Un cuore grande come il mare

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 21/06/2019, 1:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
15%
3 - si lascia leggere
4
31%
4 - è bello
5
38%
5 - mi piace tantissimo
2
15%
 
Voti totali: 13

Emimaco
Foglio bianco
Messaggi: 1
Iscritto il: 25/05/2019, 8:03

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Un cuore grande come il mare

Messaggio da leggere da Emimaco » 25/05/2019, 8:17

Come accade nei tardi pomeriggi di fine estate, quando a guardare attentamente i colori nel cielo vi si può cogliere l'accenno dell'imminente autunno, spopolata di gente la spiaggia s'affolla d'alghe, di canne, sugheri e di minimi relitti di vecchie disfatte.
Nessuno più scende all'arenile a raccattar gusci e conchiglie o per rastrellare quella bruna ruggine salmastra che si propaga sulla sabbia.
Nella piccola cala nessuno mostra di accorgersene, la vita prosegue nel tran tran di tutti i giorni e perfino le barche in rimessa, incuranti del rimestìo dell'aria, sembravano osservare indifferenti il tempo ormai cambiato in peggio.

Vengo su questa spiaggia da molti anni, non è un granché, ma è tranquilla ed ho imparato ad amarla. Vengo per dipingere e scrivere o almeno tento di farlo, ma soprattutto ne ho fatto il mio rifugio perché è lontana dal circuito turistico e c'è pochissima gente.
Venni anche lo scorso anno, ma non combinai nulla di buono, né scrissi né dipinsi un granché...e quando ormai mi ero deciso a mollare tutto per far ritorno in città, una sera...

...mentre al tramonto gruppi di giovani accompagnavano un'altra inutile serata verso il ciclo incalzante della marea, improvvisamente vi fu un movimento, un accenno d'interesse che vivacizzò la compagnia; l'arrivo di una ragazza che velocemente attraversò, in groppa di uno stallone nero, quel tratto di riviera.
Non la conoscevo, per la verità non ricordavo neppure di averne mai notata la presenza e sebbene a prima vista la cosa non sembrasse affliggermi più di tanto, dovetti, più tardi, convenire trattarsi innegabilmente di una giovane avvenente ragazza, agile, bionda, dagli occhi chiari su di un volto fine e serio.
Indossava pantaloncini di jeans, molto corti, una camicetta bianca che si schiudeva monella su di un seno immacolato. Ai piedi non indossava calzature.
Osservandola galoppare, illuminata dal riverbero ormai quasi spento del sole nell'acqua, dava l'impressione di una figura leggendaria.
In lei tutto appariva armonico, le movenze del corpo controllate, la posizione eretta del busto, i capelli, intrecciati in una lunga treccia oscillante sulle spalle nude e le forme assolutamente statuarie.
Una cosa però m'infastidì, quella ragazza non guardava nessuno; né uomini, né donne, né bambini festanti...passò veloce, seria, composta, lontana come se la Terra fosse deserta, dando l'impressione di volare con il suo stallone.
- È il fantasma della sera - Borbottò il vecchio Aurelio, un pescatore ormai in pensione che come ogni sera veniva a farsi una fumatina di pipa sotto la veranda dalla mia casupola.
Di solito si finiva per riempirci di chiacchiere fino a che l'umidità non si spingeva a lasciare la spiaggia, ma quella sera...
– Chi è? - Chiesi incuriosito
- Mah! E chi lo sa! È una francese venuta ad abitare in paese già dall'estate scorsa. Abita in casa di un'amica di mia moglie. Non si vede quasi mai in paese, se ne sta sempre con quel suo cavallo e la figlia della padrona di casa...la piccirilla...Nina, poverina, non ha avuto buona sorte
- Cos'ha? - chiesi
- Il cuore
- Quanti anni ha?
- Undici credo...Allora dottore cos'ha deciso, se ne torna in città?
- Non subito, forse tra qualche giorno - Risposi distrattamente intento com'ero ad osservare la ragazza e il suo cavallo

