Intervista a Giacomo Colosio

Area dedicata alle interviste con gli autori che sono diventati famosi o che hanno capito come uscire dall'ombra. In questa sezione ci si potrà dare appuntamento per discuterne con loro.
Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 24/01/2019, 9:48

Ciao buongiorno, oggi giovedì 24 gennaio vi voglio presentare:

Un lettore attento e uno scrittore eclettico.
Vagabonda nei siti di scrittura per apprendere sempre tecniche e dinamiche nuove.
Presente in BA dal 2011, e sempre puntuale e attivo.

Signori e signore: Giacomo Colosio

Iniziamo come sempre oltre alle domande ci sono le " domandazze". Le domande pazze.

Ciao Giacomo iniziamo.
Ciao Isabella e ciao a tutti.

Per chi scrivi?

“Domanda molto importante, a mio parere, e sai perché? Perché spesso sento dire dagli autori web che scrivono per “se stessi.” Strano che uno che scrive per se stesso poi pubblichi. No, io non ho dubbi, scrivo per il lettore. Addirittura lo stile narrativo l'ho cambiato proprio per andare incontro al lettore, quando invece la mia indole sarebbe un'altra.”

Ho letto di te racconti, poesie, ecc se dovessi far conoscere al pubblico le tue opere cosa sceglieresti?

“Racconti, e il motivo è semplice. Io avevo la tendenza a scrivere poesie, da ragazzo, ma la poesia mi fa soffrire. Il racconto invece mi rende felice. Anzi, se sono triste mi viene in mente una poesia, se ho voglia di vivere allora mi viene spontaneo raccontare.”

Quando scrivi un racconto, usi la classica tabella: chi, cosa, dove, quando, perché? Ci sarebbe anche il come, ma il come sei tu, il tuo metodo.

“Come dicevo ho cambiato parecchio nell'arco dei tanti decenni, comunque il denominatore comune è questo: sfrutto un'idea, che viene magari da un ricordo, o da un mio flash, e inizio a scrivere. È il racconto che decide dove andare, non programmo mai niente, né incipit, né finale, tanto meno la trama. A volte un racconto mi ha portato proprio dove non immaginavo. Quando ho seguito un corso di scrittura creativa di Giuseppe Pontiggia, lui diceva sempre: >Non programmate niente, lasciate il cavallo libero di correre nella prateria.< “Uso questo metodo perfino nei racconti autobiografici.”

Quanto tempo passi a limare le tue storie? Oppure… buona la prima?

“Anche questa è una domanda importante che mi caratterizza. Io scrivo di getto, lo facevo anche a scuola con i temi scritti direttamente in bella. C'è un però, che ho imparato da Hemingway. Lui diceva: >Un racconto, anche lungo, si scrive in cinque minuti, mentalmente. Poi magari servono giorni o settimane per metterlo su carta. Alla fine l'operazione più importante è quella di lavorare di mola e lima.< “Ecco, io lo faccio rileggendo almeno 5 volte i miei racconti. Ma non basta: prima devo averli dimenticati. Li riprendo in mano dal data base quando ormai il ricordo è flebile, e allora divento non più scrittore, ma lettore. Di conseguenza cancello o modifico quello che il lettore non capisce. In questo modo il racconto diventa scorrevole, e la punteggiatura si affina.”

Cosa ti hanno portato, nel senso della scrittura, gli anni 70, con la rivoluzione culturale?

“Molto, anche perché le nostre letture erano di un certo tipo e gli scrittori in auge erano davvero grandi, dal mio punto di vista. In Italia uno fra tutti è stato il grande Dino Buzzati, ma anche Luciano Bianciardi con la sua Vita Agra. A Bianciardi ho dedicato un racconto di 10 pagine: un anarchico in Paradiso.”

Domandazza: se fossi un pesce quale saresti? Perché?

“Io vorrei davvero essere un pesce, e in parte lo sono già. Devi sapere che io ho inventato il modo di far l'amore con le donzelle, un piccolo pesce della famiglia dei labridi. C'è un mio racconto: Un harem di donzelle. Lo trovi sul mio profilo FB ma mi sa che per chiarire lo posterò su Bravi autori. Purtroppo il mare è una giungla e quindi gli abitanti dei fondali sono obbligati alla dura legge della sopravvivenza. Ecco perché vorrei essere un animale marino libero, che vive nel blu delle acque aperte e non negli anfratti delle rocce, libero e quasi inattaccabile. Quindi il Delfino, o la Foca, che però è un animale triste, in particolare la Foca Monaca, e ha come nemica l'Orca. Anche lo Squalo è inattaccabile, ma mi è cordialmente antipatico. Si è mangiato un amico mio, a Baratti, circa 30 anni fa. In alternativa vorrei essere una Balena o una Megattera.”


Vivi di scrittura? Oppure fai altro?

“Non solo non vivo di scrittura, anche se ho pubblicato due libri di racconti che mi hanno dato qualche soddisfazione. Il mio lavoro è stato quello dell'insegnante (laurea in ingegneria e fisica) in una scuola pubblica superiore, e poi come istruttore sub del Centro di immersioni che ho aperto a Porto Azzurro. Poi mi sono dedicato con un certo impegno nel settore della sicurezza sui luoghi di lavoro. Valutazione dei Rischi, con relativo progetto di ristrutturazione dell'azienda da un punto di vista della sicurezza, e poi corsi per i responsabili interni del servizio di Prevenzione e protezione.”

Hai mai provato il blocco dello scritto? (foglio bianco)

“Devo essere sincero: mai. Se mi metto alla tastiera, un tempo era la macchina da scrivere, esce sempre qualcosa. Anzi, spesso esce troppo e quindi negli anni ho studiato una forma leggera di minimalismo che mi impedisse di “esagerare.”


Quando scrivi, sei onesto con te stesso e con il lettore? Nella parola onestà c'è nascosto un mondo
hai voglia di raccontarcelo?

“Sì, sono onesto con me stesso e quindi, siccome scrivo per il lettore, lo sono anche verso di lui. Onestà significa non barare, giocare pulito, in modo tale che le storie escano non troppo mielose anche se romantiche, e non troppo crude anche se il genere lo richiederebbe. Per me onestà significa una giusta mediazione, anche nell'autobiografico.”

Domandazza ti chiami GIACOMO, ci fai divertire con l'acrostico del tuo nome?

“La mia passione. Ne invento due lì per lì. Uno sarà un vero acrostico, con una parola sola per lettera. Magari solo aggettivi così mi potete conoscere meglio. L'altro è un acrostico derivato nel senso che ogni lettera di Giacomo sarà l'inizio di un verso. Su un sito ne avevo scritti una ventina, per gli amici, completi di nome e cognome. Un bel lavoro.”

Guerriero
Impavido
Audace
Caparbio
Orgoglioso
Motivato
Onesto

Giovane ancor mi sento dentro il cuore
In perenne ricerca di avventure
Amante della vita e dell'amore
Che aiuta a superare le paure.
Ormai di lune me ne restan poche
Ma il mio tramonto sento ancor lontano
Ogni avventura allor prendo per mano.

Hai mai riletto un libro, racconto, poesia, ecc, che avevi letto nell'età scolare? Se sì raccontaci le tue riflessioni.

“Un libro che mi ha lasciato il segno, letto nell'età scolare (alle superiori lo portai addirittura come testo all'esame di maturità) è: Se questo è un uomo, di Primo Levi. L'ho riletto almeno altre tre volte, anche recentemente, e devo dire che ogni volta ci trovo qualche sprazzo di filosofia di vita in più. Probabilmente è talmente pieno di umanità che difficilmente si può assimilare in un sol colpo.
Eccezionale la teoria dei Sommersi e Salvati che ne esce da quelle pagine. Sembra quasi che il grande scrittore ci dica che i salvati sentono una colpa per essere riusciti a scampare al pericolo e forse il suo suicidio (?) è scaturito per quel motivo. Ho scritto due racconti su questo tema e uno riguarda proprio il mio esame di maturità. Per la poesia quella che si rinnova in me ogni lustro è L'infinito di Leopardi. Recentemente ho letto un articolo su Venerdì di Repubblica, e ne sono rimasto incantato. Eraldo Affinati dice del giovane Giacomo: >Un ragazzo che prima si spaura e poi naufraga dolcemente nel mare dei pensieri e delle sensazioni.<

Scrivi poesie, ti sei mai avvicinato al componimento giapponese dell'Haiku?

“Sì, molti anni fa. Mi piacciono molto, sia come autore che lettore. La bellezza dell'haiku sta nel suo “minimalismo” che permette al lettore di avere una sua propria visione interiore di quei semplici tre versi. Io questo minimalismo letterario, che consiste nel togliere tutto il superfluo di un racconto, in particolare aggettivi e avverbi, lo sto inseguendo da anni. Ne parlo in un racconto-lezione dal titolo: L'elastico di Proust. Magari lo pubblicherò qui su BA in modo tale che tu potrai capire meglio quel che intendo.”

Domandazza se tu fossi un vino quale saresti? Perché?

“Non ho dubbi. Sarei un vino rosso, forte, invecchiato. Per esempio un vino piemontese come il Dolcetto delle Langhe oppure un Barolo. Sono vini pesanti, mi rassomigliano. Se li bevi li senti, lasciano il segno, e così sono io. In ogni ambiente non passo mai inosservato, devo partecipare. Insomma, non sono un vino da aperitivo.”

Parliamo sempre di lettura, quando leggi, sei attento a tutto quello che vedi scritto oppure ti fai prendere solo dalla trama?

“Sono attento a tutto. La trama è solo una parte, nemmeno troppo importante. Una linguista mia amica mi ha insegnato che la forma è sempre anche contenuto. Se impreco bestemmiando, forma espressiva forte che non mi piace, seppur da agnostico, rivelo un contenuto forte, inadeguato, volgare al di là del contenuto della protesta.”

Quali sono gli autori in BA e/o fuori che preferisci leggere?

“Pur essendo iscritto in BA da anni, ne conosco pochi, in particolare conosco solo quelli con i quali ho partecipare alle uniche due gare. Il mio primo ingresso fu per la gara degli Eroi, mi pare che ci fossi pure tu con un bel racconto, protagonista un cane e un'amica della narratrice che aveva scoperto la formula di una molecola antitumorale. Quello che conosco bene è Nunzio Campanelli, molto bravo… ci conosciamo dai tempi di Poesieracconti. Tra i grandi autori i miei preferiti: Hemingway, Raimond Carver, Bulgakov (formidabili i suoi Racconti di un giovane medico… li consiglio caldamente), Pavese, Primo Levi, e in genere tutti i grandi russi, Checov per i racconti. Un altro che meritava il Nobel è Dino Buzzati… di lui consiglio I sessanta racconti.”

Quando leggi chi speri di trovare?

“Spero sempre di trovare una ventata di novità, qualcosa di diverso. In particolare sono attratto come lettore dai generi letterari che non sono il mio “forte” come scrittore. Riassumendo mi piace essere stupito e ho la mania di imparare, qualunque cosa.”

Domandazza: Se fossi un mezzo di trasporto quale saresti? Perché?

“Non ho dubbi: sarei una nave, grande pure, piena di gente. Odio la solitudine. Credo che pur amando molto l'isola ed essendo attratto da un'isola deserta e incontaminata, la solitudine mi porterebbe al suicidio. Non potrei mai fare l'asceta, o il monaco tibetano.”

Nel luogo in cui vivi c'è il pensatoio? (il posto dove trovi ispirazione)

“Più che il luogo, ci sono più luoghi, o meglio più situazioni. Ho un'abitudine: quella di pensare quando cammino, quando nuoto, e perfino quando sono in moto. In macchina meno. E, pensando, ne esce sempre un flash buono per un racconto. Purtroppo i pensieri che faccio in moto poi li dimentico. Avrei bisogno di un casco della memoria (ho scritto un racconto su questo tema).”

Dove preferisci leggere? E come ti organizzi?

“Leggo in ogni posto che mi capita, così come dormo in ogni luogo, anche per terra. Noi marinai usiamo un' espressione per dire che un uomo di mare dorme in ogni condizione: Dormo anche sullo scalmo. Ecco, io leggo anche sullo scalmo. Comunque le più belle letture le ho fatte ai tempi dell'università, quando viaggiavo in treno, oppure quando giro l'Italia per partecipare ai Campionati italiani master di nuoto, sempre in treno.”

Domandazza: Siamo in un circo, che gioco sceglieresti? Perché?

“Farei il mago, il prestidigitatore, specialmente per bambini…è una passione che ho fin da ragazzo. Lo stupore dei bambini mi allarga il cuore. Lo faccio spesso nei compleanni dei figli o nipoti di amici.”

Per terminare vorrei chiederti, Giacomo, se arrivasse la fine del mondo, cosa porteresti per sempre con te?

“Una scacchiera, magari una delle mie, costruite negli anni. Mi piace molto giocare da solo, sdoppiando la mia personalità e adattandola di volta in volta al bianco o al nero. Tra l'altro preferisco il Nero, che gioca in difesa. La mia partita abituale nei tornei è La difesa Francese, giocata col Nero.”

Grazie mille per la tua disponibilità.

Ciao, alla prossima.
Isabella. :smt006
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8878
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 24/01/2019, 13:01

Intervistona! Complimenti!
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 24/01/2019, 13:06

Massimo Baglione ha scritto:
24/01/2019, 13:01
Intervistona! Complimenti!
Sai Massimo che è difficile contenere un personaggio così esuberante come Giacomo Colosio.
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8878
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 24/01/2019, 13:27

Isabella Galeotti ha scritto:
24/01/2019, 13:06
Sai Massimo che è difficile contenere un personaggio così esuberante come Giacomo Colosio.
Non fatico a crederti :lol:
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore del mese!
È recensore dell'anno!
posizione nel Club recensori: cdr: *****
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 24/01/2019, 14:17

Brava Isabella!
Ci hai proposto un bel ritratto di questo Bravo Autore, entusiasta e pieno di vita.
Hai ragione, Giacomo, ci sono molte cose che condivido con te, autori, poeti, idee. :smt039
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 24/01/2019, 15:07

Ida Dainese ha scritto:
24/01/2019, 14:17
Brava Isabella!
Ci hai proposto un bel ritratto di questo Bravo Autore, entusiasta e pieno di vita.
Hai ragione, Giacomo, ci sono molte cose che condivido con te, autori, poeti, idee. :smt039
Grazie Ida, ed ora sto iniziando un'altra sfida.Vediamo se per giovedi prossimo riesco a strappare un intervistad ad un altro personaggio molto impegnato qui su Ba. :smt026
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 24/01/2019, 21:50

Sempre felice di scoprire che sono state gradite. Alcune domamde non ero certa di mandarle, perché troppo personale. Invece, dalle risposte ho visto che nn cera nessun imbarazzo. Grazie.
Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 26/01/2019, 18:00

Bella intervista Isabella, complimenti. :)
In poche righe, della persona che si racconta, si riesce a cogliere anche più di quello che dice.
Giacomo per me è già uno scrittore big.
Le domande pazze poi, ahahah, ma dove le tiri fuori? :lol:
Ultima modifica di Daniele Missiroli il 27/01/2019, 14:05, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Intervista a Giacomo Colosio

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 27/01/2019, 11:51

Grazie Daniele...
Immagine

Rispondi

Torna a “Interviste e dibattiti con gli autori”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La spina infinita

La spina infinita

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"La spina infinita" è stato scritto quasi vent'anni fa, quando svolgevo il mio servizio militare obbligatorio, la cosiddetta "naja". In origine era una raccolta di lettere, poi pian piano ho integrato il tutto cercando di dare un senso all'intera opera. Quasi tutto il racconto analizza il servizio di leva, e si chiude con una riflessione, aggiunta recentemente, che riconsidera il tema trattato da un punto di vista più realistico e maturo.
Di Mario Stallone
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (467,93 KB scaricato 167 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Il sole è nudo

Il sole è nudo

Antologia di opere che mettono a nudo la pratica del nudismo.
Questo libro non vuole essere un dibattito pro o contro; non ci riguarda, abbiamo solo avuto il desiderio di spogliarci con voi.
A cura di Angelo Manarola e Massimo Baglione.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, M. C, Gianni Veggi, 1 s3mpl1c3 nud1sta, Paolo De Andreis, Mario Stallone, Leonardo Rosso, Iconat, Sergio Bartolacelli, Donatella Ariotti, Franca Riso, Lodovico Ferrari, Goldchair60, Emanuele Cinelli, Vittoria Tomasi, Simone Pasini, Anna Rita Foschini, Matteone, Galiano Rossi, Franca Mercadante, Massimo Lanari, Francesco Paolo Catanzaro, Francesco Guagliardo, Giacobsi, Bayron, Marina Paolucci, Guglielmo A. Ferrando, Stefano Bozzato, Marco Murara, Francesca Miori, Lorenzo Moimare, Vincenzo Barone, Rupert Mantovani, Domenico Ciccarelli, Siman, Roberto Gianolio, Francesco Marcone, utente anonimo, Jole Gallo, Giovanni Altieri, Daniela Zampolli, Robi Nood, Mauro Sighicelli, Lucica Talianu, Giovanni Minutello, Naturizia, Serena Carnemolla, Carla Bessi.
Vedi ANTEPRIMA (407,33 KB scaricato 554 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
69 Orizzontale

69 Orizzontale

l'Antologia erotica

Oltre 300 pagine di ottimo erotismo sotto forma di racconti, poesie e illustrazioni. Contiene un racconto della scrittrice Valeria Ferracuti e disegni di Furio Bomben. Ogni testo è abbinato a una domanda in formato "settimana enigmistica" che testerà l'attenzione del lettore. La dura selezione alla quale sono stati sottoposti i partecipanti, garantisce al libro una qualità che raramente è stata raggiunta in passato.
A cura di Massimo Baglione, Angela Di Salvo e Alessandro Napolitano;
in collaborazione con Valeria Ferracuti di mysecretdiary.it;
copertina di Roberta Guardascione;
illustrazioni aggiuntive realizzate da Furio Bomben;
strisce enigmistiche di Diego Capani.

Contiene opere di: Allison Bersani, Gabriella Pison, Gianni Giovannone, Serena Rosata, Simone De Andreis Gerini, Thierry59, Grey Delacroix, Giovanni Altieri, Marina Priorini, Antonella Rita Provenzano, Furio Bomben, Alessandra Gaggioli, Marina Casali, Mew Notice, Enrica Restelli, Valter Padovani, Alessandro Moschini, Tullio Aragona, Elena Girotti, Edoardo Baietti, Gilbert Paraschiva, Gianluigi Redaelli, Connie Furnari, Flavia Ippolito, Mariella Scarano, Piergiorgio Annicchiarico, Poly, Alessio Boni, Carmine Rosano, Alberto Tristano, Barbara Bertucci, Armando D'Amaro, Livin Derevel, Stefano Masetti, Alfio Faedi, Giovanni Gentile, Bruno Elpis, Riccardo Carli Ballola, Roberta Eman, Anna Pisani, Ser Stefano, Riccardo Sartori, Giovanna Amoroso, Jen Ricci, Michele Cogni, Paolo Ferruccio Cuniberti, Claudio Gavina, Valeria Ferracuti.
Vedi ANTEPRIMA (298,69 KB scaricato 818 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 64

La Gara 64 - L'amore e le sue sfumature

(maggio/giugno 2017, 45 pagine, 924,70 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Lodovico, Ser Stefano, Alberto Tivoli, Mirtalastrega, Fabrizio Bonati, Mastronxo, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Skyla74, Angelo Manarola, Patrizia Chini, David Cintolesi, Manuel Crispo,
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (924,70 KB) - scaricato 67 volte.
oppure in formato EPUB (826,28 KB) (vedi anteprima) - scaricato 42 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Gara di primavera 2019

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

(primavera 2019, 49 pagine, 541,48 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Daniele Missiroli, Draper, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, L.Grisolia, Namio Intile, N.B. Panigale, Marco Daniele, Roberto Bonfanti, Selene Barblan, Tiziana Emanuele,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (541,48 KB) - scaricato 19 volte.
oppure in formato EPUB (354,13 KB) (vedi anteprima) - scaricato 9 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 69

La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

(marzo 2018, 31 pagine, 956,10 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Angela Catalini, Daniele Missiroli, Alberto Tivoli, Roberto Bonfanti, MicolFusca, David Cintolesi, Fabrizio Bonati, Enrico Gallerati,
a cura di Lorenzo Iero.
Scarica questo testo in formato PDF (956,10 KB) - scaricato 36 volte.
oppure in formato EPUB (569,16 KB) (vedi anteprima) - scaricato 29 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.