Il Perdono

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

s

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
27%
3 - si lascia leggere
3
27%
4 - è bello
5
45%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 11

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 24/03/2019, 20:44

La guarda, la sfiora, è fredda e immobile. Una cupa disperazione le attanaglia il cuore, non sa darsi pace, lei non c’è più. Non poteva certo immaginare che se ne andasse prima, lei che era la più giovane. Ma la vita fa simili sgambetti, quando meno te lo aspetti colpisce duramente. Osserva quel volto pallido, esangue, solcato dalla sofferenza, e viene sommersa dai ricordi, anche tanto dolorosi.


"Amelia, smettila di lamentarti, tu sei la più grande quindi la colpa è solo tua se tua sorella piange e fa i capricci. Tu la devi comprendere e basta. Devi essere giudiziosa e non ti devi lamentare. Hai capito? Come te lo devo dire? Devo alzare le mani? Forse così ti sarebbe più chiaro!".
"Ma mamma, io non le ho fatto niente, è lei che mi picchia e che mi tira i capelli. Ho cercato di dirle che non deve fare così ma, non mi ha ascoltato; si è messa a strillare come se la torturassero".
"Insomma, basta! Non voglio più sentirti. Non mi seccare più. E ricorda sempre che tu sei la più grande, e la colpa è tua se le succede qualcosa".
Amelia aveva sofferto tanto da bambina, si era sentita messa da parte dopo la nascita di Clara, che era coccolata da tutti. Lei, invece, aveva dovuto crescere di colpo, come se, improvvisamente, a sette anni ci si potesse considerare grandi.
E lei, Clara, forse inconsapevole del male che procurava alla sorella, ne approfittava con tirannie di ogni genere. Intanto la responsabilità di qualunque cosa ricadeva sempre, e pesantemente, su Amelia.
"Vieni un po’ in casa" disse la mamma affacciata alla finestra che dava sul cortile.
"Perchè mamma, cosa ho fatto? Stavo giocando con i miei amichetti".
"Ti faccio vedere io cosa hai fatto. Avanti, rientra e subito".
Amelia rientrò. La madre la assalì violentemente prendendola a schiaffi e a spintoni. Secondo lei aveva trascurato la sorella che stava piangendo.
A un certo punto, a partire dall'infanzia, la sua esistenza fu caratterizzata da simili episodi. A forza di subire ingiustizie, Amelia provava risentimento nei confronti, soprattutto, dei genitori.
Provava una sorta di odio per loro, e ciò le procurava dei forti sensi di colpa. Sapeva che era male, che non si dovevano provare sentimenti avversi per la propria madre e il proprio padre.
Così, in quella lotta con se stessa, nel tentativo di mettere a tacere il rancore, ne usciva esausta: stava male, si sentiva una cattiva figlia. Non fu facile per lei affrontare la vita con quel fardello da portarsi appresso.
Passarono gli anni, i genitori morirono. Lei e Clara divennnero adulte e impararono anche a volersi bene. Amelia, però, non riuscì mai a togliersi dal cuore la sofferenza per le ingiustizie subite. Non riusciva a perdonare sua madre e suo padre.


Copiose lacrime le scendono sul volto. Osserva straziata sua sorella adagiata su quel letto di morte.
Non ha potuto amarla incondizionatamente, le è stato negato. Era anche lei una bambina…
Vuole comunque chiederle perdono. Si avvicina al suo viso e sottovoce le parla:
“Scusami, ti prego, per tutte le volte che il mio cuore non è stato puro nei tuoi confronti.
Loro no, loro mi hanno fatto troppo male e non riesco a perdonarli. Chissà? Forse sono cattiva”.
A quel punto, sopraffatta da una forte emozione, deve allontanarsi. Sta male, sente venir meno le forze, è sul punto di svenire.
Due forti braccia la sostengono, è Alberto, suo marito, che come sempre è pronto ad aiutarla.
Lo guarda con amore e pensa che la vita toglie ma anche dona: si sente accolta e amata.
E in quel momento, inaspettatamente e finalmente, avverte con sollievo che quel macigno che porta dentro di sè si sta sgretolando.
Ricorda sua madre e suo padre, e sente intimamente che è arrivato il momento di perdonare. “Forse, - pensa - non si saranno resi conto. Forse, non avranno potuto fare altrimenti. Forse, l’amore per Clara li avrà resi ciechi. Siamo esseri umani molto fallaci. Si sbaglia, e loro sì, hanno sbagliato, ma adesso basta...".
Un sentimento di pace trova spazio nella sua mente. Sente l’onda del perdono alzarsi impetuosa dentro la sua anima. Considera che riuscire a perdonare è un dono. L’odio avvelena soprattutto chi lo porta nel cuore.
Ultima modifica di Laura Traverso il 26/03/2019, 18:15, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 25/03/2019, 12:12

