La luna inutile

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2018/2019.

Sondaggio

Il sondaggio termina il 25/03/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
8%
3 - si lascia leggere
2
15%
4 - è bello
7
54%
5 - mi piace tantissimo
3
23%
 
Voti totali: 13

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 16/01/2019, 9:44

Immagine

– Brindisino?
– Lalà lalà lalààà!
Si respirava un’atmosfera piuttosto euforica nella sede dell’associazione culturale “StraLunati” di Coldelmonte. Alterigio Qualunquelli, presidente del direttorio generale dei comitati periferici dell’associazione, aveva da poco annunciato una notizia di quelle “bomba”. Ebbene sì, il loro spettacolo teatromusidanzante — ancora senza nome, senza trama e senza programma — aveva ottenuto il patrocinio della Provincia. In altre parole, degli ingenti fondi a disposizione da spendere a piacimento e senza dover rendere conto a nessuno, eccezion fatta per il poco esigente pubblico coldelmontano.
– In alto i calici!
L’impatto tra la ventina di bicchieri causò una leggera pioggia di prosecco misto ai residui dello Chardonnay e delle Ceres bevute nelle due ore precedenti. In sede erano attrezzati con un ben rifornito baretto, nelle occasioni importanti ingaggiavano persino un barman ma per quell’incontro improvvisato si era deciso di optare per qualcosa di più facilmente mescibile.
Dopo la breve riunione conclusasi con un salomonico vabbè poi al limite ci si aggiorna dopo le feste, il variegato gruppo di artistintellettuali si era addentrato già da qualche minuto nelle lande delle chiacchiere senza costrutto. Qualunquelli, ridendo sotto i baffi, si soffermò ad ammirare la propria creatura: un manipolo di inetti disposti a poco per mettere in scena il nulla. Personaggi ibridi, sfuggenti ma ancorati a delle necessità di cui non avevano mai fatto virtù: il dover sostenere le ormai defunte aspettative di genitori e insegnanti. Dell’arte lì non importava niente a nessuno, l’avevano messa da parte prima di impararla; era il mezzo per raggiungere un fine francamente ignoto a tutti.
Rotte ufficialmente le righe con l’ultimo brindisi, i presenti si divisero in capannelli. Alcuni improvvisarono una tragedia greca sull’imminente sessione d’esami universitari, curiosamente senza contemplare l’ipotesi di mettersi a studiare per superarli ma prodigandosi, in un secondo momento, nella presa in giro di professori e matricole. A dirla tutta i primi iniziavano a essergli coetanei e i secondi potenzialmente figli, ma oramai dieci-quindici anni fuori corso equivalevano, accademicamente parlando, a un quarto d’ora di ritardo. Boccheggiavano come pesci sazi, ingurgitando patatine e birre come se gli avessero installato un meccanismo all’altezza delle mascelle.
Poco più in là stavano i veterani, appesi ai loro drummini spenti e rispenti. Dalle loro micronuvole di tabacco si propagavano blandi temporali di esternazioni unidirezionali, piccoli comunicati stampa per un pubblico inesistente. Il leitmotiv era “dimostro la mia apertura mentale fingendomi intollerante”. Il menu presentava etero che parlavano male gay, gay che insultavano neri, neri che inneggiavano ai partiti xenofobi, donne che contestualizzavano stupri in presenza di abbigliamenti femminili troppo succinti e uomini che lamentavano la scarsa copertura mediatica degli episodi di violenza contro i loro pari sesso, evidenziato dalla mancanza di un termine come “uominicidio”.
Verso le ventitré molti membri degli StraLunati si resero conto di trovarsi nel limbo di metà settimana e che l’indomani si sarebbero dovuti alzare a un orario decente, come promesso a loro stessi. Con una certa flemma, iniziò il valzer della ricerca di cappotti, sciarpe, borse e tascapane.
