Gara 63 - Bando e racconti

Questa è la sezione dove sia i nuovi arrivati che i veterani possono partecipare alle nostre Gare letterarie periodiche. La partecipazione è libera e gratuita, l'importante è avere voglia di mettersi alla prova, conoscere gli altri autori e migliorarsi a vicenda. Il vincitore di ogni Gara dovrà/potrà organizzare la Gara successiva. Ogni Gara sarà pubblicata in E-Book gratuiti e liberamente scaricabili.
Mettiti alla prova!

Moderatori: Alessandro Napolitano, Massimo Baglione, Lodovico

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 135
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57
Contatta:
 attività 

Gara 63 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Ida Dainese » 12/03/2017, 1:06

Stazione_di_Genga.jpg
Un saluto a tutti!

Ecco a voi il tema per la Gara 63: TRENI E STAZIONI

Nel racconto devono essere presenti entrambi, va bene anche un accenno.
Potete parlare di piccoli viaggi (in partenza e in arrivo), di odissee di pendolari e mete di grandi viaggiatori.
Potete raccontare di quelli che si sono incontrati in un vagone, su un binario, al bar di una stazione e di quelli che si sono persi negli stessi luoghi, di chi guarda col naso al finestrino, oppure di chi attende in stazione e di chi cambia idea all’ultimo minuto.
Narrate di un vostro viaggio, di uno letto in un libro o visto in un film.
Scegliete ferrovie che rinascono per gli appassionati (https://www.societavenetaferrovie.it/chi-siamo/), treni del passato (Far West, tradotte militari) o stazioni del futuro (anche spaziali, se inventate i treni per raggiungerle).
Spero che troverete interessante tirar fuori una storia!

Vi ricordo il regolamento generale: viewtopic.php?f=80&t=2308
In breve:
Lunghezza massima del testo: 1000 parole o 6000 caratteri (spazi inclusi) con una tolleranza del 10%.
Ogni racconto dovrà essere corredato di un’immagine.
Chi partecipa alla gara e poi non commenta né vota gli altri racconti, sarà escluso.
Voti da 1 a 5, consentiti anche i tagli a mezzo (1,5 e così via fino al 5).
Sarà assegnato 1 voto in più al miglior commentatore.
I racconti postati non potranno più essere modificati se non a gara conclusa.

Potete postare i vostri racconti, con le immagini, su questa pagina dal 12 marzo 2017 fino alla mezzanotte del 23 aprile 2017.

Qui: viewtopic.php?f=80&t=5058 invece, potete commentare e votare a partire dal 24 aprile fino alla mezzanotte del 7 maggio.

I premi saranno:
1. L’onore e l’onere di organizzare la gara successiva.
2. Pubblicazione dei racconti in digitale, con il consueto e-book.
3. Un abbonamento di 10 euro grazie al quale saranno scaricabili gli ebook integrali (pdf o epub) delle nostre pubblicazioni cartacee (vedi post "I premi delle gare": viewtopic.php?f=80&t=2472).

Buon lavoro e grazie a tutti quelli che vorranno partecipare!

Ida :smt079
Immagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Mirtalastrega
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 25/04/2016, 18:59
Località: Verona
Contatta:

Re: Gara 63 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Mirtalastrega » 14/03/2017, 12:25

Immagine

Alla prossima scendo

07,30 Il treno lascia la stazione di Verona; nella carrozza attorno a me c'è parecchia gente, probabilmente pendolari e alcuni ragazzetti che hanno fatto “taglia” da scuola. Uno di questi ultimi sembra dimostrare qualche anno in più. Si gira a guardarmi e io deglutisco, distogliendo lo sguardo. Cosa diavolo sto facendo? La nocciolina che mi si è piantata in gola da due giorni sembra diventare una palla da tennis e tutta questa gente odora di umanità. Mi manca l'aria.
Mi passo una mano sulla fronte, e la ritraggo subito: non voglio rovinare il trucco che ho messo quaranta minuti a perfezionare. Sbuffo, frugo nella borsetta e afferro il mio smartphone. C'è un messaggio di Manu.
“Sei partita? Tutto bene? Il treno è in orario?”
Per quanto è ansioso, e preoccupato, potrebbe essere mio padre.
Peccato che, per la differenza di età, io potrei quasi essere sua madre. Tutto sta in quel quasi. Ci penso sempre. Ogni volta lo stesso calcolo: ho 29 anni, lui ne ha 19. Quindi tecnicamente non potrei in nessun modo essere essere sua madre. E sono solo 10 anni di differenza, non c'è nulla di male, gli uomini si sono sempre trovati delle tizie più giovani e nessuno ha mai battuto ciglio, e allora perché io mi faccio tutte queste paranoie, eh? Sbatto un pugno sul finestrino. La donna seduta davanti a me mi guarda, gli occhi sgranati. — Scusi — mormoro, stringendomi nelle spalle. — Sono un po' nervosa.
Lei non risponde.
Sono solo 10 anni, e poi io sono sempre stata un po' immatura, lui ne dimostra qualcuno in più... che problema c'è? A lui non importa. Il toy boy va di moda.
Anche la MILF va di moda. Sono una fallita anche come MILF perché prima di tutto non sono madre e poi non ho ancora l'età della MILF, al massimo sono una zitella in carriera (quella da zitella, mica altro).
Mi mordo un labbro pensando al mio lavoro precario, non potrei nemmeno permettermi un toy boy, e a momenti neppure questo viaggio.
08,15 Devo rispondergli. Guardo fuori, si sta avvicinando un'altra stazione e lì, sulla banchina, insieme ai pendolari che aspettano di salire, ci sono tutti i miei dubbi e le mie insicurezze. Spingono, si accalcano e una volta sul treno faranno a gara per farmi sentire il loro tanfo di disperazione.
Adesso gli rispondo che ho perso il treno, e a questa stazione scendo e torno indietro. Chiudo la storia. Intanto non ci siamo mai visti. Sono solo chat, telefonate, messaggini e scambi di fotografie. Non è niente.
Inizio a digitare: “Ho perso...” Ma non proseguo. Ho perso il coraggio, dovrei dirgli. Sai, Manu quel coraggio che tu stesso hai avuto quando mi hai detto che non ti importava della mia età? Ecco io non ce l'ho. Io non ho il coraggio di farmi vedere in giro con te per le vie di una città. Non avrò mai il coraggio di tenerti per mano, perché mi sembrerebbe di accompagnarti a scuola, e non ti bacerei mai in pubblico. Forse le rughe mangiano il coraggio, per quello tu ce l'hai e io no.
Stringo i denti. Sono solo paranoie. Sto esagerando come sempre. La stazione è passata, scivolata via come i miei vent'anni. Quelli che vorrei avere per vivere questa storia come vorrei. Ebbene sì: sono una cretina che a quasi trent'anni s'è presa una sbandata – via chat, mail, whatscazz e quant'altro – per un ragazzino. Però io di sbandate così non ne avevo mai prese, sono sempre stata in carreggiata, poche emozioni, pochi ragazzi, qualche uomo. Che poi uomo è una parola grossa, diciamo esseri di sesso maschile rivelatisi poi degli esseri mitologici metà stronzi e metà uomini. Invece lui è diverso è... è Manu e io devo avere le palle di incontrarlo e per sapere se...
08,35 “Sì, tutto a posto, sto arrivando.” digito.
Ti prego, fa' che non mi risponda con qualche parola con la k, penso alzando gli occhi al cielo.
Il cellulare vibra. “Okay, ke bello.”
Serro le mascelle e non gli rispondo. Alla prossima stazione scendo.
09,25 Ripenso a tutte le nostre chiacchierate, i panorami scivolano alla mia destra, non ci bado. Non avevo mai parlato così tanto con un uomo... un ragazzo (maledizione!) Di solito c'era sempre stato un flirtare mediocre con un epilogo scontato fra le lenzuola e poi una storia che andava via via spegnandosi. Con Manu invece è diverso, a volte penso che mi conosca meglio di me, e io che io conosca lui come mai nessun altro. Ma devo perdermi l'occasione di incontrarlo, per vedere come va, solo perché sono una cagasotto con idee antiquate?
La stazione passa, io non scendo, e il cellulare vibra. “Non farti venire dei dubbi, ne abbiamo già parlato!”
Mi si stringe lo stomaco. Mi conosce fin troppo bene. Non vedo l'ora di vederlo. I suoi occhi azzurri, quel suo mezzo sorrisino, la sua espressione in bilico fra una risata e una smorfia.
Quella che ho visto solo in foto o in video chat.
Mi guardo i jeans sdruciti messi apposta per dimostrare qualche anno in meno, che stupidaggine. Oddio, no, non posso farlo.
Alla prossima scendo e torno indietro.
10,15 Ho cambiato treno (e anche di nuovo idea). Sì, andrò da lui. Lo vedrò e non sarà più solo un flirtare più o meno spinto, sapremo come stanno davvero le cose. Gli ho risposto: “Stai tranquillo. Io, se dico una cosa, la faccio!”
Eh, non posso anche sembrargli una cagasotto indecisa. Ci andrò, anche solo per dimostrargli(mi) che sono una (semiMILF) di parola.
11,55 Abbiamo superato altre stazioni. Devo farlo: le stazioni passano e se ne vanno come le occasioni perdute. Fuori dal finestrino, in lontananza si vedono casupole isolate. Tamburello con un piede, nervosa. Scommetto che quei bastardi che abitano in quelle casupole non hanno problemi come i miei, perché non si sono cacciati in un pasticcio simile: sono dei bastardi assennati. Se i miei amici scoprissero che ho una mezza storia con un ragazzino mi prenderebbero per il fondelli a vita. Poi individuo il mio viso riflesso nel vetro e sgrano gli occhi. DA DOVE VENGONO QUELLE RUGHE?! Nello specchio, stamattina, non c'erano. Fra un'ora arriverò e non avrò Photoshop con cui ritoccarmi. Provo a fare la bocca a culo di gallina, come nei selfie, per vedere se il riflesso migliora. Mi sento osservata. Osservata e imbecille.
Alla prossima stazione scendo. Nel frattempo cerco di dormire così magari le rughe si spianano, non si sa mai...

