Svaso di Pandora: parte prima 1) La scoperta

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 21/06/2019, 1:00

1 - non mi piace affatto
2
15%
2 - mi piace pochino
6
46%
3 - si lascia leggere
3
23%
4 - è bello
1
8%
5 - mi piace tantissimo
1
8%
 
Voti totali: 13

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw

Svaso di Pandora: parte prima 1) La scoperta

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 29/05/2019, 16:48

Tutto ebbe principio tra i muri d’un laboratorio di salagione delle acciughe in una strategica località marittima situata in nord Italia.

Era questa una città speciale, incastonata come una perla in un anfiteatro d'acqua al centro d’un profondo golfo naturale, ribattezzato Golfo dei Poeti, accerchiato da magnifica terra, di tal splendore che nel corso dei secoli folgorò più d’un vate.

La particolare conformazione del golfo, ben riparato dalla furia delle mareggiate, parimenti che dagli attacchi nemici, volle che questo luogo incantato fosse culla d’uno dei maggiori porti mercantili del Mediterraneo, oltre d’un grande arsenale militare di strategica importanza.

Da questi luoghi, uomini fedeli ad una lunga tradizione, rispettosi d’un immortale codice d’onore prendevano, prendono e così in futuro ancora prenderanno mare per navigare verso eroiche missioni, che nessun mortale, non appartenente a questa specie d’uomo, mai avrebbe l’ardire d’affrontare.
Son costoro valorosi operatori dotati di gran forza vitale e fisica, forgiati con provate procedure, dotati nei secoli di moderne e geniali armi ed invenzioni da loro stessi messe a punto ed ideate. Ivi, in queste terre, sempre fan ritorno, al termine d’ogni missione o della vita stessa, ed ancor oltre, cosi come quel vate antico descriveva le lor occupazioni con dovizia, riferito a quei che avean già raggiunto i campi elisi:
“Qui un cielo più ampio avvolge in una luce purpurea i campi che hanno un sole proprio e proprie stelle.
Parte esercitano le membra in palestre erbose, gareggiano nel gioco e lottano sulla fulva arena; parte ritmano danze coi piedi e recitano versi.
Qui l'antica stirpe di Teucro, prole bellissima, magnanimi eroi, nati in anni migliori, Ilo, Assaraco e Dardano fondatore di Troia.
Ammira le armi in disparte e i vuoti carri degli eroi.
A terra stanno piantate le lance e cavalli senza briglia pascolano qua e là per il campo.
L'amore che ebbero da vivi per i carri e le armi, la cura nell'allevare splendenti cavalli ora li segue anche sottoterra.
Ecco, a destra e a sinistra ne vede altri che banchettano sull'erba e cantano in coro un lieto peana in mezzo a un odoroso bosco di alloro, dal quale scorre abbondante il fiume Eridano, arrivando fin sulla terra.”


In questa città vivace e laboriosa si svilupparono molteplici attività, di cui molte sconosciute, causa la segretezza ed il mistero nel quale per ovvie ragioni le medesime debbono versare.

Tra i muri d’un laboratorio di salagione delle acciughe, per tutti nato da un gioco tra alcuni amici e dentro il quale nessuno osa ormai più metter naso, ove si fiuta perennemente qualcosa simile ad un odor di sale e pesce misto a rum. Ove fuori, giorno e notte, spesso son stravaccati spaventevoli omoni in perenne stato d’ebbrezza.
Di tal luogo che i vecchi passanti si son fatti ormai convinti sia quello un covo di ammiratori di Bacco, del Bacardi delle zuffe e del Pampero.
Loco di perdizione e di gioventù bruciata da cui star ben lungi e da evitar al pari della pestilenza.
Ivi nella realtà sono riuniti i migliori tra i migliori dei cervelli nazionali.

Sotto la copertura di sale, acciughe, rum, zuffe, ubriachi, sballati e persi d’ogni sorta, batte infatti il cuore pulsante del così detto Opificio Studi cui è affidato lo sviluppo tecnologico di materiali e mezzi progettati ed utilizzati dagli uomini del Gruppo Operativo Arditi Precursori.

