Operazione “Lampreda padana”.

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
11%
2 - mi piace pochino
9
47%
3 - si lascia leggere
5
26%
4 - è bello
1
5%
5 - mi piace tantissimo
2
11%
 
Voti totali: 19

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Operazione “Lampreda padana”.

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 23/06/2019, 20:24

“Appuntamento nel luogo dove tutto è cominciato al suon delle otto campane serali”.
Così recitava il breve messaggio di testo trasmesso ad ogni convenuto.

Immerso nel buio e nel silenzio profondo, quel luogo, ormai lasciato a sé stesso, cominciò a riprender vita.
Nessun rumore, nessuna luce, salvo quella che brillava negli occhi e nel animo dei convenuti.
Una luce che per ognun di loro era guida e pochi oltre a loro intravedevano.
L’un di fronte l’altro intorno ad un vecchio tavolo in legno che emanava, così come tutto il casolare, un intenso odor di muffa ed abbandono, questi uomini tuffati nel buio d’abisso ed in un silenzio di tomba si riconoscevano e salutavano con un linguaggio misterioso.

Eppure il loro convenire in quel casolare era impercettibile persino al più sofisticato fonometro ed il buio era profondo ed impenetrabile.
Come facessero a riconoscersi e comunicare questi uomini resterà un eterno mistero.
Telepatia, affinità di intenti e pensieri tali da rendere superfluo ogni uso dei sensi? Forse ...
Caso di studio per parapsicologi rampanti? Sicuramente!

Rapidamente, quella casa scolorita, ormai in rovina, quasi un rudere, con una parte del tetto crollata e nella quale nessun entra per pericolo di crolli, aveva preso colore e vita.
Sulla facciata, tra una crepa e la successiva, era ancora possibile individuare un paio di targhe commemorative ed una vecchia corona appassita.

Un vecchio Comandante per il quale le otto campane erano già suonate da qualche tempo. Pure lui con quella luce che brillava tra occhi ed animo, descriveva quel sito con queste parole: “In quel luogo si era creata, in modo vero, profondo e sincero, quella banda di fratelli che costituiva un ideale dei giovani allievi dell'Accademia Marinara. Ed essere uniti come consanguinei non era retorica, come non lo era il voler dare in ogni possibile modo tutto quello che si poteva ad un'Italia che amavamo sopra ogni cosa. Là si creò quello spirito che nessuno di noi ha mai potuto dimenticare”.
Parole sincere di uomo leale, schietto e stimato, già della partita, fin da quei tempi in cui tutto ebbe inizio.

Ad un tratto, secondo tradizione, vennero battuti otto decisi e solenni rintocchi di campana accompagnati da una voce altisonante "Sono le otto e tutto va bene!".
Fin dai tempi della più antica tradizione marinara quella frase si udiva sul ponte di coperta quando avveniva il cambio del turno di guardia.

Dopo quelle parole una candela illuminò con la sua tenue luce le facce dei convenuti:
Una dozzina d’uomini in tuta da combattimento color verde speranza ritti attorno ad un vecchio e puzzolente tavolo, in una cascina diroccata, illuminati da una debole fiammella di candela, nel buio che li avvolgeva.
Occhi più sensibili avrebbero osservato un bagliore intenso uscire da una cascina in perfette condizioni dalla quale provenivano uomini della vecchia guardia con il cuore leggero per aver lasciato quel luogo in fide mani.
Così era!
Nei tabernacoli costituiti dai cuori di quegli uomini, montanti e smontanti, i valori eran rimasti intatti.

Prese la parola il Comandante Perseo:
"Signori, un grave pericolo oggi minaccia la nostra Bandiera. La Patria è in pericolo. Dal lago più grande d'Europa, situato nel nord ovest della Russia europea, è fin qui giunta una specie di lampreda nera che accoppiandosi con la nostra lampreda padana ha dato origine ad una nuova forma di vita.
Come tutti ben sappiamo la lampreda padana non era in principio un parassita e trascorreva tutta la sua vita in acque dolci, non migrando mai verso il mare.
Le novelle lamprede padane oltre a succhiare il sangue degli altri pesci, mutando in voraci parassiti oggi migrano anche verso il mare in cerca di nutrimento".

"Noi che c’entriamo?" Chiesero due operatori.

"Chi meglio tra noi, forgiati al fuoco della folgore, temprati nel mare, conosce le abitudini di quei viscidi succhia sangue? Chi meglio conosce le forze da cui sono mossi. Chi potrà fermarli senza danneggiarli? Per questo hanno scelto noi". Rispose Perseo.

"Dopo le lamprede ci occuperemo anche di derattizzazione?!" Concluse con tono scherzoso Eracle.

Fu così che nei giorni successivi quegli operatori si diedero da fare.
L’intento era chiaro: convincere le lamprede padane a mollare la presa, persuadendole a cercare il loro nutrimento altrove, magari su nuovi banchi di pesci ignari. Così che dopo l'inevitabile caduta in trappola, e dopo il conseguente fallimento pianificato le lamprede nere ritenessero più conveniente e logico tornare da dove erano venute.

L’azione studiata nei minimi dettagli non ammetteva errore.
Si decise di far leva sulla più stordita di quelle lamprede padane: cioè la lampreda leader.
Era questa una lampreda superficiale, poco accorta, con un ego smisurato e che dimostrava estremo compiacimento quando tutti la definivano “capitone”. Gradiva essere così definita non certo a causa della assonanza all’esemplare femmina del pesce teleosteo della famiglia delle anguillidae, considerato che invero, in tal senso, più virilmente avrebbe preferito esser definita buratello.

Capitone, invero era inteso nel senso dello scarso comprendere sul piano intellettivo, cosa su cui giocava chi quel nome gli aveva attribuito, sicuro che visto lo scarso afferrare con la mente di questo esemplare, questi si sarebbe subito fatto convinto che capitone fosse inteso nel senso contrario: di cioè colui che tutto capiva ... in modo repentino e lungimirante.

Tutto era pronto: Un esperto operatore sub scese in acqua, si mise in posizione, impugnò il suo gladio con la stessa perizia di un chirurgo con il bisturi e riuscì, tagliando un sottile strato di pelle dell’ospite, a staccare quel parassita di “capitone” posizionando la testa del medesimo sulla sua stessa coda.
Appena riemerso il sub riferì: “Operazione lampreda padana riuscita, quel vorace parassita è in loop, adesso succhia sé stesso”.
Si narra che ancor oggi quella lampreda padana leader vaghi per i mari chiedendosi cosa sia accaduto e sempre più debole stia andando a fondo, sempre più a fondo. Speriamo che non tutte le lamprede padane lo seguano sul fondo e che le più sagge tornino in acque dolci abbandonando ogni pratica parassita.
Ultima modifica di Teseo Tesei il 13/09/2019, 16:15, modificato 12 volte in totale.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 173
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 24/06/2019, 21:08

La storia si lascia leggere, il tono del finale è leggermente didascalico, non mi è piaciuto, ma nell'economia del testo intero è coerente, perciò non penso sia motivo di penalizzazione. Un racconto va valutato nel modo più organico possibile, no? Detto questo, ci sono alcuni scivoloni e dei pezzetti un po' ridondanti. Per esempio, questo stralcio qui che ti riporto:

"Come facessero a riconoscersi e comunicare questi uomini resterà un eterno mistero.
Telepatia, affinità di intenti e pensieri tali da rendere superfluo ogni uso dei sensi: forse. Caso di studio per parapsicologi rampanti: sicuramente.

Forse sacrifici, privazioni, stenti e continue prove, durante il loro addestramento, l’intensa e difficile attività quotidiana avevano acuito facoltà già insite negli esseri umani? Forse!"

Ora, nel primo paragrafo dovresti sostituire i due punti con un paio di punti interrogativi. Per quanto invece riguarda il secondo paragrafo, io direi che puoi benissimo tagliarlo. Non toglierebbe nulla al testo.

Più avanti, in "In fondo per loro era semplice: Esistono Leggi scritte col fuoco nel cuore d’ogni uomo." dopo i due punti serve la minuscola.

E infine, qui ho invece riscontrato un problema di coesione, dopo "corona appasita", mi sembra ci sia un cambio di ritmo e prospettiva piuttosto brusco. Il periodo ha pause fortissime e davvero ho avuto l'impressione di trovarmi in un testo del tutto diverso, quasi fosse l'inizio di un altro racconto.

