Morte d'uno stronzo

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

Il sondaggio termina il 26/05/2019, 17:29

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
38%
3 - si lascia leggere
3
38%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
2
25%
 
Voti totali: 8

FilippoDiLella
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 27/11/2016, 11:24

Morte d'uno stronzo

Messaggio da leggere da FilippoDiLella » 06/04/2019, 17:29

Sono morto.
Sono morto una mattina di giugno sotto qualche goccia di pioggia leggera e sulla poca, poca luce delle sei.
Sono morto a incalcolabili chilometri da casa.
Sono morto in una guerra stupida voluta da chi ha più soldi, potere e ambizioni di quante io ne abbia mai possedute o di quante ne avrei mai volute; sono morto in nome della mia terra, dicono, dicono che sono morto per il mio popolo, faranno di me un esempio, un martire, forse una statua in qualche piazza imboscata chissà dove.
Manca solo lo sfottò d'essere morto per la libertà...la libertà non è prendere un fucile e sparare per primi...poi dicono...fanno, pianificano...intanto io sto qui, steso, pacifico e sorrido sangue dopo tanta strage.
Il mio reggimento è stato annientato da un raid notturno delle milizie di resistenza, hanno attaccato nelle ore più buie della notte, hanno aspettato un cielo nuvoloso affinché nessun astro li tradisse con la sua luce indiscreta e spietata, hanno pianificato con la freddezza d'un lupo, sapevano dove colpire e come.
Non c'era scampo da nessuna parte, solo proiettili, solo fuoco, solo morte.
Combattevano per la libertà?
Combattevano per il loro dio dalle sei teste di scimmia?
Che importa per cosa combattessero, combattono o combatteranno, io sono morto e si muore con la testa piena di domande stupide, piena della consapevolezza inutile della stupidità del tempo.
Mi manca mia madre, mia moglie, mi manca perfino il sorriso cattivo del barista quando saldo il conto e mi mancano le mattine fresche di quando ero bimbo, un bicchiere di chinotto col ghiaccio, il volo leggiadro ed etereo d'una libellula verde.
Che cos'è la libertà?
Dove sono andate a finire tutte le cicale e il loro canto?
Voglio tornare vergine, forse riuscirei a capire che cosa cazzo è la "bellezza" di cui tutti si riempiono la bocca a sproposito, vorrei vivere da stupido, vorrei vivere.
Che importa? Mi aspetta una bara e dei funerali di stato, mi aspetta una medaglia, mi aspetta un'eternità fatta di nulla.

Sono morto in un mattino di giugno sotto una pioggia leggera con in mano un fucile e un ricciolo di sole, sono morto dopo una vita del cazzo.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 251
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 06/04/2019, 20:33

mah, l'idea è abbastanza abusata, quindi non è una storia di nuovo genere.
ci sono delle belle frasi, significative e illuminanti, in grado di mostrare la scena, quindi ciò è positivo.
però lo trovo molto retorico, scusami.
non avertene, è solo la mia impressione.
un appunto: dopo i tre puntini... va uno spazio. per il resto non ci sono errori.
alla prossima
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 06/04/2019, 20:48

Racconto che si legge velocemente, effettivamente anche per me sembra che siano state usate diverse frasi un po troppo retoriche. Certo per chi muore in guerra non ha importanza se si è dalla parte giusta o dalla parte sbagliata, si muore e basta. E per la maggioranza dei morti in battaglia non ci sono funerali di stato o medaglie, come sembra essere certo di ricevere, in questo caso, il protagonista del racconto.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

FilippoDiLella
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 27/11/2016, 11:24

Re: Morte d'uno stronzo

Messaggio da leggere da FilippoDiLella » 07/04/2019, 0:19

Anzitutto, un caloroso grazie per le impressioni, le critiche e i riscontri che ho ricevuto fin'ora e che riceverò (se ce ne saranno altri) da parte di tutti coloro che hanno speso del tempo (o lo spenderanno) in questo mio modesto scritto.
In secondo luogo, spero vivamente di migliorare il contenuto e la forma proprio attraverso il confronto con autori più esperti e le loro opere; auguro a tutti una buona scrittura e un'ottima lettura.
Un caloroso saluto!

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 07/04/2019, 10:53

E' il secondo racconto in questa gara che leggo sulle critiche alla guerra, evidentemente va di moda :lol:
Sicuramente qui ci sono un po' di retorica, di frasi fatte, di luoghi comuni antibellici... e tuttavia la rabbia del protagonista/voce narrante che traspare è vibrante, è tangibile, è vera, così come lo è il rimpianto di quel mondo che ha lasciato a casa propria e che, ahilui, non potrà rivedere. E' una prosa "di pancia", un amaro sfogo che sgorga dal cuore più che una narrazione, e forse proprio per questo mi piace.
Immagine

Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 154
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 07/04/2019, 19:24

Più che un racconto un’invettiva accorata contro la guerra.
Concordo con altri che hanno già commentato, c’è un po’ di retorica, ma d’altra parte il tema si presta all’enfasi e ai luoghi comuni.
L’ultimissima frase cozza (anagramma facile facile ;-)) con la parte in cui parli delle cose che ti mancano, in fondo la vita non era proprio male…
Scritto bene e con linguaggio adeguato, nient’altro da segnalare riguardo alla forma.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 134
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 07/04/2019, 22:59

Racconto di rapida lettura, diretto, senza fronzoli. Tratta un tema triste: la guerra con tutte le sue atrocità. Sì, probabilmente contiene frasi e pensieri già ampiamente utilizzati per argomenti come questo ma, penso che sarebbe stato difficile trovarne altri. C'è poco da dire e da aggiungere dinnazi ad una morte così, voluta da altri... Ecco, avrei evitato, nel titolo, la parola stronzo. Mi pare che il poveretto, almeno da parte dell'autore di questa narrazione, avrebbe avuto tutto il diritto di non essere definito tale: povero morto, invece, mi vien da dire.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 18/04/2019, 9:03

Se l'autore voleva catturare l'attenzione con il titolo, credo ci sia un piccolo malinteso. Qui i racconti vengono letti tutti, o quasi. Proprio da lì, io non l'avrei letto. L'argomento è la guerra. Problema delicato, e ampiamente discusso. Le riflessioni si perdono nella notte dei tempi. Il racconto scorre bene.
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (155,92 KB scaricato 234 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 424 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
La spina infinita

La spina infinita

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"La spina infinita" è stato scritto quasi vent'anni fa, quando svolgevo il mio servizio militare obbligatorio, la cosiddetta "naja". In origine era una raccolta di lettere, poi pian piano ho integrato il tutto cercando di dare un senso all'intera opera. Quasi tutto il racconto analizza il servizio di leva, e si chiude con una riflessione, aggiunta recentemente, che riconsidera il tema trattato da un punto di vista più realistico e maturo.
Di Mario Stallone
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (467,93 KB scaricato 163 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 28

La Gara 28 - L'ultima notte

(febbraio 2012, 54 pagine, 1,94 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Luigi Bonaro, Giorgio Arcari, Licetti, Ser Stefano, Antonella P, Arditoeufemismo, Jane 90, Lodovico, Flavio Graser, Angela Di Salvo, Roberta Michelini, Kutaki Arikumo, Tuarag, Unanime Uno, StillederNacht, Cordelia, ConcettaS, Mariadele, Lorella15, Alhelì, Morgana Bart, Bludoor, Diego Capani,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,94 MB) - scaricato 549 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 37

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 348 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 191 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 58

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 23 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 22 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.