phone
 1   2   3   4   5   6 
 
Benvenuto!
Mon 23 October [23/8/10 nw EB ]

logo
 
ore: 0:53:41

qr code
*
è tra i primi 10!
dal 2007 (opere commentate)

Condividi nei social-network:
Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

Condividi in siti e blog


Elenco Tag dell'opera
maestra (5) , scuola (22) , rabbia (13)





Autore di quest'opera:


avatar di SimonePasini
nw SimonePasini





La bacchetta

(narrativa, breve)
2,443 visite dal 17/07/2010, l'ultima volta: 1 settimane fa.
Clicca qui se vuoi vedere tutte le opere del sito, altrimenti vai a Narrativa .
Per scrivere un commento, vedi sotto. Se vuoi pubblicare una tua opera, clicca qui.
Descrizione: Breve racconto che narra dei miei primi giorni di scuola, in prima elementare, e delle bacchettate della maestra.
Incipit: Quello che sto per scrivere è uno dei primi ricordi lucidi che ho nella mia testa. Fa parte del passato di un bambino tutto sommato normale, un po' scontroso e poco gestibile, ma senza dubbio buono e intelligente. Nella mia vecchia scuola elementare c'era una maestra che...
La bacchetta
la-bacchetta.odt
(28,24 KB)
Tempo di lettura: meno di 5 minuti.
voce
(se il testo si vede male,
clicca sull'icona del documento)
La bacchetta
la-bacchetta.pdf
(57,32 KB)
Tempo di lettura: meno di 5 minuti.
voce
(se il testo si vede male,
clicca sull'icona del documento)

nw entità in quest'opera: nessuna.
up torna su - recensioni - opere correlate -

Recensioni: 14 di visitatori, 19 totali.

Recensisci nw un'opera a caso .

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
risposta dell'autore, data 20/07/2016
Io la penso esattamente come te circa i racconti autobiografici ehehe
Grazie per il lungo e piacevole commento
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 14, data 20/07/2016
Devo essere onesto. Sono arrivato su questo racconto grazie alle impeccabili funzionalità del nostro forum che me lo hanno segnalato tra i primi dieci. Poi ho letto la descrizione: "Oh No, un racconto autobiografico" ho pensato. In genere, non sono un amante dei racconti autobiografici anche se devo riconoscere che ce ne sono di lodevoli. Non prediligo neanche racconti in cui si avverte esplicitamente che dietro il PG o il narratore ci sia l'autore. Insomma, sarà un mio tarlo che ancora non scaccio dagli angoli più bui della mia psiche, ma non mi piace essere toccato dall'autore. E' un po' come i camei di Hitchcock nei suoi film, mi ricordano che dopo tutto è solo un film (anche se poi A. H. te lo fa subito dimenticare...). In questo racconto, Massimo è stato capace di farmi dimenticare che quel bambino fosse auto-referenziale. Ho trovato brillante l'idea di non ricordare il match con la maestra e di farselo invece raccontare dal cugino, e ho pensato "quanto scrive bene Massimo!". Il racconto va giù liscio, avvincente e esilarante, e con un bellissimo messaggio finale. Ringrazio Massimo per avermi regalato una piacevole pausa dal lavoro.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
risposta dell'autore, data 17/10/2015
eh, che bei tempi!
Ogni tanto ripasso d'avanti a quella scuola elementare. Ora è diventata una specie di centro sociale per giovani.
Il pioppo non c'è più.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 13, data 17/10/2015
Forse perchè io sono nata e vissuta in una grande città, ma gia alle mie elementari la bacchetta non esisteva più, certo, le maestre erano molto rigide molto severe e ti " mettevano in castigo dietro la lavagna", ma la bacchetta nella mia scuola fortunatamente non esisteva più. Comunque questo racconto di vita è molto carino, L'insegnate rigidissima che poi viene espulsa dalla scuola, perchè un nano si ribella è veramente incedibile. Ottimo.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
risposta dell'autore, data 04/11/2013
La mia nuova arma, adesso, è il pulsantino magico che banna gli utenti ahahah
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 12, data 04/11/2013
Ubi maior, minor cessat.
Ah ah ah ah certo che se un pivello di 6 anni ha messo in fuga (definitivamente da quanto ho capito) una maestra "carrozziere", d'ora in avanti c'è da aver paura a postare qualcosa senza prima averlo riletto 20 volte più del necessario:
quel moccioso di 6 anni adesso è cresciuto e al posto del righello, chissà  quale altra arma contundente potrebbe usare in caso di strafalcioni.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
risposta dell'autore, data 04/11/2013
L'hai detto, Eliseo!
Quel giorno me lo ricordo come fosse oggi.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 11, data 04/11/2013
Racconto ben scritto e molto sentito. Caparbia la stesura in grado di trasmettere i pensieri di un bambino. Questo episodio evidentemente ti ha segnato molto tant'è vero che non l'hai scritto tu ma il bambino che è dentro di te e che ha vissuto la faccenda in modo del tutto particolare. Gli sono venuti i "5 minuti" e da bambino buono intelligente si è trasformato in un mostro verde incazzato e privo di parola.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 10, data 23/09/2010
Peccato che un racconto del genere, così semplice nella sua tersa e scorrevole prosa, non si trovi stampato in uno di quei tanti noiosissimi libri adottati dalle scuole elementari e (perchè no) anche medie. I giovani e inesperti studenti masticano ancora poco la lingua italiana e passano gran parte del tempo della lettura a ricercare nelle numerose note in fondo alla pagina il significato oscuro di tante parolone difficili. In questa ricerca di chiarezza inevitabilmente interrompono la continuità  della storia e alla fine ci hanno capito ben poco. La bacchetta del racconto diventa simbolicamente uno strumento di potere ma non di consenso. Un bambino che mal sopporta le punizioni fisiche, dotato di un temperamento ribelle che emerge in uno stato di rabbia che lo fa quasi "uscire" da se stesso, darà  alla maestra la lezione che merita. Bello il confronto della maestra "bacchettaria" con la sostituta che arriva. Lei non avrà  bisogno di usare la silenziosa e dolorosa bacchetta. Per arrivare al cuore di un bambino basta la benevolenza e la capacità  di ascolto. E avrà  dato un vero insegnamento di relazione che non si dimentica più.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:

