Passeggiata in campagna

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
10%
2 - mi piace pochino
4
40%
3 - si lascia leggere
4
40%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
1
10%
 
Voti totali: 10

Avatar utente
Slifer
Foglio bianco
Messaggi: 1
Iscritto il: 02/03/2019, 18:28

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
È autore del mese!
attività: ymw ymw ymw

Passeggiata in campagna

Messaggio da leggere da Slifer » 23/03/2019, 12:45

Adoro scorrazzare per la campagna. È un buon modo per rilassarsi, e soprattutto per trovare ispirazione per qualche bel verso.

Non c’è un momento preciso della giornata che mi piaccia, o per meglio dire, mi piacciono tutti. Anche perché la natura non dorme mai, nella natura c’è sempre vita, ci sono sempre cinguetti, il frusciare delle foglie, l’ondeggiare degli arbusti o dei rami degli alberi.

Quest’oggi ho deciso di fare la mia passeggiata praticamente all’alba, quando il disco solare lentamente si alza dall’orizzonte e il crepuscolo cede gradualmente il passo al nuovo giorno. La luce arancio inonda l’aere, come colore sulla tavolozza del pittore. Spira anche un piacevole venticello, che scorre sulla pelle come una carezza e scuote i rami dei lecci.

Non c’è nessun altro, a parte me, il che vuol dire niente voci umani, fortunatamente, solo il rumore del vento, dei miei passi e i versi degli uccelli. Posso distinguere il canto dell’allodola da quello del fringuello, il richiamo dello storno da quello dell’averla, e ovviamente l’inconfondibile “cuccù” del cuculo.

Ma guardandomi attorno, con attenzione, noto ulteriori tracce di vita. Un’upupa si avventura sul terreno alla ricerca di qualche succulento vermetto, sfoggiando la sua superba cresta di piume.

Un rospo saltella alla ricerca di un sicuro riparo, finché non trova un sasso sotto cui rintanarsi per evitare le ore più calde della giornata.

Su un’altra roccia se ne sta una lucertola, godendosi i primi raggi del sole, gli stessi da cui l’anfibio di prima voleva sfuggire. È un animale stupendo, piccolo ma con una splendida colorazione grigio-bruna con riflessi verdognoli e una banda rossiccia che corre lungo i fianchi. Provo ad avvicinarmi per ammirarla meglio, ma la creaturina interpreta la mia presenza come una minaccia e scappa subito. Peccato.

In lontananza, sulla sommità di un palo della corrente, si intravede il nido di una coppia di cicogne. Già, le cicogne. Quelle splendide creature alate, tanto maestose in cielo quanto goffe sulla terrafer… ah no, quello è l’albatros! Chiedo perdono, sommo Baudelaire! Ma anche le cicogne hanno la loro dose di solennità, pur essendo molto meno maestose di un albatros reale. E poi le trovo molto poetiche: se ne stanno lassù, sugli alberi e sui tralicci, incuranti delle miserie e dei disagi del nostro mondo. Non devono pensare al mutuo, alla dichiarazione dei redditi, alle tasse, ai contributi… non devono fare la coda alla posta, alla banca, alla cassa del supermercato…

Forse quella che ammiro è una vecchia coppia, di quelle che restano insieme per tutta la vita e in cui il maschio invecchia fianco a fianco con la femmina. Chissà quanti viaggi migratori hanno compiuti insieme, quante miglia hanno percorso l’uno accanto all’altra! O forse sono una giovane coppia appena formata, che è alla sua prima nidiata, due novelli sposi che hanno appena iniziato il loro percorso insieme. In ogni caso, mi piace pensare che persino gli uccelli in qualche modo si amino.

Ah, mie care cicogne… vorrei proprio essere come voi, senza preoccupazioni, senza problemi. Vorrei tanto starmene lassù, guardare gli uomini che si affannano inutilmente, proprio come voi. E vorrei…

Splash!

