Notte rossa

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Votazione

1. non mi piace affatto
4
25%
2. mi piace pochino
4
25%
3. si lascia leggere
5
31%
4. è bello
0
Nessun voto
5. mi piace tantissimo
3
19%
 
Voti totali: 16

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Notte rossa

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/04/2019, 20:59

Era una notte rossa; la bambina, nella sua tana di coperte, guardava attraverso le palpebre serrate la luce della torcia e vedeva rosso. Era un gioco tutto suo, che amava fare quando aveva la possibilità di chiudersi fuori dal mondo; in viaggio, per far scorrere più rapidamente le ore, nelle miriadi di bolle della vasca da bagno, sdraiata nell’erba scaldata da un sole o, come in quell’occasione, a letto, finalmente sola e libera dal peso delle aspettative altrui. Pian piano stava riuscendo a rilassarsi e ad entrare nel suo stato più intimo e profondo; rosso e ombre, luce e oscurità si amalgamavano a formare figure e movimenti fantastici. Una forma cominciava a prevalere sulle altre, di un nero così intenso da sembrare tridimensionale, si espandeva e si ritirava, come un respiro abissale. Una voce emerse da quella profondità, si insinuò tra le immagini e parlò alla bambina. Di lei, della sua vera natura. Di altre realtà e verità troppo a lungo nascoste. Con dolcezza l’ombra avvolse la bambina, la strinse e cullò fino a farla assopire, poi la portò con sé nel regno dove l’oppressione e l’angoscia non avrebbero più potuto toccarla e le sue visioni fantastiche l’avrebbero accompagnata per sempre. Sul letto, sotto le coperte, solo la torcia la cui luce tremola, singhiozzò, poi si spense e spense i ricordi della bambina in coloro che ancora dimoravano nella falsa realtà.

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Notte rossa

Messaggio da leggere da Namio Intile » 01/05/2019, 9:31

Troppo breve forse, senza dialoghi o riflessioni; un protagonista bambino che non parla, non pensa, non agisce e non reagisce. Vaghe immagini, ombre, povere di colori e sensazioni. Un vuoto che non emoziona neanche per la sua vacuità. E quel finale, la falsa realtà, lascia spazio alla fantasia di ognuno senza dire nulla. Troppo facile.
Buona la forma, il lessico, i tempi verbali.
Ti segnalo solo una inesattezza: la virgola tra tremola e singhiozzò. Non si separa soggetto e predicato.

E un'altra, tale a mio parere: "Nell'erba scaldata da un sole".
Manca l'aggettivo. Da un sole pallido, da un tenue sole va bene; altrimenti dal sole.

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Notte rossa

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 01/05/2019, 10:49

Ciao, grazie per il tuo commento e le tue riflessioni. In effetti avrei voluto scrivere tremolò, singhiozzò, mi sono dimenticata un accento :) Da correggere anche come dici tu "dal sole", mi sa che ero un pò cotta ieri quando l'ho caricato.. .

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 01/05/2019, 17:20

Mi spiace sempre dare opinioni non positive. Il racconto è un po' così, non coinvolge per nulla, ha una trama debolissima se non inesistente (secondo me). E' non parlo certo per la brevità, ben consapevole che si può dire molto in poche righe. A rileggerti, ciao

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Notte rossa

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 01/05/2019, 20:44

Ciao Laura, grazie per il commento, buona serata!

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 01/05/2019, 21:19

mah, sono un poco perplesso.
la storia non mi prende, forse anche perché non riesco a comprenderla del tutto, però è scritto piuttosto bene, e questo è un punto a favore.
i refusi sono già stati segnalati e posso solo confermarli.
forse anche la brevità concorre a rendermi poco piacevole la lettura; credo che con un po' più di respiro la storia ne gioverebbe.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 01/05/2019, 22:22

Credo anch'io che il racconto, in questo caso, sia troppo breve e, inoltre, non ho capito molto della storia. Il tutto inizia in un modo anche intrigante, ma poi ci vuole una trama a sostenere le impressioni che vengono date dalle premesse.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Aurora Gallo
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 26/03/2019, 18:42

Re: Notte rossa

Messaggio da leggere da Aurora Gallo » 02/05/2019, 15:46

Nella sua sinteticità il racconto mi è piaciuto molto, anche se sviluppandolo più ampia ente sarebbe stato sicuramente meglio.

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi » 02/05/2019, 20:39

Mi dispiace ma il racconto non mi ha coinvolto. Sarà la brevità del testo o la trama quasi evanescente, ma non sono riuscito ad entrare nel cuore della narrazione. È soltanto un'impressione soggettiva. Il testo è comunque ben scritto. Magari con uno sviluppo maggiore sarebbe più godibile.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 193
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 03/05/2019, 14:06

Ciao, ho iniziato a leggerlo con avidità, perchè ero curiosa di cosa avrebbe fatto la bimba. Poi, haimè, mi sono perse nelle sensazioni e imbastita nei tuoi voli pindarici. Secondo il mio modesto parere, manca il corpo del racconto. Forse perchè è brevissimo, non lo so. Con una bella rilettura e lo sviluppo centrale, vedrai che ne potrebbe uscire un brano splendido. Scrivi bene ed è un peccato accantonare un'opera come questa. Sviluppala e sarò felice di rileggerti su BA. Voto tre sulla fiducia.
Immagine

FilippoDiLella

Commento

Messaggio da leggere da FilippoDiLella » 08/05/2019, 15:42

Questo è il genere di racconto che si odia o si ama, non lo trovo ottimo per via dello sviluppo che lascia fin troppo spazio all'immaginazione del lettore ma è comunque una buona tela con pennellate vivaci. Mi piacerebbe poter leggere un tuo racconto più, come dire... articolato di questo.
Un caro saluto e buona scrittura!

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 15/05/2019, 11:58

Fausto Scatoli ha scritto:
01/05/2019, 21:19
mah, sono un poco perplesso.
la storia non mi prende, forse anche perché non riesco a comprenderla del tutto, però è scritto piuttosto bene, e questo è un punto a favore.
i refusi sono già stati segnalati e posso solo confermarli.
forse anche la brevità concorre a rendermi poco piacevole la lettura; credo che con un po' più di respiro la storia ne gioverebbe.
Ciao, grazie per aver letto il mio racconto e per il tuo commento!

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 15/05/2019, 12:00

AACiola ha scritto:
01/05/2019, 22:22
Credo anch'io che il racconto, in questo caso, sia troppo breve e, inoltre, non ho capito molto della storia. Il tutto inizia in un modo anche intrigante, ma poi ci vuole una trama a sostenere le impressioni che vengono date dalle premesse.
Ciao, grazie anche a te per il tuo commento, felice che l’inizio ti abbia intrigato.

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Notte rossa

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 15/05/2019, 12:02

Aurora Gallo ha scritto:
02/05/2019, 15:46
Nella sua sinteticità il racconto mi è piaciuto molto, anche se sviluppandolo più ampia ente sarebbe stato sicuramente meglio.
Ciao, grazie! Ci saranno altre occasioni per proporvi racconti più articolati, vedremo se saranno più apprezzati 🙂

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 15/05/2019, 12:03

Alessandro Mazzi ha scritto:
02/05/2019, 20:39
Mi dispiace ma il racconto non mi ha coinvolto. Sarà la brevità del testo o la trama quasi evanescente, ma non sono riuscito ad entrare nel cuore della narrazione. È soltanto un'impressione soggettiva. Il testo è comunque ben scritto. Magari con uno sviluppo maggiore sarebbe più godibile.
Ciao, grazie per il tuo commento, come ho scritto a Aurora ci saranno altre occasioni ... :)

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 15/05/2019, 12:06

Isabella Galeotti ha scritto:
03/05/2019, 14:06
Ciao, ho iniziato a leggerlo con avidità, perchè ero curiosa di cosa avrebbe fatto la bimba. Poi, haimè, mi sono perse nelle sensazioni e imbastita nei tuoi voli pindarici. Secondo il mio modesto parere, manca il corpo del racconto. Forse perchè è brevissimo, non lo so. Con una bella rilettura e lo sviluppo centrale, vedrai che ne potrebbe uscire un brano splendido. Scrivi bene ed è un peccato accantonare un'opera come questa. Sviluppala e sarò felice di rileggerti su BA. Voto tre sulla fiducia.
Ciao Isabella, grazie per aver commentato, sarò contenta di proporre altro, che forse risulterà più completa, a presto!