All'imbrunire del giorno successivo, durante un breve scroscio di pioggia e il mare che improvvisamente s'era messo a rumoreggiare, la vedemmo arrivare al galoppo, saltare di cavallo e correre in acqua con un passo ritmico di danza.
Si lasciava sollevare dai frangenti che giungevano uno dietro l'altro senza tregua, scomparendo a volte, per qualche istante nella schiuma livida, per poi ricomparire subito dopo alzando le braccia a ricevere un'altra ondata, mentre il suo destriero, incapace di raggiungerla, scalciava e nitriva per rivelare la sua presenza.
Fuori dell'acqua si mise a camminare tranquilla e indifferente, il cavallo alla mano, sotto la pioggia che in suo onore sembrava volesse scemare d'impeto.
Alcuni villeggianti, che come me e il vecchio Aurelio s'erano rifugiati sotto la veranda, sebbene simulassimo sguardi di finto dispetto, osservavamo affascinati quel corpo da sogno.
- Chissà cosa vorrà insegnarci quella ragazza? - borbottò il vecchio Aurelio
Nelle spavalderie senza scopo dei giovani, la gente di una certa età individua, spesso a torto, un'altezzosa lezione, quasi un rimprovero, ma quella ragazza non badava assolutamente a noi e sono certo che il suo intento non fosse quello d'umiliarci.
Lei si beava contenta solo di quella doccia tiepida che, tracciandone il corpo snello, le scorreva dagli omeri ai fianchi fin giù sulle tonde cosce ed oltre.
Quell'astratta indifferenza, quel suo considerarci inanimati al pari delle capanne allineate sulla spiaggia, mi regalarono un intollerabile senso d'irritazione.
Era evidente che a lei non interessassero i nostri giudizi e la sua disinvoltura sembrava renderla ancora più lontana.
Incuriosito l'osservai attentamente, ma non provai neppure la voglia di giudicarla, sebbene sapessi che in realtà mentivo a me stesso.
Avrei invece desiderato avere qualche anno in meno per prestarle eroici pensieri, avrei voluto che su quella spiaggia lei si esaltasse e lanciasse un grido ad un mondo così bello in cui la sua avvenenza risplendeva.
Lentamente il cielo di ponente tornò a proporre il disco ormai stinto del sole e mentre nel crepuscolo l'acqua assumeva un colore violaceo, striato di grigio e d'arancio tenue, la sua figurina si profilò quasi nera...solitaria e leggera sullo sfondo del mare.
Fu allora che mi resi conto di come può far male la fredda sfrontatezza dell'età, di null'altro preoccupata che della propria perizia d'amazzone.

L'indomani, al tramonto, la spiaggia fu ancora dominata da poche ragazze vestite di pareo di seta gialla o celeste.
Ragazze che avevano almeno un sorriso per tutti; per il mare che mandava un alito fresco e leggero e per i ragazzi che venivano ad offrire larghi sorrisi.

Quelle erano le nostre donne, con un così caldo languore negli occhi che i loro seni apparivano più affettuosi e materni.
La ragazza bionda, la dea, era troppo lontana.
Avrei desiderato che fosse stata come le altre donne e invece somigliava a qualcosa che non voleva amare la propria immagine.
Avrei voluto che si fosse animata, avesse esultato e magari mi avesse umiliato mostrando di se qualcosa di vivo

E la sera in cui il mare era mosso e ribolliva tutto in una schiuma fattasi rossa dal tramonto, la vidi raggiungere la riva in un galoppo sfrenato.
Sulla sabbia tenace il galoppo pareva un battito cadenzato di tamburo.
Il cavallo si lanciava avanti impetuoso, a testa alta, con quell'esile figurina tranquilla e ferma in groppa.
Mi era ormai talmente vicina che dovetti trattenere il respiro per l'emozione.
Con un'oscura sofferenza pensai che forse neppure quella volta avrebbe avuto un gesto di gioia per il mondo che la guardava incantato, ma lei dovette comprendere, poiché quando mi fu a ridosso, infine, esaltata dalla bellezza della propria immagine, alzò un braccio e con la piccola mano aperta salutò il cielo con un improvviso, fresco ed esile grido.
Poi, senza voltarsi agitò ancora la mano verso di me ed io balzai in piedi a risponderle, entusiasta e felice d'aver svegliato una dea.
Il vecchio Aurelio sorrise e le donne curvarono il capo, ma presto la leggiadra immagine scomparve nel buio, forse intimorita dal suo stesso gesto o incapace di sopportare la propria gloria.

Da quella sera scomparve dalla spiaggia ed io, qualche giorno più tardi, tornai al mio lavoro e alla mia vita.

#

Non vidi più la ragazza, ma lo scorso Dicembre, dopo aver trascorso un'intera notte in camera operatoria, uscendone ebbi l'impressione di riconoscerla in una giovane donna che attendeva un ascensore.
Fu un fulmine a ciel sereno, non avevo dimenticato quella sua distaccata bellezza e senza pensarci la raggiunsi.
- Mi perdoni, - mormorai in forte imbarazzo - mi era sembrato di riconoscere in lei una ragazza che ebbi modo d'incontrare la scorsa estate. Credo di doverle delle scuse, ma lei me ne ricorda le sembianze
- È probabile che abbiate conosciuto mia sorella Josianne - rispose lei accennando uno stanco sorriso
- Mi scusi, non volevo disturbarla, ma vi somigliate come due gocce d'acqua
- Si è vero, eravamo gemelle
- Eravamo? - Chiesi spinto da una controllabile impazienza
Lei mi guardò sorpresa prima di rispondere con un filo di voce
- Si, ora lei non c'è più, è morta lo scorso mese
- Mi dispiace! - Esclamai colpito dalla notizia - Ne sono veramente addolorato, com'è accaduto?
- Un tumore diagnosticato con troppo ritardo. - Sussurrò lei stringendosi nelle spalle - Ha detto d'averla conosciuta...forse sulla spiaggia?
- Si, in spiaggia, ma in realtà non ci siamo mai scambiati una parola...Intende dire che la scorsa estate sua sorella sapeva del suo stato?
- Oh si, certo! Ne fu messa al corrente non appena diagnosticarono il male. Ha vissuto gli ultimi diciotto mesi della sua vita nella consapevolezza della morte
- Avrei dovuto capirlo, ma lei non ce ne ha mai dato il modo, mi dispiace
- La capisco. Josì non è mai stata facile ai rapporti, il male e la certezza della morte avevano spento il suo entusiasmo per la vita.
- Noto che siete di nazionalità francese, perché scelse quel piccolo paesino siciliano? La vostra terra ha altrettante splendide spiagge.
- Per la verità ci sorprese non poco quando espresse il desiderio di trascorrere la sua ultima vacanza sul mare di Sicilia
- Un'ottima scelta, non c'è che dire
- Ne sono convinta, ma non fu il mare ad interessarla
- Non capisco...
- È una storia come tante...Quando Josì seppe del suo male e della impossibilità di guarire, scelse di donare il suo cuore alla figlia di una nostra cugina italiana, ed è voluta star loro accanto il più a lungo possibile. Per questo motivo ha trascorso quell'ultimo anno in Sicilia
- Nina! - esclamai sussultando!
Sentii un tuffo al cuore e un immenso, incommensurabile dolore che mi amareggiò per l'ingiusta immagine che mi ero fatta di lei.
Avrei desiderato dirle qualche parola di conforto, ma non ne fui capace, riuscii soltanto ad annuire mostrando gli occhi che improvvisamente si erano fatti lucidi. Poi le baciai la mano e l'osservai scomparire oltre le porte automatiche dell'ascensore.

#

Anche quest'anno sulla spiaggia vi sono nuove alghe, canne, sugheri e poveri relitti di vecchie disfatte.
Il sole, ormai sulla linea dell'orizzonte, non scalda più l'aria che s'è fatta fresca. Già si sente il primo soffio di vento autunnale che coglierà le foglie una ad una dai rami come un bimbo, che distratto e lento finisce un grappolo d'uva.

Probabilmente domani partiranno anche gli ospiti più ostinati.
Rimarranno soltanto pochi intimi a farmi compagnia nell'osservare il lento e tranquillo trotterellare di uno stallone nero sulla spiaggia, sulla cui schiena, aggrappata alla criniera, c'è uno scricciolo biondo con un cuore nuovo e grande come il mare.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 176
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 26/05/2019, 21:04

Sì, il racconto è scritto bene, la storia è carina anche se appare un po' irreale. La descrizione della di lei, poi risultata essere malata terminale, mi è parsa un po' fuori dalla logica: "innegabilmente di una giovane avvenente ragazza, agile, bionda, dagli occhi chiari su di un volto fine e serio. Indossava pantaloncini di jeans, molto corti, una camicetta bianca che si schiudeva monella su di un seno immacolato...". E poi, "In lei tutto appariva armonico, le movenze del corpo controllate, la posizione eretta del busto, i capelli, intrecciati in una lunga treccia oscillante sulle spalle nude e le forme assolutamente statuarie". Bello sarebbe che così fosse prima di dover morire... Comunque, a parte ciò, il racconto ha un bel finale. E vien da dire: mai giudicare dalle apparenze... non aveva alterigia la di lei del racconto, ma un gran cuore.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 27/05/2019, 20:10

beh, la storia è carina, nulla da eccepire e, tra l'altro, è anche scorrevole nella lettura.
però il testo è pieno di refusi e ci sono delle incongruenze (es. se porta una camicetta come fa ad avere le spalle nude?).
segnalo anche parecchie d eufoniche e mi permetto di consigliare una revisione, visto che all'inizio c'è qualche problema anche nei tempi verbali.
in ogni caso, ripeto, la lettura è piacevole.
a rileggerti
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 29/05/2019, 15:39

Il racconto è bello, mi sembra ben scritto nonostante la segnalazione di alcuni refusi e si legge piacevolmente. Belle le descrizioni dei luoghi e dei personaggi. Commovente il finale e la sorte della misteriosa ragazza il cui cuore comunque continuerà a vivere.

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 62
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 29/05/2019, 17:28

Bel racconto. Non nego d'essere stato attratto dal titolo per la combinazione: mare e cuore. Entrambi argomenti e "luoghi" in grado di scatenare sentimenti ed emozioni incredibili degni d'essere rivisitati ed osservati da ogni punto di vista. Buone le descrizioni sia del mare che dei sentimenti.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 03/06/2019, 15:10

Lungo, ma lo si legge velocemnte, perchè molto scorrevole. La padronanza della lingua lo rende accattivante e avvincente. La storia, questo è il mio parare, mi sembra un pochino assurda. Una leggadra figura che svolazza sulla spiaggia al calar della sera, pochi che la conoscono, rimane una chimera, rimane quasi un angelo.Poi si scopre che...non lo scrivo. Comunque il titolo mi ha intrappolato subito. Volevo scoprire come l'autore li aveva mescolati,come li aveva uniti. L'unione è stata centrata. alla prossima.
Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 207
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 03/06/2019, 22:38

Un buon racconto, ci sarebbe necessità di fare editing, ma te l’hanno già scritto.
Suggestive le descrizioni della spiaggia, del mare, della ragazza misteriosa e delle sensazioni del protagonista, una bella prosa che sfuma nella poesia.
Il finale è a effetto, forse un po’ strappalacrime ma funziona, il mio giudizio è positivo.

Selene Barblan
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 12/06/2019, 7:34

Ciao, mi è piaciuta soprattutto l'introduzione, mi ha coinvolto e mi ha fatto immaginare il luogo in cui poi si ambienta la narrazione. Lo trovo globalmente ben scritto e scorrevole; il finale non mi convince, forse perché mi sento più vicina a temi un pò più scuri, ombrosi.

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 48
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 16/06/2019, 22:08

Evocativo e promettente il titolo del racconto, che apre i battenti a una storia forse non particolarmente originale, ma scandita da un linguaggio scorrevole e nel complesso gradevole. Una qualità indubbia dell’opera è la scioltezza, che accompagna il lettore (quasi) dall’inizio alla fine. Concordo con gli amici di Braviautori che mi hanno preceduto nei commenti riguardo alle segnalazioni di refusi disseminati nel testo.
P.S. Esprimerò il voto dopo attenta rilettura.

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 60
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 21/06/2019, 18:52

Finale un po' troppo sentimentale e alla ricerca della lacrima facile, concordo con chi mi ha preceduto, ma nel complesso è un racconto scorrevole, piacevole anche nelle parti più specificatamente descrittive. Complimenti anche per la scelta del titolo, alla luce del contenuto del brano.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 38

La Gara 38 - Sorpresa!

(maggio 2013, 30 pagine, 1,07 MB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Ser Stefano, Anto Pigy, Monica Porta may bee, Patrizia Benetti, Yendis, freecora, Pardan, Lucia Manna,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,07 MB) - scaricato 291 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 29

La Gara 29 - Storie parallele

(marzo 2012, 44 pagine, 863,42 KB)

Autori partecipanti: Polly Russel, Nathan, Lodovico, Jane90, Conrad, Carlocelenza, Tuareg, Luigi Bonaro, Lorella15, Roberta Michelini, Antonella P, Diego Capani,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (863,42 KB) - scaricato 146 volte.
oppure in formato EPUB (794,38 KB) (vedi anteprima) - scaricato 198 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 1

La Gara 1 - I 7 vizi capitali

(novembre 2008, 20 pagine, 598,16 KB)

Autori partecipanti: Pia, Massimo Baglione, Nembo13, DaFank, Rona, Yle, Dixit,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (598,16 KB) - scaricato 870 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 167 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (288,78 KB scaricato 138 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 135 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.