Anatomia di un primo piano

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
16%
3 - si lascia leggere
1
5%
4 - è bello
8
42%
5 - mi piace tantissimo
7
37%
 
Voti totali: 19

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Anatomia di un primo piano

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 13/04/2019, 16:19

Immagine
Photo by Afroz Nawaf on Unsplash

Pè continuava a fare su e giù nell’ampio salone. In altre circostanze si sarebbe divertito un mondo a udire l’eco dei propri passi; un suono inedito, poiché fino al giorno prima quello stanzone era stipato di vecchi mobili, ampi divani e un lungo tavolo. La connotazione “gigante” che solo una casa abitata da tre rami della stessa famiglia può assumere.
Le ante delle finestre, spalancate sul golfo, sembravano accompagnare gentilmente fuori uno degli ultimi inquilini invisibili della casa, ovvero l’odore di fumo. Pè se ne accorse e chiuse gli occhi; sapeva isolarsi dal mondo, proiettando nella propria mente ciò che gli aggradava. Si concentrò su quell’odore e per qualche secondo rivide i tre uomini della famiglia fumare la pipa del dopocena: boccate lente e assopite dal vino, un rito al quale Pè si sarebbe unito di lì a qualche anno.
«Ancora così stai?» lo folgorò la madre. «Sicuro di aver preso tutto?».
Pè fece una rapida panoramica delle poche cose che possedeva e annuì. La donna, uscendo per un attimo dall’isteria della modalità-trasloco, gli carezzò la testa.
«Ti abituerai presto alla nuova casa. In città avremo tutti più spazio, sai? Tu e tuo fratello avrete una stanza tutta vostra».
Il bambino la fissò con feroce e sarcastica perplessità. Nei suoi occhi apparvero delle corse in spiaggia, uno scoglio e una piccola canna da pesca.
«Il mare, be’… potrai rivederlo quest’estate».
Pè serrò le palpebre e si allontanò da quel sepolcro senza mobili.

Città, periferia del centro storico. Un primo piano, separato dalla strada da pochi metri. Là sotto ci stava un negozio in cui, come recitava il cartone appeso al vetro, “S’impagliano sedie”. A Pè, sceso dal camioncino di zio Nuto, sembrò assurdo poter scorgere la finestra di casa nuova alzando di pochi centimetri il mento.
«Levati, sei in mezzo alla strada!» gli gridò un signore a bordo di una bici.
Pè sudò freddo. Non riusciva a scorgere gli sbocchi di quella stretta strada, si sentiva imbottigliato. Il passaggio dei rari veicoli a motore sollevava dei polveroni che rendevano l’aria torbida per interi minuti. In quelle nuvole, il piccolo intravedeva le sagome dei passanti che si fermavano a chiacchierare con coloro che si affacciavano dalle case. Specie dai primi piani.
Funzionava così? Sarebbe diventato anche lui una sentinella appostata alla finestra, col compito di scandire il flusso della via? Niente a che vedere con casa vecchia, dove il suo sguardo veniva assorbito dall’azzurro, dalla salsedine, dalle barche.
«E sali!».
L’invito della mamma fu l’ultimatum.

La palazzina, di tre piani, era malandata. Pè venne accolto da un odore di tabacco ben diverso da quello che conosceva; era stantio, mitigato parzialmente da una leggera brezza di sugo e un soffio di aceto passato sulle scale. Il buio avvolgeva il pianerottolo, una cupezza ancestrale di mura rassegnate all’assenza di luce.
Pè inspirò forte, udì la voce di Mino, il fratello, già all’interno della casa. Varcò l’ingresso e si ritrovò in uno stretto corridoio dalle pareti bianco sporco. La loro stanza si trovava sulla destra; era piccola e illuminata da una fragile lampadina, un ragno elettrico che scendeva dal soffitto. Il fratello era seduto a gambe incrociate sulla rete del letto. Si guardarono senza parlare finché Mino fece spallucce e si alzò per raggiungere il resto del parentado che stava sacramentando appresso ai bagagli.

