La truffa

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2018/2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 25/03/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
4
21%
2 - mi piace pochino
4
21%
3 - si lascia leggere
6
32%
4 - è bello
3
16%
5 - mi piace tantissimo
2
11%
 
Voti totali: 19

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

La truffa

Messaggio da leggere da Namio Intile » 11/03/2019, 11:26

«Lei mi ha truffato!» sentenziò Agenore.
«Ma va là, sempre la stessa storia, io non lo le ho tolto un quattrino» ribatté Melchiorre, suo unico socio e collega di lavoro, nonché vecchio come lui.
E sostenne con fierezza quello sguardo acceso d’ira.
«Lei mente… è un bugiardo matricolato» fece ancora
E gli puntò contro l’indice, tremolante per la rabbia.
«Lei che non mette nessun impegno e nessuna dedizione nel lavoro di ogni giorno... pigro, menefreghista, pressapochista e... ladro. Manca sempre la stessa cifra all’appello» proseguì.
«Quanto?» lo stuzzicò Melchiorre.
«Lo sa bene quanto. Cinquecento lire!»
«E lei per cinquecento lire, ogni giorno, imbastisce questa commedia?»
«Nel lavoro occorre disciplina e onestà. È una questione di principio» replicò implacabile, e a fronte alta.
Era questa la norma nel rapporto tra Agenore Ristolfi e Melchiorre Ippolito, due uomini ormai sulla settantina che, insieme, gestivano una piccola orologeria in corso Buenos Aires a Milano.
«Sono stufo di dovermi guardare le spalle non appena volto le spalle» gli rinfacciò, con involontario gioco di parole, Agenore, il quale, come ogni giorno, non aveva voglia o intenzione di cambiare argomento o di mollare la presa. «Lei mi froda!»
«Se frodassi lei froderei me stesso, signor Ristolfi» obiettò Melchiorre con su sorriso beffardo.
«Lei mi froderebbe comunque, per il gusto di farlo» ribatté aspro l’altro.
I due, nonostante gli oltre quarant’anni trascorsi insieme, dal 1946, dieci ore al giorno per sei giorni la settimana, si davano del lei e mantenevano una litigiosa distanza. Nessuno dei due si interessava della vita dell’altro e nessuno dei due sapeva cosa facesse l’altro nella vita privata, a parte quel che sfuggiva a ciascuno dei due nei confusi brontolii quotidiani o nei frequenti battibecchi in cui erano capaci di rinfacciarsi episodi lontani nel tempo anche decenni.
«Io non so per quanto la potrò sopportare» si lamentò allora Melchiorre Ippolito.
«Lei arriva sempre con quindici minuti di ritardo all’apertura. E lo fa apposta, per poi potermi accusare con comodo di aver sottratto denaro alla cassa» lo stuzzicò con voce stridula.
E infatti Agenore, ogni mattina, appena arrivato controllava il contante rimasto dal giorno precedente e, puntualmente, trovava un ammanco sempre uguale. E così ogni mattina iniziava a lanciare le medesime accuse al socio e collega:«Disonesto, mattina dopo mattina. Lei ha prelevato quella somma dalla cassa… alle mie spalle. Il mio guadagno! Lei mi deruba ogni giorno, caro signor Ippolito» brontolò Agenore.In cambio, riceveva sempre la medesima risposta accompagnata da un sorriso: «Siamo soci. Se io frodassi lei, caro Ristolfi, froderei me stesso…»
La mattina dopo Melchiorre Ippolito non si presentò al lavoro. Lo fece senza avvisare, cosa mai accaduta in quarant’anni di onorata attività e immancabili dispetti. Passarono i giorni e Agenore Ristolfi, a chi gli chiedeva notizie del socio, inventava storie con il sorriso sulle labbra e con un sollievo che a vicini e clienti sembrò sospetto. Come Agenore Ristolfi Melchiorre Ippolito non aveva una famiglia e viveva da solo. Il suo corpo venne trovato molti giorni dopo la sua scomparsa, quando il portiere dell’appartamento dove Melchiorre Ippolito viveva, in via Fulvio Testi, sentì del cattivo odore provenire dall’interno. I vigili del fuoco lo trovarono nel soggiorno. Giaceva senza vita, riverso sulle spalle e con chiari segni di violenza in corpo. Dei frequenti litigi col socio la polizia venne presto a conoscenza. E uno dei primi a essere interrogati fu proprio Agenore Ristolfi, il quale, ciarliero e avventato qual era, cadde immediatamente in contraddizione. Non gli ci volle molto per ammettere di essere andato a trovare il socio in casa, per la prima volta in quarant’anni, la sera dell’omicidio, per discutere con lui dei continui ammanchi di cassa la cui causa era -a suo dire- lo schifoso vizio del suo socio.
«Ma insomma, quanto le mancava ogni giorno da quella benedetta cassa?» domandò il commissario, indispettito dall’atteggiamento freddo e insolente dell’anziano signore.
«Cinquecento lire ogni mattina… Ippolito, da perfetto meridionale, aveva il vizietto di bere una tazzina di caffè ogni mattina prima d’iniziare a lavorare. Commissario, c’ho le prove: gli ho scattato le fotografie, a quel ladro, mattina dopo mattina» confessò candidamente Agenore Ristolfi, convinto con questo di avere l’asso nella manica, e di essere nel giusto per avere troppo a lungo sopportato la ribalderia del socio. «Ho sopportato quel ladro fin troppo a lungo. Alla fine mi sono difeso.»
«E lei... che parla dei vizi altrui, per cinquecento lire mi ha ammazzato un cristiano?» lo rimproverò il commissario sempre più sbalordito.
«Ma cosa ne vuol capire lei, che è pure un terùn come Melchiorre» lo compatì Agenore Ristolfi. «Non l’ho ucciso mica per una questione di denaro, vacca boia; ma per una questione di principio…»

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 11/03/2019, 17:32

Mi è piaciuto molto questo racconto, l'ho trovato divertente, compreso il finale anche se tragico (ma non si avverte tanto la tragicità, subito dimenticata dalla successiva scrittura ironica e scorrevole).
L'autore ha descritto assai bene i soci: freddi tra di loro, nonostante i quarant'anni vissuti assieme. Nulla sapevano l'uno dell'altro; il loro rapporto verteva solo sul lavoro condiviso: poveretti! La conclusione è a sorpresa perchè mai, almeno io, mi sarei aspettata un epilogo così noir, soprattutto a opera di Agenore. Caspita che tipetto! Dai così saldi principi...
Ultima modifica di Laura Traverso il 11/03/2019, 20:15, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 11/03/2019, 18:07

E certo... cinquecento lire un giorno, cinquecento lire un altro, chissà quanto avrà fregato Agenore in quarant'anni di onorata attività (cit.). Racconto carino, parte in maniera apparentemente (e sottolineo "apparentemente") banale, con un dialogo dal bel piglio quasi teatrale, ma poi si trasforma in tutt'altro e fa anche riflettere su quanto basti poco, persino una sciocchezza, per scatenare una tragedia.
Immagine

Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 12/03/2019, 13:10

uhm, sono perplesso.
la storia parte in maniera chiara, con quello che pare un contrasto affermato dal tempo e ormai destinato a durare fino al termine.
non mi aspettavo proprio che il termine lo provocasse il socio depauperato, anche perché la cifra era ridicola, soprattutto in corso Buenos Aires. tant'è...
scorrevole quanto basta, rivedrei un poco la punteggiatura in alcuni tratti.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 12/03/2019, 15:11

Diverbio tra soci. E capita.Sottrazione di denaro alla cassa. E capita. Lavora assieme da 40 anni e non si conoscono a fondo. E capita. Vizietto ingenuo di uno dei due. E capita. Chiarimento finale. Non deve capitare. Spassoso. Racconto scorrevole. Ambientazione rappresentata bene. Personaggi pazzechi, profilati con astuzia e precisione. Ottimo.
Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 95
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 12/03/2019, 17:15

Scritto bene - a parte qualche limata da dare alla punteggiatura - e personaggi sicuramente d'impatto. Però, per quanto possa essere volutamente surreale l'episodio, avrei marcato maggiormente il movente dell'omicidio: possibile che un uomo, pur accecato da un vago razzismo territoriale, possa uccidere per cinquecento lire? :)

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 170
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 13/03/2019, 19:25