A rileggerti :D
Immagine
Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 25/06/2019, 1:24

Grazie davvero Draper per i suggerimenti. Ho cercato di farli fruttare correggendo il testo e modificando il finale grazie all'economia così ottenuta.
Il cambio di ritmo e prospettiva indicato può avere due spiegazioni:
A) Le parole virgolettate non sono mie bensì riguardano una reale citazione.
B) Dopo il virgolettato il cambio di ritmo e prospettiva è voluto.

Spiego meglio il punto B).
Inizialmente ho voluto esaltare il silenzio e l'abbandono di un luogo speciale, oltre a determinate attitudini degli uomini convenuti. Per questo il ritmo era lento e mi sono lasciato trasportare dalla descrizione.

Poi quegli uomini, soliti muoversi in modo defilato e silenzioso, vuoi per non beccarsi qualche palla del fato o d'altri :D , sono entrati in azione.
Per questo i ritmi sono più sostenuti e la prospettiva diventa quella d'ognuno di loro.

Per capirci: Ipotizza quando dopo un paio d'ore di meritatissimo sonno con le gambe allungate nella cuccetta suona la tromba della sveglia ed in tempo lampo ci si deve trovare vestiti, equipaggiati ed armati di tutto punto sul ponte di coperta dove l'acqua marina nebulizzata bacia in fronte augurando un buongiorno e stimolando un sereno risveglio.

Be, non era proprio questo lo stato d'animo che volevo trasmettere, ma sicuramente era mia precisa intenzione conferire una sorta di stato d'animo più, come dire, marziale al lettore.

Grazie ancora dei preziosissimi consigli.
A rileggerci. ;-)
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 232
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 01/07/2019, 21:32

È innegabile la padronanza della simbologia, della metafora, anzi, credo che questa qualità sia l’essenza stessa del racconto: una divertita allegoria che sbeffeggia retorica e mitologia, alla quale deve piegarsi anche un riottoso Eracle, forse miope di fronte alla possibilità una nuova, epica, fatica.
A me è piaciuto.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 05/07/2019, 12:48

mi spiace, ma non mi è piaciuto.
c'è una marea (alta, molto alta) di d eufoniche. magari è una cosa voluta, ma non credo.
qualche errore nei tempi verbali.
e poi... boh, poi la storia non è che l'abbia capita più di tanto. problema mio, di certo, però se tutto mi rimane oscuro non riesco a dare opinioni positive.
alla prossima.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 05/07/2019, 18:59

Mi piace come dall’ombra si delinea piano piano la scena, come sul palco di un teatro. Apprezzo anche l’ironia e la volontà di far passare un messaggio grazie proprio a quel tono umoristico.
Trovo meno convincente il terzultimo paragrafo, che trovo slegato al resto del testo. A mio parere andrebbe anche riletto per fare qualche piccola correzione.

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Operazione “Lampreda padana”.

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 05/07/2019, 21:50

Grazie a tutti per il tempo dedicato a leggere il racconto ed a :D commentarlo.
Trovo questi commenti la parte più interessante e stimolante delle gare.
Appena riesco vedo di rileggerlo in caccia d'errori.
Fausto a me le "d" eufoniche piacciono, fanno parte del mio stile per quanto ammetto poco raffinato e anche un tanto rozzo, non le mollo manco se il Comandante in persona dell' Accademia della Semola dovesse implorare pietà per le sue povere orecchie. :-D
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Edmondo
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 17/11/2015, 13:19
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Edmondo » 06/07/2019, 13:45

Interessante il procedere per quadri, quasi a lampi che illuminano una scena dietro l'altra lasciando al lettore il compito di riunire le immagini in un discorso. Il finale forse troppo apocalittico finisce spesso per creare un po' di diffidenza in chi legge in un'epoca piena di predicatori evocatori di disgrazie.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 07/07/2019, 18:39

Ho trovato il racconto di non facile lettura e altrettanto di non facile comprensione. Ma probabilmente il problema è mio a non aver saputo capire la storia. Non so, non mi ha coinvolto, ho faticato ad arrivare alla fine.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 239
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 16/07/2019, 9:56

L'ignoranza non ha confini. Dunque dopo essere andata a vedere cosa era la "Lampreda padana". Mi sono inoltrata nel racconto. Nel frattempo pensavo, "Chissa come andrà a fine questa storia?". Fino a metà, l'ansia e l'aspettativa è stata molto alta, poi mano a mano, il mio interesse è andato scemando. Non ho appreso bene tutto il brano. Gli ultimi paragrafi, sembrano appicicati in fretta per terminare il brano. Poi una piccola levigata la darei.
Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 17/07/2019, 14:05

Andrebbe un po' sistemato dal punto di vista della forma: al di là delle eufoniche, che però ho letto si tratta di una scelta stilistica, c'è un contrasto un po' troppo netto tra la prima parte e quella finale, che rischia di disorientare il lettore.
La metafora però l'ho apprezzata.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 17/07/2019, 14:38

Ho trovato qualche errore. Nella parte iniziale, per esempio: "“Appuntamento nel luogo dove tutto è cominciato al suon delle otto campane serali”.
Così recitava il breve messaggio di testo trasmesso ad ogni convenuto.

Immerso nel buio e nel silenzio profondo, quel luogo, ormai lasciato a sé stesso, cominciò a riprender vita.
Nessun rumore, nessuna luce, salvo quella che brillava negli occhi e nel animo dei convenuti.
Una luce che per ognun di loro era guida e pochi oltre a loro intravedevano.
L’un di fronte l’altro intorno ad un vecchio tavolo in legno che emanava, così come tutto il casolare, un intenso odor di muffa ed abbandono, questi uomini tuffati nel buio d’abisso ed in un silenzio di tomba si riconoscevano e salutavano con un linguaggio misterioso.

Eppure il loro convenire in quel casolare era impercettibile persino al più sofisticato fonometro ed il buio era profondo ed impenetrabile.
Come facessero a riconoscersi e comunicare questi uomini resterà un eterno mistero.
Telepatia, affinità di intenti e pensieri tali da rendere superfluo ogni uso dei sensi? Forse ...
Caso di studio per parapsicologi rampanti? Sicuramente!"
Lasciato a se stesso, nell'animo dei convenuti, di fronte all'altro, Forse…
E poi, l'ultima frase, dove mi pare che la voce narrante scivoli e si faccia autore, come nel finale. Non è la voce narrante, ma l'autore a parlare. Generalmente questo non va fatto, o comunque va fatto solo in determinate circostanze.
Per non dire dei segni grafici<> usati come caporali. Quelli veri li trovi nella tabella numerica ad alt174 e 175.
A parte queste cosucce, per cui basterebbe una rilettura, il racconto non mi lascia molto.

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 89
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 14/08/2019, 0:01

Racconto che, sia per i termini e la simbologia usata, si legge con qualche difficoltà. Eracle, Perseo sono figure riprese dalla mitologia greca ma, almeno io, non ho ben capito cosa raffiguravano. Anche la "lampreda padana" effettivamente ho visto in internet che esiste, io , nel leggere il racconto, prefiguravo qualche visione ironica mentre il testo è, al contrario, un po' retorico.

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Operazione “Lampreda padana”.

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 16/08/2019, 20:42

Grazie a tutti per i preziosi consigli e le giuste osservazioni lasciate.
Appena possibile cercherò di dare una sistemata al tutto.
In questo periodo navigo in mari d'acqua salata ove per svariate ragioni è vietata la navigazione in altri "mari" così come è obbligo evitar di finire tra le maglie della rete al pari dei pesci.

Angelo:

Eracle, Perseo e compagnia bella sono pseudonimi o nomi di battaglia se preferiamo.
Raffigurano soggetti in carne ed ossa ai quali altri nomi parevano troppo banali.
Fortunatamente Ippogrifo in questo racconto non è mai comparso, altrimenti la confusione sarebbe stata massima.

Leggerai sempre retorica, esortazione, incitazione, incoraggiamento, sollecitazione nei miei scritti.
A volte potrai scambiarli per sofisma altre per pura retorica fine a se stessa, altre volte ancora magari rifletterai e magari coglierai perfino il senso di quanto era mio dovere trasmettere e che solo alcuni colgono come è giusto accada.