Il trasloco occupò una giornata sana e solo a lavori conclusi Pè si decise a fare capolino dalla stanza. I grandi erano scesi in strada, stavano improvvisando un brindisi sul cofano del camioncino di zio Nuto. Il nonno, già brillo, offriva bicchieri di casereccio ad alcuni coetanei che si aggiravano per impicciarsi degli affari dei nuovi arrivati.
Pè poggiò i gomiti sul davanzale della cucina, sporcandosi di bianco. Sembrava sfarinarsi tutto, là dentro. Erano le sette di sera e per la prima volta in vita sua non avrebbe visto il tramonto, schermato dai palazzi.
Le prime lacrime di Pè vennero battezzate da una pallonata in faccia, accompagnata dal grido «Mazzolaaa!». La sfera, un satellite di stracci e nastro adesivo, si fermò sul pavimento della cucina. In basso, sotto la finestra, Dino e altri tre bambini lo stavano fissando con aria impaziente.
«Pè, vuoi calarti con una fune o pensi di usare le scale?».
Tutti risero, ma era goliardia e un invito a unirsi a loro. Il bambino raccolse il “pallone”, attraversò il corridoio, scese gli scalini di corsa – protetto dal dio delle ossa del collo – e si ritrovò nel viale.
«Altafiniii!» gridò calciando la sfera verso il fratello e gli altri ragazzini. Il palleggio riprese rapido sotto lo sguardo delle sentinelle dei primi piani. I loro rimbrotti per il caos divennero cori d’incitamento, i panni stesi garrirono come bandiere colorate, i lampioni acquisirono la potenza dei riflettori. Per quel momento, nella mente di Pè il golfo rilucente si dissolse; il primo passo verso l’accettazione di quella nuova situazione.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 13/04/2019, 21:00

molto bello. istantanea di una situazione che moltissimi bimbi hanno vissuto.
molto ben scritto e descritto, riesci a far vedere le scene in maniera splendida.
allo stesso modo, fai vivere l'emozione di Pè, che passa dalla nostalgia alla gioia in un lasso di tempo minimo. avrà altri momenti, certamente, ma intanto è partito.
complimenti.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 14/04/2019, 0:39

E' bellissimo e molto tenero questo racconto. Hai veramente una capacità descrittiva fuori dal comune e una sensibilità grande a narrare storie molto vere, quotidiane. Il tuo scritto, già dalle prime righe, mi ha ricordato "Il ragazzo della via Gluk" - non so se il nome della via è scritto giusto ma, mi capirai... -. L'angoscia di Pè nel dover lasciare la sua casa con le ambientazioni particolari e tutti i suoi ricordi è talmente tangibile che pare di viverla. E poi, come quasi sempre succede, la disperazione fa gia intravedere l'accettazione.
Alcune frasi, tipo "protetto dal dio delle ossa del collo" son davvero degne di nota. Bravo, e ancora una volta il mio punteggio è al massimo.

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Anatomia di un primo piano

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 15/04/2019, 14:46

Vi ringrazio moltissimo ^_^

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 195
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 17/04/2019, 9:07

Delicato, gentile, tenero. Hai una potenza nelle descrizione non comune. Sei riuscito a farmi entrare in punta di piedi in questa casa, dove questo ragazzino era preoccupato per il futuro. La preoccupazione, il ricordo di come era la casa, di chi l'abitava, è stata sapientemete da te spiegato in modo divino. Poi la mamma naturalmente schizzata per il trasloco, lo porta alla realtà. Ed anche in questo caso con due parole l'hai esposto al lettore. Poi l'incontro con la casa nuova, la nuova vita...
Immagine

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 48
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 17/04/2019, 15:03

Ottima le descrizioni degli ambienti, anche il ragazzo protagonista è ben descritto e questo suo cambiamento di vita coinvolge anche il lettore. Mazzola era anche il primo soprannome di Altafini (quando non era ancora diventati importanti i figli Sandro e Ferruccio, e l'unico Mazzola conosciuto era il mitico Valentino, al quale, per la somiglianza di gioco, venne associato in Brasile Jose Altafini, e tuttora in Brasile Altafini è conosciuto come Mazzola). Non so nel racconto a quale Mazzola si associa il riferimento ma, naturalmente, non ha importanza.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 17/04/2019, 16:20

Ottimo racconto. Complimenti.
Solo il periodo finale:
Per quel momento, nella mente di Pè il golfo rilucente si dissolse; il primo passo verso l’accettazione di quella nuova situazione, a mio parere non funziona.
Magari avrei chiuso in questo modo: E in quel momento nella mente di Pe' il golfo rilucente si dissolse.
A presto

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 17/04/2019, 23:14

AACiola ha scritto:
17/04/2019, 15:03
Ottima le descrizioni degli ambienti, anche il ragazzo protagonista è ben descritto e questo suo cambiamento di vita coinvolge anche il lettore. Mazzola era anche il primo soprannome di Altafini (quando non era ancora diventati importanti i figli Sandro e Ferruccio, e l'unico Mazzola conosciuto era il mitico Valentino, al quale, per la somiglianza di gioco, venne associato in Brasile Jose Altafini, e tuttora in Brasile Altafini è conosciuto come Mazzola). Non so nel racconto a quale Mazzola si associa il riferimento ma, naturalmente, non ha importanza.
Grazie! Mi riferisco a Sandro Mazzola; so di questa "doppia identità" di Altafini ma sinceramente non ci avevo pensato mentre scrivevo il racconto, sono i primi due campioni dell'epoca che mi sono venuti in mente :)

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 171
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 18/04/2019, 0:09