La questione di principio giustifica tutto, anche il delitto. Se pensiamo che il movente di un omicidio può essere anche una precedenza non data a un incrocio, figuriamoci una sottrazione di cassa, per quanto irrisoria, reiterata ogni giorno per quarant’anni! La giustifica nell’ottica del racconto, ovviamente, lungi da me avallare la violenza.
Il tono ironico e grottesco del racconto è ottimamente sviluppato, i personaggi, nei loro tratti essenziali, sono ben costruiti, c’è pure l’annoso problema della discriminazione territoriale; tutti elementi che rendono il brano godibile e ben scritto. Un leggero editing (esempio: “obiettò Melchiorre con su un sorriso beffardo”) e ci siamo.
Il mio giudizio è molto positivo.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 13/03/2019, 21:30

Racconto che si legge con piacere e con buoni dialoghi. Anche per me andrebbe giustificato maggiormente l'omicidio, naturalmente è vero che, nella realtà, a volte si uccide per motivazioni anche meno importanti di un piccolo ammanco quotidiano ma nel racconto non trova particolare giustificazione nel dialogo precedente tra i due che non mi sembri mostri particolari ultimatum o minacce.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 128
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 14/03/2019, 10:15

Il racconto è divertente, le continue liti tra i due soci, il fatto di comportarsi da estranei nonostante i quaranta anni di società, le questioni di puntiglio, questioni di lana caprina. Molto simpatico. Stona un po' il fatto che dopo tanti anni di società, senza avere mai condiviso nulla nel privato, il socio vada a trovare l'altro a casa sua. Avrei visto meglio una soluzione dirattamente a bottega. Ma è un parere personale.
Bravo.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 172
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 16/03/2019, 10:23

Ciao Namio, ecco il mio contributo. :)
Idea: la senilità può portare a estreme conseguenze.
Trama: due vecchi soci in affari litigano, ma l'epilogo volge in tragedia e il motivo addotto lascia l'amaro in bocca.
Personaggi: il derubato è caratterizzato bene. Si empatizza con lui, anche se si sospetta abbia torto. Chi poi si rivela essere davvero un ladro è caratterizzato di meno.
Argomento: una storia apparentemente banale.
Lettura: dialoghi convincenti e credibili.
Grammatica e Sintassi: alcune idee:
gli rinfacciò, con involontario gioco di parole, Agenore, il quale, come ogni giorno, non aveva voglia...
5 virgole in 103 caratteri? Una possibile alternativa:
gli rinfacciò, con involontario gioco di parole, Agenore. Come ogni giorno, non aveva voglia...
obiettò Melchiorre con su sorriso beffardo
obiettò Melchiorre con su un sorriso beffardo
nei frequenti battibecchi in cui erano capaci di rinfacciarsi
nei frequenti battibecchi nei quali erano capaci di rinfacciarsi
Come Agenore Ristolfi Melchiorre Ippolito non aveva una famiglia e viveva da solo
Come Agenore Ristolfi, Melchiorre Ippolito non aveva una famiglia e viveva solo
lo rimproverò il commissario sempre più sbalordito.
lo rimproverò il commissario, sempre più sbalordito.
Giudizio: in questa gara si deve ricercare la brevità, ma per un epilogo del genere sarebbero state necessari qualche migliaio di caratteri in più.
Una puntualizzazione: la sottrazione di denaro è un furto, non una truffa.
La truffa è un reato previsto dall'art. 640 C.P. mentre il furto è un reato contro il patrimonio previsto dall'art. 624 C.P. La truffa è un'attività ingannatoria capace di indurre la parte offesa in errore attraverso artifici e raggiri per indurla a effettuare atti di disposizione patrimoniale che la danneggiano e favoriscono il truffatore.

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 359
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 17/03/2019, 13:03

Eh, beh, se è una questione di principio, non si discute. Due personaggi che tengono tutta la scena, facili da immaginare nei loro quarant'anni di battibecchi, resi bene dai dialoghi iniziali. Mi chiedo come potrà sopravvivere Ristolfi ora, senza qualcuno che gli dia modo di far risaltare la sua indole così integerrima.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2018/2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 470 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 147 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 41

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 167 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 58

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 23 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 24 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 184 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 39 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (614,19 KB scaricato 729 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.