Buon 1945!

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2018/2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 25/03/2019, 0:00

1
2
6%
2
5
16%
3
8
25%
4
8
25%
5
9
28%
 
Voti totali: 32

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 07/01/2019, 17:16

Era stanca, ma non riusciva a dormire.
Senza togliere l’uniforme da crocerossina, si era stesa un attimo e aveva chiuso gli occhi, ma i rumori si sentivano ancora meglio. Se ne stava immobile ascoltando il cigolio delle brande al di là della tenda, i passi, i mormorii, i lamenti, e quel sordo riecheggiare di colpi sulla linea dei combattimenti.
“A che serve curare questi soldati” pensò, “disinfettare le ferite, cucire gli squarci? A che serve se poi li rimandano laggiù?”
Alzò il braccio posando il dorso della mano sulla fronte e osservò il soffitto della tenda e l'incrocio dei pali che la sostenevano. L’odore delle medicine e dell'etere si mescolava a quello del sangue e impregnava le cose e le persone. Sentì che aveva ricominciato a piovere e pensò ai soldati fuori, nel fango.
Si alzò e tornò dall'altra parte; avrebbe dormito più tardi, quando e se le fosse venuto sonno.
Non appena videro la sua ombra aggirarsi tra le brande, i mormorii divennero più distinti.
– Infermiera, ho sete...
– Infermiera, la morfina...
– Infermiera, per favore...
Passò da una branda all'altra, distribuendo piccoli sorrisi di routine, mentre le dita esaminavano bende, lacerazioni e ustioni. “È tutto in ordine” pensava, concentrandosi come sempre sulle ferite e non sugli esseri umani.
Come avrebbe potuto sopportarne i lamenti se li pensava come uomini, nella loro vita di tutti i giorni, accanto alle loro donne e ai figli? Non erano uomini come suo padre, non erano ragazzi come suo fratello.
Forse era stata anche troppo in prima linea, doveva chiedere il trasferimento in un ospedale di città, più attrezzato, o in uno al mare, dove i feriti, in convalescenza, passavano le giornate al sole, dove l’odore della guerra non arrivava a tradimento tra la polvere e la pioggia.
– Ci mandano un convoglio, finalmente! – disse il medico – Trasferiremo i malati che sono in grado di viaggiare, questo ospedale da campo non è più sicuro.
La linea del fronte si era fatta più vicina, il rumore dei colpi si sentiva bene nonostante il frenetico vociare, gli ordini gridati, l'infinito sferragliare di oggetti metallici, il trepestio dei passi risucchiati dal fango e l'andirivieni tra i camion bianchi con l'enorme croce rossa.
Mentre finivano di sistemare le barelle, tornò dentro e vide il cappellano che dava l'estrema unzione al ragazzo nell'angolo. Con le ferite che si ritrovava, non sarebbe dovuto arrivare fino a quel mattino, invece era ancora vivo e non era un bene perché così il viaggio per lui sarebbe stato un supplizio.
Intanto che il cappellano finiva, preparò l'iniezione di morfina. Girando la testa fasciata il ragazzo si accorse di essere l'ultimo rimasto.
– Non lasciatemi qui, a morire da solo – singhiozzò.
– Non lasceremo indietro nessuno, soldato. – disse lei. Fece l'iniezione, poi si spostò per lasciare spazio ai barellieri.
Il soldato sopravvisse al viaggio. Arrivò nel grande ospedale, tranquillo ed efficiente, e quando lo misero in quel letto comodo e pulito, vicino a una finestra da dove avrebbe potuto vedere il cielo, si sentì quasi più vicino a casa, abbassò la guardia e la vita lo tradì.
Intontito dalla morfina, strinse piano la mano dell’infermiera, la chiamò “mamma”, come faceva la maggior parte di loro prima di morire, e se ne volò via prima dell’alba, portandosi via i suoi sogni, i suoi progetti, le sue speranze e la sua voglia di cambiare il mondo.
Sul registro, accanto al nome, l’infermiera scrisse la data del decesso: 31 dicembre 1944.
Fuori aveva cominciato a nevicare.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 175
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 07/01/2019, 19:21

E' molto tenero e triste questo racconto. Parla di una realtà avvenuta anche qui da noi, durante la seconda guerra mondiale, e sembra un fatto tanto lontano... Ma lontano non è, perchè purtroppo nel mondo le guerre si susseguono con orrore e ferocia, e per sopravvivere a certe mostruosità occorre concentrarsi solo sui "pezzi" degli uomini, sulle loro ferite e lacerazioni, cercando di dimenticare che appartengono a uomini interi. E' l'unico meccanismo di difesa da attuare per non impazzire: come ha fatto l'infermiera del racconto, molto ben narrato da Ida.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 227
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 08/01/2019, 14:40

Storia raccontata divinamente. Per 5 minuti ero anch'io lì con la crocerossina che cuciva, consolava i malati e accompagnava gli ultimi istanti di quegli uomini che hanno combattuto. Era stanca di vedere tutto quel sangue, e le sarebbe piacuto fare l'infermiera in un bel ospedale più organizzato. Veramente toccante, questa esperienza è di centinaia di crocerossine che hanno vissuto questa esperienza in prima persona.
Immagine

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 08/01/2019, 20:48

@ Isabella
Grazie per il tuo bel commento, sono lieta che ti sia piaciuto.

@ Colosio Giacomo
Grazie per le belle parole e i preziosi suggerimenti.
"Trepestio" mi piace come suono ma anche perché mi dà l'idea di diverse andature scoordinate rispetto a "calpestio".
Invece "Qualche" lo tolgo perché hai ragione, sta male nella frase.
Ti ringrazio per la tua attenzione :)
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 172
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 09/01/2019, 11:45

È un ottimo racconto, e mi sembra soprattutto diverso dal solito, in senso buono. L'ho trovato meno lirico, ma molto più incisivo, onesto e reale. Pur non essendo un metodo che utilizzerei, inoltre, ho particolarmente apprezzato il fatto che non venga specificato chi sta combattendo chi, né dove. C'è solo il dramma di un'infermiera di guerra e dei moribondi che accudisce.
Immagine
Immagine

Francesca Facoetti
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 16/01/2017, 15:29

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesca Facoetti » 11/01/2019, 16:24

COMMENTO: non amo i racconti di guerra (mi basta il tg) cmq scritto bene, è breve (è un complimento), bella la fine; belle le ultime 10 righe

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 12/01/2019, 15:09

@ Laura Traverso
Mi hai commentata per prima e ho dimenticato di ringraziarti, scusami :(

@ Draper
Grazie della stima, un commento gradito.

@ Francesca Facoetti
Grazie per l'apprezzamento :)
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 175
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 14/01/2019, 17:03

Ida Dainese ha scritto:
12/01/2019, 15:09
@ Laura Traverso
Mi hai commentata per prima e ho dimenticato di ringraziarti, scusami :(

@ Draper
Grazie della stima, un commento gradito.

@ Francesca Facoetti
Grazie per l'apprezzamento :)
Ma ci mancherebbe Ida, grazie comunque per la gentilezza. :)

Paola Salzano
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 31/12/2017, 12:44

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2017 (profili visti)
dal 2017 (recensori)
dal 2017 (recensiti)
dal 2017 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Paola Salzano » 15/01/2019, 11:17

Questo racconto mi ha colpito perché, nonostante la brevità, riesce a rappresentare in maniera esaustiva il dramma di due vite che si incrociano, che poi è il dramma dell'umanità intera. Il dolore dell'infermiera arriva dritto al cuore, nella sua intensità ed impotenza, divenendo il dolore del lettore che percepisce appieno la tragedia che si sta consumando, all'alba di un nuovo anno.
Pulito ed incisivo lo stile di scrittura.
Piaciuto molto. :smt006

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 16/01/2019, 19:16

Grazie Paola. Sì, più che una storia di guerra è una storia di dolore che a volte è troppo da sopportare.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 18/01/2019, 12:02

Anzitutto ho imparato una nuova parola, "trepestio" :) Adoro questi termini un po' antichi, soprattutto quando contribuiscono a immergersi nelle atmosfere dell'epoca in cui è ambientata la storia.

Le abilità di scrittrice di Ida sono fuori discussione e come sempre posso apprezzare la qualità della forma. Le vicende sono presentate con tatto, puntando l'obiettivo sulla grande umanità di coloro che sono riusciti a rendere meno bestiale il bagno di sangue della seconda guerra mondiale. Ricordandoci, nell'ultimo passaggio, quanto sia orrendo strappare con violenza un giovane alla vita, dilaniando tutti i suoi progetti per un fine che non varrà mai il prezzo del sangue.

Complimenti
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 18/01/2019, 12:39

Grazie Gabriele, sei molto gentile.
Hai centrato il punto, c'è un po' di bene in mezzo al male, c'è il dolore di un prezzo da pagare.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 207
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 19/01/2019, 9:57

“A che serve se poi li rimandano laggiù?” C’è tutto l’orrore e la stupidità della guerra in questa frase, guerra che nonostante tutto rimane sullo sfondo. In primo piano c’è il dramma di chi ha a che fare con il dolore e la sofferenza, di chi deve trovare un suo metodo per conviverci, sempre in equilibrio fra distacco e empatia, per non farsi travolgere dallo sconforto. Ben scritto, dato l’argomento poteva diventare retorico e invece è rigoroso e toccante. Brava Ida, come sempre.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 19/01/2019, 18:23

Idea: Buona la contrapposizione fra il nuovo anno che nasce e la fine di una vita.
Trama: Una ragazza svolge il ruolo di infermiera al fronte, ma non si limita solo a curare i feriti.
Personaggi: L'infermiera è tratteggiata bene. Il soldato di meno, ma è di supporto a lei, come tutta l'ambientazione, e ci sta.
Argomento: La guerra narrata in poche righe, pur descrivendo solo i suoi effetti.
Lettura: Scivola lineare dall'inizio alla fine, complice una prosa delicata e sfumata.
Grammatica e Sintassi: aggiungerei una virgola e toglierei un punto.
Girando la testa fasciata, il ragazzo si accorse di essere l'ultimo rimasto.
– Non lasceremo indietro nessuno, soldato – disse lei.
trepestio (bella: ho imparato una parola nuova, grazie Ida).
Giudizio: Un racconto aggraziato che tocca temi importanti in modo sensibile.
Le frasi migliori:
distribuendo piccoli sorrisi di routine
abbassò la guardia e la vita lo tradì

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 29/01/2019, 20:35

@ Roberto
Grazie per la tua stima :)

@ Daniele
Grazie per la tua lettura accurata, per i suggerimenti e per aver segnalato i punti migliori.

@ Jazz Writer
Intanto benvenuto, poi bravo per aver colto il "protagonista" della storia. Il tuo commento mi piace tanto. :smt039
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi » 31/01/2019, 17:54

Bellissimo! Toccante! Io ero lì, tra quelle brande mentre ti leggevo. Ero accanto all' infermiera, anzi, io ero l' infermiera. Sono riuscita ad immedesimarmi, a provare i suoi stessi sentimenti, le sue stesse emozioni, l' amarezza, la rassegnazione. Ti dirò di più (sarà che sono sensibile) gli occhi mi si sono inumiditi e un sospiro letta l' ultima parola mi è uscito incontrollato dalla bocca. Bravissima!

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 03/02/2019, 13:07

Grazie Carol per la tua sensibilità. Mi hai fatto felice. :)
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 76
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 03/02/2019, 21:38

Ottimo racconto, è facile nel leggerlo immedesimarsi nella protagonista che, per sopravvivere agli orrori della guerra, cerca di pensare al lavoro e non che quelli che attorno a lei soffrono sono uomini come potrebbero essere suo padre o suo fratello (ma si capisce che in fondo non ci riesce). Forse sarebbe stato più corretto ambientarlo nella prima guerra mondiale, dove il fronte era più chiaro e distinto e le tendopoli, adibite ad ospedali militari, erano una presenza probabilmente più significativa ma questa è una mia personale impressione che non varia certo il giudizio del racconto.
Ultima modifica di Angelo Ciola il 10/02/2019, 13:21, modificato 1 volta in totale.

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 04/02/2019, 0:57

Grazie Angelo per la tua lettura e la tua osservazione. L'ambientazione riferita alla seconda guerra mondiale è solo dovuta al film che mi ha ispirato il racconto, dove, tra l'altro, crocerossine e soldati erano americani. Ho cercato di non entrare in dettaglio perché la mia conoscenza storica è modesta. :)
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 278
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 09/02/2019, 17:39

bella e triste storia, intrisa di dolore e rabbia soffocata, che trasmette comunque una soffusa speranza.
splendido il dilemma interiore dell'infermiera, al contempo terribile. la si senta quasi dilaniarsi, anche se alla fine cede alla parte positiva e continua il suo lavoro come e più di prima.
bella anche la scena del soldato che se ne va appena si sente al sicuro.
brava.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 18/03/2019, 14:08

Bella l'idea e bella la storia, in poche parole sei riuscita a farmi venire i lucciconi agli occhi, pensando a quel ragazzo, quando "la vita lo tradì". Ottimo racconto, scritto bene. Io la parola "trepestìo" la conoscevo, anche se ero convinto fosse "trApestìo", ma sono quisquilie. Ida è una garanzia, Brava.

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 60
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 19/03/2019, 17:31

Racconto scritto con cura, argomento trattato con insolita levità, che è riuscito a far vibrare le corde non molto accordate della mia emotività, almeno in parte.
Almeno in parte perché qualcosa nell'ambientazione storica non quadra. Quello delle crocerossine è oggi un corpo di infermiere volontarie inquadrate nell'Esercito Italiano. A quella data, il 31 dicembre del '44, nel Regio Esercito, o in quello che ne rimaneva dopo l'otto settembre. Infatti il Regio Esercito combatté molto sporadicamente dopo l'armistizio, e in territorio italiano, e francamente dopo la disfatta non so dirti se al suo seguito il corpo delle crocerossine abbia continuato a funzionare.
Inoltre:
"doveva chiedere il trasferimento in un ospedale di città, più attrezzato, o in uno al mare...
Arrivò nel grande ospedale, tranquillo ed efficiente, e quando lo misero in quel letto comodo e pulito, vicino a una finestra da dove avrebbe potuto vedere il cielo, si sentì quasi più vicino a casa, abbassò la guardia e la vita lo tradì."
Entrambi i periodi fanno intendere l'esistenza di un fronte e di retrovie più tranquille, dove la protagonista prevede di poter trovare città funzionanti e ospedali ancora efficienti.
Ahimè, in quella data l'Europa era un cumulo di macerie, gran parte delle città era andata distrutta e tra il fronte e le retrovie non v'era poi tanta differenza.
Insomma, il fronte era ovunque e l'infermiera non sembrava tanto ingenua o sprovveduta da poter pensare il contrario.
Ben diversa la situazione durante la Grande Guerra. In quel contesto le osservazioni della crocerossina avrebbero avuto un senso.
Di conseguenza, quando si decide di calarsi in un periodo non contemporaneo, io consiglio sempre una buona dose di ricerca.
Franz Zeise scrisse L'Armada dopo una vita di letture e di ricerche trascorsa intorno a un singolo evento storico.
Ultima considerazione, più leggera.
“A che serve curare questi soldati” pensò, “disinfettare le ferite, cucire gli squarci? A che serve se poi li rimandano laggiù?”
A che servono le virgolette con quel pensò che dice già tutto?

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 366
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (profili visti)
È recensore dell'anno!
È recensore del mese!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Buon 1945!

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 19/03/2019, 22:21

@ Fabrizio
Grazie per il bel commento.

@ Namio
Grazie per l'attenta lettura, le informazioni storiche e i suggerimenti. Grazie per il tempo che mi hai dedicato.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2018/2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 3

La Gara 3 - C'era una volta...

(febbraio 2009, 35 pagine, 645,23 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Federica, DaFank, Alessandro Napolitano, Yle, Ranz, Carlocelenza,
A cura di Bonnie.
Scarica questo testo in formato PDF (645,23 KB) - scaricato 284 volte.
oppure in formato EPUB (781,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 185 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (in bianco e nero)

(edizione 2014, 4,52 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,52 MB) - scaricato 217 volte..
La Gara 8

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

(ottobre 2009, 28 pagine, 470,72 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Manuela Costantini, Macripa, Valentina, Cmt, Bonnie, Carlocelenza, Arditoeufemismo, Barbara Bracci, Daniela Bisin,
A cura di Miriam.
Scarica questo testo in formato PDF (470,72 KB) - scaricato 353 volte.
oppure in formato EPUB (342,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 186 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (614,19 KB scaricato 732 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (288,78 KB scaricato 138 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 40 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.