Gara 61 - Bando e racconti

Questa è la sezione dove sia i nuovi arrivati che i veterani possono partecipare alle nostre Gare letterarie periodiche. La partecipazione è libera e gratuita, l'importante è avere voglia di mettersi alla prova, conoscere gli altri autori e migliorarsi a vicenda. Il vincitore di ogni Gara dovrà/potrà organizzare la Gara successiva. Ogni Gara sarà pubblicata in E-Book gratuiti e liberamente scaricabili.
Mettiti alla prova!
Avatar utente
Massimo Tivoli
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 10/05/2016, 11:08
Contatta:

Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Massimo Tivoli » 30/10/2016, 18:39

Ai confini della realtà
fishy_island.jpg
Non vi preoccupate, il riferimento all'omonima serie televisiva degli anni '60, sebbene azzeccato, non è necessariamente caratterizzante. Per essere ai confini del reale, talvolta, non bisogna scomodare il fantastico o il soprannaturale, la realtà da sola ci propina situazioni che vengono percepite come surreali.

Il carattere illusorio della realtà, o il sapore reale delle nostre illusioni, vuole essere la fiamma ispiratrice dei partecipanti a Gara 61.

Aprendo il tema a qualsiasi genere letterario, i partecipanti alla gara potranno cimentarsi con racconti che più classicamente rispondono ai canoni della famosa serie americana oppure racconti in cui i mostri e le paure peggiori, i fantasmi e le illusioni più angoscianti, le strampalate certezze che ci costruiamo per sopravvivere, vengono proprio dal quotidiano, dalla realtà, dalle conseguenze della nostra percezione di eventi e stimoli esterni, o di accadimenti che non avremmo mai pensato potessero accadere.


Regole:
Valgono tutte le regole ufficiali, che trovate qui:
viewtopic.php?f=80&t=2308

Riassumendo:
- lunghezza massima del testo: 1000 parole o 6000 caratteri (spazi inclusi) con una tolleranza del 10%;
- chi partecipa dovrà votare e commentare tutti i racconti eccetto il proprio; in caso contrario
verrà escluso dalla Gara e non riceverà alcun premio né pubblicazione;
- ogni racconto dovrà essere corredato di un’immagine, da inserire preferibilmente in
apertura del vostro brano;
- voti da 1 a 5, consentiti anche i tagli a mezzo (1,5 e così via fino al 5);
- i racconti postati non potranno più essere modificati se non a gara conclusa; al termine dei
giochi, si potranno apportare eventuali modifiche per la pubblicazione sull’e-book.

I racconti potranno essere postati come risposta a questo messaggio fino alla mezzanotte del 30 novembre
I commenti e i voti dovranno invece essere postati a questo link:
viewtopic.php?f=80&t=5002
dal 1 dicembre fino alla mezzanotte del 15 dicembre

Premiazione:
Chi vincerà avrà l’onore e l’onere di organizzare la gara successiva.
I premi saranno:
1. Pubblicazione dei racconti in digitale, con il consueto e-book.
2. Vi ricordiamo che, da Gara 60 in poi, è stata introdotta una novità: i vincitori otterranno un abbonamento di 10 euro grazie al quale saranno scaricabili gli ebook integrali (pdf o epub) delle nostre pubblicazioni cartacee (per i dettagli vedi post "I premi delle gare" qui: viewtopic.php?f=80&t=2472)

Massimo, Alberto e Giorgio.
Immagine
Immagine
Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.
--- Per riferimenti alle mie pubblicazioni, puoi visionare la mia Vetrina Personale ---

Avatar utente
Massimo Tivoli
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 10/05/2016, 11:08
Contatta:

Re: Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Massimo Tivoli » 13/11/2016, 0:26

Superumani-v11.jpg
Superumani-v11.jpg (136.04 KiB) Visto 600 volte
SUPERUMANI

Inspiro l’aria del piazzale, assaporandone l’essenza, l’unico sapore di libertà in questo inferno. Ammaliante, gli chiedo di offrirmi una sigaretta. Il cerbero mi porge una “Macedonia Extra”, me la faccio accendere. Con la coda dell’occhio seguo il movimento del braccio intento a riporre l’accendino. Memorizzo la tasca e gusto ogni boccata.
Degrado e abbandono mi circondano, mi stanno divorando a piccoli morsi. Il corpo continua a vivere, ma l’anima imputridisce. Mi sembra un incubo e, invece, è tutto reale. È un anno che sono rinchiusa. Ha pensato bene di farmi fuori, il porco.

Ce ne vollero quattro per farmi entrare. Li rivedo in preda allo sgomento. Una donna non avrebbe mai potuto scatenare tutta quella forza e rabbia.
Gli occhi di mio zio colmi di soddisfazione. Il suo piano funzionò alla perfezione grazie ai pregiudizi di mio padre che preferì credere alla realtà costruita da lui, piuttosto che alla mia. Ma, tanto, se avesse accettato la verità mi avrebbe comunque marchiata e condannata. Quel demonio di suo fratello si divertì a violarmi l’anima quando ero una ragazzina e, appena sono diventata donna, ha sferrato il colpo di grazia.
I ragazzi mi corteggiavano. La più bella del paese, dicevano. Contrariamente a quanto avevo pensato, tormentandomi per anni, scoprii che potevo essere amata. Decisi di assolvermi e di farmi travolgere dalla mia rinascita. Frequentai un ragazzo e, nel giro di un mese, un altro, un passo troppo lungo per una donna. Ma io li ho amati con passione e sincerità, spinta solo dalla libertà riconquistata.
La mia condotta venne fatta passare per ipersessualità, vomitata dal muso del porco durante una cena in famiglia. Quando poi inventò la balla su come, ancora ragazzina, tentai di sedurlo e sulla notorietà della mia ossessione, il suo alibi raggiunse la perfezione. Un gioco di prestigio infernale per eliminarmi prima che mi fosse venuto il coraggio di svelare la violazione. Ninfomane da ricovero coatto, questa fu l’illusione che divenne realtà agli occhi di mio padre e, ahimè, sulla mia pelle.

Il fischietto dell’infermiere di guardia trilla: ora di cena. Rientro e mi siedo al tavolo con Schizzo, Fuoco e Sfera. Non avrei mai pensato di riporre le mie speranze in uno schizofrenico, un piromane e un obeso che si crede veggente, e che non ha ancora capito che le sue premonizioni riflettono solo la sua ossessione per il cibo. Da quando li ho convinti che siamo superumani, mi seguirebbero ovunque. L’illusione mi ha condannata, e l’illusione compirà la mia vendetta.
— Allora, è tutto chiaro? — chiedo, guardandoli negli occhi uno dopo l’altro. — Solo noi superumani possiamo rispedire il diavolo all’inferno.
— Senti, Angelo, ho avuto una premonizione. Non ce la faremo. — risponde Sfera.
— Di’ piuttosto che te la fai sotto. — replico.
— E dai, non trattarlo così. — dice Schizzo. — Sfera è nervoso, non vedi i fulmini che emana? È elettricità allo stato puro. Possibile che non vedi?
— La visione oltre la realtà è un tuo superpotere. — rispondo, e mi rivolgo a Fuoco: — Tu sei con me?
— Schiocca le dita e divento una palla di fuoco, adesso!
— Frena l’entusiasmo. — rispondo, sorridendogli.
— Ma sì, il presagio di Sfera è frutto dell’ansia. Anch’io sono con te. — afferma Schizzo, confermando i suoi continui sbalzi di umore.
Osservo Sfera, intento a divorare il suo dolce. Gli offro il mio e indico agli altri di fare lo stesso. Pochi minuti e Sfera mi rivolge finalmente lo sguardo, mostrandomi un sorrisetto appagato e la punta del naso guarnita da un po’ di panna: — Scusami, ero affamato. Ora sento che ce la faremo. Lo vedo, lo vedo.
Stringo la mano di Schizzo e lo fisso negli occhi. Gli parlo del diavolo, del suo potere di possedere chi dubita, dapprima con tono suadente e poi con voce malvagia. Dopo mezz’ora, il suo cervello si rivela un perfetto illusionista. Schizzo si butta a terra in preda a una crisi: — Demoni, demoni ovunque, vogliono possedermi. — urla. — Il diavolo sa che ci batteremo con lui.
L’infermiere di guardia e altri gli si buttano addosso.
— Adesso, Sfera! — sussurro.
Centocinquanta chili di massa grassa schiacciano quel mucchio di ossa. Io e Fuoco ci fingiamo impegnati a rimuovere Sfera. Vado a colpo sicuro: sfilo l’accendino dalla tasca dell’infermiere guardiano e lo passo a Fuoco che se lo infila nelle mutande. Adesso il padrone del mondo è lui. Finalmente Sfera si scansa, simulando di cedere alla nostra spinta. Schizzo si becca un sedativo, trascorrerà la notte in isolamento, passando prima per l’elettroshock. Ha portato a termine la sua parte di missione. Noialtri rimediamo un bel po’ di botte, ma chi le sente. Tornato l’ordine, veniamo condotti nelle nostre camere. Il personale pernotta nel blocco A, gli uomini nel blocco B e le donne nel blocco C.
Odo i due giri di serratura della mia porta, gli infermieri stanno chiudendo. Un’ora e saranno tutti a dormire. Siamo nelle mani di Sfera.
Scatta l’allarme antincendio, significa che Sfera ha prima sfondato la porta della sua stanza e poi ha fatto uscire Fuoco. Già immagino il blocco A cinto da mura di fiamme larghe un paio di metri e alte, troppo alte. Il personale sarà in gabbia per un po’. Fuoco non è un normale piromane, controlla il fuoco come se fosse parte di sé.
Lo schianto di Sfera contro la porta mi fa sobbalzare. Mentre osservo i due, eccitati sulla soglia, provo un magone per Sfera: può sfondare le porte ma non il muro di cinta, per lui è impossibile scavalcarlo. Anche lui ha quasi portato a termine la sua parte di missione.
Con l’aiuto di Sfera che ci fa da scala umana, io e Fuoco scavalchiamo il muro di cinta. Siamo fuori, liberi.

Abbiamo camminato per più di un’ora tra i campi, ci staranno già cercando. Finalmente siamo giunti a casa del demonio. Il maiale non si è mai sposato e ha sempre vissuto da solo. La condizione perfetta: nessun rimorso di coscienza. Afferro Fuoco per il braccio: — Rispediscilo all’inferno!
Una palla di fuoco esce dalla casa in fiamme. Sebbene le urla strazianti mi riportino alla mente immagini orribili che credevo di aver rimosso, esse si rivelano presto musica per le mie orecchie. Il porco è diventato una torcia umana impazzita, corre frenetico avanti e indietro.
Un tonfo sordo a terra e quella meteora umana è, ormai, solo un bel falò, al cospetto del quale io e Fuoco ci scaldiamo le membra e l’anima.
— E adesso che facciamo? — domanda Fuoco.
— Recupera le forze. Andiamo a riprenderci Sfera e Schizzo.
Immagine
Immagine
Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.
--- Per riferimenti alle mie pubblicazioni, puoi visionare la mia Vetrina Personale ---

Avatar utente
Lodovico
Correttore di bozze
Messaggi: 475
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:
attività:

Re: Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Lodovico » 13/11/2016, 10:01

cat.jpg
cat.jpg (32.54 KiB) Visto 576 volte
Io e Meo

Mi fissa. I lunghi baffi neri si slanciano a lato del naso triangolare e sembrano indicare le finestre della stanza. Mi fissa. Gli occhi, dalle pupille a fessura, sono fermi in direzione dei miei. Meo mi fissa. Sì, perché gli avevo dato anche un nome: “Meo”. Adatto a un gattino in bianco e nero. Il corpo è solo schizzato. Riprendo la matita. Con la mano tremolante aggiungo al gatto disegnato la coda e le gambe posteriori. E poi un bicchiere d’acqua. Potrebbe venire sete a Meo, con questa canicola. Canicola-gatto. Divertente. Mezz’ora ci ho messo per abbozzarlo e non l’ho ancora finito. Bevo un sorso d’acqua e poi rimetto il bicchiere nel disegno. Basta! Mi sono stufato. Avrei voluto aggiungere una gattina allo schizzo sul tavolo, gli avrebbe fatto compagnia, povero Meo. E invece lo avrei lasciato solo a godersi il foglio da disegno candido per metà e il bicchiere d’acqua semivuoto che gli stava a fianco. Solo come un cane. Cane-gatto. Divertente. Aveva da bere, ma non da mangiare. Con pochi tratti sgraziati disegno, a fianco a Meo, un pesce. Di quelli stilizzati, che sanno fare anche i bambini, ma, al mio gattino in grafite, sarebbe piaciuto. Osservo l’orologio. È arrivata l’ora. Il frigo in cucina è semivuoto. Apro un pacchetto di wurstel, di quelli piccoli, da trentacinque centesimi al discount, e ne divoro uno senza scaldarlo. Meo mi si struscia tra le gambe. Deve avere sentito l’odore delle salsicce e ha abbandonato il suo pesce essenziale sul foglio. Strappo a metà il secondo wurstel e glielo porgo. Avidamente lo mangia e ritorna in salotto. Osservo l’orologio. È arrivata l’ora. Meo è tornato nel disegno. Arrotolo il foglio e lo ripongo ordinatamente in frigo. Mi stanno aspettando, non devo ritardare.

L’automobile scorre liscia sull’asfalto, le montagne, in lontananza paiono non avvicinarsi mai. È curioso, si spostano a destra e a sinistra ma sono sempre alla stessa distanza. Come le nuvole. Tu corri verso di loro, ma le nuvole si tengono sempre lontane dagli uomini. Avranno paura che, se uno di noi le toccasse, si sporcherebbero e diverrebbero nere. Come quelle dei temporali. E invece adesso sono lì, colore della panna e forma di… di che? Mi fermo accostando l’auto al ciglio della strada per osservarle meglio. Quella lassù ha la forma di un… un… una nuvola. Sbatto il pugno sul volante. Non mi ricorda nulla quella nuvola. Il motore riprende a cantare, l’automobile a correre, l’autoradio a parlare. E so che mi aspettano, forse sono in ritardo. O forse no. Non lo saprò mai, non conosco l’orario dell’appuntamento. In realtà non conosco nemmeno il giorno, ma so che mi aspettano. E che non posso arrivare tardi.

L’inverno è la stagione che preferisco. D’estate si suda, l’acqua frizzante si scalda e fa schifo, le magliette che ho sono vecchie e non mi piacciono. Invece, quando fa freddo e gli alberi perdono la chioma e sembrano rami secchi, anche se si lascia la bottiglia di acqua Guizza in macchina la si può bere e le mie felpe sono decisamente carine. E, in ogni caso ho il giaccone imbottito, se nevica. E invece, oggi, fa un caldo tremendo. Mi fermo davanti alla fontana nella piazza. L’acqua scorre continua e pare abbastanza fresca. Meo è lì sotto che beve, leccandole, poche gocce. Mi dovrei chiedere come sia possibile che si trovi in quel luogo, centoottanta chilometri da casa, e invece non mi stupisco. D’altra parte è un disegno, mica un gatto vero, comunque quando tornerò indietro lo cancellerò. Se tornerò indietro. Se loro non mi terranno là dove mi sto recando. Ancora un po’ di strada e li incontrerò. Non so di preciso dove, ma ne sono certo. Mi hanno detto di voltare sempre a destra, a parte alcune volte in cui avrei dovuto continuare dritto. Non mi hanno detto in quali incroci, ma poco importa, quando sarò arrivato al luogo dell’incontro me ne accorgerò.

Le cameriere degli autogrill sono tutte belle, tutte. Si gira per prepararmi il caffè che, da bravo avventore avevo pagato alla cassa. Ho dato un euro in cambio di uno scontrino e lei mi dà un caffè in cambio dello scontrino. Curiosa scienza, l’economia. Se avessi avuto più soldi avrei potuto avere un “Camogli” o un “Cotoletta”. Persino una “Rustichella” con provola e origano. E invece bevo il mio caffè osservando la donna con lo stesso sguardo affamato con cui guardavo la “Focaccella con prosciutto cotto”. Meo sì che si sta sfamando. Lo vedo nella vetrinetta, tra i panini, che assaggia una fetta di salame qui e una di speck là. Nessun altro pare scorgerlo, nemmeno la cameriera dalla scollatura generosa. Beato lui.

E finalmente ci sono. Vedo in lontananza la mia meta, mi staranno aspettando. O forse no. Parcheggio la macchina. La bottiglia di Guizza, calda e sgasata cade fuori e rotola verso il basso. Entro nel locale ricolmo di carta colorata in ogni modo possibile. Ritti, seri, riempiono l’orizzonte con la loro presenza. Gli occhi rapaci guardano avanti, loro guardano sempre avanti, è il loro mestiere. Loro sanno. E vendono il loro sapere e quello degli altri. Meo passa tra le mie gambe strusciandosi nei pantaloni e miagola rumorosamente tentando di farsi notare da tutti quegli esseri. Nessuno di loro lo considera. È venuto il mio turno. Lascio alle spalle la porta e cerco di reggermi in piedi. Le gambe sono malferme. Li chiamo, è il momento giusto, e finalmente accade…

Accade. Ma cosa? Che cosa accade? Come continuo il racconto? Guardo il display del Compaq con odio. Scriviti da solo, racconto! Sono arrivato finora a cinquemilatrecento caratteri di una storia ai confini della realtà e non so come terminarla. Mi alzo. Giro nervosamente intorno al tavolo. Nulla. Che finale mi posso inventare? Rileggo il bando su Braviautori. Seimila caratteri caratteri. Tolleranza dieci per cento. La rabbia monta. E più aumenta più il cervello si svuota. Basta! Devo distrarmi. Slancio la mano sulla scrivania e prendo la prima cosa che mi capita. Una matita. Disegno malissimo, ma potrebbe essere un modo per rilassarsi. Un foglio bianco di mia figlia, studentessa dell’artistico, giace, vergine, in fondo al tavolo. Lo sporco con pochi tratti di grafite. Pian piano appare. Un muso. Di gatto. Carino. Gli disegno gli occhi e mi rendo conto che mi fissa.
Mi fissa. I lunghi baffi neri si slanciano a lato del naso triangolare e sembrano indicare le finestre della stanza. Mi fissa. Gli occhi, dalle pupille a fessura, sono fermi in direzione dei miei. Meo mi fissa. Sì, perché gli avevo dato anche un nome: “Meo”…
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

ImmagineImmagineImmagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Foglio bianco
Messaggi: 25
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
Contatta:

Re: Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 14/11/2016, 17:23

Immagine

Una stanza sul Daugava

Sono convinto che certe persone sia meglio guardarle quando sono di spalle: è per questo che continuo a girarmi per osservare la schiena di quell'imbecille di Klavins. Fa troppo freddo per congedarmi da lui con una brutta impressione. Anche se, a conti fatti, ha già voltato i tacchi da un minuto.

Ho raggiunto il ponte sopra il Daugava e devo incamminarmi verso la pensione, ignorando le nenie vomitate dai grammofoni dei negozi ancora aperti. Non ho denaro con me. A Klavins ho mentito: lo studio del signor Dimants non intende riassumermi. Almeno non dopo avermi descritto, su quel foglio untuoso, come un “irrecuperabile dissociato, bevitore e affetto da vizio mentale”. Redatto a macchina, tac-tac-tac. Ma sono illazioni, l'inverno è più lungo della stagione calda e un distillato non se lo nega nessuno. Quindi io avrei turbe mentali? O semplicemente non ho ancora la tessera del partito? Non mi interessa. Klavins è stato il primo a iscriversi, e non mi sembra che sia guarito dalla sua incipiente idiozia. Non c'è rivoluzione che tenga.

Raggiungo la pensione della signora Laksa poco prima delle nove di sera. Ho un malessere di stomaco, sono a digiuno e gli acidi devono aver iniziato a intaccare le mie viscere. Poco importa, di fame non morirò. Avevo paura di essere in ritardo, perché una volta spente le luci diventa difficile orientarsi in questo luogo. Dal quale mi sbatteranno fuori per aver mancato l'ultimo pagamento, il che mi porterà dritto in qualche lista nera.
La signora Laksa è in piedi. Eludo il suo sguardo annacquato dal sonno a causa delle ore trascorse a cucire e annotare appunti sul registro della sua pulciosa pensione. Ci sarà tempo per farsi maltrattare. Ma quando? Quattro giorni, una settimana? Il tempo di scoprire che non sono affatto un uomo d'affari, bensì un futuro senzatetto? Meglio non pensarci, c'è chi sta peggio. Il vecchio della stanza di fianco alla mia si è addormentato nell'area comune e russa come un orso. Indossa gli stessi vestiti da circa un mese e non si è ancora smacchiato la camicia insozzata di borshch. Così d'impatto pare che gli abbiano sparato un colpo al petto e che abbia perso i sensi sulla poltrona. Per la prima volta, oggi trovo un motivo per sorridere. Non sono abituato all'ilarità, mi tocca correggere con le dita un nervo accavallatosi sotto il tessuto molle tra il collo e mento.

Salgo di sopra senza togliermi la neve dal cappello. Attraverso il polveroso corridoio a piedi nudi, con un mozzicone di candela in mano prelevato dal tavolino di servizio. Smorzo il chiarore della fiamma con la mano destra, in modo da non rischiare di spegnerla. Non voglio essere visto. Apro la porta e lei è sempre lì sul letto, non può e non vuole allontanarsi. La sua presenza è clandestina, capite?
Vorrei manifestarle il mio astio. D'altronde è colpa sua se mi hanno licenziato e bollato come un soggetto alienato. In fondo è colpa sua se ho iniziato a farmi così tanti problemi esistenziali, io che ho sempre vissuto sotto i fanali dell'attenzione altrui. D'altronde, in fondo... sono uno stupido. Interrompo il mio flusso di Motivi per Arrabbiarmi. Non è costruttivo, davvero.
– Ho fame. – sussurra con un filo di voce.
– Chiederò se è avanzato del caviale. – replico con sarcasmo.
Kristine ridacchia di gola e mi guarda con ciò che rimane del suo sguardo, infossato nelle occhiaie così nere che paiono segnate col carbone. Vorrei implorarla di ricambiare quel che sto facendo per lei. I poteri li avrebbe. L'ho vista spostare oggetti con la forza del pensiero, maledizione. Eravamo nel bel mezzo della Kartupelu Svetki, immagino conosciate la fiera che annuncia l'inizio dell'inverno. Ebbene, con la rivoluzione non avremo più le vecchie festività. Hanno rastrellato gli individui strani, come questa ragazza accusata di circonvenzione, truffa e vagabondaggio.
Non potrà sopravvivere a lungo: sta sparendo, le sue braccia sono ricoperte di piaghe, credo siano dovute alla malnutrizione. È trascorso un mese e io ho esaurito ogni risorsa: quando ci cacceranno da qui, lei verrà impiccata e forse anche io. Ripenso all'ufficio del signor Dimants, a quella volta che mi prelevarono e io giurai alla Commissione di aver visto con i miei occhi dei buoni motivi per evitare la condanna a morte di un'innocente. Ma le tessere avevano già preso il sopravvento su ogni cosa. Non potei far altro che rassegnare le dimissioni e allungare numerosi rubli al funzionario del manicomio criminale per liberare Kristine. Per poi trovarmi, assieme a lei, sul lastrico. Almeno in termini di corruttibilità, in questo paese non è cambiato niente.

Adesso Kristine si è addormentata, o è svenuta per l'eccessiva debolezza. Dalla finestra fisso con cupezza il fiume, il Daugava, una ferita di ghiaccio che attraversa la città. Né io né Kristine potremo mai avere un futuro. Estraggo il pugnale, lascio scivolare la lama sulla mia fiaschetta di metallo. Avrò il coraggio necessario? Tiro l'ultima sorsata di distillato al ribes e mi avvicino a lei. La colpirò al cuore, spero non soffra troppo. Non ho una cultura in merito ai suicidi, ma dopo mi farò venire in mente qualcosa.
Kristine intercetta il mio sguardo, ridestandosi. Inarca le sopracciglia e si irrigidisce, proprio come le ho visto fare a quella dannata fiera delle patate. La sua pelle, confrontata con i capelli, è di pari chiarore. Sento che il mio polso si torce; adesso la lama punta il mio, di collo. Percepisco che lei è combattuta tra l'istinto di sopravvivenza e lo scrupolo di ammazzare me, l'unica ragione per la quale non è stata ancora spedita al patibolo.
Potrei enumerare almeno cinque motivi per i quali, a prescindere dall'esito di questo duello psicocinetico, non mi – non ci! – resta molto da vivere. Ma rido, rido senza frenarmi. Vorrei che il signor Dimants e i corvi della Commissione fossero qui. Non sono affatto pazzo. La loro retorica delle tessere, della fede nell'uomo e della lotta all'occulto è solo roba da imbecilli. Come Klavins.

Avatar utente
Annamaria Vernuccio
Pubblicista
Messaggi: 61
Iscritto il: 21/02/2014, 19:41
Contatta:

Re: Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Annamaria Vernuccio » 23/11/2016, 19:16

[img]
Il_pozzo.jpg
[/img]Dolcetto o scherzetto? ( Halloween)

DOLCETTO O SCHERZETTO?

Tutto era pronto! Come ogni anno, alla vigilia di Ognissanti, preparavo il mio cestino con un po’ di dolcetti e caramelle varie. I bambini del vicinato sapevano di poter contare su di me quando mi facevano la classica domanda: - Dolcetto o scherzetto? Sono certo che se non gli avessi dato niente li avrei trovati spiazzati dal mio rifiuto. - Ecco… come pensavo. Stanno suonando alla porta e io li faccio aspettare giusto un poco, per creare l’attesa, e poi apro. C’è Alex della porta accanto, col solito lenzuolino coi buchi al posto degli occhi, (lui crede di essere irriconoscibile), e Tonino, il figlio del benzinaio, con il viso dipinto di nero, i capelli arruffati col gel e un filo di sangue (finto naturalmente) che gli cola dal mento. Uuuuuuu! Uuuuuuuuu! -Dolcetto o scherzetto? E giù con le mani nel cestino a far man bassa di caramelle! Poi scappano via di corsa! Ok, anche quest’anno è andata. Mi appresto a chiudere la porta quando sento un suono, un lamento… anzi no: è un pianto sommesso, quasi non me ne accorgevo. Mi guardo intorno e vedo accucciata dietro un grosso vaso del mio giardino, una bambina, o così mi pareva. E' vestita da strega, con tanto di cappellaccio, mantellina nera e una scopa. - Hei, tu? Perché piangi? Guarda che ancora ci sono dolcetti per te! Vieni dentro, racconta: cosa ti è mai successo? Chi sei, non mi sembra che tu sia una bimba del vicinato!
La piccola, asciugate le lacrime mi dice: -Non sono una bambina, sono una vera strega. E’ il primo anno che mi mandano in giro da sola. Dovrei fare paura alla gente, provocare spavento, almeno un tremore… questo è quello che mi hanno insegnato alla scuola delle streghe, ma non è questo che succede. Gli uomini sembra non abbiano più paura di noi, addirittura mi hanno accolto con dei dolci!
Povera la mia piccola strega! -Ascolta piccolina: qui da noi son ben altre le cose che ci fanno paura! Il mondo è ormai pieno di persone che ammazzano bimbi, di uomini che si accaniscono contro vecchi indifesi e che per pochi soldi li riempiono di botte. Sono questi i mostri con cui facciamo i conti ogni giorno. Torna pure alla tua scuola e di’ all’insegnante che occorre un bel corso di aggiornamento per tornare qui da noi e farci paura. Le streghette come te ci fanno solo tanta tenerezza. Ecco, prendi questi, sono i dolcetti per te.
Mi avvicino e faccio per prenderle la mano per aiutarla ad alzarsi e... vengo assalito dalla piccola che, lungi dall'essere l'esile figurina che avevo visto in precedenza, si erge mutando l'aspetto e l'espressione. Non più occhi innocenti e dolce espressione, ma un cipiglio diabolico col quale aggancia il mio sguardo e mi lascia impietrito dallo spavento. Troppo inaspettato è stato il cambiamento e mi ha colto impreparato, per cui quando mi preme le sue mani aguzze sul cuore, non oppongo resistenza. Sento la mia energia vitale defluire dal corpo, resto in piedi solo perché è lei che mi regge, vorrei gridare aiuto nella speranza di qualche passante che si accorga di quanto sta succedendo...ma dalla mia bocca esce solo un rantolo. Nella strada c'è un andirivieni di gente che vestita da mostri, zombi, vampiri e quant'altro, assistono alla scena e applaudono persino. -Bravo signor Checchi, quest'anno anche lei si è fatto contagiare da Halloween!
Sono queste le ultime parole che sento, e mentre la vita che mi abbandona mi ritrovo a pensare a quanto siamo sciocchi noi esseri umani, che crediamo di esorcizzare il male con queste messe in scena. La realtà è ben diversa e noi crediamo di conoscere bene dove essa finisce e dove incomincia la fantasia… ma il Male è fra noi, camuffato e pronto a cogliere il momento giusto in cui abbassiamo le difese e...lo lasciamo entrare.
Immagine
Immagine

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 161
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
Contatta:
attività:

Re: Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 26/11/2016, 3:34

Foto di L. Prandin.jpg
Foto di Loris Prandin
Vedere è potere

Nell’estate del 1996 Andrea arrivò nel borgo sulla collina, a casa dell’anziana prozia Clodovelia, perché i suoi erano impegnati in litigate, musi lunghi e sedute dall’avvocato. Lei aveva dodici anni, non aveva amici e voleva stare lontano dalle urla e dalle porte che sbattevano.
Al borgo sorridevano, le chiedevano perché avesse un nome da maschio, se si trovava bene a casa della zia. A parte lo strano nome, la zia era una a posto, con capelli bianco-azzurri, che lavorava a maglia e che viveva in una casa con scale di legno, piena di stanze e di spifferi. Un luogo inquieto, di giorno e di notte, dove le porte cigolavano, le scale scricchiolavano, le tende si muovevano. Sul retro, la veranda che dava sul giardino era piena di scaffali con vasetti, bottiglie, cesti di vimini, scatole di cartone con erbe e fiori secchi, quaderni con ricette inverosimili per curare malattie impronunciabili.
Nel giardino, i fiori selvatici spuntavano tra l’erba, grovigli di edere s’arrampicavano sul muro di pietra, sugli arbusti e sui tronchi degli alberi. Sembrava che il bosco cercasse di riversarsi dalle colline, incuneandosi in quel giardino, fino a lambire la veranda di zia Clodovelia.
Era una farmacista, una botanica, un’eccentrica. Lasciava in ogni stanza una candela e dei fiori secchi, sui davanzali metteva piattini con del sale. Diceva che in soffitta stava il suo fidanzato, conosciuto durante la guerra. Andrea aveva già curiosato in soffitta, e non c’era nessuno tra quelle cianfrusaglie, solo un baule con una vecchia divisa e qualche foto color seppia. Però ogni tanto la zia saliva fin lassù con una bottiglia e due bicchieri. Dietro la porta chiusa Andrea la sentiva ridere e parlare da sola. Il lavoro a maglia restava nel cesto in salotto, infilato su uno dei due ferri dorati. L’altro ferro se lo portava sempre dietro, per difesa, diceva. Eppure, nel borgo le volevano bene e la rispettavano, anche se suscitava curiosità, Andrea l’aveva capito dagli sguardi di quelli che riuscivano a entrare in casa, per un vasetto d’erbe, per un unguento o un profumo. Portavano in cambio torte, frutta, noci e nocciole o altre cose utili, e si guardavano intorno cercando di cogliere ogni dettaglio.
Il temporale arrivò una sera, con lampi e tuoni, scaraventando fiumi d’acqua giù dal cielo. Il vento vorticava, fischiando e ululando, con voce di donna. A ogni folata la casa cigolava ma resisteva. L’acqua, all’esterno, schiaffeggiava le finestre e la veranda, ma sui davanzali i piattini di sale restavano al loro posto. Al primo tuono Andrea cercò di nascondersi sotto al letto ma la zia la portò in salotto, la fece sedere sul divano insieme a lei, le diede uno dei suoi libri e cominciò a sferruzzare. Il ticchettio dei ferri aveva un effetto calmante, il libro aveva bei disegni accurati di piante e di fiori con consigli per l’uso e la preparazione di essenze, e a ogni pagina sfogliata si faceva più accattivante. A un certo punto Andrea segnò col dito un’illustrazione:
- Guarda! È uguale al tuo giardino! –
Non era strano, forse la zia si era ispirata a quell’immagine per il giardino, e per coincidenza era uguale anche il muro ricoperto d’edera e il sentiero che proseguiva tra gli alberi.
A mezzanotte, la furia si era ridotta a normale pioggia e la zia accompagnò Andrea nella sua camera; sul comodino lasciò la candela e un vasetto che conteneva boccioli secchi.
All’alba il cielo era rosato e sereno. Qualche vicino venne a vedere se tutto era a posto. La zia offrì del tè e s’informò se c’erano stati danni, ma il temporale aveva colpito di più solo in quell’angolo di borgo che confinava col bosco. Di sopra, Andrea sentiva appena il loro parlare ma si svegliò del tutto quando udì chiaramente dei colpi che venivano dalla soffitta. Qualcuno stava lavorando con martello e chiodi, eppure non aveva visto salire nessuno. La sveglia segnava le 6.00. Di sotto era tornato il silenzio e la zia lavava le tazze in cucina. Andrea salì fino alla soffitta, entrando cautamente. Un uomo stava riparando un punto del tetto dove un’asse si era spezzata durante il temporale. Aveva tolto il vecchio pezzo di legno e l’aveva sostituito con una doppia tavola. Si guardarono l’un l’altra, senza sorpresa.
- Ciao. Passami quei chiodi, per favore, ho quasi finito. –
I chiodi erano concreti nella mano, poteva essere un sogno? Forse un’illusione, una realtà un po’ distorta. Il giovanotto era identico al ritratto color seppia del baule.
- Ecco fatto, siamo di nuovo al sicuro. Controllo io quassù. –
Andrea annuì e scese per raggiungere la zia. La trovò seduta a sferruzzare e solo allora rifletté sul fatto che dopo due settimane in cui l’aveva vista lavorare a maglia per ore, quella maglia non era cresciuta di un centimetro, come se ogni giro appena lavorato svanisse nel nulla. Sul tavolino c’erano una tazza di latte caldo e dei biscotti.
- Zia, è tutto vero quello che succede?
- Dipende dall’occhio di chi guarda.
- Allora perché metti il sale, le candele, e hai quel guardiano in soffitta?
- Perché al male non piace essere visto. –
La zia posò il lavoro, infilò alla cintura il ferro vuoto e andò nella veranda a controllare un pentolino che bolliva. Andrea portò dalla cucina dei vasetti puliti, poi uscì in giardino. Il cielo era terso, le foglie d’edera erano lucide per la pioggia della notte, i fiori avevano aperto le corolle macchiando di colori l’erba e, per contrasto, il fondo del giardino era ancora più cupo, come se il bosco avesse fatto qualche passo in avanti. Andrea non voleva andare verso quel punto ma qualcosa era strisciato verso di lei e cercava di trascinarla con sé. Davanti ai suoi occhi non c’era niente eppure quel qualcosa continuava a tirare, facendole paura.
Dietro le sue spalle ci fu un comando secco, potente:
- Non toccarla! Lei ti vede. –
Dalla veranda, zia Clodovelia puntava il ferro da calza. Il sole illuminava i suoi capelli turchini e scintillava sull’estremità della bacchetta dorata.
Andrea si girò di nuovo e lo vide davvero. Era nero, con le orecchie appiattite per la furia e l’impotenza, gli artigli che non riuscivano più a ghermire. Quando incrociò gli occhi di Andrea, fuggì impaurito nel profondo del bosco.
Immagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Nunzio Campanelli
Apprendista
Messaggi: 163
Iscritto il: 18/12/2012, 12:34
Contatta:
attività:

Re: Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Nunzio Campanelli » 26/11/2016, 18:50

vento di garbino.docx
(123.72 KiB) Scaricato 3 volte
Vento di ponente


Il vento di ponente aveva soffiato forte per tutta la settimana. Incuneandosi tra le colline trovava sbocco sui crinali che confluivano a valle, piegando le cime degli alti cipressi e spazzando i tetti delle case, penetrando nei comignoli fino a giungere sotto forma di flebile soffio dentro le abitazioni. La gente del posto lo chiamava garbino, temendolo perché antiche dicerie lo associavano alle piaghe bibliche.
Mary si svegliò poco dopo l’alba, e rimase sotto le coperte indugiando un poco prima di alzarsi dal letto. La gamba che stava pian piano spostando alla sua destra avanzava senza trovare ostacoli, segnalandole che l’altra metà del letto era vuota. “Strano” pensò, conoscendo le comode abitudini del marito. Una variazione dell’intensità della luce attirò il suo sguardo verso la finestra. Lo vide muoversi dietro la tenda.
- Buongiorno, amore! Che fai?
L’uomo continuava a scrutare il panorama in silenzio.
- C’è qualcuno?
- S’è alzato il vento.
Mary scese dal letto e gli mise una coperta sulle spalle, abbracciandolo. Guardò anche lei fuori. L’inverno si era impadronito dei colori, lasciando solo il grigio a unire il cielo alla terra. Raffiche di vento percorrevano veloci l’orizzonte, trasportando con sé foglie, fili d’erba e rami spezzati che andavano a impigliarsi sulla rete del recinto. Sentì che rabbrividiva.
- Senti ancora freddo?
Lui continuava a guardare fuori, senza rispondere. Lei fissò i suoi occhi, cercando quel blu profondo in cui amava perdersi. Trovò solo il grigio della cenere di un fuoco ormai spento.
- Sandro vieni, andiamo di sotto. Accendiamo il caminetto.
- Guarda.
- Lascia stare. Fuori non c’è niente da vedere. Su, andiamo.
- Guarda, ti dico!
Capì che era inutile insistere e rivolse lo sguardo nella direzione indicata dal marito.
- Non vedo niente. Sandro, per favore...
Le si avvicinò con il viso fino ad appoggiarlo di fianco al suo, poipuntò il dito verso il cielo.
- Là.
Mary avvertì il ruvido contatto con la sua guancia non rasata e la forte stretta del braccio con cui lui le aveva cinto la vita. Inalò il suo profumo mentre ne ascoltava la voce tornata forte e sicura.
Fu allora che vide quella cosa. Un punto nero si muoveva nel cielo sopra le colline, dirigendosi dapprima verso l’alto procedendo poi con lunghe picchiate verso terra. Pensò fosse un rapace.
- Un’aquila?
- No.
Sandro restò in silenzio. Lei provò a scostarlo dalla finestra senza riuscirci. Lo conosceva bene e non lo aveva mai visto comportarsi così.
- Dimmi qualcosa, per favore.
Lo vide appoggiarsi al davanzale, chinare la testa e restare fermo in quella posizione, senza emettere una parola. Dopo una porzione di tempo che le parve interminabile, notò dei sussulti scuotergli le spalle. Si avvicinò impaurita per capire che cosa stesse succedendo al suo uomo. Stava piangendo. Appoggiò la mano sulla sua testa.
- Sandro, io…
- Mary, devo parlarti.
- Sì.
- Io so che cos’è quella… cosa là fuori.
- E’ per questo che stai piangendo?
- Sì.
Mary sentì improvvisamente freddo. Lui le prese la mano.
- Avevo quindici anni quando la vidi per la prima volta. Anche allora soffiava il vento di ponente, che aveva fatto dei danni sulla copertura del magazzino. Papà volle andare a controllare. Lo seguii. Lui era salito sul tetto, anche se il vento tirava ancora forte. Volevo salire anch’io, ma me l’impedì. La luce d’improvviso s’abbassò e vidi mio padre che fissava impietrito il cielo dietro di me. Il suo volto era contratto, gli occhi spalancati, le mani protese in avanti come per proteggersi da qualcuno o da qualcosa. D’un tratto una cosa, una gigantesca cosa gli fu sopra e se lo portò via. Ero paralizzato dal terrore. Quella fu l’ultima volta che vidi mio padre.
Mary aveva ascoltato in silenzio e quando ebbe termine il racconto restò immobile a guardare in faccia il suo uomo. Poi si scosse, e con un filo di voce gli chiese.
- E’ quella che vola là fuori la cosa che prese tuo padre?
- Sì.
- Che cosa è, per l’amor di Dio?
Sandro si avvicinò alla finestra indicando fuori con un dito.
La scena che si mostrò agli occhi di Mary ebbe il potere di farla vacillare, obbligandola a cercare un appiglio per restare in piedi.
Immobile in mezzo al cielo, a poca distanza dalla casa, vi era un essere infernale.
Due ali gigantesche sostenevano nell’aria la bestia chiamata Nahtaivel, il cui corpo era composto di quelli putrefatti d’innumerevoli esseri umani. Un infernale, abominevole puzzle formato da centinaia di braccia, gambe e teste che si agitavano senza sosta. Quel brulicare interminabile, unito al coro di lamenti strazianti che proveniva dalle gole di quei poveri disgraziati, era più di quanto una persona potesse sopportare senza sfociare nell’irrazionalità. La visione si completò quando l’essere volante abbassò la testa per guardare verso di lei con occhi di una ferocia inaudita.
La misura si colmò, le forze vennero meno e riuscendo a fatica a raggiungere il letto si adagiò perdendo i sensi.
Mary aprì gli occhi cercando di capire dove si trovasse, poi improvviso il ricordo la costrinse a emettere un grido. Sandro si svegliò di soprassalto, e vedendo la moglie spaventata a morte le afferrò le mani tirandola a sé stringendola in un lungo abbraccio. Non volle parlare dell’incubo per non dover ripensare a quella bestia. Poco dopo si alzò dal letto per andare di sotto. Voleva accendere il caminetto. Non era ancora arrivata al pianterreno che Sandro la chiamò. Poco dopo apparve in cima alle scale.
- Meglio di no. S’è alzato il vento di ponente.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Avatar utente
Angela Catalini
Apprendista
Messaggi: 156
Iscritto il: 27/11/2016, 14:33
Contatta:
attività:

Re: Gara 61 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Angela Catalini » 28/11/2016, 15:23

Immagine

IO ODIO IL NATALE


Chi lo avrebbe mai detto che mi sarei trasformato nel Grinch!
Da piccolo adoravo il Natale e il clima festoso che lo precedeva, adesso invece, mi disturba vedere tutta questa euforia, le strade ingombre di festoni e le vetrine dei negozi cariche di addobbi e lustrini che stanno lì a ricordarti di comprare cose assolutamente inutili che odieranno tutti, te compreso.
A pensarci bene, le cose che mi irritano maggiormente, sono i sorrisi e gli auguri di circostanza.
“Buon Natale!”
“Buon Natale a lei, signora Stromboli.”
Quella è una vecchia matta che sta appresso ai gatti del quartiere. Festeggeranno a croccantini e bocconcini di carne dietro qualche siepe, tra piatti sporchi e cartacce. Se non è amore questo!
Ecco, ci mancava un Babbo Natale in carne e ossa, più in carne che ossa devo ammettere. Mi ha puntato. Ovvio, con la giacca di Armani attiro i mendicanti come mosche.
“Buon Natale, Santa Klaus!”
Quello però non risponde, mi fissa e non apre bocca. Rovisto tra le tasche, dovrei avere qualche spicciolo. Trovo due euro e una manciata di centesimi.
“Per la colazione dovrebbero bastare” dico.
Lui prende i soldi e li tiene in mano, con il palmo rivolto verso l’alto. Saranno pochi?
“Senti Santa Klaus, te lo devo proprio dire, con quell’aria funebre non alzerai un centesimo; insieme alla maschera, avrebbero dovuto farti un corso accelerato. I bambini si aspettano di sentirti dire “Oh, oh, oh” e quel sacco striminzito che hai sulle spalle non promette niente di buono. Capisci la mia lingua almeno?”
Lui mette via i soldi e si gratta la barba con gli occhi bassi. Mai vista una barba striminzita come quella, magari non è neppure finta. Finalmente si decide a parlare.
“Mi hanno licenziato anni fa” dice. “Perché non ho accontentato un bambino.”
Adesso si spiegano il vestito stinto e quell’aria da cane bastonato. Secondo me ha sbagliato maschera, sarebbe stato più adatto per fare il Gabibbo o il Clown di IT. Annuisco e mi avvio per la mia strada; in ufficio mi aspetta una bella grana da risolvere che mi è costata qualche ora di sonno.
Santa Klaus mi segue come un’ombra. Sento gli scarponi che pestano il selciato e gli attacchi di tosse che lo lasciano quasi senza fiato. Mi fa pena e maledico il Natale perché con alcune persone è avaro, come lo fu con me trent’anni fa.
Rivedo l’istantanea del salone con un grande albero e il presepe con l’acqua che faceva muovere le pale del mulino. Nella stanza da letto invece, c’era mio padre morto. Quella mattina ero sceso prima del solito, perché volevo vedere se Babbo Natale aveva portato i regali e solo in un secondo tempo mi sono accorto del pianto sommesso di mia madre e allora a piedi nudi ho percorso la scala che portava al piano superiore, dove c’era la stanza dei miei genitori.
M’asciugo una lacrima furtiva, non voglio che nessuno mi veda piangere. Il Grinch non piange mai.
Santa Klaus si è fermato, perché non sento più i passi. Mi volto e lo vedo vicino a una slitta che sembra sbucata dal nulla e quelle davanti sembrano proprio renne. Mette giù il sacco e cerca qualcosa. Dovrei andarmene, ho il mio appuntamento e un contratto da siglare, invece sto lì come un fottuto bambino che aspetta il suo regalo. Lui mi sorride e nel farlo arriccia il naso e il viso acquista l’espressione bonaria tipica di Babbo Natale. Ritrova pure la favella.
“Tanti anni fa, un ricco signore mi aveva commissionato un dono speciale per suo figlio e io avrei dovuto consegnarglielo la notte di Natale. Purtroppo, quella stessa notte, quell’uomo morì e io non ebbi la forza di fare il mio dovere. Per tutti questi anni ho sperato di trovare il coraggio di tornare davanti a quel bambino, che adesso è un uomo e dirgli che mi dispiace per non aver rispettato il volere del papà che avrebbe tanto voluto dargli una cosa. L’ho avuta con me per trent’anni, è arrivato il momento di dartela, Stefano. C’è anche il biglietto che scrisse tuo padre. Ecco, prendi e perdonami per essere stato così vigliacco quella notte. Da allora non ho più portato un solo giocattolo e ho lasciato che fossero altri a farlo al posto mio. Perché ti ho deluso.”
Resto lì con il pacchetto tra le mani e la lettera vergata da mio padre.
Lo scampanellio si perde tra la nebbia o forse sono nuvole.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Immagine Immagine Immagine


Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 1 ospite