Margò

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2018/2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 25/03/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
5
21%
2 - mi piace pochino
1
4%
3 - si lascia leggere
6
25%
4 - è bello
7
29%
5 - mi piace tantissimo
5
21%
 
Voti totali: 24

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
10° dal 2018 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Margò

Messaggio da leggere da Carol Bi » 30/01/2019, 21:22

Margò si guardò le mani, rovinate dal freddo e dagli anni. Rovistò nelle ampie tasche del cappotto ed estrasse due caldi guanti di lana rossi, li infilò con cura godendosi per un attimo un tiepido calore, poi proseguì il suo cammino a passi veloci. Non aveva alcuna fretta, nessuno l' aspettava, ma negli anni aveva capito che quello era il passo da tenere per sopravvivere e poi era gennaio e si gelava, muoversi velocemente la riscaldava. Guardò il cielo, l' oscurità oramai aveva assorbito quasi tutta la luce e i suoni e i rumori della notte cominciavano piano piano a sostituire quelli del giorno.
Si fermò all'angolo tra via Matteotti e vicolo Carducci, come ogni sera chiuse per un attimo gli occhi, si spogliò di ogni pensiero, preoccupazione, ricordo e rimase in ascolto: il fischio di un treno, il rombo dei motori delle automobili, la voce di un uomo che parlava al cellulare, i tacchi delle scarpe di una donna, probabilmente due...un profumo buono, di pulito, di casa, di pioggia, di sudore, di cibo indiano, di fumo di sigaretta...qualcuno la urtò, aprì gli occhi e vide due ragazzi sui vent'anni che si allontanavano sghignazzando; non si curò di loro e proseguì il suo cammino. Alzò il bavero del cappotto e lo strinse forte intorno al collo, una folata di aria gelida l' aveva schiaffeggiata non appena aveva svoltato verso via Verdi. Le abbaglianti luci delle vetrine sembravano una giostra, a Margò quasi bruciavano gli occhi dopo aver camminato per un chilometro nella semioscurità. Quando la sua vista si adattò si avvicinò alla vetrina del negozio d' abbigliamento vicino al ristorante cinese, quello dove un tempo faceva tutti suoi acquisti: poggiò le mani al vetro gelido, nonostante il disappunto della commessa che all'interno stava applicando un cartellino ad un abito rosso. Margò era incantata davanti a quegli abiti, rapita e avvolta in una bolla isolante in cui fluttuava e dall'alto si vedeva quindici anni prima, le sembrava così reale l' immagine di quella giovane donna che usciva dal negozio colma di borse di carta sotto il braccio e inconsciamente allungo una mano per toccare quell'immagine così autentica, così vera... ma un' altra spinta, da dietro, la fece quasi cadere. Gli occhi bruciavano sempre più, forse una lacrima era scesa, un rigolo caldo su un viso gelido e invecchiato troppo presto, un po' per la stanchezza, un po' per la nostalgia, un po' per la paura del futuro. Si asciugò velocemente il viso con il polsino del cappotto, si guardò intorno e finalmente scorse casa sua. Attraversò velocemente la strada non appena il semaforo si illuminò di verde. Aprì la porta e raggiunse il suo nido, l' angolo che ormai da tanti anni le dava conforto. Si diresse verso la biglietteria automatica, spostò leggermente il cassettone d' acciaio e con sollievo trovò ancora il sacco nero che aveva meticolosamente nascosto nell'incavo della macchina, era ancora tutto lì. Un cartone pesante che faceva da materasso, due coperte, una in lana e l' altra in pile, una saponetta, due bottiglie d' acqua e la statuina di Padre Pio. Posizionò il cartone nell'angolo destro del corridoio, prima delle scale, dove non passava quasi nessuno; tolse il cappotto e appallottolandolo lo trasformò in cuscino; si avvolse le coperte intorno e si coricò. Chiuse gli occhi e pensò a sua sorella, mentre lo stridio del treno che arrivava da Roma raccoglieva gli ultimi passeggeri della sera.

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 31/01/2019, 13:38

Nostalgia e tenerezza si combinano in un testo fluido, incentrato sulla figura di un personaggio che, da subito, si configura come fuori dell'ordinario. Valide le evocazioni inanellate tra le azioni del racconto: favoriscono spontaneamente immagini e suggestioni. Opererei una rapida revisione formale, anche se non ho notato refusi degni di nota.

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
10° dal 2018 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

re: Margò

Messaggio da leggere da Carol Bi » 31/01/2019, 15:05

Grazie Giacomo, condivido pienamente la tua opinione sui refusi e la punteggiatura non usata in modo appropriato, ma la mia necessità, esigenza, vero e proprio bisogno di scrivere proprio in quel momento, dopo una giornata non proprio idilliaca, mi ha fatto tralasciare diverse "cosucce". Grazie mille per il tuo bellissimo commento; coinvolgere il lettore, creare un' empatia con lui è proprio ciò che cerco, voglio e spero da un mio racconto.

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
10° dal 2018 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

re: Margò

Messaggio da leggere da Carol Bi » 31/01/2019, 21:08

Stefano Giraldi Ceneda ha scritto:
31/01/2019, 13:38
Nostalgia e tenerezza si combinano in un testo fluido, incentrato sulla figura di un personaggio che, da subito, si configura come fuori dell'ordinario. Valide le evocazioni inanellate tra le azioni del racconto: favoriscono spontaneamente immagini e suggestioni. Opererei una rapida revisione formale, anche se non ho notato refusi degni di nota.
Grazie Stefano per aver commentato. Raccolgo con piacere le tue osservazioni. Presteró sicuramente maggiore attenzione alla forma nel prossimo racconto.

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 134
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 31/01/2019, 22:03

Certamente, come hanno fatto gia notare, si intuisce subito che qualcosa di strano c'è nella protagonista del racconto. Pensa che nella stazione ferroviaria del mio quartiere c'è proprio una Margot come la tua, l'ho vista ancora ieri mattina, è una donna ancora abbastanza giovane che dorme su di un cartone sistemato all'interno di una tendina (tipo da campeggio) posizionata alla meglio nella sala d'attesa della stazione. Sono felice che le consentano di rimanere lì... Questo per dire che il tuo è un racconto vero, che storie uguali alla tua narrata (molto bene) ce ne sono purtroppo molte. In sostanza, il racconto mi è piaciuto, e pazienza per le piccole cose tipo un accento che manca. Non è questo ciò che conta.

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 01/02/2019, 11:35

Racconto che si legge volentieri e con belle descrizioni dell'ambiente e della protagonista. Anche se, più che un racconto, è un piccolo quadro impressionista che ci riporta ad una visione che spesso si nota nelle nostre, a volte squallide, stazioni ferroviarie ma filtrata da un pizzico di malinconia.
Ultima modifica di AACiola il 10/02/2019, 13:25, modificato 1 volta in totale.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 128
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 04/02/2019, 12:46

E' un ottima istantanea di vita, i cui lirismi la rendono degna di stare su pagina. Ho sospettato da subito che Margò fosse una clochard, ma credo sia dipeso dal fatto che mi è capitato non solo di incontrarne tantissimi - mentre ero a Bologna, nel mio caso - ma anche di leggere molte testimonianze, letterarie e non, sul problema. A prescindere da questo, resta comunque la tua abilità di estrapolare uno spaccato di realtà e renderlo fruibile e coinvolgente per chiunque, non è da tutti scrivere come se si fotografasse. Ottime le descrizioni, soprattutto.
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 05/02/2019, 1:32

Triste. Cosa mai sara accaduto a questa donna negli anni. L autore non lo dice, ma si legge che una volta stava molto meglio di ora. Margo che si infila i guanti e assapora quel caldo ecc. Bella azione. Personaggio sviluppato bene, potrebbe avere un futuro. Ambientazione precisa e puntuale. Carino.
Immagine

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
10° dal 2018 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

re: Margò

Messaggio da leggere da Carol Bi » 06/02/2019, 10:02

Draper ha scritto:
04/02/2019, 12:46
E' un ottima istantanea di vita, i cui lirismi la rendono degna di stare su pagina. Ho sospettato da subito che Margò fosse una clochard, ma credo sia dipeso dal fatto che mi è capitato non solo di incontrarne tantissimi - mentre ero a Bologna, nel mio caso - ma anche di leggere molte testimonianze, letterarie e non, sul problema. A prescindere da questo, resta comunque la tua abilità di estrapolare uno spaccato di realtà e renderlo fruibile e coinvolgente per chiunque, non è da tutti scrivere come se si fotografasse. Ottime le descrizioni, soprattutto.
Grazie di cuore. Mi fa un immenso piacere essere riuscita a trasmettere esattamente ciò che volevo. Il mio obiettivo è quello di catapultare il lettore nella realtà del mio protagonista, riuscire a fargli vivere almeno in parte quello che prova lui e io. La strada è ancora lunga ma il tuo commento mi fa capire che stó percorrendo la via giusta.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 154
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 06/02/2019, 18:14

Mi aveva già colpito la tua capacità descrittiva nel racconto della gara precedente, anche qui riesci a rendere al meglio la figura di questa donna, le sue difficoltà quotidiane di senzatetto; sembra di vederla, anzi, ci si immedesima in Margò che osserva un mondo che non le appartiene più.
Niente da segnalare, se non gli spazi di troppo dopo l’apostrofo.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
10° dal 2018 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

re: Margò

Messaggio da leggere da Carol Bi » 06/02/2019, 18:48

Roberto Bonfanti ha scritto:
06/02/2019, 18:14
Mi aveva già colpito la tua capacità descrittiva nel racconto della gara precedente, anche qui riesci a rendere al meglio la figura di questa donna, le sue difficoltà quotidiane di senzatetto; sembra di vederla, anzi, ci si immedesima in Margò che osserva un mondo che non le appartiene più.
Niente da segnalare, se non gli spazi di troppo dopo l’apostrofo.
Grazie Roberto, anche per l'apprezzamento al mio precedente racconto.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 251
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 09/02/2019, 18:10

limpido e chiaro spaccato di una vita particolare, quasi da reietti.
che sia così per scelta o per necessità, poco importa.
buone le descrizioni, soprattutto nella prima parte, comprese quelle a livello emotivo.
il finale è un po' scontato, ma va bene anche così, visto quanto scontata sia la vita della protagonista.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 91
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 11/02/2019, 17:37