«Eureka, belin, Eureka» urlò d’un tratto Gabibbo, l’ufficiale ingegnere più alto in grado presente nell’opificio camuffato da laboratorio di salagione.
«Belandi, mea bezughi, son palanche» esclamò pensando all’avanzamento di carriera conseguente una simile scoperta ed al successivo aumento di stipendio.
Poche palanche forse, ma per un ligure una gioia immensa, ancor maggiore della gioia che una simile scoperta sarebbe stata per il mondo intero negli anni a venire.

Sfogato l’entusiasmo Gabibbo, secondo la ferrea procedura trasmette in chiaro sul canale 16 in VHF (156.8 MHz):
«Mayday, Mayday, Mayday
Delta Eco
Erone di Alessandria, Erone di Alessandria, Erone di Alessandria
May Day, Erone di Alessandria, 44°04’ North, 9°50’ West
Via d’acqua sul lato dritto, rumenta in mare, chiediamo immediata evacuazione»

Era quello il codice che il comando attendeva da anni.

La missione di Gabibbo e colleghi era terminata ed aveva prodotto i risultati sperati, così che tutto il personale e le attrezzature dell’Opificio Studi dovevano essere evacuate in tempo lampo. Queste ultime tre informazioni erano criptate nell’ultima frase della trasmissione.

Il personale interno dell’Opificio si fiondò in una frenetica corsa all’imballo di strumenti, attrezzi e materiali, mentre il personale esterno si alzò da terra, ove da anni fingeva d’essere sbronzo ed “acciuchito”, montando lesto di guardia, con le armi in pugno. Neanche quell’ “acciugheria” si fosse destata d’un tratto, e per incanto tutti i fumi dell’alcool fossero scomparsi, disponendo gli occupanti in gran allerta come dei gatti con sentore di cani nei paraggi.

In men di 5 minuti dieci autocarri medi con 30 uomini in tuta da combattimento verde speranza giunsero in soccorso al laboratorio di salagione delle acciughe, così che in un istante sparirono tutti e tutto.

«Li han presi sti bezughi, era ora belandi»
esclamò un gruppetto di anziani intrisi d’esperienza. Ma d’esperienza nel riconoscer solo quello che a quei giovini era stato ordinato di lasciar intravedere. Nonni esperti ma incapaci, dunque, di distinguer tra verità ed astuzia.

Uno tra questi, pensionato e Livornese, ma ex collega di quegli scalmanati scomparsi per magia, replicò:
«Rinnoviamoci coscritti».
Aggiungendo:
«Non sempre l’esperienza apre l’occhietti belli a quel che fissa il dito e cavalca l’onda. In codesto l’è migliore l’inesperto che un’cessa mai di sognar con l’occhi fissi sulla luna e che a cavalcar onde preferisce lo spaziar il vasto mare dalla luna illuminato. Anzi sovente con codesta convinzione d’esser tanto esperti il novello s’avvantaggia» mormorò con un fil di voce.

«Ci si deve rinnovare dentro al core belli miei».
«Ma rinnovare pé davvero e un’fà finta».

Quest’ultimo pur non conoscendo le ragioni alla base di tutto quel trambusto sapeva molto bene che spesso quel che sembra e pare è ben diverso da quel che nella realtà è ed accade, e specie coi “novelli”, mai per caso fortuito.

Distinguere questo è semplice per alcuni mentre lo è molto meno per altri.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 29/05/2019, 17:04

Accidenti, appena rientrato da un lungo viaggio in terre straniere mi accorgo che per un soffio scappa via la gara primaverile. Ebbene, detto fatto, copiato ed incollato un capitolo d'un racconto in "lavorazione". Chissà, con questi ritmi, scrivendo per diletto ed a tempo perso un giorno forse riuscirò anche a finirlo.
Speriamo dunque che le gare stagionali non siano più veloci dello scrittore. :smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 91
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2018 (profili visti)
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 30/05/2019, 18:37

il racconto non si conclude pertanto è difficile dare un giudizio in merito alla trama o all'intreccio, perché tutto rimane sospeso. Sebbene non abbia molta dimestichezza con la gara e il forum, a mio parere avresti dovuto rischiare e pubblicarlo per intero.
Mi è piaciuto l'uso del dialetto nei dialoghi, cosa che in genere apprezzo sempre; ritengo che la vera ricchezza della lingua italiana siano i suoi dialetti parlati che, quando presenti, rendono personaggi, dialoghi, ambientazioni, più vere, o sincere se vuoi.
Poco altro da segnalarti. Nel nord Italia avrei messo nel primo periodo. E poi non hai chiuso un'incidentale: "Da questi luoghi, uomini fedeli ad una lunga tradizione, rispettosi d’un immortale codice d’onore" proprio qui.
Il voto è una via di mezzo per il motivo elencato sopra.

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw

Re: Svaso di Pandora: PARTE PRIMA 1) La scoperta

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 30/05/2019, 20:53

Grazie Namio, concordo con quanto hai scritto.
In effetti essendo tornato solo ieri ed avendo poco tempo a disposizione ho fatto un copia incolla di un racconto che sto preparando tra una pausa e l'altra.
Quello è solo il primo capitolo.
Sono al capitolo 28 attualmente.
Sarebbe stato piuttosto lungo metterci tutto.
Più tardi pubblico la bozza, non ancora terminata, dell'ultimo capitolo nell'apposita area e lascio il link qui in coda.

E' una lunga storia avventurosa, peraltro scritta con l'intento di promuovere riflessione.
Non scrivo mai solo per il piacere di farlo.
Dedicata ad un particolare pubblico a cui teniamo molto.
Si tratta della popolazione di un determinato territorio nazionale.
Nonostante la storia dovrebbe stare in piedi da sola e poter essere letta da tutti come un normale racconto, nella realtà ci sono significati che solo la popolazione cui è dedicata può capire ed apprezzare.
Per intenderci Pandora è una località.
Con il suo svaso, viceversa: Non posso ancora rivelare cosa venga inteso.

Avevo buttato giù una trama per la gara, ma poi ho preferito procedere come detto.
Ho preferito partecipare, con l'intento di commentare tutti i racconti entro domani.

Non nego che questi confronti siano, dal mio punto di vista, stimolanti.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw

Re: Svaso di Pandora: PARTE PRIMA 1) La scoperta

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 30/05/2019, 20:56

Questa la premessa del racconto.

Operazione
SVASO DI PANDORA

E’ questa un opera fantasiosa, nella quale nomi, luoghi, personaggi ed eventi narrati sono puro frutto della fantasia dell’autore. Qualsiasi somiglianza con persone, gruppi, organizzazioni, reali, viventi o defunte, eventi o luoghi esistenti è da ritenersi puramente casuale. Tutti i diritti sono riservati. Ogni riproduzione o rielaborazione, totale o parziale, ogni diffusione in formato digitale non espressamente autorizzata dall’autore è da considerarsi violazione del diritto d’autore e pertanto punibile penalmente.
Tutti i personaggi fantastici son ribattezzati con un nome in codice ancor diverso da quello inventato, così che vuoi per paranoia, vuoi per tranquillità vissero e vivranno tutti felici e contenti.

Castigat sorridendo mores!
Autore: Teseo Tesei
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw

Re: Svaso di Pandora: PARTE PRIMA 1) La scoperta

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 30/05/2019, 21:03

Copio incollo anche il secondo capitolo, pregando tutti di non tenerne conto nella votazione.
Al solo scopo di levare alcuni dubbi ai più curiosi.

2. La partenza.

Al comando non pareva vero di poter impiegare la nuova arma.
Gioia ed eccitazione per la nuova missione, sebbene accompagnate da ordine e disciplina erano palpabili.
“Tutti in sala briefing”!
Ordinò l’ammiraglio Impettito, Comandante in capo del Raggruppamento, ad un nutrito gruppo d’operatori selezionato tra i migliori.
Impettito era uomo ritto, tutto d’un pezzo, solito deambulare con petto in fuori, spalle larghe, braccia tese ed aderenti al busto ed occhi più fuori che dentro rispetto alle cavità orbitali, oltre che per il suo nomignolo dagli uomini affibbiato: “China no”; derivante dal fatto che non era solito strisciare o far l’inchino di fronte a nessuno.
Un giorno ebbe a dire che si sarebbe inginocchiato solo al cospetto di Dio e non prima d’avergli ben piantato lo sguardo tra gli occhi ed averlo per ben squadrato così da esser certo fosse davvero Lui.

Giunti in sala briefing Impettito urlò:
"Decima, marinai"!
Ritti in piedi gli uomini levarono all’unisono una voce altissima, rispondendo:
"Decima, Comandante"!

“Signori, siamo in possesso dell’arma tanto attesa, ed il battello è pronto”.
“Ora la missione è possibile” e continuò.
“Il comandante Todaro avrà il comando dell’arma e dell’unità navale”


“Minchia”!
Gli fece eco Todaro da buon siciliano, non riuscendo a frenare l’emozione d’un tale onore, pur conscio dell’onere inscindibile che questo comportava.

Impettito continuò:
“Al comandante Teseo è affidato il buon esito della missione ed in questo delicato compito sarà affiancato dai signori Perseo, Cadmo, Eracle, Egeo.”
“Eutimene invece sarà ufficiale di rotta”.
“Buona fortuna e buono svaso signori.
Portate i miei saluti a Pandora”.

Una voce unanime, perfettamente sincronizzata, somigliante ad un grido, espressione della stretta unione fra chi dava ordini e chi li eseguiva, rappresentativa del rinnovato quotidiano sentimento di lealtà e fiducia tra quegli uomini, scandì il tempo con un nuovo:
“Decima”!

Tutto era pronto, armi, attrezzature, mezzi, materiali, tuttavia una sola cosa, invero, incuriosiva tutti.
Nessun di loro, sia ben chiaro, temeva la morte, pur avendola più e più volte rifuggita ed accarezzata durante le diverse missioni.

"Perché, per noi" come disse Todaro:
"la morte in combattimento è una cosa bella, profumata".
Infatti, proprio per questo, Todaro aveva piazzato in bella vista in plancia del battello un teschio con una rosa rossa in bocca. Che illuminato dalla fioca luce, color arancio diffusa in quel luogo, a suo avviso, sarebbe stato utile per ricordare a tutti i presenti, di quale pasta fossero fatti, ed a quale specie di uomo appartenessero. Semmai se lo fossero scordati.
Cosa in realtà davvero piuttosto improbabile, ma questa era la sua intenzione.
Nessuno era quindi spaventato, ma incuriositi, in vero, lo erano molti.
Nessuno infatti poteva immaginare a cosa andava incontro, considerato che prima d’allora mai uomo aveva provato la nuova arma, né quel battello appositamente per essa studiato e modificato.

“E’ quasi ora, cinque primi, comandante”
disse Segundo, il secondo, a Todaro.
La partenza doveva avvenire in gran segreto così che il comando aveva concordato un black out generale che avrebbe interessato l’intera citta, l’arsenale, le aree portuali e tutto il golfo.
Trascorsi alcuni minuti, quando le tenebre ebbero il sopravvento su tutto, si udirono degli ordini secchi e decisi:
“Chiudere i boccaporti”
“Propulsione elettrica, motori avanti piano, alla via, bene così”
Era Todaro con la sicurezza di chi aveva compiuto migliaia di volte quelle manovre, sebbene su battelli diversi da questo.
“Prepararsi all’immersione” aggiunse.

“Come, comandante andiamo già in immersione”?
Chiese stupito Segundo?

Il battello si allontanava silenzioso, lontano da occhi indiscreti.
I nostri eroi, in tuta da combattimento color verde speranza, erano ormai in viaggio per Pandora.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw

Re: Svaso di Pandora: PARTE PRIMA 1) La scoperta

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 30/05/2019, 23:06

Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 30/05/2019, 23:55

Normalmente non mi piacciono affatto gli inserimenti di dialogi dialettali nei racconti o romanzi, ma in questo caso mi sono piaciuti, anche perchè, da genovese che sono, li ho compresi e mi hanno fatto sorridere, così come ho apprezzato la trama, se pur lunga e incompiuta, di questa particolare narrazione in cui si mescolano molti elementi, a partire dalle acciughe... Pertanto la mia valutazione è senz'altro positiva.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2014 (recensori)
dal 2014 (recensiti)
attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 31/05/2019, 15:40

a me non è piaciuto molto, sinceramente.
originale lo è di sicuro, e gli inserimenti dialettali non mi danno certo fastidio, visto che pure io li uso spesso, però non sono rimasto soddisfatto, al termine della lettura.
forse perché è solo una parte di una storia più lunga, non so.
segnalo una serie di d eufoniche e qualche virgola mancante.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw

Re: Svaso di Pandora: parte prima 1) La scoperta

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 06/06/2019, 2:00

Grazie a tutti per i preziosi commenti.
Essendo nuovamente in partenza ci sentiamo al prossimo rientro.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 89
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (profili visti)
dal 2018 (recensiti)
dal 2017 (autori prolifici)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 08/06/2019, 15:14

Ho fatto un po' di fatica a leggerlo, sia in quanto già nel titolo si indicava che era la prima parte di un racconto più lungo, sia per i termini usati nella narrazione. Molto belli ma a volte poco usati e ridondanti, anche nell'uso all'interno dei dialoghi dei protagonisti. Il dialetto usato non da fastidio anzi da colore al racconto, sempre se comprensibile, come in questo caso.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista: https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5455

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 95
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 12/06/2019, 7:48

Ciao, ho dovuto leggere e rileggere il tuo racconto qualche volta per capirlo, è una lettura che richiede un certo impegno (per lo meno a me). In parte per gli inserimenti dialettali, che però trovo pertinenti e divertenti, in parte perché sono inseriti elementi che, presumibilmente verranno ripresi in un secondo momento.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 262
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 12/06/2019, 23:05

Valido come incipit, un po’ penalizzato nel contesto di una gara di racconti, per tutti i motivi già detti. Crea aspettativa, questo sì, un giudizio definitivo è rimandato alla lettura di tutto il romanzo che, se ho ben capito, è in divenire
Un appunto: un vero livornese un bel dé (attenzione, non deh!) a intercalare il discorso ce lo infila sempre.

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 16/06/2019, 22:14

Giudicare un capitolo non è semplice; confrontarlo – come è naturale – a racconti compiuti è impossibile. Ciò premesso, non credo che il frazionamento di un romanzo, con conseguente pubblicazione centellinata per i lettori, sia la scelta migliore. Mi ricorda i romanzi d’appendice in voga molti anni fa, la cui qualità media non era mai eccelsa. Nel mio piccolo, mi sentirei di suggerire al bravo Teseo soluzioni alternative per “lanciare” la sua fatica letteraria, quando sarà stata completata. Come già specificato in altri commenti, non amo gli inserti dialettali, ma nel testo in questione un’eventuale eliminazione (o sostituzione con termini ed espressioni equivalenti in lingua italiana) sarebbe impensabile. Il tenore di scrittura è lodevole.

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 80
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (profili visti)
dal 2018 (recensiti)
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw   ymw   ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 21/06/2019, 16:33

Sono indeciso... il racconto in sé non è male, un po' sui generis, scritto in maniera ineccepibile... però nella valutazione non si può non tenere in conto che è solo il primo pezzo di una narrazione più ampia e quindi perde molto letto in forma isolata. Mi piacerebbe davvero leggere l'intera fatica letteraria a questo punto.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele.
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 43 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 36 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

(gennaio 2009, 30 pagine, 550,24 KB)

Autori partecipanti: AldaTV, Alida, Bonnie, Dalila, Devil, Michele Nigro, Sarahnelsole.
A cura di DaFank.
Scarica questo testo in formato PDF (550,24 KB) - scaricato 326 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

(ottobre 2009, 28 pagine, 470,72 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Manuela Costantini, Macripa, Valentina, Cmt, Bonnie, Carlocelenza, Arditoeufemismo, Barbara Bracci, Daniela Bisin.
A cura di Miriam.
Scarica questo testo in formato PDF (470,72 KB) - scaricato 356 volte.
oppure in formato EPUB (342,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 192 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 146 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (382,46 KB scaricato 164 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (257,26 KB scaricato 43 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.