W Factor - 1a fase

Avatar utente
Tuarag
Terza pagina
Messaggi: 629
Iscritto il: 23/05/2011, 15:55

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Tuarag » 04/10/2012, 14:21

Racconti partecipanti alla I° Fase del

Immagine
Mac Guffin is the door but not the key.
Tuarag

Avatar utente
Angela Di Salvo
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 12/09/2010, 10:51

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2010 (recensiti)
dal 2010 (recensori)
dal 2010 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2015 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Angela Di Salvo » 04/10/2012, 19:03

I dodici racconti

Gabriella decise di esercitarsi nella scrittura componendo un racconto al mese. In tutto dodici racconti con tema inerente a ciascun mese. Si preparò una lista per raccogliere idee. A gennaio un racconto ambientato nella stagione invernale, magari con personaggi che amavano la neve e lo sci. A febbraio una storia allegra in clima carnevalesco. A marzo l’aria primaverile come input di una tenera vicenda d’amore. Ad aprile, dato che c’era la Pasqua, la resurrezione di un malato che usciva dalla depressione.
A maggio un roseo intreccio incastonato in un giardino fiorito e profumato. Saltò giugno perché non le veniva niente in mente. Ma a luglio e ad agosto, in periodo estivo, si potevano imbastire due caldi raccontini al sapore di sale. A settembre le balzarono in testa la pioggia e l’arrivo dell’autunno. Per ottobre un buco nero. Lo saltò e arrivò a novembre. Qui ci stava bene una storia di morti ammazzati con tanto di noir e di sangue. A dicembre poteva trarre ispirazione dalle festività natalizie condite da auguri e regali. Il progetto era quasi completo. Restava da trovare uno spunto per i mesi di giugno e ottobre. Si scervellò a lungo prima di ricordarsi che a giugno aveva avuto un figlio e che a ottobre dell’anno precedente si era separata. Ecco, i temi c’erano tutti. Adesso il problema era saperli narrare.
Le parole non possono cambiare il mondo ma sono un buon modo per provarci. (A. Di Salvo)

77, le gambe delle donne
Immagine
concorso per racconti sulle donne

Immagine
Io sono nel club dei Recensori del sito Braviautori.it

Immagine

Avatar utente
Cmt
Terza pagina
Messaggi: 604
Iscritto il: 28/01/2009, 19:27

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2011
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Cmt » 04/10/2012, 19:40

Il terzo rintocco

Don.
Il suono della campana squarciò il silenzio col suo tono cupo, giungendo inatteso.
Affacciandosi al balcone, lui guardò il campanile lontano, immoto e silenzioso.
Al terzo rintocco, aveva detto la zingara, ma non le credeva, perché avrebbe dovuto? Non aveva nulla da temere da sciocche superstizioni.
Certo, sentiva un po' di rimorso, ma lei avrebbe dovuto tenere ferma quella bambina lurida, impedirle di andare in strada, e nulla sarebbe accaduto.

Don.
Levò gli occhi al cielo. Da dove giungeva il suono? Non riusciva a capirlo.
Con la coda dell'occhio scorse un movimento dietro di lui, nella stanza poco illuminata. Le ombre parvero addensarsi alle sue spalle in una forma piccola, curva e lacera che avanzava lenta... cos'era? Poteva forse...
Istintivamente si ritrasse nell'unica direzione possibile.
Il tonfo del suo corpo sull'asfalto risuonò più forte di quel terzo rintocco che non giunse mai.

Avatar utente
Recenso
Necrologista
Messaggi: 211
Iscritto il: 14/09/2011, 12:59
Località: Provincia di Napoli
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Recenso » 04/10/2012, 21:09

Rock 'n' roll

Oratorio di Santa Brigida. Io, sul palco, in prima fila, mani giunte come un angioletto.
Cantare è pregare due volte, diceva Sant'Agostino. Peccato che quei canti mi procurassero una nausea bestiale; roba da far vomitare l'anima, se mai ne avessi avuta una. I miei ne erano certi e volevano assicurarmi il Paradiso. Sapete, quell'immenso prato verde dove i defunti innalzano lodi al Signore.
Erano gente perbene, i miei. Io no e, se davvero avevo un'anima, allora preferivo l'Inferno.
Glielo dissi che avevo tredici anni. Sono seppelliti nel bosco dietro casa. Non li hanno mai trovati.
Dopo scoprii che quando ero fatto uccidevo meglio. La droga trasformava le urla in rock and roll, le vittime in rockstar. Io ridevo e mi univo al concerto.
L'ultimo è stato esaltante, resterà negli annali della scuola. I professori e i compagni hanno cantato da dio. Finché non si è intromesso quel poliziotto.
Ora c'è odore di zolfo e fuoco tutt'intorno. Sento la pelle sciogliersi, poi riformarsi, senza sosta.
Tra le fiamme vedo sconosciuti che si agitano, gridano.
E ridono. Adesso la rockstar sono io.
Immagine
La mia vetrina autore: https://www.braviautori.com/vetrine/recenso/
Recensioni à Go Go: https://www.recensioniagogo.com
E adesso parlo io!: https://valeriabarbera.wordpress.com

Digital Foolish - Dementi Digitali: https://www.digitalfoolish.com

Avatar utente
Lodovico
Terza pagina
Messaggi: 541
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Lodovico » 05/10/2012, 9:56

Puntualità

Dieci minuti.
Osservo l’orologio a muro della cucina. Ancora dieci minuti precisi. Lo sguardo si perde fuori dalla finestra, nell’azzurro del cielo mattutino. Che meraviglia l’alba. Con la sua brezza fresca soffia via le angosce della notte. Per chi non ha dormito è il traguardo tanto atteso.
Cinque minuti.
Poco tempo, poco dolore. L’obiettivo è vicino. Stavolta sarò puntuale. Sono sempre arrivata tardi agli appuntamenti della vita. E li ho sempre mancati.
Due minuti.
Ci vuole precisione per fare le cose giuste. E io non le ho mai fatte. L’elenco dei miei fallimenti è lungo più di sei piani. Le lancette paiono ondularsi al mio sguardo bagnato dalle lacrime. Penso di regalarmi ancora qualche minuto in più ma a cosa servirebbe? Ormai la decisione è presa.
Un minuto.
Il sole basso sull’orizzonte s’intrufola nella cucina. Respiro l’aria profumata di settembre con avidità.
Pochi secondi.
Si va. Mentre lascio la finestra alle mie spalle e l’asfalto attende di ricevermi mi accorgo di essere in ritardo. Ci vuole tempo per volare per sei piani.
Anche al mio ultimo appuntamento arriverò tardi.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

ImmagineImmagineImmagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Sphinx
Apprendista
Messaggi: 149
Iscritto il: 14/05/2007, 23:48
Località: Prato

Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2011
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Sphinx » 05/10/2012, 17:10

Stunt

Le mani salde sul manubrio, ma stavolta è diverso. La destra da colpetti al gas, è inutile ma crea attesa. Il piede sulla marcia è già pronto, la frizione tirata.
Dopo una vita di sfide, mi guardo indietro. Ho imparato presto ad andare su due ruote. Prima la bicicletta, da cui immediatamente feci togliere le ruote laterali; avevo voglia di osare. A otto anni i primi salti spesso finiti nella terra. Lividi, sbucciature e poi, a dieci anni, la prima frattura, al radio dell’avambraccio sinistro. Due anni dopo mio padre mi regalò la prima moto, e lì mi si aprì un mondo. Ogni giorno a sperimentare, con i familiari che non capivano, ma tolleravano, gli amici che seguivano divertiti. Poi è diventato un lavoro e adesso mi trovo qui, per superare l’ennesimo record.
La gente urla è applaude. Tante volte ho pensato di smettere, di farmi da parte, ma non ci riesco. Innesco la marcia e apro il gas. Imbocco la rampa con un sorriso.

Avatar utente
Maria92
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 17/09/2011, 21:29

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Maria92 » 05/10/2012, 18:02

DOLORE

Indossava un vestito bianco che le ricopriva interamente il corpo. L’acqua cadeva dal cielo come solo in un temporale poteva accadere. Il volto era rigato da lacrime che, a causa dell’incessante pioggia che urtava ogni singolo centimetro di quel minuto viso, erano ben nascoste.
Aveva le braccia larghe, come a voler afferrare qualcosa.
I pugni chiusi, serrati.
Girava su se stessa. Non si fermava.
Il vestito le si era incollato addosso, ormai zuppo d’acqua.
Il bianco era ormai trasparente e non nascondeva per niente la sua biancheria di pizzo.
I capelli bagnati erano raccolti in una crocchia mal sistemata sul capo.
La bocca era una sorta di ghigno di dolore.
I piedi scalzi si muovevano veloci; la sabbia li aveva sporcati quasi tutti ma la pioggia li ripuliva di continuo.
Continuava a girare, il capo rivolto al cielo e all’acqua che ancora cadeva, instancabilmente.
Il rumore delle onde che battevano sulla riva e il dolore del cuore che si stava, pian piano, frantumando.
Profilo Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=1844389751" onclick="window.open(this.href);return false; (Maria Basilicata)
E quando ti rendi conto che tutto il mondo non avrebbe senso senza di lui, allora sai di essere innamorata. Momo ti amo!