22,55 L'ho fatto! Ci siamo incontrati e... ora sto tornando casa. La notte avvolge tutti i miei binari, e non c'è più giusto o sbagliato ma solo le emozioni. Guardo dal finestrino ma non vedo altro se non il ricordo dei suoi occhi tristi mentre mi salutava con la mano, in bocca ho ancora il sapore dei suoi baci. Alla prossima stazione scendo... e torno da lui!
Immagine
Immagine
Immagine

Avatar utente
Angela Catalini
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 27/11/2016, 14:33
Contatta:
 attività 

Re: Gara 63 - Bando e racconti

Messaggio da leggere da Angela Catalini » 17/03/2017, 23:09

Immagine

L'ultimo treno per Tola

Il comandante Pattinson, dopo aver inseguito una mosca per tutto l’ufficio, gli stampò addosso il codice militare rilegato in pelle di vitello. Quando lo rialzò, si accorse che aveva imbrattato una cartellina che non ricordava di avere mai visto. Sul frontespizio campeggiava una targhetta con la scritta “Tola”.
Chiamò il sergente Browny che stava lavorando nella stanza accanto e gli chiese se ne sapesse niente.
“Tola? Mi pare di ricordare qualcosa, ma non ne sono sicuro.” disse Browny.
“Bene, si informi e mi faccia sapere” ordinò il Comandante.
Il sergente si portò appresso il plico ingiallito e tornò poco dopo con una cartina e il sorriso di chi sta per sganciare una grana di quelle che tolgono il sonno. Srotolò la mappa sul tavolo e indicò un punto vicino alla Cordigliera delle Ande, in Cile.
“Tola, il buco più merdoso del mondo” esclamò.
“Browny, non faccia lo spiritoso. Cosa c’è in quel posto?”
“Nulla, signor Comandante. A parte il deserto, le miniere del salnitro, le montagne e ciò che resta della vecchia ferrovia.”
“Tola” ripeté Pattinson. “C’era forse un distaccamento di soldati in quel posto?”
“Signorsì, signor Comandante. C’era una guarnigione che controllava le miniere, ma cinquant’anni fa le truppe sono state ritirate e le miniere chiuse.”
“Perché la cartellina non è stata archiviata, Browny?”
Il sergente sorrise di nuovo e i baffi si stirarono conferendogli un’espressione sardonica. Prese un foglio all’interno della cartellina e lo passò al Comandante.
“Vede? Tutti i nomi sono stati barrati con una riga, perché ormai in congedo. Tutti tranne uno.”
Il Comandante Pattinson inforcò gli occhiali e fece scorrere il dito sulla lista.
“Victor Polanski. Chi diavolo è questo Polanski?” esclamò.
“Polanski è ciò che resta del reggimento che stazionava a Tola. Presumibilmente è ancora lì che presidia la stazione nel bel mezzo del nulla, signor Comandante.”
“Questa è una bella gatta da pelare” disse Pattinson. Se qualcuno era rimasto sepolto in un buco sudicio per così tanto tempo, ne avrebbe pagato le conseguenze.
Sarebbe bastata una riga per far sparire quel nome dall’elenco.
Una dannatissima lurida, insignificante riga.

