Ambigue utopie- 19 racconti di fantaresistenza

Segnalate qui le vostre pubblicazioni personali, le antologie in uscita eccetera. Usate questa sezione anche (e soprattutto) per riportare le vostre impressioni positive o i vostri consigli su una recente lettura che vi ha particolarmente colpito, o anche per chiedere informazioni su libri et similia.
Per completezza, vi suggeriamo anche di compilare una scheda nei libri d'autore.
miriam

Ambigue utopie- 19 racconti di fantaresistenza

Messaggio da leggere da miriam » 03/02/2011, 20:24

“Ambigue utopie”- 19 racconti di fantaresistenza
di AA.VV.
Bietti Edizioni
pag. 395


Immaginate un simposio che si svolga in epoca moderna. Riuniti intorno al tavolo, diciannove autori di science-fiction dalle cui biografie emergono professionalità forse non tanto casuali se correlate all'oggetto della discussione. Scrittori sì, e anche di un certo calibro, ma nel contempo ricercatori universitari nel campo dell'entomologia e della lotta biologica o in quello socio- economico, ingegneri elettronici, chimici, architetti, saggisti, giornalisti, storici, militanti in associazioni di volontariato politico...
Il loro obiettivo: riflettere sul presente per immaginare possibili scenari futuri. Di certo non si può dire che lo facciano senza cognizione di causa.
Ebbene, è proprio quel che accade in questa mirabile antologia. Diciannove racconti, altrettanti percorsi che, passando per l'ucronia, l'utopia, la distopia, ci raccontano di un ipotetico domani.
La Sci- Fi di cui si tratta qui è "letteratura di idee", è quella fantascienza non più rivolta ai viaggi interstellari e alle minacce di invasione aliena ma incentrata sulla manipolazione genetica, sulle società totalitarie, sull'inquinamento del nostro pianeta e su guerre tristemente umane.
Una fantascienza che, muovendo da speculazioni di natura filosofica, antropologica, psicologica, sociologica, si spinge a esplorare anche lo spazio interiore all'essere umano e, inevitabilmente, si ritrova a fronteggiare il più terribile tra i mostri: la lotta per il potere.
Gli scenari tratteggiati sono tutt'altro che rassicuranti. Rivivendo le quattro giornate del G8 di Genova, ci ritroveremo presi nella morsa di un dialogo surreale quanto inquietante con gli Spettri delle rivoluzioni passate, presenti e future. Ci riscopriremo spettatori di un grottesco reality show messo in piedi per esercitare la giustizia o vittime inconsapevoli di un'assurda macchinazione politica che vuol convincerci di un'imminente guerra con Marte. Probabilmente ci scapperà un sorriso seguendo le avventure tragicomiche di un cittadino determinato a votare, salvo poi cedere all'amarezza quando si scoprirà che l'esercizio del diritto di voto è diventato una missione impossibile.
E che dire di un governo che impone ai suoi cittadini una tassa sui raggi solari, sulla salute, sulla stessa vita? Sicuramente ci sembrerà un'ipotesi terribilmente verosimile e, a quel punto, non potremo che sospirare di sollievo con il protagonista del racconto nel varcare l'ingresso dell'Area 52.
L'impressione generale che se ne ricava è quella di un percorso in discesa che, rievocando le antiutopie di Orwell o Huxley, individua nella perdita della libertà di pensiero la peggiore e più concreta ombra che possa gravare sul nostro futuro. La presa di coscienza allora, si profila come assolutamente necessaria, forse l'unica arma a nostra disposizione perché la strada di una qualsiasi forma di ribellione resti ancora percorribile.
Il titolo scelto a rappresentare la raccolta ha sapore politico, peraltro i suoi intenti sono chiaramente esplicitati nella prefazione.
"Un'ambigua utopia" era la fanzine che negli anni '70 rappresentava la fantascienza di sinistra confrontandosi con "Dimensione Cosmica" e altre di destra.
"Ambigue utopie" oggi, nel rivendicare il diritto di restare in un regime di libertà e pluralismo, contrappone la sua visione a quella proposta da antologie di matrice opposta pubblicate negli ultimi anni.
Quelli qui riuniti, sono tutti autori che hanno scelto da che parte stare e non hanno problemi a dichiararlo apertamente.
L'auspicio, tuttavia, è che la buona fantascienza italiana possa essere riconosciuta e apprezzata a prescindere dalle correnti politiche di appartenenza. Tanto più perché, come afferma Francesco Grasso nel suo racconto "un buon esempio rende il mondo immensamente migliore".


Avatar utente
Vecchiaziapatty
Necrologista
Messaggi: 256
Iscritto il: 17/02/2010, 15:02
info in lavorazione

Re: Ambigue utopie- 19 racconti di fantaresistenza

Messaggio da leggere da Vecchiaziapatty » 03/02/2011, 21:25

tutta l'impressione che sia un libro denso, di quelli che indirettamente ti insegnano a scrivere :D

Diego Bortolozzo
Apprendista
Messaggi: 104
Iscritto il: 21/12/2009, 14:32

Re: Ambigue utopie- 19 racconti di fantaresistenza

Messaggio da leggere da Diego Bortolozzo » 10/02/2011, 12:17

Meraviglioso!
Diego "Jedi Katana" Bortolozzo - Associazione Culturale "Galaxy" https://www.galaxyclub.org
Sito internet personale https://www.diegobortolozzo.com
Per acquistare i miei libri, contattatemi via e-mail o visitate il sito: https://stores.lulu.com/fantasylandia

Rispondi

Torna a “Consigli di lettura”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti