Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Pubblicazioni speciali, ebook, riviste, iniziative, news e quant'altro dal mondo dell'editoria in genere.
Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8476
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 25/10/2012, 8:10

Quando vado a spulciare i siti degli editori che non conosco, troppo spesso mi imbatto in questo tipo di affermazioni:

Pubblichiamo solo opere inedite e che non siano neppure state auto-prodotte.

Perché non accettare libri che un autore ha auto-prodotto?
In fin dei conti, la stragrande maggioranza degli autori esordienti venderà in quel modo al massimo una cinquantina di copie. Ma anche se l'autore fosse così bravo e intraprendente da riuscire a venderne di più, dal punto di vista editoriale potrebbe essere un'opera migliore di un dattiloscritto mai fatto leggere a nessuno, no? Grazie alle segnalazioni di qualche lettore, infatti, l'opera potrebbe essere già stata revisionata e migliorata, e dunque resa più appetibile per un'eventuale pubblicazione con un editore ufficiale.
Se qualche editore avrà la bontà di illuminarmi su questo aspetto, gliene sarò grato sin da ora.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Cmt
Terza pagina
Messaggi: 604
Iscritto il: 28/01/2009, 19:27

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2011
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Cmt » 25/10/2012, 8:46

Be', non mi sento di dargli torto, dopotutto un'opera autoprodotta comunque non è inedita, e il più delle volte resta disponibile su POD molto a lungo, col risultato che si potrebbe fare concorrenza da sola (normalmente, è vero, venderà poco, ma una volta pubblicata avrà un supporto, si spera, che potrebbe attirare lettori anche sulla versione iniziale).

Va anche detto che, per come la vedo io, l'autoproduzione è o una scelta precisa (non voglio cercare un editore e - per qualsivoglia ragione - il mio solo interesse è autoprodurre) o un rifugio per un'opera che nessuno ha voluto prendere in considerazione (nel qual caso è stata già proposta e scartata). In entrambi i casi, non vedo la logica di presentarla o ripresentarla a un editore.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8476
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 25/10/2012, 8:57

Cmt, se un editore ti pubblica, penso venga da sé che togli il libro dal POD, no? Forse sei anche obbligato dall'editore stesso (giustamente).
Per la seconda parte della tua risposta: sta all'editore, poi, valutare l'opera, ovviamente. Non ho affatto affermato che l'autoproduzione sia per forza un capolavoro pubblicabile a occhi chiusi, ma che certamente può essere migliore stilisticamente e dal punto di vista di correzione dei refusi rispetto a un dattiloscritto totalmente inedito e mai fatto leggere. Ecco perché, a mio avviso, potrebbe/dovrebbe essere anche più interessante per un editore.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Skyla74
Livellatrice
Messaggi: 343
Iscritto il: 15/09/2010, 8:22
Contatta:

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Skyla74 » 25/10/2012, 10:47

Beh è semplice, ragionando col portafogli al posto del cuore. (sigh)
La maggior parte degli editori conta nel circuito distributivo-promozionale dell'autore stesso ovvero: amici e parenti, catene di lettura facebook, give away ecc.
Se l'autore si è già autopubblicato, il circuito è bello che saturo. Quanti degli amici-parentopoli-popolo facebook comprerà di nuovo l'opera? Il che significa... un sacco di vendite in meno.
Nella fattispecie delle piccole case editrici la situazione è ancor più drammatica, visto che la maggior parte delle vendite la totalizzano proprio grazie all'autore.

E' una cosa di cui tenere conto quando si sceglie la via dell'autopubblicazione: salvo casi di eccezionale successo di vendite del libro autopubblicato (che come tutte le cose eccezionali sono rari), nessun editore ti prenderà più in considerazione.
Le paranoie limitano la vita.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8476
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 25/10/2012, 14:02

Vabè, se un editore punta alla ristretta cerchia delle parentele e degli amici, allora non è un editore, è uno stampatore.
Se un editore è bravo, ma bravo bravo, e volenteroso e ci sa davvero fare, sceglierà poche opere ma buone, quelle che potrebbero andare oltre quella ristretta cerchia.
E' un rischio, certo, ma è anche il SUO lavoro, diamine!
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Tuarag
Terza pagina
Messaggi: 619
Iscritto il: 23/05/2011, 15:55

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Tuarag » 25/10/2012, 14:09

Io credo sia solo un ulteriore pretesto per scoraggiare l'invio dei manoscritti che ogni giorno recapitano ai loro indirizzi.
Come spiegare, altrimenti, la corsa delle grandi Case Editrici per accaparrarsi il titolo che ha già ottenuto un buon successo, pur essendo stato già pubblicato da un Editore minore?
Mac Guffin is the door but not the key.
Tuarag

Avatar utente
Skyla74
Livellatrice
Messaggi: 343
Iscritto il: 15/09/2010, 8:22
Contatta:

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Skyla74 » 25/10/2012, 14:34

Massimo Baglione ha scritto:Vabè, se un editore punta alla ristretta cerchia delle parentele e degli amici, allora non è un editore, è uno stampatore.
Se un editore è bravo, ma bravo bravo, e volenteroso e ci sa davvero fare, sceglierà poche opere ma buone, quelle che potrebbero andare oltre quella ristretta cerchia.
E' un rischio, certo, ma è anche il SUO lavoro, diamine!
Se ne trovi uno di questi virtuosi che si fa carico di un esordiente, già autopubblicato, senza chiedergli alcun contributo alla pubblicazione, nè di acquistare copie, non hai che da condividere.
Ne sarei felice, non solo per te, ma anche per tutto il desolante panorama editoriale (ovviamente parlo sempre di noi esordienti) :-)
Le paranoie limitano la vita.

Avatar utente
Skyla74
Livellatrice
Messaggi: 343
Iscritto il: 15/09/2010, 8:22
Contatta:

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Skyla74 » 25/10/2012, 14:37

Tuarag ha scritto:Come spiegare, altrimenti, la corsa delle grandi Case Editrici per accaparrarsi il titolo che ha già ottenuto un buon successo, pur essendo stato già pubblicato da un Editore minore?
Questa mi giunge nuova... esempi? :shock:
Le paranoie limitano la vita.

Avatar utente
Tuarag
Terza pagina
Messaggi: 619
Iscritto il: 23/05/2011, 15:55

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Tuarag » 25/10/2012, 15:06

Uno per tutti: Il codice da Vinci.
Mac Guffin is the door but not the key.
Tuarag

Avatar utente
Skyla74
Livellatrice
Messaggi: 343
Iscritto il: 15/09/2010, 8:22
Contatta:

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Skyla74 » 25/10/2012, 15:16

Tuarag ha scritto:Uno per tutti: Il codice da Vinci.
A me risulta che la Mondadori nel 2004 ha comprato i diritti direttamente dall'editore straniero (mi hai incuriosito e sono andata a fare una piccola ricerca)... dici che era già stato pubblicato in Italia da una piccola casa editrice?
Mumble mumble :o
Le paranoie limitano la vita.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8476
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 25/10/2012, 15:28

Quello che afferma Tuarag è vero, infatti è il sogno di ogni piccolo editore che un proprio autore piaccia tantissimo al pubblico al punto da interessare le grandi case, perché i diritti gli vengono pagati bene.
E tutto ciò un po' avvalora la mia tesi iniziale.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Cmt
Terza pagina
Messaggi: 604
Iscritto il: 28/01/2009, 19:27

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2011
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Cmt » 25/10/2012, 15:35

Massimo Baglione ha scritto: Per la seconda parte della tua risposta: sta all'editore, poi, valutare l'opera, ovviamente. Non ho affatto affermato che l'autoproduzione sia per forza un capolavoro pubblicabile a occhi chiusi, ma che certamente può essere migliore stilisticamente e dal punto di vista di correzione dei refusi rispetto a un dattiloscritto totalmente inedito e mai fatto leggere. Ecco perché, a mio avviso, potrebbe/dovrebbe essere anche più interessante per un editore.
Era un'altra cosa quella che dicevo.
Ovvero che il libro autopubblicato:
- o non vuoi farlo pubblicare da altri
- o vorresti ma nessuno lo vuole
Nel primo caso, tu non lo presenti prorio a un editore, e il problema non si pone (né a te interessa se lo accetti o meno).
Nel secondo, se già X editori lo hanno cestinato, la probabilità che anch l'X+1 lo faccia è elevata, per cui ti dice a priori che non lo vuole e taglia la testa al toro.

Avatar utente
Tuarag
Terza pagina
Messaggi: 619
Iscritto il: 23/05/2011, 15:55

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Tuarag » 25/10/2012, 15:38

Ho abitato a Grado fino al 2003 (se non sbaglio sei di quelle parti) e acquistai a Gorizia una copia del libro. :roll:
Ma ci sono altri casi del genere (mi pare qualcosa di simile capitò anche con uno dei primi romanzi di John Grisham).
Del resto quando scade il contratto, per edizione o a termine, l'autore è libero di valutare altre offerte e ci sono stati casi in cui la Casa Editrice è stata disposta persino a pagare le previste penali.
Mac Guffin is the door but not the key.
Tuarag

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8476
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 25/10/2012, 15:51

Ah certo, Cmt, avevo inteso solo parzialmente :-)
Alle tue due possibilità, ne aggiungerei sicuramente una terza, che assieme alla tua prima è quella che potrebbe interessare agli editori:

- perché ti sei rotto le balle di cercare un editore e non ottenere risposte.

Io faccio parte di questa terza categoria.
E' troppo facile per gli editori affermare nel sito che "se non rispondiamo entro sei mesi significa che l'opera non ci interessa".
Diavolo, non vi interessa? E io come faccio a sapere se la mia opera è bella o no? Se non è conforme alla vostra linea editoriale o cosa? O se al momento di leggermi, l'editor ha mal di testa o è incazzato con qualcuno e mi scarta per automatismo? Se cestinarla o insistere?
Sei mesi dopo sei mesi, arrivo alla vecchiaia sperando che mi rispondano? Assurdo.
Ecco perché c'è quella terza categoria che non andrebbe sottovalutata.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Tuarag
Terza pagina
Messaggi: 619
Iscritto il: 23/05/2011, 15:55

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Tuarag » 25/10/2012, 15:52

@ Cmt. Quello che affermi è sostanzialmente corretto.
Esistono però anche casi che fanno riflettere.
Mi riferisco a un'attuale scrittrice di grande successo (con la quale abbiamo un amico in comune), che ha ricevuto diversi "No". Poi, una parentela acquisita le apre le porte di una grande Case Editrice... e boom! A tutt'oggi, un successo dietro l'altro.
Non discuto del successo (se il pubblico lo decreta vuol dire che il lavoro piace) ma dei "No" ricevuti in precedenza.
Mac Guffin is the door but not the key.
Tuarag

Avatar utente
Tuarag
Terza pagina
Messaggi: 619
Iscritto il: 23/05/2011, 15:55

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
Sostenitore 2017 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Tuarag » 25/10/2012, 15:53

Massimo Baglione ha scritto:- perché ti sei rotto le balle di cercare un editore e non ottenere risposte.

Io faccio parte di questa terza categoria.
Siamo già in due! :evil:
Mac Guffin is the door but not the key.
Tuarag

Avatar utente
Recenso
Necrologista
Messaggi: 211
Iscritto il: 14/09/2011, 12:59
Località: Provincia di Napoli
Contatta:

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Recenso » 26/10/2012, 1:25

C'è anche un quarto motivo: per partecipare al concorso de La Feltrinelli, Il mio esordio, bisognava pubblicare il libro su Ilmiolibro. Nel caso del libro di cui mi sono occupata per conto terzi la ragione era quella.

Essenzialmente, credo che gli editori rifuggano i poddati perché già hanno la puzza sotto il naso verso gli esordienti, poi sono anche poco lungimiranti. Non hanno capito che più l'autopubblicazione sarà semplice e immediata, più diventerà probabile che un best seller si nasconda lì. Tutte le case editrici, soprattutto le grosse, dovrebbero avere un redattore che cerchi i libri papabili, ma poi alla fine se non sei tu a spedirglielo...

"50 sfumature di grigio", il best seller erotico del momento, era nato sul web. Solo dopo è diventato un libro. E mi sembra che l'abbia pubblicato un piccolo editore australiano, che a quanto pare è stato più bravo delle grosse case editrici, le quali invece si pongono isolate nel loro olimpo, convinte che il best seller gli arriverà in bocca. Poi piangono perché vendono poco.

Quando mi è capitato di parlarci, ho chiesto mille volte perché a un autore non converrebbe l'autopubblicazione: mi hanno risposto per enigmi.
Secondo me è una semplice posa. Sanno benissimo che non potrebbero mai promettere all'autore le stesse percentuali che offrono i pod, così scoraggiano a monte.
Immagine
La mia vetrina autore: https://www.braviautori.com/vetrine/recenso/
Recensioni à Go Go: https://www.recensioniagogo.com
E adesso parlo io!: https://valeriabarbera.wordpress.com

Digital Foolish - Dementi Digitali: https://www.digitalfoolish.com

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8476
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

*
è tra i primi 10!
dal 2007 (profili visti)
dal 2007 (recensori)
dal 2007 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 26/10/2012, 8:26

Recenso ha scritto:C'è anche un quarto motivo: per partecipare al concorso de La Feltrinelli, Il mio esordio, bisognava pubblicare il libro su Ilmiolibro.
E' vero, l'avevo dimenticato!
Essenzialmente, credo che gli editori rifuggano i poddati perché...
:smt005 PODDATI! ehehe, bella definizione!
Siamo una categoria a parte: i poddati. Mi piace. Posso rubartela?
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Recenso
Necrologista
Messaggi: 211
Iscritto il: 14/09/2011, 12:59
Località: Provincia di Napoli
Contatta:

Re: Editori: non pubblichiamo opere già autoprodotte

Messaggio da leggere da Recenso » 26/10/2012, 16:08

Ma certo, Massimo :)
Immagine
La mia vetrina autore: https://www.braviautori.com/vetrine/recenso/
Recensioni à Go Go: https://www.recensioniagogo.com
E adesso parlo io!: https://valeriabarbera.wordpress.com

Digital Foolish - Dementi Digitali: https://www.digitalfoolish.com

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti