L’importanza del bambù

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2018.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/12/2018, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
3
33%
4 - è bello
6
67%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 9

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 177
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

L’importanza del bambù

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 03/12/2018, 21:53

Teo suonava da due anni in un gruppo di sei elementi. Purtroppo, essendo alle prime armi, non avevano uno staff tecnico e dovevano fare tutto da soli. Dopo aver viaggiato per ore, una volta arrivati nel locale, scaricavano gli strumenti, montavano l’attrezzatura, la collaudavano, si cambiavano e iniziavano a suonare. A notte fonda smontavano tutto e tornavano a casa. A volte sedici ore di lavoro per una paga irrisoria.
Quel giorno si erano esibiti a Roma. Da Ravenna ci vogliono cinque ore, rispettando i limiti di velocità. Dopo aver suonato fino alle due di notte, stavano tornando a casa. Il camioncino, però, aveva solo cinque posti e qualcuno lo doveva seguire con l’auto. Quella volta era toccato a lui.
Aveva già percorso molti chilometri quando le palpebre iniziarono a chiudersi. Per evitare un colpo di sonno, Teo aprì il finestrino. L’aria pungente della notte lo rinfrancò subito. Dopo un po’ gli sembrò di vedere delle ombre in mezzo alla strada. Sapeva che non era un buon segno, per cui mise la testa all’esterno per ricevere sul viso l’aria fredda della notte. Le curve lo costringevano ad andar piano. Talmente piano che aveva perso da tempo il contatto con il furgone.
È scomodo guidare in questo modo, pensò, ma così non mi addormento di sicuro.
Stava albeggiando, ma ormai era arrivato in pianura.
Tra un’ora sarò a casa, adesso c’è un rettilineo a quattro corsie fino a Cesena.
Sorrise, sicuro di sé, poi… il nulla!
Si era addormentato!
Teo si bloccò in quella posizione. Il volante era fermo; il piede appoggiato leggermente sull’acceleratore. Per questo l’auto non aumentò velocità, continuando a procedere in linea retta per quella strada, quasi perfettamente dritta.
Sfortunatamente, la carreggiata piegava leggermente a destra, e quindi la macchina iniziò a spostarsi pian piano verso il centro. Sempre più al centro, sempre di più, finché raggiunse la doppia riga. Poi la superò. A quell'ora non circolavano altri veicoli, ma la situazione era diventata pericolosissima: stava viaggiando in direzione opposta al senso di marcia, sull'altra corsia di sorpasso. Raggiunse presto la prima corsia e infine si avvicinò pericolosamente al bordo sinistro della strada.
Più avanti c’era un ponte, perché la strada passava sopra a un corso d’acqua, e stava anche arrivando un TIR. I suoi fari illuminarono a giorno l’abitacolo, ma Teo non si svegliò.

– Papà, da quanto tempo – disse Teo.
– Quando hai bisogno di me, io ci sono sempre.
– Sai che ho suonato a Roma?
– Allora fammi sentire qualcosa.
– Mi serve l’organo.
– Dove l’hai messo?
– È sul furgone, con i ragazzi.
– Vallo a prendere! Svegliati e vallo a prendere! Subito!

In quel momento Teo aprì gli occhi. Vide i fari e udì il clacson dell’immenso camion che si avvicinava assurdamente alla sua destra. Quell'attimo gli bastò per evitarlo. Girò il volante a sinistra ed entrò nel fosso. Se avesse tentato di tornare nella sua corsia, sarebbe stato travolto.
La macchina si capovolse e iniziò a scivolare sul tettuccio, mentre una miriade di scintille illuminava l’abitacolo per via del filo spinato che era stato divelto.
Per un attimo Teo pensò che quello fosse un sogno molto bello e colorato, ma poi, nonostante gli sembrasse una follia, d’istinto aprì lo sportello e si gettò fuori, mentre l’auto s’inabissava nel fiume.
Ora Teo stava agitandosi per restare a galla, ma non sapeva in che direzione andare. La foschia gli impediva di orizzontarsi e poiché non nuotava molto bene, si mise verticale per verificare la profondità. Quando andò sotto, fu preso dal panico. Poi pensò che non potesse essere un fiume largo e iniziò a nuotare scompostamente in una direzione a caso. Anche se era sbagliata, prima o poi avrebbe raggiunto la riva.
Dopo quella che gli sembrò un’eternità, annaspando alla cieca a destra e a sinistra, si ritrovò una grossa canna di bambù tra le dita e vi si aggrappò, allo stremo delle forze.
Dopo qualche tempo, la temperatura del corpo di Teo iniziò a scendere. Era nell'acqua da molto e ora batteva i denti. Non aveva la forza di issarsi sulla riva. L’unica via di salvezza era rappresentata da quel bambù. Stringere con forza quella canna gli provocava dolore alla mano, ma lui era deciso a non lasciarlo andare per nessun motivo. Alla fine svenne.