Nello stesso momento il signor Donato imboccò il vicolo in cui si trovava la sede dell’associazione culturale. L’anziano uomo era uno dei pochi invisibili di quella cittadina piuttosto benestante. Sulla settantina, costantemente avvinazzato, indossava un logoro cappotto blu scuro stretto stretto, a evidenziare una pancia colma più di vizi che di pane. La sua testa era nuda, calva e tonda, imperlata di sudore a dispetto del clima rigido; sul volto si scorgevano appena dei lineamenti arrossati dal freddo e contratti in una smorfia rassegnata. A Coldelmonte nessuno ricordava più perché si fosse ridotto in quel modo: la disoccupazione, un incidente, un divorzio, psicofarmaci o tutto questo insieme.
Non era silenzioso il signor Donato, aveva molto da dirsi in quelle lunghe notti da trascorrere passando da un androne all’altro, alla ricerca di portoni semichiusi e condòmini compiacenti. Quella sera però si era trincerato in un silenzio causato dall’incessante battere dei propri denti. La temperatura si stava rapidamente abbassando, una robusta tramontana aveva già fatto pulizia di nubi nel cielo.
Nella penombra di quel vicolo male illuminato, l’anziano scorse il gruppetto di persone che sostava davanti all’associazione. Si avvicinò seguendo l’istinto di cercare punti riparati in prossimità di luoghi frequentati. Nessuno si curò di lui, gli artistintellettuali erano impegnati in una discussione sulla figura della settimana bianca nella cinematografia di Vanzina.
Il signor Donato era molto miope e per altri motivi ci vedeva persino doppio, ma sull’insegna listata in oro scorse nitidamente “…Luna…” e “culturale”, quindi si sentì come in dovere di dare il proprio contributo. Gli piaceva comporre dei semplici versi, riusciva così a memorizzarli facilmente. Non si considerava di certo un poeta ma, in fondo, non si considerava proprio nulla e ormai aveva perso da tempo l’abitudine di interrogarsi sulla propria esistenza. Certo, le poche volte in cui si era arrischiato a recitare versi in pubblico era divenuto oggetto di scherno e battute sul suo stato, come dire?, lievemente alterato. Tuttavia, rassicurato dalla lettura delle parole luna e culturale, si fece coraggio e prese a declamare:
– Freddo è l’oblio in cui sono immerso, triste e beffardo è il destino perverso…
Erano lì, erano in venti. Dalle vacanze vanziniane passarono, del tutto indifferenti alle parole dell’anziano, a caldeggiare l’eventualità di una vegan week di gruppo per riprendersi dai cenoni e presentarsi all’appuntamento di Capodanno in forma smagliante. Avrebbero documentato la loro impresa attraverso delle stories da pubblicare sul profilo Instagram dell’associazione; l’hashtag sarebbe stato #felicevegannonuovo.
Donato, confuso da quei discorsi pieni di parole a lui ignote, proseguì:
– Dimenticato da questo universo, prendo soltanto… il che m’è concesso…
Bocciata la vegan week per paura di perdere eventuali follower vegani suscettibili, i membri dell’associazione affrontarono la spinosa questione di come organizzare la cena-raccolta fondi per la carestia in Niger evitando che la loro sede si riempisse di immigrati. Venne proposta una selezione di massimo cinque esponenti del centro di accoglienza locale, purché venissero già mangiati.
– Luna che ascolti ogni mio turbamento, pronta tu accogli il mio vuoto lamento…
L’anziano uomo pronunciò questo passaggio con un tono di voce elevato, esalando un umile effluvio di Tavernello enfatizzato dall’assenza forzata di igiene orale. Di tacito ma comune accordo, gli artistintellettuali si salutarono in una girandola di goliardiche bestemmie, gridolini, notifiche e altri suonini indistinguibili che si ovattavano con l’accelerare dei loro passi.
– Questi che vedo saranno un po’ umani?…
La domanda dell’anziano svanì nei vapori del suo fiato. Le sagome di quei tizi erano già lontane, claudicavano verso le invitanti luci del centro.
– Possiate morì tutti quanti domani – concluse il signor Donato.

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 16/01/2019, 10:51

Grazie per l'apprezzamento, Giacomo!

Posso dirti che questa storia prende spunto da un episodio a cui ho assistito, e si sposa con quel comportamento ricorrente - un po' snob - che hanno alcune persone. C'è chi pensa di essere artista solo basandosi sulle proprie velleità, guardando addirittura con sospetto e commiserazione coloro che si impegnano per ottenere risultati.

Sulla punteggiatura c'è sempre da imparare, di punti e virgola ne ho messi pochi ma di solito abbondo... :) Lavoro come editor e posso confermarti che lo si usa di rado, mentre è utilissimo perché scandisce i tempi dei periodi alla perfezione.

Laura Traverso
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 16/01/2019, 14:19

Mi è piaciuto molto questo racconto: ironico, divertente, non banale, "asciutto", nel senso che è scritto in maniera svelta ma chiara. Insomma, è scritto bene e non annoia. Tenera è la figura di Donato, il poeta inascoltato, che ha molto da dirsi (davvero ok il fatto che abitualmente parli da solo...). Ne emerge un personaggio un po' sfigato ma che ispira simpatia, al contrario degli altri che risultano antipatici, boriosi e da nulla. Con leggerezza hai saputo tratteggiare assai bene l'umanità, perchè non è poi cosi insolito trovare nel reale personaggi così, vuoti e superficiali come i tipi dell'associazione culturale da te descritti. Voto 5, che qui è il massimo.
Ultima modifica di Laura Traverso il 16/01/2019, 14:33, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 16/01/2019, 14:31

@Laura

Grazie per il 5 :) Mi fa piacere che tu abbia colto l'essenza di questo racconto.

@Giacomo
Colosio Giacomo ha scritto:
16/01/2019, 13:34
Allora ritiro la critica...a questo punto credo bene che tu conosca il punto e virgola, e mi f piacere. ciaociao
Figurati... le critiche sono importantissime invece, non basta una vita per imparare tutto ciò che serve per padroneggiare bene la lingua italiana :)

Laura Traverso
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 16/01/2019, 14:38

Gabriele Ludovici ha scritto:
16/01/2019, 14:31
@Laura

Grazie per il 5 :) Mi fa piacere che tu abbia colto l'essenza di questo racconto.
@Gabriele:
Dimenticavo... carinissimo anche il disegno di " Donato e gli altri"

@Giacomo
Figurati... le critiche sono importantissime invece, non basta una vita per imparare tutto ciò che serve per padroneggiare bene la lingua italiana :)

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 16/01/2019, 14:55

@Laura

Grazie! L'espressione di Donato dice tutto :)

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 17/01/2019, 17:54

Racconto divertente, sarcastico e leggero, ma non banale. Un’efficace presa in giro di certi circoli culturali, snob, inconcludenti e autoreferenziali, come ne ho visti tanti, eh se ne ho visti! L’invettiva finale di Donato è da applausi.
Niente da segnalare se non questa frase: “Il menu presentava etero che parlavano male gay…”. Mi suonerebbe meglio così: “Il menu presentava etero che parlavano male dei gay…”
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 17/01/2019, 18:01

Grazie Roberto!

La frase "incriminata" ha un refuso, grazie per la segnalazione. Prima di pubblicarlo qui l'ho leggermente modificato e non mi sono accorto dell'errore :)

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 337
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
posizione nel Club recensori: cdr: *****
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 19/01/2019, 14:12

Un racconto che fa sorridere amaro, puntando la luce su chi pensa di sapere tutto e su chi viaggia inascoltato. La narrazione fila via sciolta, si legge con facilità, "vedendo" le scene e "sentendo" voci e schiamazzi, i personaggi sono tratteggiati ottimamente. Sono colpita (ma neanche tanto conoscendoti :)) da come hai sviluppato il racconto: l'originalità di inventare una tale situazione, l'armonia con cui fai convivere la dissonanza tra i soci del circolo e l'uomo solitario, tra le vocine strombettanti e il triste declamare dei versi. Si sorride con un pò di disprezzo alle proposte del circolo, si sorride con empatia all'ultimo verso del poeta, si sorride amaramente alzando gli occhi verso il titolo perfetto che hai scelto.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 153
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 19/01/2019, 18:45

Idea: Originale per la ricerca della serietà in un racconto palesemente ironico.
Trama: Una serata fra persone stra-lunate che finisce con i versi di un poeta-accattone.
Personaggi: Sono tanti e tutti simili tra loro. Perfetto il signor Donato.
Argomento: Simpatico.
Lettura: Divertente e scorrevole.
Grammatica e Sintassi: Praticamente nulla da segnalare. Strano solo un ? seguito da una virgola.
Giudizio: Carino, sembra quasi la descrizione di un evento vissuto, solo un po' romanzato per esigenze di copione.

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 21/01/2019, 10:14

@Ida

Grazie :) Mi fa piacere che tu lo apprezzi.

@Daniele

Daniele Missiroli ha scritto:
19/01/2019, 18:45
Strano solo un ? seguito da una virgola.
Giudizio: Carino, sembra quasi la descrizione di un evento vissuto, solo un po' romanzato per esigenze di copione.
Sì, è un po' insolito il ? seguito da una virgola, a volte lo preferisco a una interruzione netta della frase o agli incisi :)

Si tratta in effetti di un episodio a cui ho assistito, un po' romanzato per marcare la differenza... tra le due parti in causa!

Stefano Giraldi Ceneda
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 19/08/2017, 10:49

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2017 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Stefano Giraldi Ceneda » 21/01/2019, 11:07

Linguaggio corposo e vivo; taglio spigliato; buona caratterizzazione; sapido descrittivismo sociale; evocativo e invitante il titolo.
Per le potenzialità che ho notato tra le righe, lo stile dell'autore si adatterebbe molto bene anche a un racconto più lungo, perché il linguaggio incalza gli eventi e ne veicola con levità il succedersi. L'originalità dell'idea è indiscussa e indiscutibile.

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 21/01/2019, 15:18

Grazie Stefano :)

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 103
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

A Giacomo

Messaggio da leggere da Draper » 22/01/2019, 22:18

Colosio Giacomo ha scritto:
16/01/2019, 10:26
Una sorta di storia nonsense
Giacomo, ti assicuro che nel racconto di Gabriele di nonsense non ce n'è, purtroppo. Per quanto l'ironia possa far apparire esagerato il contesto o le reazioni dei presenti, in moltissimi luoghi della "cultura" odierna c'è puzza di riciclo, pigrizia mentale e inettitudine. Si è avverato quello che Foucault e Debord avevano previsto già un cinquantennio fa, e molti dei sedicenti intellettuali di oggi - soprattutto certi universitari, non tutti - più che sfoggio di cultura fanno sfoggio di erudizione, erudizione e nozionismo fini a se stessi, che vanno bene solo per vincere un quiz televisivo. Imparano senza apprendere e sentono senza ascoltare, ripetendo a pappagallo il sapere stampato e parlando per aforismi come dei Baci Perugina. Questa storia è un ritratto fin troppo fedele dei risultati prodotti dall'estinzione del senso critico.
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 103
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 22/01/2019, 22:21

Ciao Gabriele. Per quel che concerne il tuo racconto, oltre a quanto ho voluto condividere con Giacomo, nel commento precedente, penso che non cambierei una virgola. Penso sia un testo lucido e soprattutto coraggioso, che non scade nell'invettiva e che riesce a far riflettere intrattenendo. Ho riempito gli spazi di quelle facce vuote, fra l'altro, con parecchi velleitari che ho incontrato in questi anni. E lì stanno bene. Grazie per avercelo presentato.
Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 23/01/2019, 14:49

Grazie a te, Draper, per averlo letto, apprezzato e impreziosito con le tue osservazioni :) Purtroppo di troppi velleitari, termine quanto mai azzeccato, si stanno riempiendo certi ambienti dove dovrebbe regnare semmai la passione...

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 103
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Draper » 23/01/2019, 15:00

Condivido tutto.
Immagine

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
È autore della settimana!
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 07/02/2019, 23:06

Racconto scritto e con molta ironia, spesso i circoli culturali, soprattutto nei paesini, sono come vengono descritti in queste righe. Anche le descrizioni e i commenti sono spesso ironici, quasi umoristici e il racconto si legge volentieri.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 233
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 09/02/2019, 18:27

eh, comprendo benissimo l'ultima frase del signor Donato e non dico che la faccio mia, però...
faccio parte di una associazione culturale no profit, quindi afferro bene quanto vuol dire il racconto che, purtroppo, è l'immagine sin troppo reale di molte situazioni.
non è semplice far rimanere culturale una associazione, ma se ci si tiene si eliminano determinati personaggi già in partenza, mettendo dei bei paletti.
a parte questo, storia ben scritta e piuttosto scorrevole. apprezzata
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 11/02/2019, 17:26

AACiola ha scritto:
07/02/2019, 23:06
Racconto scritto e con molta ironia, spesso i circoli culturali, soprattutto nei paesini, sono come vengono descritti in queste righe. Anche le descrizioni e i commenti sono spesso ironici, quasi umoristici e il racconto si legge volentieri.
Grazie!
Fausto Scatoli ha scritto:
09/02/2019, 18:27
eh, comprendo benissimo l'ultima frase del signor Donato e non dico che la faccio mia, però...
faccio parte di una associazione culturale no profit, quindi afferro bene quanto vuol dire il racconto che, purtroppo, è l'immagine sin troppo reale di molte situazioni.
non è semplice far rimanere culturale una associazione, ma se ci si tiene si eliminano determinati personaggi già in partenza, mettendo dei bei paletti.
a parte questo, storia ben scritta e piuttosto scorrevole. apprezzata
Grazie, chiaramente il racconto non è una frecciata alle associazioni culturali in generale perché so bene che la maggior parte di esse nascono e vivono grazie alla sincera passione di chi se ne occupa :)

