Il pianeta dei sordi

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2018/2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 25/03/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
4%
2 - mi piace pochino
7
28%
3 - si lascia leggere
7
28%
4 - è bello
6
24%
5 - mi piace tantissimo
4
16%
 
Voti totali: 25

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 23/12/2018, 17:15

Nessuno mi ascolta più.
Io parlo e la gente non sente ciò che dico.
Non mi ascoltano, sono sordi.
Io mando mail e la gente non le legge.
Poi mi chiamano per sapere che cosa ho scritto.
Io telefono e la gente non capisce le mie parole.
Parlo un italiano corretto, forse il problema è questo.
Non uso il dialetto.
Non uso frasi fatte, non faccio esempi inconsistenti.
Spesso resto in ascolto.
Ore e ore in ascolto, senza pronunciare una parola.
Tanto non riuscirei comunque a interromperli.
Fanno delle domande e propongono loro stessi le risposte.
Un sacco di risposte.
Tutte sbagliate.
Io cerco di fermarli per dare la risposta corretta, ma loro che fanno?
Parlano sopra la mia voce.
Allora aumento il tono per farmi sentire.
E loro mettono giù.
Scelgono da soli la risposta sbagliata.
E poi mi ringraziano.
Sono io, o è il mondo che è impazzito?
Io uso il congiuntivo, non l’imperfetto.
Preferisco: “Non disse nulla che io non sapessi già” alla frase: “Non disse nulla che io non sapevo già”.
Uso il futuro quando nella frase c’è la parola “domani”.
“Domani farò quel lavoro” non “Domani faccio quel lavoro”.
Il problema dev’essere questo.
Oppure gli alieni hanno ricreato la Torre di Babele.
Hanno studiato le nostre leggende e hanno scelto quella.
Perché sprecare soldi in inutili bombe?
Qualcuno si salva sempre dalle bombe.
Ma dall’ignoranza no, non si salva nessuno.
Il mondo è condannato.
D’altronde, perché prendersi il disturbo di negoziare?
E poi con chi, con i politici di adesso?
Con persone che hanno la valigetta della terza guerra mondiale sotto il culo e affermano che l’ambiente non è in pericolo?
Che sono tutte fandonie e che bisogna tornare a bruciare il carbone?
Ma fammi il piacere.
No, il pianeta è finito e siamo stati noi a provocare la sua fine.
Un giorno gli alieni scenderanno su un pianeta deserto e finalmente il Creatore potrà affermare che... sì: ora c’è vita intelligente sulla Terra!

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 172
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 23/12/2018, 23:25

L'impaginazione di questa riflessione, è molto incisiva. Il lettore è costretto a fermarsi ad ogni rigo. Ed a riflettere su quanto scritto. Personalmente sono arrivata alla fine e mi sono fatta una domanda. Daniele ha ragione? Rispondo Sì. La maggior parte della popolazione è diventata prepotente, maleducata, non ascolta, ma vuole solo imporsi sugli altri. Bella metafora.
Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 24/12/2018, 13:12

Questa volta non sono rimasto colpito, purtroppo. E' un racconto che possiede un nucleo concettuale importante, è innegabile ed è giusto rimarcarlo, ma il testo non mi è sembrato discostarsi più di tanto da una semplice invettiva, per quanto più simile a una richiesta d'aiuto. Se lo scopo del racconto fosse questo, allora non ci sarebbero problemi di sorta, ma - opinione personale - il messaggio avrebbe avuto un impatto maggiore attraverso una vicenda-simbolo, per quanto fittizia, che magari giocasse proprio su di un problema di comunicazione o su un'anomalia linguistica di qualche tipo. Il brano però ha un'ottima sintassi, come faceva notare anche Isabella, e si lascia leggere con piacere - perché in qualche modo fa della chiarezza il suo (giusto) grimaldello.
Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 25/12/2018, 12:06

Grazie Isabella. Questo brano mi è uscito di getto. Non ho cambiato quasi niente.
E' talmente autobiografico che non ho pensato di inserirlo in una storia, come fa notare Draper.
Forse non è indicato per una gara letteraria? Può essere. Forse però qualcuno si sta accorgendo del problema e questo brano potrebbe essere motivo di riflessione. Si può fare qualcosa? La mia risposta, per ora, è no! E ho scritto "per ora". La speranza non muore mai. :D

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 25/12/2018, 12:24

Grazie del commento, Draper. Hai rimarcato un concetto a cui non avevo pensato. Parlo di "richiesta d'aiuto". :D
Come ho detto a Isabella, non ho inserito il brano in una storia, perchè lo trovo più incisivo così.
Mi piacerebbe ci fosse una soluzione al problema, però al momento non la vedo.
Avanti così e speriamo bene. :D

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 134
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 26/12/2018, 18:45

E' un racconto che fa riflettere e fa dire che sì, è tutto vero quanto vi è scritto. Viviamo nell'ipocrisia e nell'arroganza, mediamente la gente non è affatto disposta all'ascolto ma, preferisce avere sempre la parola, per una sorta di autoaffermazione. Il titolo, "Il pianeta dei sordi" non potrebbe essere più azzeccato di così per definire il contenuto di quanto riportato. Hai saputo cogliere e descrivere al meglio le pecche della nostra società. Bravo Daniele!
Ultima modifica di Laura Traverso il 26/12/2018, 19:29, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 154
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 28/12/2018, 12:30

Messaggio esposto in maniera efficace, condivisibile e amaramente sempre più attuale. È la forma che mi lascia un po’ perplesso, anche se capisco le tue motivazioni e le spiegazioni che ne hai dato. È ben scritto e fa riflettere, quindi ti dico comunque bravo.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 28/12/2018, 22:22

Grazie Laura. :D
A distanza di giorni da quando l'ho scritto, ora mi sembra un po' amaro.
Però la sostanza è quella. Si vuole affermare la propria idea, la propria immagine, essere presenti da attori principali in qualunque circostanza e questo, alla fine, logora i rapporti umani.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 28/12/2018, 22:27

Grazie Roberto.
Ultimamente mi sto orientando verso frasi corte e incisive.
Ho letto autori americani che scrivono così e mi piace questa forma.
Fra qualche decennio, forse, li raggiungo. :lol:

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 134
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 29/12/2018, 18:41

Daniele Missiroli ha scritto:
28/12/2018, 22:22
Grazie Laura. :D
A distanza di giorni da quando l'ho scritto, ora mi sembra un po' amaro.
Però la sostanza è quella. Si vuole affermare la propria idea, la propria immagine, essere presenti da attori principali in qualunque circostanza e questo, alla fine, logora i rapporti umani.
Amaro dici? Ma no, è reale direi. Hai scritto come ti sentivi e penso che vada bene così.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 252
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 01/01/2019, 20:53

beh, potrebbe tranquillamente essere la pagina di un diario o una lettera lasciata per qualcuno, magari i nipoti.
in sostanza è una riflessione sulla deriva cui stiamo andando incontro. anzi, in cui siamo finiti, visto che ci siamo dentro in pieno.
giuste tutte le osservazioni sull'impiego dei tempi verbali, corrette.
ma, come fai osservare, pare che oggi non freghi più niente a nessuno delle regole, comprese quelle della lingua italiana.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 01/01/2019, 22:56

Grazie del commento, Fausto.
Purtroppo è quello che vedo ogni giorno.
Speriamo nel 2019, dai :D

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 07/01/2019, 20:28

Grazie Giacomo, :)
mi fa piacere che non sia stato il solo a notare questo trend.
Le frasi brevi o anche brevissime cominciano a piacermi.
Anche se concordo sul fatto che riescono meglio nelle poesie.

Buona serata
Dan

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 352
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 08/01/2019, 21:05

Vero, il tuo racconto colpisce, Daniele, per l'argomento e per la forma.
Un po' di amarezza c'è, anche se non è sufficiente a distruggere la speranza, molte situazioni esposte coincidono con le esperienze dei lettori e questo aiuta a focalizzare l'attenzione, a comprendere il disagio.
Lo stile di quelle frasi brevi e secche aiuta a fare il punto, senza perdersi in fuorvianti descrizioni, e la concisione, il ritmo avvicina il testo alla struttura della poesia.
Il mio punto preferito: "Qualcuno si salva sempre dalle bombe./Ma dall’ignoranza no, non si salva nessuno."
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 09/01/2019, 0:00

Ciao Ida, grazie. :)
Hai centrato lo spirito con una parola: "disagio".
Mi ci ritrovo in pieno, bravissima. :)
Quella frase mi è uscita così e tale è rimasta.

Avatar utente
Seira Katsuto
Foglio bianco
Messaggi: 9
Iscritto il: 09/01/2019, 8:39
Località: Bologna

Commento

Messaggio da leggere da Seira Katsuto » 09/01/2019, 11:09

Non so dire con certezza se mi piace o meno.
Penso che il tema che hai trattato sia già usato spesso e soprattutto molto lungo da descrivere.
Mi spiego meglio: il fatto che questa storia sia breve mi lascia con un senso di fastidio o disagio perché sento come se mancasse qualcosa.
Condivido e mi sono piaciute alcune frasi che hai scritto, altre un po' meno.
Forse perché mi sembra descritto in modo troppo "duro" o semplicemente perché il mio pensiero si differenzia dal tuo per alcune affermazioni che hai dato.
Ritengo che il mondo non sia mai del tutto perduto e che si possano sempre curare le ferite che la storia ha creato nel tempo.
Certo, rimarranno sempre le cicatrici, e ancora più ovvio ci saranno sempre persone che ricascheranno negli stessi errori commessi dai nostri antenati, però ci saranno sempre altre persone invece che cercheranno di far ragionare quegli stessi incoscienti.
Poi la prima parte di cui parli dell'italiano mi urta un po', è come se tu dicessi che una persona che non sa bene l'italiano è per forza stupida.
Non penso sia proprio quello il senso che volevi dare al discorso, ma ci tengo comunque a precisare: non tutti nascono con l'innata passione della lettura (che è ciò che migliora maggiormente il lessico, soprattutto a livello grammaticale) e pretendere che fin dalla tenera età un bambino sia tanto interessato alla lingua italiana mi sembra esagerato, anche contando la possibile dislessia del ragazzo.
Inoltre una persona giovane sarà sempre meno acculturata e con un vocabolario più limitato di qualcuno che ha vissuto il doppio di lui, ma questo non significa per forza che quest'ultimo sia più intelligente del primo.
Molto spesso vedo questi tipi di discorsi trattati con rabbia e frecciatine verso qualcuno, penso che proprio perché sono temi importanti bisogni trattenersi da certe affermazioni (date per lo più per frustrazione verso persone conosciute realmente che altro) e cercare di essere il più ragionevoli e razionali possibili.
Ultima modifica di Seira Katsuto il 09/01/2019, 15:27, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 09/01/2019, 13:32

Ciao Seira, grazie del tuo commento. :)
Le cose che dici sono tutte condivisibili.
L'unica cosa che forse ti è sfuggita (a causa mia, perchè non ho trasmesso bene il concetto) è che siamo in una gara di scrittura. Le idee espresse nei racconti possono essere condivise o meno, ma questo non dovrebbe contare. Altrimenti non si potrebbero fare racconti su persone che maltrattano gli animali o abbandonano bambini. O su rapine in cui la legge viene sconfitta. Purtroppo questo brano sembra più uno sfogo che un racconto e questo non aiuta ad avere il necessario distacco. Per esempio: quando parlo di "ignoranza" lo faccio volutamente per colpire chi "vuole" esserlo anche se potrebbe non esserlo. Oggi c'è più "distrazione", più "protagonismo" e poichè il tempo è sempre quello (24 ore al giorno per tutti) si tralasciano altre cose, che così diventano sempre di più meno importanti, fino a scomparire.
Per quanto riguarda le ferite della storia, invece, certamente vengono curate, ma solo se si tratta di ferite materiali.
Il cambiamento non si cura perchè non c'è niente da curare. Le diligenze sono scomparse, ora ci sono le auto e non si torna indietro. L'italiano è cambiato e continuerà a cambiare. Non si parlerà mai più come Dante e Boccaccio. Giusto? Sbagliato? Non è questo che importa. Importa rendersene conto e sapere cosa sta succedendo, la direzione che sta prendendo la società. Lo sappiamo tutti? E' un po' come dire "Sta per piovere, ragazzi, avete visto le nuvole nere?" e molti diranno "Ma no dai, cosa vuoi che sia!" ma forse qualcuno dirà anche: "Cavoli è vero, ora vado a comprare un ombrello".
A rileggerti
Daniele

Avatar utente
Seira Katsuto
Foglio bianco
Messaggi: 9
Iscritto il: 09/01/2019, 8:39
Località: Bologna

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Seira Katsuto » 09/01/2019, 14:44

A prescindere dalle idee condivisibili o meno, infatti, per lo più, non mi è piaciuto molto che il racconto fosse corto, perché è un argomento abbastanza vasto (anche interessante da trattare in contesti più colloquiali) e di cui, secondo me, bisognerebbe parlare in modo più approfondito.
Parlando di come mi sembra che tutti si rendano conto del modo in cui il mondo stia lentamente andando allo sfacelo penso sia dovuto anche al fatto che nel mio ambiente, o comunque la compagnia che frequento, capita di essere interessati a questo tipo di argomenti (qualche mese fa mi è capitato di parlare con un'amica proprio del fatto che avessero messo una legge sull'inquinamento che voleva impedire che un certo tipo di macchine, che causavano molto inquinamento apputno, di circolare, quando però questa la legge è entrata in atto tutti hanno alzato un polverone assurdo così l'hanno subito ritirata)
Il punto focale che ho centrato con questa mia amica è più che altro il fatto che nella nostra società tutti si sono adagiati sugli allori, in sostanza si sono impigriti.
Ci sono molti modi per poter risolvere problemi come questo, ad esempio usando una bicicletta o semplicemente scegliere di camminare al posto di prendere la macchina, certo, dipende dalle distanza che si deve percorrere, ma troppo spesso la motivazione per cui si sceglie la macchina è più per comodità che altro, inoltre in generale la risposta che danno tutti a questo problema è "intanto quando ci saranno seri problemi col pianeta sarò già morto" fregandosene del futuro delle generazioni successive.
Questo per dire che il fatto che mi sembrasse un argomento "scontato" fosse per lo più un mio errore di valutazione perché sono personalmente interessata all'argomento e anche la maggior parte delle persone con cui mi capita di parlare lo sono, così non ho badato troppo al fatto che, pensandoci meglio, generalmente le altre persone non si interessano o semplicemente ignorano certe cose.
Quindi sì, probabilmente non è mai troppo scontato come argomento.

Francesca Facoetti
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 16/01/2017, 15:29

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Francesca Facoetti » 11/01/2019, 16:25

COMMENTO mi è piaciuto tantissimo, è il mondo d'oggi, che non ci si capisce niente e nessuno capisce nessuno, spaccato perfetto della vita; bella la fine; a furia di fare verbi facili come la maggior parte della gente fa, sto disimparando a parlare. Complimenti author

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 11/01/2019, 16:56

Ciao Francesca, grazie del tuo commento. :)
Riguardo al fatto di disimparare a parlare, confermo che stava succedendo anche a me.
Me ne sono reso conto parlando con un editor professionista che mi ha spiegato bene la differenza fra "italiano standard" e "italiano neo-standard". Ti ricopio qui la definizione di quest'ultimo:

"L'italiano neo-standard è una forma semplificata e più o meno colorita regionalmente dell'italiano standard; esso è anche una varietà stilisticamente aperta dell'italiano: a differenza di quest'ultimo, infatti, esso verrebbe infatti comunemente impiegato - sia nell'oralità che nella scrittura - da qualsiasi italiano normalmente scolarizzato per l'espressione e la comunicazione quotidiane a tutti i livelli di formalità, sia nello scritto che nel parlato."
:smt006

Avatar utente
Nunzio Campanelli
Apprendista
Messaggi: 188
Iscritto il: 18/12/2012, 12:34

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2013
diventa anche tu un sostenitore!

COMMENTO

Messaggio da leggere da Nunzio Campanelli » 11/01/2019, 18:10

Che dirti? Hai ragione. Del resto, già 4.500 anni fa scrivevano in Mesopotamia (Epopea di Gilgamesh): Lo strepito dell'umanità è intollerabile e il sonno non è più possibile a cagione di questa Babele. Così gli dei si accordarono per sterminare l'umanità. Come vedi, niente di nuovo. Corsi e ricorsi storici (e mitologici).
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 11/01/2019, 18:42

Ciao Nunzio, grazie del tuo contributo. :)

Avatar utente
Gabriele Ludovici
Pubblicista
Messaggi: 91
Iscritto il: 23/02/2015, 16:28
Località: Viterbo
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
10° dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Ludovici » 16/01/2019, 9:50

Come darti torto, essenzialmente sono riflessioni che faccio spesso anche io. L'ignoranza non è più perdonabile, a maggior ragione in questa fase storica in cui sembra che si stiano facendo grossi passi indietro. La cultura e la possibilità di studiare sono PRIVILEGI che spesso per pigrizia vengono messi in secondo piano. Sbagliato!
Più che un racconto è una sorta di "invettiva" come ha sottolineato qualcuno, ma nell'ambito della narrativa breve (o brevissima) ci può stare. Il ritmo, enfatizzato dai numerosi capoversi, permette di apprezzare tutti i passaggi del ragionamento fino in fondo.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 16/01/2019, 14:16

Ciao Gabriele, grazie del tuo commento. :)
Spero che la frase finale faccia comunque sorridere e risollevi il morale del lettore. :D

AACiola
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da AACiola » 28/01/2019, 23:25

Racconto scritto in una maniera particolare e, essendo anche molto breve, le frasi possono sembrare più dei versi di una poesia che prosa. Sorpresa finale al limite con la barzelletta e già usata nella letteratura di fantascienza. Comunque la lettura è tutto sommato piacevole e l'idea di base condivisibile.
Angelo Antonio Ciola
www.ciola.it
Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 28/01/2019, 23:39

Grazie del tuo commento AACiola. :D

Avatar utente
Marco Daniele
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (profili visti)
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 04/03/2019, 0:01

Devo essere sincero, se non fossimo in un contest di racconti avrei scambiato il testo per una poesia, non solo per i continui a-capo praticamente alla fine di ogni periodo, che danno al lettore l'impressione di avere di fronte dei versi, ma anche per il linguaggio, così conciso ed efficace nell'esprimere asciuttamente una sensazione di rassegnazione per i tempi presenti, velata però di ironia, soprattutto in quel finale apocalittico-umoristico.
Mi sarebbe piaciuto vedere gli stessi temi sviluppati in una vicenda vera e propria? Sì, certo, ma non mi posso lamentare nemmeno di questa "invettiva", come l'ha già definita qualche altro utente sopra di me.

PS. Noi del club "uso il congiuntivo, non l'imperfetto" siamo una via in specie d'estinzione ma teniamo duro!
Immagine

Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 04/03/2019, 10:27

Ciao Marco, grazie del commento. :)
Andare a capo spesso dovrebbe dare l'dea, a chi legge, che chi parla mediti un secondo su ciò che ha appena detto e trovi qualcosa da aggiungere che suffraga maggiormente il periodo precedente.
Consideriamo questa sequenza (il padre deve punire una marachella del bambino):
Vai in camera tua.
Subito.
Non uscirai per una settimana.
oppure
Vai in camera tua. Subito. Non uscirai per una settimana.
Scrivendolo sulla stessa riga, a me sembra che il padre abbia già pensato tutto e lo dica senza soffrire un po' per queste decisioni. Andando a capo, sembra che ci pensi e aggiunga ciò che gli dispiace aggiungere.
Forse sono idee tropo elaborate? Il lettore non le nota?
Boh, non so. Ai lettori l'ardua sentenza. :lol:

Avatar utente
Fabrizio Bonati
Apprendista
Messaggi: 127
Iscritto il: 26/01/2017, 12:45
Località: Cavaglià (BI)

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Fabrizio Bonati » 16/03/2019, 4:30

In questo racconto ci leggo tanta amarezza verso i tempi che stiamo vivendo . Attraverso l’uso dell’italiano sgrammaticato appare la superficialità del popolo medio nel vivere in generale. Il popolo di Instagram sa usare i filtri, ma non sa filtrare il pensiero. Lo stile mi piace. Ottimo.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 168
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Il pianeta dei sordi

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 16/03/2019, 8:29

Ciao Fabrizio, grazie del commento. :)
Bello il tuo esempio. :lol:

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2018/2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 20

La Gara 20 - L'insolita bellezza delle piccole cose

(marzo 2011, 45 pagine, 856,73 KB)

Autori partecipanti: Lvwceg, Angela Di Salvo, Tania Maffei, Carlocelenza, Ser Stefano, Mastronxo, Cosimo Vitiello, GTrocc, Vit, Arianna, Sphinx, StillederNacht, Exlex, Titty Terzano,
A cura di Dario Maiocchi.
Scarica questo testo in formato PDF (856,73 KB) - scaricato 433 volte.
oppure in formato EPUB (408,12 KB) (vedi anteprima) - scaricato 183 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 41

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 167 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (in bianco e nero)

(edizione 2014, 4,52 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,52 MB) - scaricato 216 volte..
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Il sole è nudo

Il sole è nudo

Antologia di opere che mettono a nudo la pratica del nudismo.
Questo libro non vuole essere un dibattito pro o contro; non ci riguarda, abbiamo solo avuto il desiderio di spogliarci con voi.
A cura di Angelo Manarola e Massimo Baglione.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, M. C, Gianni Veggi, 1 s3mpl1c3 nud1sta, Paolo De Andreis, Mario Stallone, Leonardo Rosso, Iconat, Sergio Bartolacelli, Donatella Ariotti, Franca Riso, Lodovico Ferrari, Goldchair60, Emanuele Cinelli, Vittoria Tomasi, Simone Pasini, Anna Rita Foschini, Matteone, Galiano Rossi, Franca Mercadante, Massimo Lanari, Francesco Paolo Catanzaro, Francesco Guagliardo, Giacobsi, Bayron, Marina Paolucci, Guglielmo A. Ferrando, Stefano Bozzato, Marco Murara, Francesca Miori, Lorenzo Moimare, Vincenzo Barone, Rupert Mantovani, Domenico Ciccarelli, Siman, Roberto Gianolio, Francesco Marcone, utente anonimo, Jole Gallo, Giovanni Altieri, Daniela Zampolli, Robi Nood, Mauro Sighicelli, Lucica Talianu, Giovanni Minutello, Naturizia, Serena Carnemolla, Carla Bessi.
Vedi ANTEPRIMA (407,33 KB scaricato 547 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 444 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 184 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.