È un racconto molto ben scritto, con un arco narrativo del personaggio che si sviluppa abbastanza bene nonostante il lungo flashback. Da autore, ma ovviamente è solo un consiglio, ti suggerirei di snellirlo in alcuni punti, dove per esempio gli aggettivi appesantiscono un po' troppo il periodo. Ho poi notato che ci sono dei periodi che non "scivolano" come dovrebbero e, per quel che infine riguarda i dialoghi, potresti cercare di renderli più freddi ancora. È un testo che non ha refusi, comunque, e la cosa che ho più apprezzato (per questo ti consigliavo quei piccoli tagli) è il senso di solennità e dolore che traspare dal tono del racconto. Permane un continuo senso di rassegnazione e impotenza che però viene risolto nel climax, ed è veramente ben riuscito. Con qualche altro accorgimento potrebbe riuscirne ancor più potente. A rileggerti :)
Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 25/03/2019, 15:29

Grazie molte Draper per il tuo positivo commento, e per i consigli sul testo che terrò senz'altro in considerazione. Vado un po' a rileggermi e vedo di limare un po'. Ciao

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 186
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 26/03/2019, 0:08

Breve ma pieno di sentinento. Hai snocciolato a vita di due sorelle con l' eterna rivalità, e ingiustizia che si era creata tra le due, causata dai genitori. L" odio tra loro nasce proprio dal comportamente di mamma e papà. Racconto carino, molto scorrevole.
Immagine

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 26/03/2019, 11:29

Un racconto ambizioso, per come l'hai composto, con quella lunga analessi centrale che raccoglie la narrazione e gli dà un senso. Quindi per questo brava. Il contenuto dell'analessi, ricordi e rancori di una bambina di sette anni, però non giustifica l'astio della protagonista immagino adulta, che si scioglie solo davanti la morte della sorella. Anzi lo rende fragile, se non puerile. A mio parere dovresti renderlo più adulto e profondo, e magari slegarlo dalle figure dei genitori. D'altra parte nella vita dei fratelli, lo dico per esperienza, non mancano i motivi di odio reciproco, come di indifferenza o insofferenza, come di amore risolto o ritrovato.
Un unico appunto formale:
"Vieni un po’ in casa – disse la mamma affacciata alla finestra che dava sul cortile -".
Se usi le virgolette per indicare il discorso diretto, la chiusura va dopo casa. Pertanto i trattini messi lì sono posti in modo errato.
A presto

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 26/03/2019, 17:44

Grazie Namio per la tua analisi approfondita sul mio raccontino. In merito alle virgolette le metterò a posto. Volevo precisare che il narrato verte, e vuole essere, sul risentimento per i genitori. Le sorelle, ho scritto, avevano imparato a volersi bene. Nell'analessi preciso che non erano stati solo i ricordi di una bambina di sette anni, ma che episodi del genere avevano caratterizzato tutta l'esistenza della protagonista. Succede molto frequentemente, nella realtà, che i genitori abbiano preferenze, molto marcate, soprattutto per i figli minori. Volevo parlare di ciò. Grazie ancora, ciao

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 26/03/2019, 22:55

Ciao Isabella, grazie per il commento gentile, sei sempre molto carina. E sì, nelle famiglie sovente si nascondono dei drammi. Che tristezza! :smt006

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 157
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 27/03/2019, 19:21

Triste storia di risentimenti e gelosie che segna la vita della bambina Amelia. Probabilmente a causa della brevità mi sembra un po’ sbrigativa tutta la parte adulta del vissuto delle due sorelle, suggerita solo da quel “impararono anche a volersi bene”; d’altronde capisco che affrontando un arco temporale così vasto ti sia concentrata sui punti cardine del racconto, le pene dell’infanzia e quelle del rimpianto per un perdono tanto a lungo negato e accolto come una liberazione
Come ti ho scritto altre volte sei brava a trasmettere le emozioni dei tuoi personaggi, scrivi bene e qui tratti un tema che potrebbe scivolare facilmente nel pietismo, se non fosse sorretto dalla sobrietà della narrazione.
Ti segnalo solo un “perché” con l’accento invertito.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 28/03/2019, 0:33