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 124
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
È recensore della settimana!
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » oggi, 12:12

Mi era scappato questo racconto.
Profondo e veritiero. Ho frequentato haime...centri culturali, ma ben pochi erano concreti. Purtroppo la maggior parte erano come tu li hai descritti in questa ironica storia. Il passo del brano è incalzante. Il personaggio del clohard è perfetto, tra un tavernello ed uno stornello, ha fatto più bella figura lui che non tutti quei perditempo.
Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: La luna inutile

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 22 minuti fa

Grazie Isabella!

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2018/2019”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 2

BReVI AUTORI - volume 2

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Daniele Missiroli, Fausto Scatoli, Angela Di Salvo, Francesco Gallina, Thomas M. Pitt, Milena Contini, Massimo Tivoli, Franca Scapellato, Vittorio Del Ponte, Enrico Teodorani, Umberto Pasqui, Selene Barblan, Antonella Jacoli, Renzo Maltoni, Giuseppe Gallato, Mirta D, Fabio Maltese, Francesca Paolucci, Marco Bertoli, Maria Rosaria Del Ciello, Alberto Tivoli, Debora Aprile, Giorgio Leone, Luca Valmont, Letteria Tomasello, Alberto Marcolli, Annamaria Vernuccio, Juri Zanin, Linda Fantoni, Federico Casadei, Giovanna Evangelista, Maria Elena Lorefice, Alessandro Faustini, Marilina Daniele, Francesco Zanni Bertelli, Annarita Petrino, Roberto Paradiso, Alessandro Dalla Lana, Laura Traverso, Antonio Mattera, Iunio Marcello Clementi, Federick Nowir, Sandra Ludovici.
Vedi ANTEPRIMA (177,17 KB scaricato 97 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Fungo più, fungo meno...

Fungo più, fungo meno...

Nessuno li ha mai raccontati in maniera avvincente.

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Cosa può accadere se una élite di persone geneticamente Migliore si accorge di non essere così perfetta come crede?
Una breve storia di Fantascienza scritta da Carlo Celenza, Ida Dainese, Lodovico Ferrari, Massimo Baglione e Tullio Aragona utilizzando il sistema della scrittura collaborativa a turnazione di BraviAutori.it.
Questo racconto è nato quasi per scherzo. Su BraviAutori.it avevamo appena messo a punto il prototipo di un'applicazione online, la Staffetta letteraria, con l'obiettivo di creare un sistema di scrittura collettiva gestita automaticamente dal sito. Man mano che Ida, Carlo, Tullio, Lodovico e il sottoscritto scrivevamo il testo, il programma cresceva di pari passo, si migliorava e si arricchiva di funzionalità fino a giungere con soddisfazione a una versione pratica ed efficiente.
Scrivere a più mani non è mai uno scherzo. Occorre scegliere bene i partecipanti e sperare che lo stile narrativo e la tecnica di ognuno siano abbastanza omogenei con quelli degli altri; ma soprattutto occorrono umiltà, serietà e fantasia, tutti elementi che per questo racconto che state per leggere mi pare si siano felicemente amalgamati tra loro.
Ora sta a voi creare le vostre Staffette letterarie.
Cosa aspettate?
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,11 MB scaricato 12 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 161 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 58

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 21 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 21 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 68

La Gara 68 - La gelosia

(gennaio 2018, 32 pagine, 945,88 KB)

Autori partecipanti: Lorenzo Iero, Enrico Gallerati, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Patrizia Chini, MicolFusca, Eliseo Palumbo, Claudio Lei,
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (945,88 KB) - scaricato 43 volte.
oppure in formato EPUB (414,28 KB) (vedi anteprima) - scaricato 24 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 46

La Gara 46 - Non più in vita

(maggio 2014, 17 pagine, 337,04 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Annamaria Vernuccio, Nunzio Campanelli, Patrizia Chini, Awomanofnoimportance,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (337,04 KB) - scaricato 112 volte.
oppure in formato EPUB (359,27 KB) (vedi anteprima) - scaricato 196 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.