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 15/05/2019, 12:07

FilippoDiLella ha scritto:
08/05/2019, 15:42
Questo è il genere di racconto che si odia o si ama, non lo trovo ottimo per via dello sviluppo che lascia fin troppo spazio all'immaginazione del lettore ma è comunque una buona tela con pennellate vivaci. Mi piacerebbe poter leggere un tuo racconto più, come dire... articolato di questo.
Un caro saluto e buona scrittura!
Ciao e grazie anche a te per il tuo commento!!

F. T. Leo
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 07/09/2018, 15:53

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2017 (recensiti)
dal 2017 (profili visti)
dal 2017 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da F. T. Leo » 24/05/2019, 19:52

Racconto brevissimo alquanto criptico (credo volutamente), anche un po’ surreale, direi, in cui ci ho trovato comunque un non so che di metaforico. Le chiavi di lettura potrebbero essere numerose. Realtà parallele (nel raccontino si fa riferimento a “un sole”, non a “il sole”)? La morte (l’ombra) che libera la bambina da tutti i “mali” del mondo, da quello che gli altri si aspettano da lei? La realtà artificiosa in cui dimorano tutti e dalla quale la bambina vuole fuggire? In verità, forse, tutto vuole convergere nella seguente unica direzione: la bambina e ogni cosa di quello che le accade intorno, penso, sono solo un pretesto per quello che è il vero fulcro del racconto che, mi pare, possa inquadrarsi in una sorta di fuga dalla “insostenibile” realtà, dai suoi “pesi”, dalle sue “aspettative”, un estraniarsi convinto in modo da sottrarsi, pertanto, alle sue “storture”. Lo si evince soprattutto da questo periodo: “Con dolcezza l’ombra avvolse la bambina, la strinse e cullò fino a farla assopire, poi la portò con sé nel regno dove l’oppressione e l’angoscia non avrebbero più potuto toccarla e le sue visioni fantastiche l’avrebbero accompagnata per sempre”. Almeno così l’ho interpretato.
Il breve racconto è ben scritto. Tranne, forse, per la virgola finale prima del verbo “singhiozzò” (o, per meglio dire, “la cui luce tremola” doveva essere l’inciso), mi pare che la punteggiatura sia perfetta.
Nel complesso, comunque, il raccontino mi è piaciuto molto… Complimenti!

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 26/05/2019, 8:02

F. T. Leo ha scritto:
24/05/2019, 19:52
Racconto brevissimo alquanto criptico (credo volutamente), anche un po’ surreale, direi, in cui ci ho trovato comunque un non so che di metaforico. Le chiavi di lettura potrebbero essere numerose. Realtà parallele (nel raccontino si fa riferimento a “un sole”, non a “il sole”)? La morte (l’ombra) che libera la bambina da tutti i “mali” del mondo, da quello che gli altri si aspettano da lei? La realtà artificiosa in cui dimorano tutti e dalla quale la bambina vuole fuggire? In verità, forse, tutto vuole convergere nella seguente unica direzione: la bambina e ogni cosa di quello che le accade intorno, penso, sono solo un pretesto per quello che è il vero fulcro del racconto che, mi pare, possa inquadrarsi in una sorta di fuga dalla “insostenibile” realtà, dai suoi “pesi”, dalle sue “aspettative”, un estraniarsi convinto in modo da sottrarsi, pertanto, alle sue “storture”. Lo si evince soprattutto da questo periodo: “Con dolcezza l’ombra avvolse la bambina, la strinse e cullò fino a farla assopire, poi la portò con sé nel regno dove l’oppressione e l’angoscia non avrebbero più potuto toccarla e le sue visioni fantastiche l’avrebbero accompagnata per sempre”. Almeno così l’ho interpretato.
Il breve racconto è ben scritto. Tranne, forse, per la virgola finale prima del verbo “singhiozzò” (o, per meglio dire, “la cui luce tremola” doveva essere l’inciso), mi pare che la punteggiatura sia perfetta.
Nel complesso, comunque, il raccontino mi è piaciuto molto… Complimenti!

Ciao, grazie per aver letto così attentamente il mio racconto e per il tuo commento sensibile e approfondito. Sono felice che ti sia piaciuto e che tu abbia potuto coglierne lo spirito.i

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 170
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 26/05/2019, 9:49

Il racconto è ben scritto e l’idea è buona, almeno in embrione. Concordo con altri che hanno commentato prima di me, la storia andrebbe sviluppata meglio (aspettative, angosce, la sua vera natura, verità nascoste: tutti elementi appena accennati, come quella “falsa realtà” del finale) ma la base su cui lavorare c’è.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 26/05/2019, 10:45

Roberto Bonfanti ha scritto:
26/05/2019, 9:49
Il racconto è ben scritto e l’idea è buona, almeno in embrione. Concordo con altri che hanno commentato prima di me, la storia andrebbe sviluppata meglio (aspettative, angosce, la sua vera natura, verità nascoste: tutti elementi appena accennati, come quella “falsa realtà” del finale) ma la base su cui lavorare c’è.
Grazie anche a te per il tuo commento!

Teseo Tesei
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 29/05/2019, 23:30

Difficile da commentare. Le interpretazioni in molti punti sono molteplici. Il racconto si adatta e modella automaticamente ai pensieri del lettore. E' un idea comunque. Un racconto che automaticamente induce il lettore a riflettere secondo la propria sensibilità.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/05/2019, 20:30

Teseo Tesei ha scritto:
29/05/2019, 23:30
Difficile da commentare. Le interpretazioni in molti punti sono molteplici. Il racconto si adatta e modella automaticamente ai pensieri del lettore. E' un idea comunque. Un racconto che automaticamente induce il lettore a riflettere secondo la propria sensibilità.
Grazie per aver letto e commentato il mio racconto!

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 95
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 03/06/2019, 16:14

L'idea è buona ed è scritto bene, ma per giustificare una brevità del genere occorreva un grande colpo di scena finale :) Così purtroppo si finisce per abbandonare troppo presto la protagonista, senza poter empatizzare abbastanza con lei e comprendere che fine abbiano le sue fantasie.

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 11/06/2019, 12:08

Faccio fatica a definire il brano letto “racconto”, pur riconoscendo di custodire una concezione classica e convenzionale di esso. Reputo “Notte rossa” una conclusione perlopiù indistinta (con rari sprazzi ragionati) di una storia rimasta nella testa e nella penna dell’autrice. La proprietà di linguaggio è considerevole, ma, applicata a un elaborato che, per come si presenta, risulta incompleto, non viene valorizzata a sufficienza. Consiglio a Selene di “sgobbare” un po’ sull’intreccio (anche un racconto di poche righe lo ha) magari preparandone preventivamente l’ossatura: vedrai che i punti nodali della storia che vuoi raccontare emergeranno con evidenza e nessuno di questi sarà trascurato durante la stesura.
Ad maiora!

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 12/06/2019, 6:57

Gabriele Ludovici ha scritto:
03/06/2019, 16:14
L'idea è buona ed è scritto bene, ma per giustificare una brevità del genere occorreva un grande colpo di scena finale :) Così purtroppo si finisce per abbandonare troppo presto la protagonista, senza poter empatizzare abbastanza con lei e comprendere che fine abbiano le sue fantasie.
Contenta che in ogni caso susciti un pochino di curiosità :) Grazie per il commento!

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 12/06/2019, 6:58

Stefano Giraldi Ceneda ha scritto:
11/06/2019, 12:08
Faccio fatica a definire il brano letto “racconto”, pur riconoscendo di custodire una concezione classica e convenzionale di esso. Reputo “Notte rossa” una conclusione perlopiù indistinta (con rari sprazzi ragionati) di una storia rimasta nella testa e nella penna dell’autrice. La proprietà di linguaggio è considerevole, ma, applicata a un elaborato che, per come si presenta, risulta incompleto, non viene valorizzata a sufficienza. Consiglio a Selene di “sgobbare” un po’ sull’intreccio (anche un racconto di poche righe lo ha) magari preparandone preventivamente l’ossatura: vedrai che i punti nodali della storia che vuoi raccontare emergeranno con evidenza e nessuno di questi sarà trascurato durante la stesura.
Ad maiora!
Grazie per aver letto e commentato il mio racconto!

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (614,19 KB scaricato 729 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 426 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (288,78 KB scaricato 137 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 470 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 147 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 44

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 184 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 63

La Gara 63 - Treni e stazioni

(marzo/aprile 2017, 30 pagine, 932,81 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone, Mirtalastrega, Daniele Missiroli, Fabrizio Bonati, Angela Catalini, Manuel Crispo, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (932,81 KB) - scaricato 54 volte.
oppure in formato EPUB (762,33 KB) (vedi anteprima) - scaricato 32 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.