Racconto molto bello, con poche frasi colori istantanee di un mondo che immaginiamo in bianco e nero. La tristezza di Pè per la vecchia casa e lo sguardo sul mare ormai perduto si muta rapidamente nella scoperta di una nuova vita, con la naturalezza che è propria solo dei bambini. Notevole l’immagine finale della via che si trasforma in uno stadio festante. Complimenti.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Selene Barblan
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 30/04/2019, 23:13

Ciao, trovo molto belle le descrizioni dei luoghi, delle sensazioni e dei pensieri del bambino. Leggendo si possono quasi assaporare gli odori di cui parli, ammirare le immagini che evochi. Anche se è molto descrittivo non risulta affatto noioso, mi è piaciuto molto.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 13/05/2019, 21:32

Nel racconto ci sono moltissime intuizioni ottime, alcune più di altre, ma nel complesso mi è sembrato fin troppo descrittivo, ben lontano dalla carica - e dal messaggio - che aveva "La luna inutile".
Immagine

Ansemis
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 14/01/2019, 17:56

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Ansemis » 21/05/2019, 14:54

La descrizione è molto efficace. Mi ha portato ad immaginare facilmente gli ambienti e a percepire le sensazioni del piccolo. Semplice, casalingo, forse anche un po' romantico. Mi è piaciuto, i miei complimenti.

Teseo Tesei
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 30/05/2019, 15:53

Mi piace Gabriele. Molto scorrevole ed anche coinvolgente. Si sente tutta l'amarezza e tristezza del piccolo Pè. Bella anche la conclusione dove il protagonista esce dalla posizione defilata ove si era trincerato per cominciare la sua nuova vita. Purtroppo non sempre le cose vanno come vorremmo ma lo spirito d'adattamento dell'essere umano, specie a quell'età, riesce a farci superare qualsiasi ostacolo. ottimo anche il messaggio. Ottimo massimo voto.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 359
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 04/06/2019, 13:52

Un bel racconto che affiora dagli occhi di un bambino con tutto il suo timore per un futuro deciso dai grandi, che lui non riesce bene a definire. Il suo dolore per il cambiamento è espresso in quella diversità di orizzonti, in quel mare non più visibile, in quegli odori di casa differenti. Ma la vita va avanti e sa conquistare con nuove proposte, con curiosità, con la semplicità di un gioco. Emozioni che si percepiscono imparando a guardare il mondo con gli occhi di Pé.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 04/06/2019, 22:07

Non è il primo racconto di Gabriele che ho occasione di leggere e ammetto di essere attratto dal suo stile. La singolarità dell’aggettivazione, l’icasticità delle rappresentazioni, la luminosa immediatezza delle evocazioni sono la trazione anteriore di un approccio letterario che promette molto.
Non entro nel merito dell’elaborato in gara, perché i commenti già pubblicati hanno evidenziato le stesse qualità che mi sarei sentito di specificare: trovo che sia inutile ripetere il già scritto.
Basta una parola per distillare la mia opinione: eccellente.
P.S. È mia abitudine esprimere il voto dopo attente riletture.

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Anatomia di un primo piano

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 05/06/2019, 10:37

Grazie a tutti, di cuore! :)

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 173
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 14/06/2019, 22:11

Gabriele, sei riuscito a farmi rivivere quei momenti da bambino, quando tutto è nuovo e grande e si cambia idea/umore in mezzo minuto. Dalla disperazione più nera alla gioia incontenibile, basta che un amico ti venga a cercare con un pallone e passa tutto. Il trasloco è un piccolo trauma per gli adulti, ma per un bambino (io lo subii a 10 anni) è come una nuvola passeggera. Ed è un trauma tremendo per un anziano. Lettura scorrevole e personaggi ben delineati, bravo.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 142 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 32 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 39 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 44

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 184 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 36

La Gara 36 - De Rerum Scientia

(febbraio/marzo 2013, 35 pagine, 707,18 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Nunzio Campanelli, Roberta Michelini, Skyla74, Mastronxo, Patrizia Benetti, freecora, Ser Stefano, Marino Maiorino, sogliaoscura, Carlocelenza,
A cura di Monica Porta may bee.
Scarica questo testo in formato PDF (707,18 KB) - scaricato 289 volte.
oppure in formato EPUB (503,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 192 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 17

La Gara 17 - Non è vero ma ci credo

(novembre/dicembre 2010, 55 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Stefy71, Cazzaro, Skyla74, Arditoeufemismo, Manuela, Vit, Matteo, Gloria, Roberto Guarnieri, Tania Maffei, Gigliola, Mastronxo, Ser Stefano, Davide Sax, Arianna, Exlex, Dandyx, Titty Terzano, Pia,
A cura di VecchiaZiaPatty.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 490 volte.
oppure in formato EPUB (481,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 151 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.