Fortuna che la campagna a quest’ora è deserta. Chissà come avrebbero reagito eventuali presenti, sentendomi imprecare in maniera tutt’altro che composta.

Abbasso lo sguardo e noto cosa ho appena calpestato. Ma vedi un po’ come va il mondo! Ti concede per un attimo un’epifania, sei lì lì per comporre qualche verso o dar vita a qualche riflessione profonda, e subito ti richiama alla triste realtà tramite il colossale e maleodorante ricordino di una vacca!

Promemoria per la passeggiata di domani: guarda dove metti i piedi.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 24/03/2019, 10:48

Reputo questo breve racconto " Divino". Lo scrittore mi ha condotto per mano nella sua campagna, e mi ha illustrato cose sente, e cosa vede, solo con le parole. La descrizione del luogo è dettagliata e precisa, la perizia con cui elenca tutti quegli uccellini che cantano al mattino è quasi maniacale.( Purtoppo negli ultimi anni sono meno gli uccellini che cantano tra cui c'è anche l'averla. La causa è il cambiamento dell'habitat dovuto alle coltivazioni agricole più intensive.) Semplice, scorrevole....salutare. Due passi nella natura fanno bene al cuore e al cervello...stando però con i piedi per terra :smt005 :smt005 :smt005
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 128
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 24/03/2019, 17:02

Devo dire che non mi è piaciuto. Non mi ha coinvolto, né entusiasmato, suppongo perché l'ho trovato estremamente legato a una dimensione fin troppo "fotografica" che un po' - secondo me - lo spersonalizza. Io in campagna ci vivo, al momento, e quando leggo uno scritto altrui sono legato a certe aspettative, la maggior parte delle quali ruota attorno alla sorpresa: vorrei trovarmi di fronte a eventi che in nessun caso potrei ritrovare altrove, o perché filtrati dall'immaginazione dell'autore o perché in effetti unici e irripetibili già di loro. Quello che c'è in "passeggiata in campagna", più o meno, posso trovarlo uscendo di casa e per questo non ha avuto - su di me, ribadisco - l'effetto positivo che ha avuto su Isabella o che forse avrà su altri lettori.

Detto ciò, il racconto fila. Non ho trovato refusi e sono dell'opinione che l'avrei valutato molto diversamente se fosse stato una poesia. A rileggerti. :smt006
Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 134
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 24/03/2019, 23:21

Mi spiace sempre dare un'opinione non troppo positiva. Il racconto è un po' così, poco coinvolgente, a mio parere. E' descritto l'incontro con diversi animali, alati e non, con relativi commenti (un po' ripetitivi, secondo me). L'autore evidenzia bene la quiete che trova nel bosco durante la sua passeggiata mattutina. Nonostante ciò mi pare che il racconto manchi di trama. Trovo la descrizione un po' scontata, non cattura... Però, ripeto, è solo la mia opinione.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 154
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 27/03/2019, 19:17

Un quadro bucolico, per ambientazioni e riflessioni del protagonista, riportato a una dimensione più ironica dallo sberleffo finale.
Il racconto è carino, ben scritto e curato nella forma. Forse è vero, indugia su qualche immagine stereotipata, manca un po’ di “crescendo”, di aspettativa che avrebbe dato più forza al contrasto fra ispirazione poetica e scherzetto del destino, ma tutto sommato il mio giudizio è positivo.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 23
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 28/03/2019, 11:04

L'ho trovato un buon testo, scritto anche in un ottimo italiano, con belle immagini bucoliche, forse un po' stereotipate, tuttavia gradevoli. Il racconto, e ci sta tutto, vuole essere un racconto umoristico, dato il finale.
Che giunge inaspettato, appunto, e sul quale l'autore punta le sue carte, per stupire e chiudere.
Ma proprio il finale, a mio parere, non funziona, perché somiglia a quello di una barzelletta e neanche delle migliori.
L'umorismo è altra cosa.
Dal punto di vista grafico toglierei quel grassetto e quella sottolineatura all'ultima frase. E forse proprio quella necessità di sottolinearla dimostra che neanche tu ci credevi tanto a quel finale.

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 29/03/2019, 23:55

Carina la parte incentrata sulla descrizione della campagna e dei suoi abitanti animali, ma a mio avviso un po' troppo debole il "colpo di scena" finale, che arriva sì a rompere l'atmosfera idilliaca e a strappare il protagonista dai pensieri profondi in cui si sta perdendo, ma sembra messo tanto per far succedere qualcosa di imprevisto.
Immagine

Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 251
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 03/04/2019, 19:11

la storiella è anche simpatica e divertente, ma non riesce a trascinarmi con sé.
ci sono delle descrizioni fin troppo accurate e, alla fine, sembrano esagerate.
qualcuno ha scritto che non ci sono refusi, ma a me ne sono apparsi svariati. niente di grave, certo, quasi sempre errori di battitura. però ci sono.
rivedrei anche la punteggiatura, che in alcuni punti non è corretta.
alla prossima.

p.s. è il secondo pezzo in gara che commento piuttosto negativamente. chiedo scusa agli autori, ma preferisco essere onesto che fingere.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Aurora Gallo
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 26/03/2019, 18:42

Commento

Messaggio da leggere da Aurora Gallo » 05/04/2019, 0:07

Devo essere sincera, il racconto non mi ha preso, e non credo sia per la forte componente descrittiva rispetto a quella narrativa. Le immagini dei vari animali sono molto accurate, forse troppo, sembra quasi di essere di fronte a un documentario. Mi spiace ma devo dare un voto negativo.

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 5
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi » 06/04/2019, 10:01

Un racconto leggero senza troppe pretese; si lascia leggere facilmente e con semplicità. Ed è proprio nella semplicità la sua bellezza. Un piccolo quadretto sulla vita di campagna che una persona come me, nata e vissuta in campagna può certamente apprezzare. La narrazione in alcuni passaggi mi ha ricordato le voci narranti nei documentari stile National Geographic. Ho apprezzato anche il finale, in cui l'autore dà una svolta umoristica alle sue divagazioni naturalistiche. Nel complesso un buon racconto. Da segnalare soltanto qualche errore di battitura , ma nulla di grave.

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 07/04/2019, 9:02

Anche le tranquille e romantiche passeggiate in campagna nascondono qualche rischio. Il racconto si legge bene, e è ben fatta la descrizione iniziale dell'ambiente. Forse effettivamente un po' debole la trovata finale.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (155,92 KB scaricato 234 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 424 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
La spina infinita

La spina infinita

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"La spina infinita" è stato scritto quasi vent'anni fa, quando svolgevo il mio servizio militare obbligatorio, la cosiddetta "naja". In origine era una raccolta di lettere, poi pian piano ho integrato il tutto cercando di dare un senso all'intera opera. Quasi tutto il racconto analizza il servizio di leva, e si chiude con una riflessione, aggiunta recentemente, che riconsidera il tema trattato da un punto di vista più realistico e maturo.
Di Mario Stallone
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (467,93 KB scaricato 163 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 28

La Gara 28 - L'ultima notte

(febbraio 2012, 54 pagine, 1,94 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Luigi Bonaro, Giorgio Arcari, Licetti, Ser Stefano, Antonella P, Arditoeufemismo, Jane 90, Lodovico, Flavio Graser, Angela Di Salvo, Roberta Michelini, Kutaki Arikumo, Tuarag, Unanime Uno, StillederNacht, Cordelia, ConcettaS, Mariadele, Lorella15, Alhelì, Morgana Bart, Bludoor, Diego Capani,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,94 MB) - scaricato 549 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 37

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 348 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 191 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 58

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 23 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 22 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.