*** *** ***

Francisco Fuentes era di buon umore quel giorno. Finalmente aveva ritirato la liquidazione e pagato i debiti di gioco. Si sentiva rinato: non avrebbe più visto gli scagnozzi di Alamar a ogni angolo e la notte avrebbe riposato senza sussultare al minimo rumore.
Comprò una confezione di cubani, frutta secca, legumi e qualche bottiglia di vino. Ogni mese andava a far visita al suo amico inglese nel pampino e gli portava un po’ di viveri e giornali. Una volta consegnava anche la posta, ma erano anni che Victor non riceveva nulla e le visite erano diventate un’abitudine consolidata nel tempo a cui Francisco non voleva rinunciare.
Durante il viaggio, ricordò il loro primo incontro, quando Victor se ne stava impettito con l’uniforme e il fucile spianato e non gli permetteva neppure di avvicinarsi. Con il tempo però, si era ammorbidito e aveva finito per imparare qualche parola di spagnolo e avevano condiviso le scorte di vodka proveniente dalla capitale e il mate che la moglie di Francisco preparava ogni giorno.
L’inglese gli piaceva perché era un sognatore, prima che un soldato. Se ne stava ore a lucidare la locomotiva e gli parlava con dolcezza, come se fosse una donna. Aveva costruito un capannone per proteggerla dalle tempeste di sabbia e quando era bel tempo, se ne stava lì seduto su una sedia sgangherata con la baionetta a tracolla a guardare il muso del treno che scintillava al sole. Qualche volta, si metteva a spazzare le rotaie e non smetteva fino alla sera, quando la temperatura scendeva di parecchi gradi e rischiava di gelare.
Francisco era sicuro che un giorno sarebbe andato a trovarlo e non lo avrebbe più trovato, perché gli inglesi erano tornati a prenderlo. Gli avrebbero dato una divisa nuova di zecca e magari una medaglia per gli anni di servizio impeccabile reso alla patria. Invece lo trovò sulla solita sedia incastrata tra i binari con la testa che ciondolava da un lato e un sigaro cubano tra le dita.
Lo seppellì vicino alla locomotiva che era stata la sua compagna per tutta la vita e poiché non sapeva scrivere, al posto del nome, tracciò una riga.
Il vento che veniva dalle montagne la cancellò e restò solo la baionetta puntata verso il cielo a indicare il luogo dove giaceva l’ultimo soldato di Tola.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine


Immagine

Avatar utente
Giorgio Leone
Pubblicista
Messaggi: 80
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio
Contatta:
 attività 
scheda autore
*
Sostenitore 2016 (+2) (info)

gare: 10, antologie: 7

The Midnight Special

Messaggio da leggere da Giorgio Leone » 18/03/2017, 14:31

Immagine treno.jpg
Due guardie aprirono il cancello di ferro del penitenziario ed entrò un bus giallo, che sembrava uno di quelli scolastici e probabilmente lo era stato. Salimmo a bordo: eravamo undici detenuti sorvegliati da cinque guardie armate, oltre l’autista che teneva il fucile in una custodia. Indossavamo vistose uniformi arancione e, a causa dei i ceppi alle caviglie, più che camminare sembravamo danzare come ballerini con le emorroidi: per salire sul veicolo, fummo costretti a fare due salti sulla scaletta tenendo i piedi uniti.
Il bus si diresse a sud seguendo la statale che costeggiava i binari della ferrovia: ancora treni e stazioni, pensai, era così sin da quando ero bambino e giocavo dentro i vagoni sui binari morti. Mio padre era il capostazione del posto, almeno quando non era troppo ubriaco. Dopo che l’avevano ucciso, avevo cominciato a muovermi su e giù per gli States, salendo e scendendo dai treni merci come si faceva a quell'epoca; fermandomi da qualche parte solo quanto bastava a mettermi nei guai, per poi partire di nuovo. Sino a quando gli sbirri mi avevano beccato.
Passammo dalla stazione dove ero arrivato il giorno prima su una tradotta a vapore: aveva una banchina ridicola e, da quanto potevo capire, serviva soprattutto a caricare i cereali stivati negli enormi silos adiacenti. Seguimmo la strada carrozzabile sino a che svoltò a ovest attraversando i binari, mentre noi proseguimmo su uno sterrato arrivando a un terrapieno. Scendere fu un sollievo perché, anche se era presto, il caldo soffocante della Lousiana non concedeva già tregua; per non parlare della puzza di sudore, orina e chissà che altro che aleggiava all'interno, nonostante i finestrini aperti.
Avevo avuto tutto il tempo per osservare i miei compagni di viaggio. I detenuti, tranne un piccoletto con gli occhiali, erano molto muscolosi e pieni di tatuaggi, mentre solo io ero magro e ben proporzionato. I secondini, invece, erano corpulenti, con i bottoni delle uniformi sottoposti a grandi pressioni: comunque tutti, guardie e ladri, lasciavano trasparire dagli occhi crudeltà e rabbia repressa.
Ci fu gettato un mazzo di chiavi insieme all'ordine di liberarci a vicenda e a un avvertimento per me.
«Tu che sei nuovo: per lavorare devi essere libero, ma sappi che spariamo a vista a chi scappa. E se non ti facciamo secco noi, ci penserà qualche bravo cittadino per incassare la taglia.»
Quindi iniziammo. Dovevamo raccordare, per circa 200 metri, la vecchia linea ferroviaria a una nuova già posata, che andava verso le montagne. Il materiale era già lì e, in un paio d’ore, portammo a braccia le traversine e le rotaie sul terrapieno, mettendole in posizione senza però imbullonarle. Che strano! In tanti anni di treni e stazioni, non avevo mai visto come si stende una strada ferrata.
«Ce ne possiamo andare» disse una guardia «fra poco arriveranno i manovali e i tecnici della Southern Pacific a finire il lavoro. Questo pomeriggio scaverete un bel canale per l’irrigazione dei campi.»
Non ci vedevamo per la fame e divorammo una sbobba calda, rancida e puzzolente che avrebbe fatto vomitare un coyote. Aveva preparato tutto il piccoletto, che servì anche il pranzo ai secondini, ovviamente diverso: di sicuro aveva questi compiti perché non era abbastanza robusto per lavorare. Poi, mentre le guardie fumavano, un detenuto bianco iniziò a cantare accompagnandosi con un banjo. La canzone parlava proprio della vita in penitenziario e la descriveva molto bene, però il ritornello ripeteva qualcosa di strano: “Lascia che il Midnight Special / faccia splendere una luce su di me”.
Il piccoletto con gli occhiali si sedette vicino e mi rivolse la parola mentre un nero enorme, accucciato a pochi passi, mi guardava fisso.
«Questo pezzo, lo conosci? No? Beh, non parla di una prigione qualunque, ma della nostra, e il Midnight Special è il treno passeggeri che passa di qui ogni notte senza fermarsi. La canzone dice che sarai un uomo libero se la sua luce rischiarerà l’interno della tua cella.»
«Non è possibile, c’è il muro di cinta!» replicai. Sin da bambino tutti non avevano fatto altro che dirmi che ero scemo, ma non sino a questo punto.
«Già, ma in determinate condizioni può verificarsi un raro fenomeno di rifrazione.»
«Qualunque cosa sia quello che hai detto, non ci credo.»
«Eppure, lo scorso dicembre “Gin” O'Connors ha visto la luce e il Governatore l’ha graziato. Due mesi fa è successo a “Sfranto” Miller e l’hanno liberato perché il vero colpevole ha confessato.»
«Allora, mi giuri che è tutto vero?»
«Non posso, è come per Gesù. Sei tu che devi crederci, è una faccenda personale! Ma una cosa te la posso dire: Midnight Special o no, in qualcosa devi credere, altrimenti non uscirai vivo di qui. In questo Stato ci sono più detenuti che piattole: siamo schiavi a costo quasi zero e ci spremono come limoni. Se non credi in niente, la speranza morirà dentro di te e la fatica ti ucciderà. Non ce la farai, ricordatelo!»
A questo punto intervenne il nero e quello che disse mi fece rabbrividire, anche se tutti sapevano come andavano le cose di sesso in galera.
«Il professore mente. C’è un altro modo per sopravvivere qua dentro: avere un amico potente che ti protegga dai soprusi e ti faccia avere i turni di lavoro migliori, anche se sicuramente vorrà qualcosa in cambio. Ad esempio, io sto proprio cercando un bel ragazzo che mi faccia divertire di notte…» e fece un gesto osceno.
Al tramonto, completamente distrutti, tornammo indietro avvolti da nugoli di zanzare. I secondini parlavano fra loro.
«Comunque, anche noi siamo prigionieri: in definitiva facciamo la stessa vita di questi stronzi.»
«Ma lei la sera se ne può tornare a casa, capo!» intervenne un detenuto.
«Parli così perché non conosci mia moglie e mia suocera. Dai retta a me, meglio la solitudine della tua cella dove puoi sempre sperare nel Midnight Special. Ancora per poco, però, perché fra una settimana non passerà più dal paese, ma devierà verso le montagne sul percorso che oggi avete contribuito a costruire. Risparmierà almeno mezz'ora.»
A quel punto il maledetto nero mi venne vicino, ansimante e bagnato di sudore acre.
«Così hai ancora pochi giorni per sperare nella luce, ragazzino. Ma se non ce la fai a uscire, ti verrò a trovare ogni notte e te lo farò vedere io, il Midnight Special! E a questo ci crederai di sicuro!»
Mentre si toccava proprio lì, iniziò a ridere sino quasi a strozzarsi. E sghignazzava ancora come un pazzo, con quella voce roca e schifosa, quando il bus entrò nel penitenziario. Poi il cancello si chiuse alle nostre spalle con un tonfo.
Immagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Patrizia Chini
Apprendista
Messaggi: 145
Iscritto il: 30/06/2013, 11:15
Contatta:

Rimpatriata

Messaggio da leggere da Patrizia Chini » 21/03/2017, 17:10

metro.jpg
metro.jpg (31.56 KiB) Visto 58 volte
Ero in ritardo come al solito e per questo scendevo velocemente le scale di accesso alla metro B di Roma cercando di non cadere scivolando sugli scalini resi viscidi dalla pioggia abbondante della notte.
Tra decine di utenti insonnoliti che si muovevano come automi nei due sensi di marcia, alla mia destra e alla mia sinistra, divorai in quattro salti la scala, lunga tanto da essere divisa da un pianerottolo a metà altezza e ripida tanto quanto basta a mettere in difficoltà chi come me soffre di vertigini.
Solo in fondo alla scala mi resi conto della mia bravata ma il gioco era fatto e ne era testimone quel battito accelerato del mio cuore dovuto più all’ansia di arrivare in ritardo e alla paura di cadere che alla fatica.
Mentre mi affannavo nella ricerca di un biglietto non usato tra i meandri scomposti della mia borsa in piena cercavo, per quel ritardo, una scusa plausibile da scodellare a Luciana, l’amica che mi aspettava e con la quale speravo di trascorrere qualche ora spensierata. Da saggia qual era mi ripeteva, preoccupandosi per la mia salute, di non trasformare un piccolo problema in un problema più grande aforisma che lei condensava nel consiglio affettuoso di non correre perchè “se si fa tardi non muore nessuno!”
La nostra amicizia era nata sui banchi di scuola alle superiori e si era cementata nel corso degli anni, ognuna di noi conosceva le problematiche e le virtù dell’altra, dove le problematiche erano più mie che sue… e al contrario le virtù quasi tutte sue.
Luciana era per me una camomilla calda che, per gli effetti benefici che mi regalava, dovevo gustare lentamente e spesso.
Quel giorno mi aveva invitato per una “rimpatriata”, come era solita chiamare le giornate trascorse insieme, libere da impegni familiari e dedicate al divertimento non pianificato che, da quando eravamo pensionate entrambe, ci regalavamo “una tantum”.
In giro per negozi, con o senza shopping, sale da thè quasi mai o più spesso una pizza a taglio sedute su uno sgabello di un locale a caso … al momento del “bisogno” inteso come “bisogno di mangiare” o semplicemente come “bisogno”!
Accadeva anche e, forse quel giorno si prestava molto ad essere destinato a quella finalità, di rintanarsi a casa di una delle due, a condizione che non ci fossero figure parentali gironzolanti intorno, per poter chiacchierare senza essere disturbate o ascoltare la musica che gradivamo di più senza subire gli sfottò di quelli che non la gradivano con gusti musicali diversi.
Sapevo di poter contare sulla comprensione per le mie mancanze nei suoi confronti e nonostante ciò, dopo aver finalmente trovato e timbrato il biglietto, ripresi a correre per l’ultima scala che mi divideva dalla banchina del treno di cui sentivo il borbottio sordo del motore.
Temevo che il fischio che precede la chiusura delle porte mi raggiungesse prima di essere a “bordo”, perciò, superavo con slalom pazzeschi i ragazzi diretti a scuola che se la prendevano comoda.
“Tanto… che ci vado a fare, alla prima ora c’ho lo stron..” Chissà chi era la persona a cui avevano riservato quell’epiteto inflazionato per indicare chi è una persona poco gradita…. e chissà se il professore in questione lo meritasse o meno? Non lo posso sapere ma più cresco (o meglio invecchio) più mi schiero con i giovani.
Nello scompartimento, già pieno di varia umanità e di motivazioni diverse a muoversi con quel tempo, non avevo bisogno di cercare appigli a cui sorreggermi perché ero stata l’ultima a salire ed ero completamente schiacciata contro la porta. Rimasi poco in quella posizione scomoda visto che dovevo scendere alla prima fermata.
Un’altra corsa per le scale mobili mentre pensavo ai rimbrotti benevoli della mia amica che mi avrebbe visto arrivare accaldata e senza fiato… sempre che riuscissi nell’impresa di arrivare indenne.
Arrivai indenne ma Luciana, così puntuale e così precisa, non c’era!
Cercai il cellulare, forse aveva cercato di avvertirmi.
Dopo mezz’ora, senza aver avuto risposte alle telefonate che ripetevo in modo nevrotico al cellulare e al fisso di Luciana, ripresi la metro in senso contrario e me ne tornai a casa.
Già dalla cabina dell’ascensore che mi portava all’ultimo piano dello stabile dove abito, sentivo lo squillo insistente del mio telefono. L’ascensore si fermò al piano ed io mi precipitai fuori con la chiave di casa in mano. Quando riuscii finalmente a far entrare, nella serratura della porta, la chiave stretta nella mano che non voleva smettere di tremare, il volume alto di quel trillo divenne per me un frastuono insopportabile che feci tacere immediatamente alzando la cornetta e soffiandoci dentro il mio “Pronto” afono.
All’altro capo del telefono, naturalmente, c’era la mia amica.
“Luciana!...”
Luciana non mi fece dire altro:
“Sono al pronto soccorso, non ricordavo il numero del tuo cellulare… il mio si è rotto nella caduta!”
“Quale caduta?”
“Sono caduta per le scale della fermata della metro. Quaranta scalini a volo d’angelo e mi è andata bene: mi sono rotta solo una gamba!”
Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti