Hako, help me

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/09/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
5%
2 - mi piace pochino
2
11%
3 - si lascia leggere
5
26%
4 - è bello
8
42%
5 - mi piace tantissimo
3
16%
 
Voti totali: 19

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Hako, help me

Messaggio da leggere da Draper » 23/06/2019, 14:20

Hako, help me


Apro gli occhi. Il salotto è un acquerello rosa fenicottero. Ho di nuovo pianto nel sonno. C'è umidità, caligine, mi sudano le sinapsi. Sono uno Sputnik alla deriva, perso nell'orbita d’un soggiorno démodé. Falci di luce gialla ibridano le ombre afose della stanza. Un allarme. La centralina domotica segnala un problema. È la pre-allerta meteo.
«Istantanea report, per favore.»
Dai fono-diffusori sgocciola piano la robo-voce di Ophelia, attenzione, avverte, precipitazioni a pH tre attese per mezzogiorno, parla di piogge acide, eppure ascoltarla è l'unico balsamo che ho, previsti livelli di H2SO4 sulle due punto due parti per milione.
All'improvviso un'ondata di nausea, no, forse è nostalgia. Dio, quanti Long Island Aesthé ho bevuto ieri sera? Decisamente troppi, scopro – oltre un velo di lacrime tremola il digitimer, segna le nove di mattina. Sono in ritardo. Al chiosco ci sarà già calca, hanno bisogno di me per confezionare quei Fruttaccinos alle bacche di Goji, ma perché dovrei alzarmi? Là fuori non c’è niente, solo smog e anonimali da marciapiede.
Doppio bip, l’Hamlet Software s’attiva a tradimento. Dovresti essere al lavoro, ammonisce, un'assenza dall'impiego può costare ammende pecuniarie e licenz-
Lo ignoro, lo spengo. Attorno a me cala il buio, un'oscurità striata soltanto dal giallo fluo del segnale meteo. Da risacca, il moto della nostalgia si fa mareggiata. Schiuma.
No, bucare il turno al Kokonut non mi costerà mai quanto aver perso lei. Mi manca da morire, ma più scorre il tempo, meno riesco a ricordare. E se di colpo svanisse tutto?
«Hako.»
Pronuncio quel nome ad alta voce e Ophelia m’interfaccia alla neuro-teca.
Come un fiore di loto, l’ologramma vermiglio di Hako sboccia al centro della stanza. Bagliori elettrici le sfrigolano a fior di pelle, finché il mio avatar non la stringe a sé.
Il loro... Il nostro contatto sprigiona scintille viola. C’è odore d’ozono nell’aria.
Eccola – penso – l’unica donna che abbia davvero trasceso la post-modernità, perennemente assorta a scrutare il cielo, con quel nasino puntato a Est di un sogno.
Sulle pareti sfarfalla un teleshow lo-fi pieno di memorie, e così la rivedo sorseggiare una Saint Pepsi al nostro primo appuntamento, mentre le sfioro i capelli, poi guardo le sue labbra chiare, la spiaggia, baci in punta di piedi, mi dice. Il nebulizzatore diffonde il suo profumo in Smell-O-Vision. Sa di vaniglia e salsedine. Hako, dove sei?
Continuo a chiedermelo. Dovrei smettere, però non voglio. Non voglio dimenticarti.
Mi sento smagnetizzato, sai, come un vecchio Betamax, ma osservarti mi dà sollievo. I tuoi occhi, soprattutto, quelli non sono cambiati – sempre vivi, due finestre al neon spalancate su piogge di stelle cadenti. «Ophelia» ordino «Avvia Esprit.»
Adoravamo quella canzone.
Aiutami a non dimenticare, Hako, ti scongiuro. Un giorno troverai qualcuno, mi rassicura lei, col suo sorriso che glitcha fondendosi a un panorama del monte Fuji.
Allora la supplico. Non lasciarmi di nuovo solo, non oggi. Vorrei uscire, vorrei alzare la testa come facevi tu e trovare uno scopo. Mi senti? Sono io. Ti prego, parlami. Salvami.
Lentamente, una frase a metà fra caratteri kanji e hiragana si sostituisce agli ologrammi. La riconosco subito, era uno dei suoi proverbi preferiti. Sorrido di tristezza.

失敗を繰り返すことで、成功に至る。

“Ripetuti fallimenti conducono al successo”, traduco a mente. La neuro-teca si spegne.
È sempre questo il tuo messaggio, Hako? Quanto ancora dovrò fallire per rivederti?
Immagine
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8900
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Hako, help me

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 23/06/2019, 15:26

Qui non si perde tempo. Già il primo racconto nel primo giorno di estate, bene! :smt023
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Hako, help me

Messaggio da leggere da Draper » 23/06/2019, 16:39

Massimo Baglione ha scritto:
23/06/2019, 15:26
Qui non si perde tempo. Già il primo racconto nel primo giorno di estate, bene! :smt023
Chi si ferma è perduto :-D
Immagine
Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 96
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (autori prolifici)
10° dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 23/06/2019, 21:36

Raddoppiando il numero di fallimenti duplica la probabilità di successo. :-D Tuttavia non è questa la via più opportuna per raggiungere Hako. In effetti Hako è più vicina al protagonista di quanto lo steso riesca a rendersene conto. Quando riuscirà a "scovarla" troverà la pace. Bello l'accostamento tra iper-tecnologia di cui l'essere umano tende a circondarsi e la sua natura immutata nel corso dei secoli. Forse la priorità umana dovrebbe concentrarsi nel conoscere ed esplorare il proprio universo interiore prima di creare macchine, dispositivi ed impianti che possono sicuramente alleviare le proprie "fatiche" ma non riusciranno mai ad alleviare quell'atavico dolore provocato dalla lontananza da Dio. Perché in fondo Dio è Amore e spesso della sua assenza ce ne accorgiamo proprio quando un altro tipo di Amore (sia per la persona amata, un famigliare o un amico) viene meno. Rientra tutto nel Grande Piano d’Addestramento Celeste: Il successo non è mai definitivo, il fallimento non è mai fatale; è il coraggio di continuare che conta, sosteneva Sir Winston Leonard Spencer Churchill. E' la volontà di cercare e la determinazione di trovare Dio quel che conta davvero mi permetto di aggiungere. Nel complesso mi piace.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 257
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 25/06/2019, 13:07

Un ambiente vintage avvolto dalla tecnologia. Affascinante. L' evolversi della storia d' amore per una cantante, anzi correggo per la cantante Hako si fa penetrante. Racconto incalzante, dove si dribla tra tecnolgia e sano e puro sentimento. Infatti non vi è oleogramma che tenga se vi è l' amore. Scorrevole.
Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 25/06/2019, 18:23

In un futuro techno-punk postmoderno, meticciato alla Blade-Runner, la sostanza dell'uomo e delle sue angosce rimane lo stesso: l'assenza della donna amata (Reale? Virtuale? Chissà…) induce il protagonista a riflessioni antiche.
Racconto breve che sembra l'incipit di un romanzo.
Due chicche:
1) l’Hamlet Software motivazionale… genio!
2) fruttaccino, brevettalo, prima che qualcuno ti rubi l’idea e ci faccia i soldi.
Una considerazione, che magari esula un po’ dalle gare e che ti ho già fatto: vai forte anche nei 100 e nei 200, ma è nel mezzofondo che, secondo me, fai la differenza.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 27/06/2019, 11:31

Roberto Bonfanti ha scritto:
25/06/2019, 18:23
In un futuro techno-punk postmoderno, meticciato alla Blade-Runner, la sostanza dell'uomo e delle sue angosce rimane lo stesso: l'assenza della donna amata (Reale? Virtuale? Chissà…) induce il protagonista a riflessioni antiche.
Racconto breve che sembra l'incipit di un romanzo.
Due chicche:
1) l’Hamlet Software motivazionale… genio!
2) fruttaccino, brevettalo, prima che qualcuno ti rubi l’idea e ci faccia i soldi.
Una considerazione, che magari esula un po’ dalle gare e che ti ho già fatto: vai forte anche nei 100 e nei 200, ma è nel mezzofondo che, secondo me, fai la differenza.
Questo racconto per me è un esperimento per più di un motivo; uno, ho voluto provare a dare dignità letteraria, o peso letterario quanto meno, a un fenomeno estetico-musicale che al momento non può contare di esempi letterari, ma solo appunto di immagini e suoni. Parlo del vaporwave; in secondo luogo, la brevità è ancora una chimera per me. Che io faccia la differenza sul mezzofondo, come dici, è un bel complimento, ma è anche un fardello che comporta il doversi organizzare dei tempi che, col lavoro che faccio, non mi posso più permettere. Devo imparare a gestire idee più piccole, a sfinarle, perché altrimenti corro il rischio di cascare dentro iati più o meno lunghi che da troppo tempo m'azzoppano. Sicuramente, in parallelo, posso lavorare a progetti a più ampio respiro, con simbologie complesse e personaggi più curati, ma è anche vero che solitamente nei concorsi - per esempio - tremila battute sono già troppe! Sarebbe fuori anche questo racconto :D e in media i miei oscillano fra le diecimila e le cinquantamila battute. Questo perché mi piace dare il giusto spazio a tutto :)
Immagine
Immagine

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 93
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensiti)
dal 2018 (recensori)
dal 2017 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 28/06/2019, 14:19

Il racconto è scritto molto bene, con immagini e terminologie efficaci che colpiscono il lettore. Poi, un po' sono io che mi perdo in questi termini, ma nel leggerlo (anche se breve) non ho più capito molto della storia, che probabilmente ha bisogno di un respiro maggiore.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista: https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5455

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 28/06/2019, 14:41

Angelo Ciola ha scritto:
28/06/2019, 14:19
Il racconto è scritto molto bene, con immagini e terminologie efficaci che colpiscono il lettore. Poi, un po' sono io che mi perdo in questi termini, ma nel leggerlo (anche se breve) non ho più capito molto della storia, che probabilmente ha bisogno di un respiro maggiore.
Non aver capito è una tua supposizione, però :D Magari hai capito, invece! Che idea ti sei fatto della storia? Cosa credi sia accaduto/stia accadendo, cioè. :-D
Immagine
Immagine

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 96
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/06/2019, 13:25

Mi piace l’idea e la struttura del racconto, è apprezzabile la fantasia impiegata per definire le tecnologie di questa possibile futura realtà; allo stesso tempo trovo che il discorso ne venga appesantito. Lo vedrei bene trasposto in immagini, magari in un cortometraggio. Ci sono secondo me delle imprecisioni (errori di battitura, struttura della frase).

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 30/06/2019, 13:57

Selene Barblan ha scritto:
30/06/2019, 13:25
Mi piace l’idea e la struttura del racconto, è apprezzabile la fantasia impiegata per definire le tecnologie di questa possibile futura realtà; allo stesso tempo trovo che il discorso ne venga appesantito. Lo vedrei bene trasposto in immagini, magari in un cortometraggio. Ci sono secondo me delle imprecisioni (errori di battitura, struttura della frase).
Questo racconto, per via dei limiti del forum, è privo di formattazione particolare. Nel testo originale, reperibile sempre qui, sono invece presenti i corsivi e l'impaginazione con la quale il pezzo andrebbe letto. Per quanto riguarda gli errori di battitura, mi piacerebbe molto sapere dove sono, così potrei correggerli; lo stesso vale per la struttura delle frasi. :)
Immagine
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8900
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 30/06/2019, 16:35

Draper ha scritto:
30/06/2019, 13:57
Questo racconto, per via dei limiti del forum, è privo di formattazione particolare.
Ma infatti dovete far finta di scrivere con una vecchia macchia da scrivere, sfaticati! :smt079
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 30/06/2019, 16:39

Massimo Baglione ha scritto:
30/06/2019, 16:35
Ma infatti dovete far finta di scrivere con una vecchia macchia da scrivere, sfaticati! :smt079
Fosse per me lo farei, ma per come scrivo io il corsivo è funzionale all'accavallarsi delle voci :?
Immagine
Immagine

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8900
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 30/06/2019, 16:46

Draper ha scritto:
30/06/2019, 16:39
... ma per come scrivo io il corsivo è funzionale all'accavallarsi delle voci :?
Non siamo più amici, ecco. :evil:
Odio visceralmente le formattazioni del testo grrrrr
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensori)
dal 2014 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 05/07/2019, 11:51

uhm, troppo compresso.
perbacco, la storia c'è tutta, ed è una storia d'amore fantascientifica, techno-punk, ma è talmente schiacciata in poco spazio che non riesce a dare il meglio di sé.
secondo me, ovviamente.
buona l'idea, buono lo sviluppo, ma una storia simile necessita di aria, bisogna farla respirare.
e facendola respirare toglierà il fiato ai lettori.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Edmondo
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 17/11/2015, 13:19
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Hako, help me

Messaggio da leggere da Edmondo » 06/07/2019, 11:43

In "Espacio" l'opera poetica dove J.R.Jiménez mette in pratica la sua idea che la poesia si sia trasferita nella prosa, compare una Ophelia, o meglio, una Ofelia negra. Tu nel tuo metalinguaggio l'hai anglicizzata ma è Shakespeare a renderne il significato universale, ben oltre il linguaggio. Quanto possono essere universali tanti altri esperimenti che tenti con altri linguaggi? Jiménez aveva previsto che dopo l'esplosione della supernova modernista tutti i frammenti avrebbero cominciato a riunirsi come nella formazione dell'universo. Tu sei sulla rotta grande sperimentatore.

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi » 06/07/2019, 13:13

Immagini ben descritte ed efficaci, io ero lì, con il protagonista, vivevo la sua tristezza, la sua malinconia, la nostalgia, persa in un vuoto cosmico incolmabile, intrappolata in un presente inconsistente da cui è impossibile uscire.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Hako, help me

Messaggio da leggere da Draper » 06/07/2019, 17:06

Edmondo ha scritto:
06/07/2019, 11:43
In "Espacio" l'opera poetica dove J.R.Jiménez mette in pratica la sua idea che la poesia si sia trasferita nella prosa, compare una Ophelia, o meglio, una Ofelia negra. Tu nel tuo metalinguaggio l'hai anglicizzata ma è Shakespeare a renderne il significato universale, ben oltre il linguaggio. Quanto possono essere universali tanti altri esperimenti che tenti con altri linguaggi? Jiménez aveva previsto che dopo l'esplosione della supernova modernista tutti i frammenti avrebbero cominciato a riunirsi come nella formazione dell'universo. Tu sei sulla rotta grande sperimentatore.
E' probabile che la mancanza di senso che il Novecento ha lasciato nell'esistenzialismo contemporaneo, prima o poi, finisca sì col riunirsi di nuovo. E' una prospettiva, quella di Jimenez, che non conoscevo, e mi fa pensare - più che a un mondo liquido, come spesso s'intende citando Bauman - un mondo di colla, dove tutto è viscoso. Ti ringrazio per le belle parole, e sono felice che il racconto stia incontrando il vostro favore. Per me è una situazione particolare, soprattutto perché ho impiegato pochissimo a scriverlo e sento persino di essermi sotto-impegnato rispetto alle tempistiche mie solite. Sono sempre stato contrario alla scrittura che procede per umori, priva di uno scheletro, di struttura, cosiddetta spontanea, ma quelle poche volte che ho deciso di violare questa mia regola personale i risultati e le reazioni altrui si sono sempre rivelate inaspettate. Dovrei farlo più spesso, essere meno quadrato. :-D
Immagine
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 06/07/2019, 17:11

Fausto Scatoli ha scritto:
05/07/2019, 11:51
uhm, troppo compresso.
perbacco, la storia c'è tutta, ed è una storia d'amore fantascientifica, techno-punk, ma è talmente schiacciata in poco spazio che non riesce a dare il meglio di sé.
secondo me, ovviamente.
buona l'idea, buono lo sviluppo, ma una storia simile necessita di aria, bisogna farla respirare.
e facendola respirare toglierà il fiato ai lettori.
Sto collaborando con un musicista, attualmente, e questo è stato il risultato dell'ascolto prolungato di un suo pezzo strumentale. Nelle mie intenzioni ho addirittura sforato di mille battute, sai, anche perché spesso mi viene segnalato che le storie sono troppo lunghe. Io, questo penso sia un mio limite, faccio veramente fatica a sacrificare l'idea alle battute, e anche quando considero un'idea - come questa - semplice e particolarmente adatta alla brevità, mi viene risposto - come tu stesso ritieni - che la storia ha bisogno di respirare. E' un punto di vista assolutamente legittimo, infatti mi porta a riflettere su una cosa: quanto semplice dovrebbe essere un'idea perché un racconto non superi le 2800 battute? Io proprio non riesco a focalizzarlo :( mi servirebbe una mano.
Immagine
Immagine

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 80
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensiti)
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 06/07/2019, 19:24

Racconto breve, ma assai più pregevole proprio nella sua brevità. La prosa usata è molto lirica, molto evocativa e nel contempo surrealistica. Mi è piaciuta soprattutto la gestione dell'elemento tecnologico: citi nomi di aggeggi e di tecnologie come se il lettore le conoscesse, senza scadere in quella brutta bestia che è l'infodump, creando il giusto senso di straniamento senza però generare confusione.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 06/07/2019, 19:29

Marco Daniele ha scritto:
06/07/2019, 19:24
Racconto breve, ma assai più pregevole proprio nella sua brevità. La prosa usata è molto lirica, molto evocativa e nel contempo surrealistica. Mi è piaciuta soprattutto la gestione dell'elemento tecnologico: citi nomi di aggeggi e di tecnologie come se il lettore le conoscesse, senza scadere in quella brutta bestia che è l'infodump, creando il giusto senso di straniamento senza però generare confusione.
L'infodump è il male assoluto, per quel che mi riguarda, e te lo dico da ex "avvelenato" dal suddetto morbo. Eppure, ti dirò, c'è tutta una scuola di pensiero che invece sostiene che un buon racconto, sostanzialmente, altro non sia che infodump. Non ci avranno mai :-D
Immagine
Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensori)
dal 2014 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 06/07/2019, 20:54

Draper ha scritto:
06/07/2019, 17:11
Sto collaborando con un musicista, attualmente, e questo è stato il risultato dell'ascolto prolungato di un suo pezzo strumentale. Nelle mie intenzioni ho addirittura sforato di mille battute, sai, anche perché spesso mi viene segnalato che le storie sono troppo lunghe. Io, questo penso sia un mio limite, faccio veramente fatica a sacrificare l'idea alle battute, e anche quando considero un'idea - come questa - semplice e particolarmente adatta alla brevità, mi viene risposto - come tu stesso ritieni - che la storia ha bisogno di respirare. E' un punto di vista assolutamente legittimo, infatti mi porta a riflettere su una cosa: quanto semplice dovrebbe essere un'idea perché un racconto non superi le 2800 battute? Io proprio non riesco a focalizzarlo :( mi servirebbe una mano.
Draper, la mia è una pura opinione personale
io amo le storie più lunghe, e questo probabilmente influisce sui miei commenti
però apprezzo le brevi quando, sempre a mio parere, riescono a esprimere tutto il potenziale
nel tuo caso amplierei la storia, ma l'autore sei tu, quindi sta a te scegliere
;)
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 07/07/2019, 4:07

Fausto Scatoli ha scritto:
06/07/2019, 20:54
Draper, la mia è una pura opinione personale
io amo le storie più lunghe, e questo probabilmente influisce sui miei commenti
però apprezzo le brevi quando, sempre a mio parere, riescono a esprimere tutto il potenziale
nel tuo caso amplierei la storia, ma l'autore sei tu, quindi sta a te scegliere
;)
Ma sì, il mio non era un rimprovero o altro, ma proprio una domanda :D ero curioso di capire come fare :mrgreen:
Immagine
Immagine

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 222
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 07/07/2019, 15:24

il racconto è senza dubbio originale, proietta nel futuro (triste mi viene da dire, e poi neppure così lontano...). Mi è piaciuta la descrizione super-tecnonlogica, affiancata però, a quelli che sono i bisogni universali dell'uomo. Speriamo non vengano mai meno.

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 93
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2018 (profili visti)
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 10/07/2019, 16:19

Domanda: anonimali è un refuso?
Per il resto, molto ben confezionato, anzi un piccolo gioiello, perché provoca emozioni, evoca ricordi, va dritto all'obiettivo.
Tolta tutta quell'inutile elencazione di tecnologie mi ha ricordato le immagini sfarfallanti e in bianco e nero del mio vecchio Super Otto.
Bravo
Toglierei quell'help me dal titolo.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 10/07/2019, 19:39

Namio Intile ha scritto:
10/07/2019, 16:19
Domanda: anonimali è un refuso?
Per il resto, molto ben confezionato, anzi un piccolo gioiello, perché provoca emozioni, evoca ricordi, va dritto all'obiettivo.
Tolta tutta quell'inutile elencazione di tecnologie mi ha ricordato le immagini sfarfallanti e in bianco e nero del mio vecchio Super Otto.
Bravo
Toglierei quell'help me dal titolo.
Anonimali non è un refuso, ma una crasi. Anonimi+animali.

Sull'eliminare "help me" dal titolo sono d'accordo, meno invece sulla tecnologia. Non è inutile, anzi, il fatto stesso che ti abbia suggerito le immagini sfarfallanti dei tuoi Super8 è la prova che non è un elemento superfluo ma funzionale al testo. Il mio intento era proprio quello, evocare nostalgia, specie a fronte di un presente (finzionale) che è contaminato ogni secondo dal passato. Serve a creare un senso di promiscuità temporale.
Immagine
Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 23/07/2019, 12:06

In un commento hai citato la vaporwave e in effetti leggendo il racconto ho pensato proprio a quelle atmosfere... mi piace lo stile, permette di entrare subito nel mondo che hai creato. La tensione tra i residui di umanità e una società sempre più ipertecnologica è un tema sempre interessante.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 29/07/2019, 16:42

Anche nel futuro più tecnologico, l'uomo avrà sempre le sue paturnie e questo è consolante. Ho apprezzato Il racconto come pure lo stile. La frase che mi è piaciuta di più?
"Da risacca, il moto della nostalgia si fa mareggiata."
In un prossimo racconto potresti dirci come finisce questa relazione?

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 29/07/2019, 19:50

Gabriele Ludovici ha scritto:
23/07/2019, 12:06
In un commento hai citato la vaporwave e in effetti leggendo il racconto ho pensato proprio a quelle atmosfere... mi piace lo stile, permette di entrare subito nel mondo che hai creato. La tensione tra i residui di umanità e una società sempre più ipertecnologica è un tema sempre interessante.
Sì, Gabriele, in realtà la vaporwave è più che un'ispirazione per questo racconto, anche se - nei fatti - è una specie di MacGuffin. Il punto centrale è proprio la relazione fra società, tecnologia e uomo, che ovviamente sta stretta in così poco, ma ho dovuto limare tutto perché riuscisse a entrarci. :D grazie per la lettura.
Immagine
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Draper » 29/07/2019, 19:52

Stefyp ha scritto:
29/07/2019, 16:42
Anche nel futuro più tecnologico, l'uomo avrà sempre le sue paturnie e questo è consolante. Ho apprezzato Il racconto come pure lo stile. La frase che mi è piaciuta di più?
"Da risacca, il moto della nostalgia si fa mareggiata."
In un prossimo racconto potresti dirci come finisce questa relazione?
E' una frase che sta particolarmente a cuore anche a me, ti ringrazio per averla apprezzata. Sull'ultima tua domanda non ho una risposta purtroppo, la mia intenzione era quella di fare una piccola trilogia sfruttando questi toni e quest'ambientazione, ma non so ancora se tenere le storie separate (entro la stessa cornice) oppure usare proprio Hako come fil rouge. Non faccio promesse che non posso mantenere, ma se dovesse tornare a galla questa relazione, all'interno delle storie, lo noterete subito :-D
Immagine
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

(aprile 2014, 30 pagine, 454,14 KB)

Autori partecipanti: Annamaria Vernuccio, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Daniela Rossi, Alphaorg, Eddie1969, Marina Paolucci,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (454,14 KB) - scaricato 121 volte.
oppure in formato EPUB (613,40 KB) (vedi anteprima) - scaricato 217 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 28 - L'ultima notte

La Gara 28 - L'ultima notte

(febbraio 2012, 54 pagine, 1,94 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Luigi Bonaro, Giorgio Arcari, Licetti, Ser Stefano, Antonella P, Arditoeufemismo, Jane 90, Lodovico, Flavio Graser, Angela Di Salvo, Roberta Michelini, Kutaki Arikumo, Tuarag, Unanime Uno, StillederNacht, Cordelia, ConcettaS, Mariadele, Lorella15, Alhelì, Morgana Bart, Bludoor, Diego Capani,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,94 MB) - scaricato 563 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 147 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 195 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 35 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Se io fossi... scriverei!

Se io fossi... scriverei!

Antologia di opere ispirate dai nostri autori preferiti

Ognuno di noi ha un proprio autore preferito.
Cosa scrivereste se voi foste loro?
O se loro entrassero in voi?
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, Angela Di Salvo, Cinzia Colantoni, Daniela Rossi, Amelia Baldaro, Umberto Pasqui, Michela Giudici, Adriano Carrieri, Alma Trucillo, Diego Cocco, Laura Chiabudini, Enrico Arlandini, Franca Cini, Mauro Sighicelli, Flora Lalli, Anna Rita Foschini, Fabrizio Roscini, Maria Rosaria Spirito, Sandra Ludovici, Mauro Cancian, Agata Alleruzzo, Giorgio Leone, Cristina Giuntini, Sashenka, Gloria Dafne Fedi, Rosanna Fontana, Marina Paolucci.
Vedi ANTEPRIMA (174,98 KB scaricato 155 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 203 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.