Avatar utente
Isabella Galeotti
Foglio bianco
Messaggi: 48
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 07/10/2012, 17:24

Solo bianco e nero.

- Ti avevo detto un mazzo di rose rosa. Non gialle?
- Scusami mamma, ma la fioraia mi ha detto che quelle rosa le aveva finite.
- Vabbe lascia stare Marco, dai andiamo dalla nonna. Vedrai che sarà comunque felice
di ricevere dei fiori, a prescindere dal colore. Una tomba deve essere sempre addobbata di fiori.
- Si mamma. Ma la prossima volta non farmi andare da solo.
- Ragazzo mio, quando io non ci sarò più dovrai cavartela da solo!
- Si lo so, ma per il momento ci sei tu. Quindi aiutami.
- Certo amore mio.
- Non baciarmi in pubblico, mi vergogno. Non ho più 10 anni.
- Hai ragione Marco, ma ti voglio bene.
- Dai mamma camminiamo, e raccontami i colori del mondo.
Immagine

Avatar utente
Jessica Rabbit
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 30/08/2012, 11:44

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Jessica Rabbit » 12/10/2012, 23:39

La mano di Dio

- Le piogge improvvise non sono rare in autunno, mio Signore – disse l’Inquisitore.
- Tu vedi solo pioggia? - replicò il Duca, accigliato. - Non la mano di Dio?
Non volevo ascoltarli, ma ascoltavo. La speranza faceva male e rosicchiava il mio coraggio già corroso. Ero legato al palo sopra le fascine ammonticchiate. Il duca e l’Inquisitore discutevano, ma le parole si perdevano nel vento. Un lampo. Grosse gocce. Poi tutti scapparono al riparo.
Mi sciolsero e mi riportarono in cella.
Gli altri prigionieri mi guardarono come se fossi appena uscito dalla tomba. Crollai a sedere: le gambe non mi reggevano.
- Un bel miracolo. Ti hanno graziato?
Non lo sapevo.
- Forse domani ti riportano lì.
Mi strinsi nelle spalle. Parlare era difficile.
- Ma non viviamo sempre così, noi uomini? – insorse il Pastore. - Ogni nuovo giorno è un dono del Signore.
- Amen – assentii stancamente.
- Amen – ripeterono tutti.

Avatar utente
LiaTom
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 13/10/2012, 19:56

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da LiaTom » 14/10/2012, 14:57

Big Bang

È uscito da quella porta, questa volta per sempre. Ingoio delle pillole, ho solo voglia di dormire. Stacco il telefono, spengo tutte le luci. Sono stanca e mi sdraio sul divano. Sento un dolore intenso all’altezza dell’addome: sono contrazioni, sempre più forti. Molto più dolorose di quel che dicono. Mi rannicchio, cerco di assumere una posizione antalgica, ma le spinte si fanno sempre più violente e ravvicinate. Mi sento bruciare, fa molto caldo qui dentro. A ogni spasmo, mi accorgo che braccia e gambe si accorciano, come se si rattrappissero sotto le feroci convulsioni che ormai mi squassano il corpo. Ora anche il busto si comprime, una contrazione dopo l’altra. Il dolore è insopportabile, il mio corpo sta collassando, ormai è ridotto a un grumo denso e incandescente. Mi sento scoppiare, una luce sfolgorante mi acceca. Ho paura. Infine esplodo. E sogno di essere una stella.
Lia Tomasich

Immagine

Avatar utente
Paride Bastuello
Foglio bianco
Messaggi: 23
Iscritto il: 21/07/2011, 12:36
Località: Genova

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Paride Bastuello » 15/10/2012, 17:30

