Storia di Pink

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

votazione

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
5
38%
3 - si lascia leggere
2
15%
4 - è bello
4
31%
5 - mi piace tantissimo
2
15%
 
Voti totali: 13

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Storia di Pink

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 05/07/2019, 12:11

Nel ’63, verso la fine dell’estate, ci traferimmo in via Rio Torto.
Una casa nuova, tutta nostra, costruita da mio padre e mio nonno con l’ausilio, poi ricambiato, di vari amici. Costruita al sabato pomeriggio e la domenica, o nelle ore serali del resto della settimana, quando staccavano il proprio lavoro che, fortunatamente, era nel campo. Mio padre faceva il piastrellista, il nonno era muratore.
Ricordo che, nel mio piccolo, visto che avevo sei anni al momento del trasloco, collaborai. Cosa feci di preciso non lo rammento, ma una mano la diedi, ne sono certo.

Erano anni felici. C’era il boom economico e tanti riuscivano a prendersi un pezzo di terreno per poi fabbricare la propria abitazione.
Erano anche gli anni in cui potevi tranquillamente lasciare le porte di casa completamente spalancate, tanto sapevi che nessuno sarebbe entrato. E se fosse accaduto avresti scoperto che era un amico, un vicino o un parente. Mai un ladro.
Anche la nostra casa era sempre aperta, dal cancello al portoncino d’ingresso, come tutte le altre della via, e così rimase per molti anni.
A fine maggio del ’78, tornando dal lavoro, il cancello lo trovai chiuso. Era la prima volta.
Sbalordito, scesi dalla mia Vespa, lo aprii ed entrai, lasciandolo spalancato. Apparve la figura di mia nonna sulla porta: «Chiudilo subito, muoviti.»
Obbedii, ma ero sempre più sorpreso. Non capivo il motivo di tale comportamento. Diedi uno scorcio alle case vicine e notai che nulla era cambiato; solo il nostro cancello era chiuso.
Salii in casa e chiesi spiegazioni alla nonna che, sbuffando, mi fece un cenno col capo. Guardai nella direzione indicata e vidi, addormentato su di un cuscino, un cane col pelo bianco e riccio.
«L’ha portata a casa papà» mi disse. «Era affamata. Ha mangiato e adesso dorme.»
«Un cane?» Ero esterrefatto. Io lo volevo da tempo, un cane, ma mi avevano sempre detto di no perché casa nostra era quasi un gattile. Arrivammo ad averne sette, di gatti, più quelli dei vicini che passavano a trovare i nostri, e la nonna e mia madre li accudivano tutti.
«Non gridare» disse la nonna, «o si sveglia.»
Infatti si svegliò. Mi guardò con occhi tristi, infelici. Provai ad avvicinarmi ma si ritirò. Aveva paura.
«Non preoccuparti, non ti faccio niente» sussurrai, ma quella volta non riuscii ad andare oltre.
Mi volsi verso la nonna: «E i gatti?»
«Appunto» sbottò, «e i gatti? Prova a parlarne con tuo padre, è meglio.»
«Va bene» risposi, ma dentro di me ero felice. Un cane, finalmente.

Alla fine i gatti se ne fecero una ragione e accettarono Snoopy in casa.
«Snoopy? Ma è una femmina» dicevano mia madre e mio fratello.
«E come vuoi chiamarla, Snoopa? Sarà una Snoopy femmina, tutto qui.» E così fu.

Ma la cara Snoopy non era molto obbediente e spesso scappava. Ogni qualvolta il cancello rimaneva socchiuso, ne approfittava.
E una volta ne approfittò in modo tale che a un certo punto partorì. Erano tre, ma uno nacque già morto e ne rimasero quindi due. Uno nero con alcune macchie bianche, l’altro tutto bianco come la mamma.
«Come li chiamiamo?» diceva mio fratello.
Ci pensai un poco, poi ebbi un’illuminazione: «Pink e Floyd» dissi.
«Ma uno è nero e l’altro bianco.»
«Oh, a me piacciono i Pink Floyd, non la Juventus, quindi…»
«Va bene, e Pink quale sarebbe?»
«Quello nero.»

Floyd trovò casa quasi subito, ma Pink non lo voleva nessuno.
«Lo teniamo noi» sbottai durante una discussione sull’argomento.
«No, due non li voglio. Non volevo neanche uno, ma ormai c’è e va bene, ma due no.»
Ovviamente era la nonna.
«Lo teniamo fino a che non lo prende qualcuno» concluse mio padre.
La nonna non ne fu felice, io sì. Da allora, Pink divenne il “mio” cane.
E poco dopo divenne il solo, visto che Snoopy se ne andò senza più tornare.
Potevo fargli di tutto. Giocarci, rincorrerlo, fare la lotta. Pink era sempre con me, felice di esserci.

A un certo punto alcune cose cambiarono.
Mi fidanzai. In realtà già lo ero da tempo, ma il fatto venne ufficializzato e mi dedicai al lavoro e al pensiero del futuro matrimonio.
Io e Anna ci sposammo nel giugno dell’81 e fu lì che mi resi conto di avere già abbandonato Pink da un po’.
Certo, ero con lui quando tornavo da lavoro, ma non gli dedicavo più lo stesso tempo, non gli davo più lo stesso amore. Chissà perché ci si accorge sempre dopo, di certe cose.
In ogni caso, mio padre era molto affettuoso con lui, e Pink ricambiava.
Dopo il matrimonio, quando andavamo a trovare i miei, mi faceva le feste come se nulla fosse accaduto, felice di vedermi.

Nell’83, non ricordo il periodo esatto, ma era d’estate, rientrando a casa trovammo un biglietto sotto la porta.
“Venite subito. Papà ha fatto un infarto ed è in Rianimazione” firmato: Carlo. Mio fratello.
Andammo a casa dei miei e vedemmo mia madre seduta sulle scale d’entrata.
«Cos’è successo? Abbiamo trovato il biglietto…»
Ci guardò, smarrita. «È successo che papà ha fatto un infarto e quando è arrivata l’ambulanza Pink ha cominciato a correre intorno alla casa. Al terzo giro è crollato a terra, morto. Il dottore era qui e dice che anche il suo è stato un infarto.»
«Dov’è?»
«Il nonno l’ha già sepolto.»
«E papà?»
«Papà è sotto controllo, sono stati bravi.»
Mi sentii male. Mio padre ricoverato, e il cane…
Oh, cazzo… il cane era stato male come il padrone, però lui non ce l’aveva fatta.
Era come se si fosse sacrificato al suo posto.
Mio padre, infatti, si riprese in fretta e, dopo un’adeguata terapia riabilitativa, tornò a fare il proprio lavoro di piastrellista.

Non ne volli più sapere di cani per tanto tanto tempo.
Sapevo che mi ci sarei attaccato troppo, che mi sarei fatto trascinare nel loro mondo, fatto di giochi, corse, coccole e amore.
Ma poi cedetti ai desideri di moglie e figli e ora con noi c’è Dana, meticcia come Pink. Dolce e istintiva come lui.
Ogni tanto lo rivedo correre, Pink, ma spesso lo vedo stramazzare, ucciso da un colpo al cuore.
L’ha tolto al suo padrone, salvandolo. Almeno per un po’.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 229
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 05/07/2019, 18:27

Bel racconto, parla di quell’affetto che solo gli animali possono dare, disinteressato e totale, senza secondi fini, spingendosi anche a sacrificarsi, apparentemente senza motivo, per i loro “padroni”, che sarebbe più corretto definire “amici”.
Chiunque abbia mai avuto un cane e l’abbia amato si ritroverà nel rivederlo, nei momenti felici e in quelli tristi, anche dopo che è scomparso da anni.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 05/07/2019, 18:53

Non vorrei sbagliarmi ma mi pare di aver letto, dallo stesso autore, questo racconto, o qualcosa di molto simile, non so su quale antologia di Bravi Autori. Ricordo che mi rimase impresso particolarmente in quanto trattava un tema a me caro: gli animali. Comunque il mio parere è positivo. Il racconto è tenero e triste. Evidenzia, secondo me, quanto abbiamo da imparare da loro, capaci di un amore incondizionato.

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 80
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 05/07/2019, 19:09

A mio parere il testo è scorrevole e scritto bene. L’impressione che ho avuto è quella di un diario, senza però un trasporto sufficiente, nonostante il tema così legato alle emozioni e agli affetti. Lo trovo un po’ piatto.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 05/07/2019, 19:40

Laura Traverso ha scritto:
05/07/2019, 18:53
Non vorrei sbagliarmi ma mi pare di aver letto, dallo stesso autore, questo racconto, o qualcosa di molto simile, non so su quale antologia di Bravi Autori. Ricordo che mi rimase impresso particolarmente in quanto trattava un tema a me caro: gli animali. Comunque il mio parere è positivo. Il racconto è tenero e triste. Evidenzia, secondo me, quanto abbiamo da imparare da loro, capaci di un amore incondizionato.
in effetti avevo inviato una versione molto ridotta di questo racconto per l'antologia "Brevi Autori".
grazie per il commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 05/07/2019, 19:41

Roberto Bonfanti ha scritto:
05/07/2019, 18:27
Bel racconto, parla di quell’affetto che solo gli animali possono dare, disinteressato e totale, senza secondi fini, spingendosi anche a sacrificarsi, apparentemente senza motivo, per i loro “padroni”, che sarebbe più corretto definire “amici”.
Chiunque abbia mai avuto un cane e l’abbia amato si ritroverà nel rivederlo, nei momenti felici e in quelli tristi, anche dopo che è scomparso da anni.
hai compreso alla perfezione il senso del racconto e, del resto, non posso che concordare su quanto dici.
grazie per il commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 05/07/2019, 19:45

Selene Barblan ha scritto:
05/07/2019, 19:09
A mio parere il testo è scorrevole e scritto bene. L’impressione che ho avuto è quella di un diario, senza però un trasporto sufficiente, nonostante il tema così legato alle emozioni e agli affetti. Lo trovo un po’ piatto.
più che un diario è un ricordo, Selene.
un ricordo di un amico che non c'è più e che io, a un certo punto, ho praticamente abbandonato.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi » 06/07/2019, 0:10

Che dire! Sarà che sono sensibile, ma non sono riuscita a trattenere le lacrime. Una storia che accomuna gran parte di noi, vite condivise con esseri speciali che si donano completamente a noi e rendono la nostra vita più completa, autentica, serena. Molto bello e scritto molto bene. Complimenti.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 06/07/2019, 10:26

Carol Bi ha scritto:
06/07/2019, 0:10
Che dire! Sarà che sono sensibile, ma non sono riuscita a trattenere le lacrime. Una storia che accomuna gran parte di noi, vite condivise con esseri speciali che si donano completamente a noi e rendono la nostra vita più completa, autentica, serena. Molto bello e scritto molto bene. Complimenti.
grazie, Carol :)
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Edmondo
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 17/11/2015, 13:19
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Storia di Pink

Messaggio da leggere da Edmondo » 06/07/2019, 12:12

Ahi, ho un cane che si chiama Hachiko; lessi che i Cavalier hanno sangue giapponese e trovai il nome su internet. Solo dopo ricordai il film dove il professore muore di infarto; io sono prof. purtroppo. Risulta che malato di cuore sia il cane in questo caso; fregature ereditarie della razza. Ovvio che sono coinvolto emotivamente nel racconto che trovo semplice e piacevole, della migliore scorrevolezza come deve essere sempre. Quanto alla penna di Sarajevo esiste davvero e la ritrovai sotto la gamba mentre facevo il volontario da quelle parti per una ONg. Ogni metafora può essere più o meno forzata ma è uscita così dalla scatola dei ricordi. Forse agì sulla mia mente anche il fatto che esistessero mine con quella forma per uccidere i bambini. Allora ricordo un cartello descrittivo di un sacco di tipi. Quando si andava nella parte serba ormai svuotata le raccomandazioni per questi giocattoli non finivano mai. Ciao Ps. Sarà mica stata abusiva la casa che costruivate il fine settimana? Scherzo

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Storia di Pink

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 06/07/2019, 20:51

Edmondo ha scritto:
06/07/2019, 12:12
Ahi, ho un cane che si chiama Hachiko; lessi che i Cavalier hanno sangue giapponese e trovai il nome su internet. Solo dopo ricordai il film dove il professore muore di infarto; io sono prof. purtroppo. Risulta che malato di cuore sia il cane in questo caso; fregature ereditarie della razza. Ovvio che sono coinvolto emotivamente nel racconto che trovo semplice e piacevole, della migliore scorrevolezza come deve essere sempre. Quanto alla penna di Sarajevo esiste davvero e la ritrovai sotto la gamba mentre facevo il volontario da quelle parti per una ONg. Ogni metafora può essere più o meno forzata ma è uscita così dalla scatola dei ricordi. Forse agì sulla mia mente anche il fatto che esistessero mine con quella forma per uccidere i bambini. Allora ricordo un cartello descrittivo di un sacco di tipi. Quando si andava nella parte serba ormai svuotata le raccomandazioni per questi giocattoli non finivano mai. Ciao Ps. Sarà mica stata abusiva la casa che costruivate il fine settimana? Scherzo
eh eh, no, non era abusiva, te lo garantisco :)
grande storia quella di Hachiko
grazie per il commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 236
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 16/07/2019, 1:03

Mi sono commossa, capisco la situazione. Nella mia vita sono passate 28 zampette di cani. Quando se ne vanno lasciano un vuoto, che, chi non ha mai avuto animali, non può afferrare, non può comprendere.
Racconto scritto molto bene, se sistemi traferimmo nella prima riga poi sarà perfetto. Personaggi delineati bene, tempi coerenti con la storia. Voto 5
Immagine

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 20
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 28/07/2019, 19:05

È un racconto molto dolce e si legge tutto d'un fiato. Solo un paio di appunti. "Ha fatto un infarto" non mi suona bene, secondo me "ha avuto un infarto" sta meglio. Rianimazione io l'avrei messo con la lettera minuscola. Un ultima cosa che però è solo un parere molto personale "ogni qualvolta" non mi piace "ogni volta" basterebbe.

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 86
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 09/08/2019, 22:22

Bella storia, autobiografica presumo, che con poche semplici righe tratteggia la vita semplice e tranquilla che non esiste più. Una famiglia in cui anche i cani occupano un posto di primo piano, come la loro amicizia disinteressata dovrebbe sempre garantire. Racconto che si legge bene.

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 75
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 15/09/2019, 11:42

Buon racconto, al di la della coincidenza dell'infarto cane/padrone adottivo, mi ricorda tanto qualcosa di sperimentato in prima persona. Ricordo a tal proposito ancor oggi, come fosse quell'istante, il sospiro di sollievo, pari pari a quello di un essere umano, del pastore tedesco con cui per un certo periodo facevo squadra al rientro, dopo la licenza matrimoniale. Sembrava volesse dire: "Ecco, finalmente tutto è tornato come ai bei vecchi tempi". Avranno anche solo un soffio vitale e non un’anima immortale questi animali, ma un cuore grande è sicuro che lo hanno, anche se a volte ... si ferma, sebbene sono profondamente convinto che nulla a questo mondo accada mai per caso. :-D

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 - (a colori)

(edizione 2019, 4,37 MB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Paola Salzano, Sandra Ludovici, Lodovico, Angela Catalini, Laura Traverso, Massimo Melis, Marco Bertoli, Ida Dainese, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Daniela Rossi,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,37 MB) - scaricato 84 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 44

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 189 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 221 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 31

La Gara 31 - Oops! – piccola enciclopedia degli errori

(giugno 2012, 25 pagine, 1,32 MB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Ser Stefano, Nathan, Lorella15, Lodovico, Roberta Michelini, Umberto Pasqui, Tuarag, Alhelì, Simone Pelatti,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,32 MB) - scaricato 418 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 42 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 35 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
Vedi ANTEPRIMA (164,77 KB scaricato 80 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.