Non reputo corretto essere ironico verso la lampreda padana.
Questa bestia ha libertà d'arbitrio come noi tutti.
Inevitabilmente gli errori si pagano.
Vale per tutti, anche per ognuno di noi.

Va bene comunque, mi riprometto per la gara d'autunno di raccontare la storia, o era un aneddoto ... chissà? Mi riprometto dicevo di raccontar la storia di "Arturo il cadetto canguro".
Quella si che è divertente.
C'era da sbellicarsi davvero.

La storia della lampreda padana viceversa trasmette solo molta pena, ne convengo ed è chiaro che lasci poco, sia pure difficile da capire e lasci un profondo senso di disorientamento in tutti.
Concordo. :-D
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 08/09/2019, 13:22

Devo ammetterlo, il racconto mi ha lasciato alquanto deluso. Parte con una gran bella dose di mistero, perché ti chiedi chi siano questi "cospiratori", perché si riuniscano, cosa vogliono, e quando tiri fuori la storia della lampreda padana ho sperato nel colpo di genio surreale e inaspettato che, purtroppo, si è perso per strada. Inoltre, come altri, non ho apprezzato molto il fatto che nel finale si scivoli in una retorica molto plateale: non che la scrittura debba essere disimpegnata, ma un conto è far emergere il messaggio attraverso la narrazione, un altro è metterla da parte e passare ex abrupto alla sentenziosità.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Operazione “Lampreda padana”.

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 10/09/2019, 21:08

Grazie per lo stimolo contenuto nel commento.
Lo trovo corretto e giusto.
Quando il racconto è stato scritto l'operazione era ancora allo studio sebbene già ben definita.
Per ovvie ragioni il finale era deludente e non poteva certamente svelare quel che oggi è viceversa possibile scrivere.
Si può dire che la cosa sia stata voluta, così come la sentenziosità giustamente fatta notare.

Oggi è possibile scrivere il finale.
Un finale ben noto a quegli operatori fin da principio, ma che per la stessa riuscita dell'operazione era bene rimanesse defilato.

Come detto, essendo possibile, ho rimediato. :-D
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 232
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Operazione “Lampreda padana”.

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 10/09/2019, 21:40

Eh, ma così non si fa! Hai stravolto tutto il finale del racconto!
Battute a parte, alla luce di fatti recenti e delle modifiche alla narrazione trovo che la metafora sia ancora più esplicita.
Quando lo hai scritto sapevi cose che noi ignoravamo?
Diavolo di un Teseo! :D

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Operazione “Lampreda padana”.

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 11/09/2019, 0:37

Roberto Bonfanti ha scritto:
10/09/2019, 21:40
Quando lo hai scritto sapevi cose che noi ignoravamo?
Diavolo di un Teseo! :D
Ignorare spesso è condizione necessaria per essere felici. :-D

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 332 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 15 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 450 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 46

La Gara 46 - Non più in vita

(maggio 2014, 17 pagine, 337,04 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Annamaria Vernuccio, Nunzio Campanelli, Patrizia Chini, Awomanofnoimportance,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (337,04 KB) - scaricato 117 volte.
oppure in formato EPUB (359,27 KB) (vedi anteprima) - scaricato 210 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (a colori)

(edizione 2013, 8,06 MB)

Autori partecipanti: Angela Di Salvo, Cmt, Jessica Rabbit, LiaTom, Lodovico, Mastronxo, Monica Porta may bee, Morgana Bart, Paride Bastuello, Polly Russel, Recenso, Sphinx,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (8,06 MB) - scaricato 665 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Giudizio Ardito

Giudizio Ardito - A.D. - Apocalypse Day

(maggio 2010, 88 pagine, 1017,02 KB)

Autori partecipanti: Lucia Manna, Mr. Nicotina, Vit, Ser Stefano, Mario, Magasulla, Augusto Manghisi, Massimo Baglione, Diego Bortolozzo, GiuseppeN, Seigi, Vecchia Zia Patty, Stefy71, CMT, Mastronxo, Manuela, Arditoeufemismo, Carlocelenza,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (1017,02 KB) - scaricato 702 volte.
oppure in formato EPUB (702,41 KB) (vedi anteprima) - scaricato 174 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.