Grazie Roberto, sei stato molto carino e gentile nel commento. Mi fa piacere che tu abbia dato un giudizio positivo del mio raccontino. A fine gara metterò a posto l'accento, grazie per la segnalazione. E si, come ben hai detto, la brevità del narrato non ha consentito troppe precisazioni. Ho voluto far notare, soprattutto, da quando ha avuto inizio la sofferenza di Amelia, e da lì, e poco più che sottinteso il seguito... Ciao :smt006

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 40
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 30/03/2019, 13:36

Laura Traverso ha scritto:
24/03/2019, 20:44
L’odio avvelena soprattutto chi lo porta nel cuore.
Quanto è vero... a volte l'odio fa più male al soggetto che all'oggetto.
A questo punto devo fare due ammissioni.
La prima è che temevo, visto l'argomento, uno scivolamento verso il più becero pietismo, e invece sei riuscita ad evitare di trasformare la storia in un melodramma dandole la giusta dose di dramma ma anche, come posso dire, di "dignità". E' una storia molto umana, i rapporti tra fratelli spesso sono tutt'altro che facili (e anche io parlo per esperienza personale) e quando i genitori fanno favoritismi (o sembrano farne) le cose si complicano ulteriormente.
Seconda ammissione. Non mi dispiacerebbe leggere una versione "ampliata" della storia di queste due sorelle, perché purtroppo lo spazio ridotto del racconto in gara ha impedito di sviluppare la trama come invece meriterebbe.
Immagine

Immagine

Trevigiana
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 12/01/2019, 10:39

Commento

Messaggio da leggere da Trevigiana » 30/03/2019, 19:40

Punti di forza: stile adottato, lessico, sostrato emotivo della storia. Punti deboli: economia narrativa gravata dal "peso" dell'analessi, complessità di certi periodi (come già segnalato). L'opera può essere migliorata, ma resta una prova valida e convincente.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 31/03/2019, 0:24

Ciao Marco, grazie per il tuo commento positivo e dettagliato. Sì, penso veramente che l'odio faccia più male a chi lo porta nel cuore. Anch'io avevo pensato di sviluppare di più il testo, chissà che non lo faccia in futuro. Ci sarebbero molte cose da dire... E sì, è una storia molto umana, all'interno delle famiglie sovente si consumano veri drammi che poi lasciano cicatrici per il resto della vita. Grazie ancora
Ultima modifica di Laura Traverso il 31/03/2019, 0:33, modificato 1 volta in totale.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 31/03/2019, 0:31

Sei stata sintetica ma molto precisa e attenta nella tua analisi sul mio raccontino. Ti ringrazio molto per il tempo dedicato e per il commento positivo. Circa il peso dell'analessi a cui fai cenno, dal mio punto di vista era indispensabile per spiegare le dinamiche della storia: il tormento della protagonista e il successivo perdono. Grazie ancora.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 262
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 02/04/2019, 20:37

non ho letto i commenti altrui, quindi non so se e cosa hanno segnalato.
da parte mia posso dire che, soprattutto all'inizio, ci sono problemi di punteggiatura, tipo virgole fuori posto.
poi, se non erro, quando metti un punto esclamativo o interrogativo a chiusura del dialogo, fuori dalle virgole non servono altri punti.
detto ciò, il racconto presenta una bella storia che, tuttavia, non è riuscita a trascinarmi con sé.
non so cosa manchi, sempre che manchi qualcosa, per farmelo piacere.
in ogni caso si lascia leggere tranquillamente e non crea false aspettative.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 03/04/2019, 18:59

Grazie per il tempo dedicato alla lettura del mio raccontino. In merito alla tua segnalazione ti informo che sbagli. Prendi nota che, nella frase virgolettata che termina con il Punto esclamativo o interrogativo, dopo aver chiuso con le virgolette (dopo ad es.l'esclamativo), va sempre messo anche il punto.

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 08/04/2019, 17:07

Effettivamente nelle famiglie a volte ci sono differenze di trattamento. A volte però succede il contrario, è il primo nato che riceve maggiori attenzioni e spesso trattamenti privilegiati. Nel povere e numerose famiglie del passato spesso i figli più piccoli dovevano accontentarsi dei pochi giochi e dei vestiti smessi dei fratelli più grandi. Comunque bel racconto che racconta e esprime molto bene i sentimenti della protagonista.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 09/04/2019, 0:10

Si è vero, a volte succede il contrario, soprattutto in povere famiglie: circa i vestiti smessi e i pochi giochi, ma dal punto di vista affettivo, per quello che è stata la mia osservazione, i minori sono quasi sempre i prediletti. Grazie Angelo per aver letto il mio racconto e grazie per il commento positivo,

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 92
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 17/04/2019, 23:37

Molto bello, si percepisce la tensione accumulata in un passato difficile. Di certo, nei confini di un racconto breve non è facile riuscire a inserire tutti gli elementi che possono gravare su una persona che crede di aver subìto un torto in famiglia... ma sei riuscita ugualmente a renderlo credibile e appassionante. Personalmente amo i flashback che poi conducono alla risoluzione della trama quindi... bello :)

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 18/04/2019, 23:56

Grazie Gabriele, il tuo commento mi è particolarmente gradito. Mi fa davvero piacere che il mio raccontino ti sia piaciuto. Ciao, ti saluto con simpatia :D

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/04/2019, 22:30

Ciao, penso di capire il senso del tuo racconto e il messaggio che vuoi comunicare, ma non è il mio genere di lettura e per questo non l'ho apprezzato molto. All'inizio mi ha ricordato una storia classica, poi mi è sembrato autobiografico, in ogni caso non mi ha coinvolto. Lo stile è scorrevole.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il Perdono

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 01/05/2019, 17:40

Non dubito affatto che tu non abbia capito il senso di quanto ho narrato, ci mancherebbe... direi che la trama non lascia spazio a fraintendimenti. Circa il coinvolgimento hai ragione, ognuno si lascia coinvolgere da ciò che più gli è affine, secondo le proprie preferenze di lettura. Grazie per il tempo dedicato alla lettura, ciao

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 24

La Gara 24 - Andate tutti all'Inferno!

(ottobre 2011, 84 pagine, 4,26 MB)

Autori partecipanti: Skyla74, Jane90, Judith_Star, Giovanni Minio, Triptilpazol, dafank, Carlocelenza, Cazzaro, Nathan, Lodovico, William Munny, Recenso, Cristinacomparato, Nicoletta Palazzo, Exlex, Aleeee76, Ser Stefano, Cordelia, Maria92, Ritavaleria, Unanime Uno, jormungaard, Licetti, Davide Sax, Tuarag, Morgana Bart, Serenoodio, d Eg 0, Stefano di Stasio, Angela Di Salvo,
A cura di Alessandro Napolitano e Giovanni Capotorto.
Scarica questo testo in formato PDF (4,26 MB) - scaricato 640 volte.
oppure in formato EPUB (1,17 MB) (vedi anteprima) - scaricato 174 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (a colori)

(edizione 2013, 8,06 MB)

Autori partecipanti: Angela Di Salvo, Cmt, Jessica Rabbit, LiaTom, Lodovico, Mastronxo, Monica Porta may bee, Morgana Bart, Paride Bastuello, Polly Russel, Recenso, Sphinx,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (8,06 MB) - scaricato 660 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (in bianco e nero)

(edizione 2016, 5,44 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (5,44 MB) - scaricato 75 volte..
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
Vedi ANTEPRIMA (164,77 KB scaricato 77 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 327 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Se io fossi... scriverei!

Se io fossi... scriverei!

Antologia di opere ispirate dai nostri autori preferiti

Ognuno di noi ha un proprio autore preferito.
Cosa scrivereste se voi foste loro?
O se loro entrassero in voi?
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, Angela Di Salvo, Cinzia Colantoni, Daniela Rossi, Amelia Baldaro, Umberto Pasqui, Michela Giudici, Adriano Carrieri, Alma Trucillo, Diego Cocco, Laura Chiabudini, Enrico Arlandini, Franca Cini, Mauro Sighicelli, Flora Lalli, Anna Rita Foschini, Fabrizio Roscini, Maria Rosaria Spirito, Sandra Ludovici, Mauro Cancian, Agata Alleruzzo, Giorgio Leone, Cristina Giuntini, Sashenka, Gloria Dafne Fedi, Rosanna Fontana, Marina Paolucci.
Vedi ANTEPRIMA (174,98 KB scaricato 151 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.