Molto bello, di certo la situazione che vivono gli invisibili nelle città è davvero triste... pochi giorni fa, qui a Viterbo, la polizia ha gettato le coperte di alcuni senzatetto che dormivano nella biglietteria della stazione.
Tornando al racconto è ben scritto, si percepisce la sensazione di abbandono e solitudine che pervade la vita della protagonista, naufraga di un mondo che pensa di cancellare la povertà semplicemente ignorandola.

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 352
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore della settimana!
È recensore dell'anno!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 04/03/2019, 20:22

Un racconto con una descrizione al tempo stesso precisa e delicata, che cerca di mostrare l'animo e i pensieri di questa donna più che fermarsi soltanto al suo aspetto esteriore. Il tuo sguardo la insegue con discrezione, cercando di avvicinarsi al suo piccolo, misero mondo, ne afferra qualche nota triste prima che diventi di nuovo invisibile.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 05/03/2019, 22:04

Scusa se riporto molte correzioni: spero ti possano aiutare. :)
Idea: un racconto permeato di nostalgia ben descritta.
Trama e Argomento: una donna passa il pomeriggio come forse era abituata a fare. La storia, però, qui è diversa.
Personaggi: la non-descrizione della donna è efficace e la rende autentica.
Lettura: delicata e soffusa come la nebbia che si immagina permei la stazione dei treni.
Grammatica e Sintassi: fra l'articolo con apostrofo e la parola seguente non va mai messo uno spazio. Quando cambia il soggetto, meglio usare il punto e virgola, o addirittura il punto.
nessuno l' aspettava,
nessuno l'aspettava,
era gennaio e si gelava, muoversi velocemente la riscaldava
era gennaio e si gelava; muoversi velocemente la riscaldava
Guardò il cielo, l' oscurità oramai
Guardò il cielo; l' oscurità oramai
l' oscurità oramai aveva assorbito quasi tutta la luce
Si usa oramai per indicare un evento che sta per essere completato.
Si usa quasi per indicare un evento non completato.
l' oscurità oramai aveva assorbito tutta la luce
oppure
l' oscurità aveva assorbito quasi tutta la luce
due...un
due... un (dopo i tre puntini ci va uno spazio)
l' aveva
l'aveva
aveva schiaffeggiata non appena aveva svoltato (due "aveva")
aveva schiaffeggiata non appena svoltato verso via Verdi
sembravano una giostra, a Margò quasi bruciavano gli occhi
sembravano una giostra; a Margò quasi bruciavano gli occhi
Quando la sua vista si adattò si avvicinò alla vetrina
Quando la sua vista si adattò, si avvicinò alla vetrina
d' abbigliamento
d'abbigliamento
faceva tutti suoi acquisti: poggiò le mani
faceva tutti suoi acquisti. Poggiò le mani
un cartellino ad un abito rosso.
un cartellino a un abito rosso.
l' immagine
l'immagine
allungo una mano
allungò una mano
un' altra spinta
un'altra spinta
nell'incavo della macchina, era ancora tutto lì.
nell'incavo della macchina. Era ancora tutto lì.
d' acqua
d'acqua
Giudizio: una vicenda triste che però si legge con piacere.

Namio Intile
Foglio bianco
Messaggi: 23
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 13/03/2019, 12:00

Bel racconto, nonostante la protagonista rimanga sempre in silenzio e parli per lei la voce narrante riesci a descrivere tutto il mondo della donna e a trasmettere le sue emozioni.

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 127
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 14/03/2019, 20:36

La società moderna. Quella dove "gli invisibili" sono messi ai margini. Non so perchè ma avevo immaginato alla seconda riga che la protagonista fosse una senzatetto, e via via che si dipanava il racconto, l'idea si rafforzava.
Devo dire che è molto bello e commovente, bravissima.

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2018/2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 4

La Gara 4 - Ciak, si gira!

(aprile 2009, 30 pagine, 510,72 KB)

Autori partecipanti: Pia, Ranz, Devil, Miriam Mastrovito, Manuela, Pia, Cmt, Nembo13, Alessandro Napolitano,
A cura di DaFank.
Scarica questo testo in formato PDF (510,72 KB) - scaricato 389 volte.
oppure in formato EPUB (415,38 KB) (vedi anteprima) - scaricato 185 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 48

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico,
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 92 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 149 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (a colori)

(edizione 2013, 8,06 MB)

Autori partecipanti: Angela Di Salvo, Cmt, Jessica Rabbit, LiaTom, Lodovico, Mastronxo, Monica Porta may bee, Morgana Bart, Paride Bastuello, Polly Russel, Recenso, Sphinx,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (8,06 MB) - scaricato 659 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 31 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 184 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (288,78 KB scaricato 136 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.