Dino
Recensione # 9, data 19/07/2010
"un bambino tutto sommato normale, un po' scontroso e poco gestibile, ma senza dubbio buono e intelligente."
Fortuna che si trattava di un bambino "Buono" sennò che avrebbe fatto? avrebbe messo una bomba? E poi come lo avvrebbero chiamato? Max lo sterminatore?ah,ah! Fuori dalla scherzo, è una fortuna che certi metodi educativi siano stati abbandonati: ricordo ancora uno schiaffo terribile che il mio professore di latino mi assestò per il semplice motivo che non avevo ancora scritto i compiti da fare sul diario. Eppure ero tra i primi della classe. mah! tempi nuovi per fortuna e Max ci ci ha riportati indietro di molti anni, quando le cose andavano diversamente.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
risposta dell'autore, data 17/07/2010
L'opera è stata aggiornata, corretta e reimpaginata.
Buona lettura!
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:

Pia
Recensione # 8, data 29/03/2009
Bravo Max, hai fatto tuo il detto "quello che non ti uccide ti fortifica", per fortuna questo tipo di maestre non esiste più, ma, per contro, c'è la tendenza inversa altrettanto deprecabile: adesso le maestre (i docenti in genere) sono costretti a subire la maleducazione degli allievi. Mi viene quasi da pensare che "stavamo meglio quando stavamo peggio" Smile)
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:

AldaTV
Recensione # 7, data 28/03/2009
La maestra che bacchetta, lascia segni indelebili e lezioni di vita che a volte forse si riproducono incosciamente "bacchettando" senza la possibilità  di interazione il prossimo.
Lasciano danni queste maestre, rovinano se non si è abbastanza forti a superare gli asti nascosti che spesso conducono i "docet" a sopprimere... Accade ancora oggi nella vita tristemente questo sfacelo di non interazione nella convinzione di essere nel giusto, dove la parola scusa spesso viene dimenticata.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 6, data 25/06/2008
Gran bello spaccato dei tuoi ricordi Max. La cosa del black-out mi ricorda il film "The Butterfly Effect". Non è che un giorno tornerai indietro nel tempo per cambiare quell'episodio della tua vita? Eheheh
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:

Michele
Recensione # 5, data 05/06/2008
E bravo Max la belva! Ma da dove sbucava quella maestra: era uno degli alieni dei Men in Black?Smile
Bel frammento pescato dagli impagabili ricordi d'infanzia. Non posso non riscontrare delle analogie: io c'avevo una suora con la barba (da qui il mio anticlericalismo) che usava una bacchetta talmente lunga da raggiungere l'ultimo banco. Quanti ricordi!
Solo una sfumatura; quando dici "Era l'albero più grosso che avessi mai visto prima" secondo me quel "prima" non ci vuole. E mò incazzati, voglio proprio vedè!
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 4, data 04/06/2008
Max sei grande!! mi hai rimandato nel passato a ricordare cose ormai così lontane, ho rivisto il mio maestro, Ignazio si chiamava, ricordo ancora il suo volto molto chiaramente, siciliano, occhi celesti, baffi, e sempre con il sorriso, me ne ha insegnate di cose, eppure lui era uno con la bacchetta, ancora me lo ricordo: chi mi porta una bacchetta per indicare le regioni sulla cartina? indovina chi l'ha portata? e indovina chi l'ha provata per primo? e il fiocco sempre sciolto? lui me lo rifaceva e poi mi dava uno schiaffo quando me lo meritavo. Mi voleva bene, ricordo i suoi occhi piangenti, quando all'esame di quinta si separò da noi. Mi sembrò di perdere un padre quando seppi della sua morte. Bravo Max, tu le cose le racconti davvero bene.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:

Bonnie
Recensione # 3, data 04/06/2008
La verità  è che.. nessun bambino nasce belva, questo ti ha insegnato la nuova maestra Max
Io.. della mia ho un felice ricordo, nemmeno tanto lontano, qualche anno fà  abbiamo fatto una cena, c'eravamo quasi tutti
Toscana.. con la madre poetessa.. il pomeriggio era dedicato ad attività  extra ..musica, pittura, teatro, penso di dovere a lei questo mio continuo bisogno di.. creare
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:

Taniole
Recensione # 2, data 04/06/2008
Grazie!!!...sei riuscito a farmi piangere.
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot

recensore:
avatar di SimonePasini
nw SimonePasini
Recensione # 1, data 04/06/2008
Ancora una storia capace di riportarci indietro nel tempo.
Zaini, astucci, le scarpe ortopediche, i grembiuli con il fiocco.
E le Maestre.
ah, la mia maestra, lei non usava la bacchetta ma una piccolo fastidiosissimo campanello. Una tortura acustica per arginare la nostra esuberanza.
Ci sarebbe voluto Max la belva!
condividi l'opera usando questa recensione: Segnala su FacebookSegnala su TwitterSegnala su Blogspot



(Licenza di default del sito)
Licenza Creative Commons
La bacchetta di Massimo Baglione è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.

(nw Clicca qui per info sulla protezione delle opere.)

up torna su - recensioni - opere correlate -
Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
txt
nw Il poeta maestro  (narrativa, brevissimo) di Angelocataldo
(tags: grido (3) , maestro (6) , montagna (22) , scuola (22) , poeta (11) )



txt
nw Una maestra severa  (biografia, breve) di Scrittore 97
(tags: severità (1) , maestra (5) )



odt
nw Scuola di "barboneria"  (narrativa, medio) di Eddie1969
(tags: barbone (4) , scuola (22) , senzatetto (1) , maestro (6) )



txt
nw Buongiorno Maestro  (erotico, breve) di Allie Walker
(tags: buongiorno (1) , maestro (6) , letto (6) )



doc
nw Regola per sopravvivere  (narrativa, breve) di Piero Macrelli
(tags: morte (123) , scuola (22) , scrittura (6) )



doc
nw Poesia. Unità di misura  (narrativa, brevissimo) di Paolo Maccallini
(tags: fisica (14) , scuola (22) , ricordo (91) )



doc
nw La rivolta dei segnali stradali  (teatro, medio) di Maestrairrequieta
(tags: educazione stradale (1) , segnali stradali (1) , strada (16) , scuola (22) )



doc
nw Il portafoglio  (teatro, breve) di Maestrairrequieta
(tags: legalità (4) , scuola (22) , soldi (8) )



Elencate 10 relazioni su 36 -
 

Utenti iscritti che hanno visitato questa opera

up torna su - recensioni - opere correlate -
L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista una delle nostre Pubblicazioni. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .
Grazie, e buon lavoro!

Aruba.it
Creative Commons
PhpBB3

Sito ottimizzato per risoluzioni da 1024x768 a 1280x1024.
Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)

ti suggeriamo caldamente di usare il browser Firefox!

Pagina caricata in 0,32 secondi.


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 17.0921

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

Paolo Dolci, for his help in characters encoding
and
all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

Contatti e informazioni

© 2006-2017
All rights reserved

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB




FaceBookTwitterForumLuluAmazonBlogger
Feed RSS