Si risvegliò in ambulanza, insieme a due paramedici.
Ancora in stato confusionale, ripensò al sogno in cui il padre, scomparso alcuni anni prima, gli aveva detto cosa fare.
Poi, uno di loro gli disse: - Ragazzo, ora puoi lasciarlo.
Si guardò la mano destra e vide che stringeva ancora il bambù che gli aveva salvato la vita. Per tirarlo fuori dal fiume, avevano dovuto segarlo!
Ultima modifica di Daniele Missiroli il 23/12/2018, 16:23, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 147
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Draper » 04/12/2018, 11:53

I tuoi racconti hanno davvero un modo tutto particolare di risultare immediati e quotidiani, riesci a far sembrare qualunque evento apparentemente "normale" (come può essere un colpo di sonno) degno di essere raccontato. Non ho trovato refusi, l'unico punto che mi sembra filare "male" rispetto al resto è proprio il sopraggiungere del sonno. Non avrei usato "caduto tra le braccia di Morfeo" per segnalarlo, perché a mio avviso stona tantissimo con lo stile pacato e poco aulico del testo e inoltre mi è sembrato insolito che un uomo che si addormenta al volante si irrigidisca ("le membra divennero rigide") piuttosto che rilassarsi perché senza forze. A parte questo, il racconto mi è piaciuto anche più di quello che lessi alla scorsa gara. A rileggerti!
Immagine

Liliana Tuozzo
Foglio bianco
Messaggi: 24
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo » 04/12/2018, 14:46

Ti ho seguito con molto interesse, mi piacciono i racconti che narrano del quotidiano, di eventi possibili. Qui il tocco magico è dato da quel sogno che lo spinge a svegliarsi. Il padre quindi suo angelo custode lo avverte ,ma è il bambù che lo salva diventando importante. C' è molta dolcezza in questo racconto e visto che sei un uomo ciò lo rende ancora più apprezzabile.
Ultima modifica di Liliana Tuozzo il 05/12/2018, 11:02, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8845
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: L’importanza del bambù

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 04/12/2018, 15:57

Ricordatevi di specificare "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara, altrimenti non verranno conteggiati il sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Laura Traverso
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 05/12/2018, 0:43

A me il racconto è piaciuto molto, leggendolo temevo il peggio per Teo ma, i due eventi, molto ben descritti, della visione del padre e del bambù, grazie ai quali si è salvato, hanno rassicurato il lettore... Il narrato è, purtroppo, di attualità, succede eccome di essere colti da un colpo di sonno alla guida. Ci sono molti aspetti nel racconto: la fatica di vivere, un po' di paranormale e la fortuna, nonostante tutto il pericolo vissuto, di un lieto fine.
Ultima modifica di Laura Traverso il 06/12/2018, 23:30, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Tiziano Legati
Foglio bianco
Messaggi: 36
Iscritto il: 16/04/2015, 13:26
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2015
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Tiziano Legati » 06/12/2018, 10:02

Il racconto scivola come una storia di vita, con gli impegni e le fatiche di tutti.
Eccoci in macchina con Teo di ritorno dalla festa, è solo in macchina come altre volte ma, oggi, ha fatto tardi e piano piano, si appisola.
Noi lo 'vediamo' addormentarsi e vorremmo gridare -Svegliati! ma siamo passeggeri muti col medesimo destino.
Fortunatamente il padre nel sogno lo richiama, non è allarmato e con voce tranquilla lo invita quasi a svegliarsi, solo a questo punto noi sappiamo di essere salvi.
Molto bello.
Immagine
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 361
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 06/12/2018, 17:15

Bel racconto, credibile per quella realtà quotidiana che può capitare a tutti e per quella punta speciale e unica, quel ricordo che si insinua e che qui salva la vita. La narrazione è piacevole, coinvolge il lettore tanto da fargli credere di vedere la sequenza di un film, quel "svegliati!" detto dal padre è forte e commovente, come tenera e forte allo stesso tempo è quella presa sul bambù che sul finale spiega e si riallaccia al titolo.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 177
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Ringraziamenti

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 06/12/2018, 22:57

Ciao e grazie a tutti dei commenti. :D
Un grazie speciale a Liliana e un grazie speciale anche a Draper per la segnalazione.
La frase l'ho aggiunta alla fine, ma era meglio un normale "si addormentò" che resta più in linea col resto.
Per l'irrigidimento... ok non l'ho spiegato bene, ma a volte succede che quando uno si rifiuta di cedere al sonno, tenda a irrigidirsi. Poi però la mente "se ne va". In alcuni casi si resta anche a occhi aperti, ma non si vede più nulla. Si dice anche: "Il cuore si è addormentato".
Non vi dico come l'ho scoperto :shock:

Notte :)
Dan

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 177
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Scusa Massimo

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 06/12/2018, 23:14

Ho capito solo ora che avevo commentato gli altri racconti senza inserire "Commento" nel titolo. :(
Devo andare a letto prima. :?

Avatar utente
Fausto Scatoli
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2015 (recensori)
dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 15/12/2018, 9:25

storia semplice e abbastanza lineare, non fosse per quel soffio di paranormale che salva il protagonista.
che poi tanto paranormale non è, visto che accade ed è accaduto a più persone, sottoscritto compreso.
non era una situazione simile, ma il significato è uguale.
la scrittura è buona, così come le descrizioni, pertanto lo reputo un lavoro positivo
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Apprendista
Messaggi: 173
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 20/12/2018, 18:21

La vita di Teo si aggrappa a due elementi: uno immateriale, il sogno del padre morto anni prima, uno talmente tangibile da non volerlo mollare neanche quando perde i sensi, il bambù.
Il racconto è lineare e ben scritto, una storia di tragica normalità, fin troppo, vista la frequenza con la quale avvengono questi incidenti, che diventa letteratura grazie alla bravura dell’autore.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su Bravi Autori https://www.braviautori.com/forum/viewt ... =76&t=5384
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Apprendista
Messaggi: 196
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 21/12/2018, 10:25

Il bambù la tua vita. La vita di un ragazzo che, per la passione della musica, stava volando da suo padre. Un padre che morto qualche tempo prima, gli arriva nel sogno, e lo fa destare, e gli salva la vita. L'ambientazione e le descrizioni di questa storia, sono scorrevoli e ti immedesimi nel poveretto che è nelle braccia di Morfeo. Anche gli attori sono descritti bene. Quindi: sonno e guida non devono mai sposarsi.Ottimo.
Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Apprendista
Messaggi: 177
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: L’importanza del bambù

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 23/12/2018, 16:28

Grazie ragazzi, troppo buoni. :-)

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2018”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 3

La Gara 3 - C'era una volta...

(febbraio 2009, 35 pagine, 645,23 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Federica, DaFank, Alessandro Napolitano, Yle, Ranz, Carlocelenza,
A cura di Bonnie.
Scarica questo testo in formato PDF (645,23 KB) - scaricato 283 volte.
oppure in formato EPUB (781,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 181 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Gara d'Autunno 2018

Gara d'Autunno 2018 - Lettera a Giovanni, e gli altri racconti

(autunno 2018, 35 pagine, 505,15 KB)

Autori partecipanti: Fausto Scatoli, Ida Dainese, Nunzio Campanelli, Carol Bi, Lodovico, Roberto Bonfanti, Liliana Tuozzo, Daniele Missiroli, Laura Traverso, Tiziano Legati, Draper,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (505,15 KB) - scaricato 32 volte.
oppure in formato EPUB (370,97 KB) (vedi anteprima) - scaricato 19 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 41

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 167 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo, Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 610 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 225 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 132 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
(credito insufficiente per lo scaricamento diretto dal nostro sito. Clicca qui per info.)
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.