvicinò sempre di più e fu allora che sollevai lo specchio davanti a me; guardai la mia immagine riflessa e cercai di individuare alle mie spalle quell’inquietante creatura. Nulla. Soltanto un illusione che il mio specchio finì per svelare in poco meno di un attimo. Una realtà illusoria in fondo non poteva riflettere la propria immagine in nessun modo. Chiusi gli occhi e una fredda corrente mi gelò il sangue nelle vene, da testa a piedi. I miei nervi tesissimi si rilassarono e caddi addormentato. Mi risvegliai dopo un tempo imprecisato, davanti al sentiero che conduceva all’ingresso della foresta. Strinsi forte tra le mani il mio talismano, ogni illusione era svanita.
Quasi un anno è passato da quel giorno ed oggi posso dire con certezza che le storie che da sempre si narrano a Nightshade Hill sono reali. Le leggende tramandate nei secoli prendono vita e si concretizzano tra intrecci di radici e alte fronde che schermano i raggi solari. Celata in un’illusione di verdi arbusti secolari, la grande sacerdotessa bianca attende i visitatori e li attira nella sua trappola di tentazioni. I tre guardiani della foresta, suoi messaggeri, accolgono i malcapitati e li guidano tra le fauci della donna a cui prestano eterno servizio. Non c’è via d’uscita per chi entra là dentro. Anche la salvezza non è altro che un illusione e lo stesso vale per me. Nella mia mente non sono mai uscito da quella foresta; il richiamo di quella donna è ancora troppo forte e sempre più irresistibile.

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 03/04/2019, 12:40

Il primo autore che mi hai fatto venire in mente è l'immortale maestro dell'orrore Lovecraft, con le sue atmosfere sospese tra sogno e incubo (almeno finché non precipitano verso quest'ultimo) e le sue antiquate località del New England che nascondono indicibili orrori. Bello anche il finale, un "lieto fine" che tanto lieto non è perché l'incontro con l'ignoto e l'orrore lasciano tracce indelebili e non necessariamente fisiche su chi ne è protagonista.
Immagine

Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 03/04/2019, 19:30

non male. storia a metà tra fiaba e fantasy, con elementi surreali e horror a supporto.
si lascia leggere con piacere, e questo è un punto a favore.
però devo segnalare qualche refuso, pochi, e alcuni errori di punteggiatura.
oltre a ciò mi permetto un consiglio, se così lo possiamo chiamare: vai a capo un po' più spesso e rompi quel muro di parole che il lettore si trova davanti. lo faciliterai e lo inciterai alla lettura.
alla prossima
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 03/04/2019, 20:58

Il racconto mescola sapientemente molti generi. L'autore è stato assai bravo a creare le giuste ambientazioni che spaziano tra fantasy, orror e suspence. Il narrato, pur non breve, si legge facilmente: cattura senza annoiare. Il mio parere è positivo.
Ultima modifica di Laura Traverso il 15/04/2019, 16:09, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 170
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 05/04/2019, 22:05

Racconto fantasy gradevole dal plot abbastanza tradizionale, lo stile è un po’ ridondante per i miei gusti ma, tutto sommato, adeguato al genere. Il finale, con quella sorta di maledizione, è la parte migliore.
Segnalo alcune incongruenze logiche, ad esempio: “…la sacerdotessa del bosco, vestita nel suo abito bianco con il viso velato a nascondere due splendidi occhi celesti come il cielo d’estate.”
Sono celati? Come si può apprezzare il loro colore?
Abbondanza di eufoniche e di spazi doppi.
Il punto debole forse risiede nella brevità del testo, che avrebbe meritato uno sviluppo maggiore, così obbliga a fornire a posteriori qualche informazione sulle leggende della foresta, tipo i vari nomi che le vengono attribuiti, magari era meglio inserirle nei racconti iniziali degli abitanti del posto, messe in questo modo mi sembrano un po’ posticce, come i più volte ripetuti riferimenti alla lunga tradizione di magia di quel luogo, incongruenti con un personaggio che vi abita da breve tempo.
Scusa ma in questa forma il racconto non mi ha colpito più di tanto.
Ultima modifica di Roberto Bonfanti il 23/04/2019, 12:31, modificato 1 volta in totale.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La foresta di Nightshade

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 18/04/2019, 8:41

Storia carina la si legge velocemente. È un insieme di stili, ma comunque scorrevole. Secondo me bisognava approfondirla meglio. Raccontare meglio il personaggio, ma forse diveniva troppo lungo il racconto. l'idea dello specchietto, mi è piaciuta molto.
Immagine

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 18/04/2019, 22:09

Racconto di genere fantasy-horror, che nonostante non sia brevissimo si legge con piacere. Anzi forse il racconto poteva essere sviluppato in modo molto più ampio per apprezzarne l'atmosfera. Certo la trovata dello specchietto è comunque una idea più da fiaba che da racconto horror.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

commento

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 21/04/2019, 14:32

Molto carina e scorrevole e, soprattutto, senza una ricerca forsennata di termini inutilmente aulici. Mi piace. Mi ricorda quasi un brevissimo racconto che scrissi anni fa, ovviamente questo è scritto decisamente meglio.
Ultima modifica di L.Grisolia il 21/04/2019, 16:30, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8829
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: La foresta di Nightshade

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 21/04/2019, 16:19

Ricordatevi di specificare "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara, altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 23/04/2019, 12:17

Non è il mio genere. A ogni modo, proverò a suggerirti qualcosa che ritengo utile.
"stupenda capanna in legno, dotata di ogni tipo di comfort e distante dal frastuono delle grandi città."
Evita periodi di tale tenore, sembrano fornire informazioni di tipo pubblicitario, perché cariche di aggettivi e descrizioni neutre o valide per tutte le situazioni, e pertanto mal si sposano con la letteratura.
Di periodi di tal genere ne trovi altri nel racconto.
"Si avvicinò sempre di più e fu allora che sollevai lo specchio davanti a me; guardai la mia immagine riflessa e cercai di individuare alle mie spalle quell’inquietante creatura."
Qui, invece, aggettivi, verbi e avverbi appesantiscono il periodo senza aggiungere nulla di interessante.
Io avrei scritto: Si avvicinò, e fu allora che sollevai lo specchietto; dal rilesso cercai d'individuare la creatura alle mie spalle.
I periodi devono essere leggeri, snelli, rapidi, incisivi. Lavora sulle parole e sul lessico.
A presto.

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/04/2019, 22:22

Ciao, a mio parere il tuo racconto è scritto bene ma lo trovo poco appassionante e coinvolgente. Mi sembra troppo lineare, anche quelli che dovrebbero essere dei colpi di scena si mescolano al resto della narrazione. Anche il protagonista rimane anonimo, quando invece, secondo me, dovrebbe avere una maggiore importanza. Comunque scorrevole e ben strutturato.

N.B. Panigale
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/05/2019, 20:18

Commento

Messaggio da leggere da N.B. Panigale » 15/05/2019, 14:59

Come è già stato fatto notare, il racconto richiama molto i contenuti di Lovecraft, tuttavia, non ho trovato la profondità del grande autore (sarebbe davvero complicato riuscire nell'intento). Il risultato è un buon racconto che ho trovato molto scorrevole e affine ai miei gusti.

Teseo Tesei
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 30/05/2019, 22:11

Non hai provocato il brivido. Nella scena della sacerdotessa con poco avresti potuto tenere il lettore con il fiato sospeso, colpendolo con un colpo di scena sia salvando il personaggio che condannandolo. Anche nell'ultimissima scena mi aspettavo qualcosa di simile. Evidentemente non era questo il tuo intento, ma secondo me il racconto avrebbe sortito un effetto del tutto differente. Non mi dispiace comunque.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 04/06/2019, 22:19

Impeccabile capacità di ambientazione per un racconto che abbraccia più generi letterari di non immediata né scontata affinità.
Ho notate anche io qualche errore di battitura – forse dovuto a fretta o distrazione – facilmente risolvibili, e una certa tendenza a costruire monoliti di parole che richiederebbero un intervento “tipografico”. Come si intuisce da alcuni commenti precedenti, il racconto può essere migliorato sotto diversi aspetti; ma mi sento di premiare il coraggio della scelta operata dall’autore.
P.S. È mia abitudine esprimere il voto dopo attente riletture.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 184 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 39 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (614,19 KB scaricato 729 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 470 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 147 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 41

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 167 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 58

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 23 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 24 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.