Legittima difesa

Signor giudice, io non volevo, ho provato a trattenermi, ma a volte nella vita ci sono impulsi che non riusciamo a controllare. Lo scompartimento era vuoto, quella donna si è seduta davanti a me e ha cominciato a parlare dei suoi tempi, dei giovani che oggi sono così maleducati, non finiva mai. Certe persone non sono proprio in grado di capire se l’interlocutore si sta annoiando. Si, l’ho buttata dal finestrino. Il problema è che sono un debole signor giudice, sono troppo gentile, proprio non ce la faccio a dire di no. Il mio vicino con le sue foto della vacanza in montagna. A che serve fare dieci foto uguali io non capisco, gli stambecchi, carini certo, ma visto uno visti tutti. Arrivati alla foto del piatto di polenta non ce l’ho fatta e l’ho strangolato. E’ stata una forma di legittima difesa, io spero che possa capirlo. E’ sbagliato reagire così lo so… Cosa penserebbe la mia famiglia? Ecco, a questo proposito devo dirle una cosa. Eravamo tutti riuniti per il pranzo domenicale… Signor giudice, non trova anche lei le conversazioni sul tempo estremamente noiose?

Avatar utente
Mastronxo
Correttore di bozze
Messaggi: 436
Iscritto il: 09/02/2010, 0:13
Località: Como

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Mastronxo » 17/10/2012, 20:36

Bugia

«Caro, caro Pinocchio, sono la Fata Turchina.»
«Oh bella, bella Fatina, sei qui finalmente! Ti ho tanto, tanto aspettata» il burattino allunga le braccia legnose, pare un fanciullo che vuole la mamma.
«Caro, caro Pinocchio, non sono qui per darti un abbraccio!» la Fata Turchina solleva la bacchetta, esce una fiamma arancione. Pinocchio, atterrito, si fa piccolo contro il muro. Colto dal disagio, prende a toccarsi l’inguine e intorno.
«Che cosa FAI! Schifoso, schifoso Pinocchio, se non la smetti ti brucio le mani!»
«Oh bella, bella Mammina, perché sei arrabbiata? Non capisco che cosa ho sbagliato…»
«Smetti, smetti, SMETTI!» la bacchetta esplode un tuono infuocato. «Non sono tua mamma, lurido porco!»
«Ma no Fatina, non volevo, non volevo!»
«Smetti, smetti, SMETTI! Non hai neanche un sesso, il buon Geppetto non te l’ha dato!»
Pinocchio si blocca, fissa la Fata con occhietti lucenti. Le guarda la gonna, corta oltremodo.
«Bugia» ghigna Pinocchio col naso che cresce.
"Nessuno può mettermelo nel culo!" urlò Polifemo, brandendo un enorme tronco d'albero
"Ho appena fatto la cacca". Un uomo libero.

Avatar utente
Lorella15
Apprendista
Messaggi: 186
Iscritto il: 18/01/2012, 17:44

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2012
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Lorella15 » 18/10/2012, 15:20

Anna
Ho conosciuto Anna in stazione. La mia vita da pendolare mi fa frequentare piuttosto spesso questo variopinto ambiente. Girella sempre in cerca di un cappuccino la mattina, di un panino la sera, di sigarette a tutte le ore. Anna è una barbona un po’ originale. Se gli offri qualcosa lei, in cambio, ti regala un bigliettino che tira fuori dalle tasche capienti della sua gonna. Il bigliettino è ricavato dal bordo di un quotidiano, in quell’esile striscia merlata, risparmiata dalla stampa, Anna scrive le sue poesie. Le arrotola finemente e le ferma con un anellino di pasta da minestra per regalarle ai suoi benefattori.
Ieri ho trovato scritto “Autunno cadono le foglie, chi raccoglierà le mie spoglie?”. Stamani sono arrivata prima del solito in stazione e lei non era ancora in giro. L’ho riconosciuta avvolta in un sacco a pelo, sdraiata su un cartone. L’ho chiamata per offrirle un cappuccino. Lei è uscita dal sacco che ha messo in un carrello, poi ha sollevato il cartone e preso la gonna che aveva riposto tra i due strati di cartone su cui aveva dormito. Si è scusata perché aveva finito i bigliettini. “Te lo do stasera” mi ha detto. Infatti l’ho trovata che mi aspettava per darmi il suo biglietto. L’ho aperto in treno:
“Sono umili i miei panni
Ho subito troppi inganni
E’ dura la vita della donna
che deve stirar la sua gonna”
Dentro la birra
Immagine
Concorso per brevi racconti sulla birra

77, le gambe delle donne
Immagine
concorso per racconti sulle donne

Avatar utente
Yendis
Pubblicista
Messaggi: 62
Iscritto il: 19/10/2012, 16:27

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Yendis » 21/10/2012, 11:06

Ottobre

Il cielo è d’argento, mille torrenti scorrono oltre i tombini occupati a dar asilo a foglie e cartacce. Il tergicristallo lavora alla grande ma non abbastanza. Mi accorgo di un rumore strano, che improvvisamente ovatta quello del traffico della mattina. Freno ma la mia auto non ci sta. Vedo arrivarmi incontro una Panda, che si accosta alla mia di traverso, insieme galleggiamo veloci verso un albero. Che, maestoso, c i ferma. Riesco ad uscire attraverso il finestrino mentre un bidone mi naviga accanto, scanso uno scooter che sta rovinando a valle. Sento le gambe pesanti, guardo in basso e, tra il fango che mi ha catturato, vedo spuntare uno zaino e un qualcosa che si agita. Acchiappo istintivamente e pesco una piccola massa pelosa attaccata ad un guinzaglio rosso. La corrente rinforza, mi rifugio sul cofano della mia auto e mi ancoro ai primi rami dell’albero. Il cane mi sta fermo in braccio e insieme guardiamo. Tra le onde del fiume sta passando il tetto rosso di una casa.

Avatar utente
CMD_Conte
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 21/10/2012, 16:34
info in lavorazione

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da CMD_Conte » 22/10/2012, 9:10

"Le Libellule"

Le libellule sono degli insetti così belli e rari che a ognuno di noi verrebbe voglia d’incontrarne una almeno nella propria vita. Io ne ho viste poche. in alcuni casi ho provato a inseguirle tentando di imitare il loro perfetto volo orizzontale, mentre altre volte ho pensato di non essere in grado di librarmi nell’aria come loro, e in molteplici casi il volo spiccato all’inseguimento della mia libellula è stato simile ma diverso. Quei profumi provenienti da quei fiori e quel prato esteso a perdita d’occhio, hanno voluto che, maldestro il destino, finissimo per volare altrove. Oggi che sono stanco di volare e mi sto riposando, rimando la ricerca di quel luogo per cui so che mi farà stare bene, a quel giorno in cui scoprirò quel fiore colorato cresciuto in quel prato immenso dentro l’oasi della vita che fa parte di quell’isola che ancora non so dov’è. Domani chissà che non spiccherò un nuovo volo in compagnia di un’altra libellula che magari, incuriosita, si è fermata qui da me. E voi ieri avete visto la vostra libellula? Ancora no? Se la incrociate, state attenti a non farla fuggire.
[..FUGALE..]
“..Io appartengo all’animo di quel guerriero la cui sua vecchia via si è unita a quella nuova..”.

Biblioteca Labirinto N° 25
Immagine
Concorso per antologia di 25 racconti dedicati ai libri e alle biblioteche

Avatar utente
Polly Russell
Correttore di bozze
Messaggi: 454
Iscritto il: 13/12/2010, 11:35

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2012
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Polly Russell » 22/10/2012, 17:29

Giudicare sembra semplice

La redazione di BraviAutori era deserta, l'esaminatore lo sapeva.
Conosceva i rischi.
La porta era chiusa; con un profondo sospiro entrò. Colonne bianche di fogli impilati si curvavano sino al soffitto. Come costole contorte di un gigante decomposto. Un crollo alla sua destra.
Scartò poco prima che la valanga cartacea lo sommergesse.
Il denso mare di cellulosa lo aveva avvolto però e fogli affilati come rasoi mortificavano le sue carni, tagliando e sferzando.
Con un gesto disperato afferrò uno dei fogli, prima che il lattiginoso vortice lo avviluppasse.
Poteva farcela, ancora pochi stentati passi, mentre le pagine si appiccicavano al sangue, trascinandolo indietro, nel bianco gorgo degli stampati.
Ottenne la porta mentre metri di carta si strappavano assieme a lembi di vestiti e di pelle.
Uscì.
Tra le dita ormai scarlatte stringeva il suo racconto preferito: quello di Polly Russell.

Avatar utente
Monica Porta may bee
Apprendista
Messaggi: 175
Iscritto il: 18/06/2012, 23:30

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Monica Porta may bee » 22/10/2012, 17:50

Fatto

A casa sua tutto era più semplice, lei seduta composta mi guardava ascoltare le ragioni del suo ordine perfetto. Io perfetto non lo ero, no, io preferivo il caos, e gli impegni li annotavo su foglietti che poi dimenticavo ovunque ma volevo piacerle ad ogni costo.
I miei adorati post-it erano una brutta abitudine che dovevo dimenticare, così Teresa me ne aveva regalato uno. Questo però accadeva ieri.
Ora suona il citofono. Rispondo. E' lei, vuole salire, le dita già mi tremano ma insiste, dice soltanto per vedere come vanno le mie cose.
Il suo regalo l’ho già appeso sopra la scrivania ma il soggiorno è tappezzato dei miei appunti colorati. Mi prende il panico temendo il peggio.
E infatti, appena entra strilla. Si lamenta perché sul calendario non ho ancora scritto niente, sostiene che non mantengo le promesse, piange.
Non posso sopportarlo e con la mano le copro naso e bocca; ci metto solo un attimo a renderla serena.
Ora che mi guarda riordinare riesco a scriverlo davvero: martedì, pulizia, fatto!
Tra uno spazio e l'altro ci sono spazi ancora più grandi.
Non ne teniamo conto, perché in quelli non possiamo fermarci.
Sui passaggi pedonali, fra i parcheggi incontriamo il nostro futuro.
Amare, litigare, cadere nell'oblio e morire. Senza nemmeno accorgerci
di quando accade. Le membrane che ci separano dalla follia, dal baratro,
dai mostri sono così sottili. Nient'altro che muri di carta.

John Ajvide Lindqvist

77, le gambe delle donne
Immagine
concorso per racconti sulle donne

Immagine

Biblioteca Labirinto N° 25
Immagine
Concorso per antologia di 25 racconti dedicati ai libri e alle biblioteche

Avatar utente
Salvatore Stefanelli
Apprendista
Messaggi: 116
Iscritto il: 19/05/2012, 21:04
Località: Napoli

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Salvatore Stefanelli » 23/10/2012, 8:48

Solidarietà

Corsero fuori dal bosco, in preda al terrore. Il sopraggiungere di un’auto: la speranza. Chiesero aiuto. La coppia di anziani coniugi fu lieta di offrire loro un passaggio. Le raccontarono dell’incidente, della luce al di là degli alberi, di essersi persi quando era sparita, delle orribili urla e di quegli esseri, mostri, che erano sicuri li avevano inseguiti.
‒ Vedervi è stata la salvezza.
I vecchietti sorrisero. ‒ Mostri? Sono solo leggende. Saranno state le ombre e il vento.
Accennarono un sorriso. Tremavano ancora, ma perché spaventare quei cari che erano stati così gentili. L’importante era andar via da lì.

La casa, arredata in stile antico, era accogliente. L’ospitalità della coppia si dimostrava a ogni istante più lodevole. Quando ci fu di andare a prendere la legna sul retro, si offrirono. Al rientro la tavola era apparecchiata… per due. Una strana luce brillava negli occhi dei vecchi, tra le labbra denti affilati. Non ebbero il tempo di vedere gli artigli scendere su di loro.
Mi sono dimenticato. Per ricordarmi ci ho messo una notte intera e ci sono riuscito solo guardandomi allo specchio.
L'uomo delle farfalle

ilVale
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 24/10/2012, 16:47
info in lavorazione

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da ilVale » 24/10/2012, 19:47

REWIND

Il pavimento freddo a contatto col viso è quasi un sollievo dal dolore atroce che mi pervade il capo. Ansimo e cerco di focalizzare l’ambiente intorno a me, che non riconosco. L’oscurità ha assorbito metà della mia vista, e nulla di quel che vedo ha senso.
Sto morendo, credo, e non so neanche chi sono.
Il film della mia vita scorre al contrario, lentamente.
Ora sono in piedi, la donna allontana le braccia dalla mia testa e schegge di vetro si ricompongono in un’immagine tra le sue mani. E’ la mia laurea, i ricordi affiorano, sono un medico. La donna riappende la cornice sul muro, e mi guarda con odio. Io urlo dal dolore, la sua mano insanguinata estrae un bisturi dal mio occhio sinistro, e il mio campo visivo torna intero. Ora riconosco la donna, è una mia paziente, è stata spogliata, e trema. Io ho i pantaloni abbassati, purtroppo.
Mi ritrovo ancora sul pavimento, e merito di morire.

Avatar utente
Conrad
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 10/02/2011, 18:42
Località: Nulla assoluto
Contatta:

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Conrad » 24/10/2012, 23:27

Vedimi! Sfidami!

Mi vedi?
Guardami!
Conosci la sensazione di morire asfissiato? Quando ti immergi per lungo tempo in acqua e i polmoni ti incendiano il petto. Quando sembra che la testa esploda come un palloncino e non riesci a pensare più a niente, vuoi solo aria, aria e aria.
Questo sentirai con le mie mani strette attorno al collo. Ti farò schizzare gli occhi fuori dalle orbite fino a che non implorai una misera briciola della tua preziosa aria.
Ti darò pugni e calci sullo stomaco, ti ridurrò la faccia in modo tale che i tuoi amici inizieranno a chiamarti E.T. Ti spezzerò braccia e gambe e mi divertirò a farti assumere tutte le forme dei mattoncini del Tetris.
Ti scuoierò con un pelapatate.
Alla fine, di te, non resterà che un patetico ammasso informe. E con questo non voglio escludere che tu già non lo sia.
Ricorda quello che ti farò. Pesa bene la tua prossima scelta. Questo è solo parte di ciò che succederà se deciderai di non farmi passare la prima selezione.
Ricorda!
Mi sfidi?
Il mio Big Bang sarà anche il vostro!

John Charles
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 22/10/2012, 12:20
info in lavorazione

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da John Charles » 25/10/2012, 12:26

Libera.

A fine anni sessanta era quasi un’eresia non fare musica. Gli adolescenti di allora dovevano far parte di una band.
Io non avevo mai preso in mano uno strumento e decisi che bisognava inventarsi qualcosa per non finire a trascorrere i pomeriggi in compagnia di un vecchio flipper. Dovetti scegliere cosa imparare a suonare e optai per le percussioni, ritenendole semplici in quanto liberi da accordi e giri armonici a me sconosciuti. Coinvolsi due amici, pseudo musicisti, chiedendo loro di insegnarmi qualcosa e tediai mio padre fino a fornirmi la somma necessaria all’acquisto di una batteria usata.
Violentando una vecchia radio a valvole riuscimmo a trasformarla in un rudimentale amplificatore, gracchiante con le note più grevi ma sufficiente a dare voce al misero microfono di un registratore “Geloso” nel quale convogliare le note degli strumenti e la voce di un sedicente cantante.
Alla fine riuscimmo a fondare il nostro gruppo, ma non diventammo l’alternativa ai Beatles!
La musica la devi avere dentro, nell’anima, non basta seguire la moda, possedere una chitarra o una tastiera ed eseguirla grazie a faticose, noiose e interminabili ripetizioni.
Devi lasciarla libera, se è davvero parte di te.

Avatar utente
Morgana Bart
Apprendista
Messaggi: 185
Iscritto il: 25/06/2011, 20:44

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2011
diventa anche tu un sostenitore!

Re: W Factor - 1a fase

Messaggio da leggere da Morgana Bart » 25/10/2012, 23:30

La palazzina di via dei Tigli.

— Cosa fai, stai dormendo?
Gaia si stropiccia gli occhi, non risponde.
— Allora? — ripete Antonio, attento alla guida.
— Il ferro da stiro, l'ho lasciato acceso. Dobbiamo tornare a casa.
— Ci risiamo, di nuovo le tue ossessioni. Non è possibile e lo sai — la zittisce.
Gaia non risponde, prende tempo.
— So che hai una relazione con Eva — dice piano.
Antonio rallenta, si ferma. L'autostrada è deserta, a quell'ora di notte.
— Scendi.
— Cosa? — risponde Gaia spaventata.
— Saranno un paio di chilometri, poi c'é l'imbocco per l'autogrill, ti aspetto là. Spero che l'aria fresca ti faccia bene.
Gaia scende dall'auto e comincia a camminare. Non esiste nessuna relazione, dice a se stessa, così come non esiste nessun ferro da stiro acceso.

Una scintilla. Un'altra. La palazzina di via dei Tigli prende fuoco all'improvviso, mentre Gaia, a duecento chilometri di distanza, raggiunge Antonio nel parcheggio dell'autogrill.
Immagine

Immagine

Rispondi

Torna a “Edizione 2013”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite